Visualizzazione post con etichetta Campidoglio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Campidoglio. Mostra tutti i post

mercoledì 8 marzo 2017

Vergogna a Roma: per tre famiglie di italiani sfrattati c'è solo il campo rom.

Sabbatani Schiuma (NcS): "Porteremo le famiglie in Campidoglio. Per gli stranieri si spendono soldi, per loro l'alternativa è un container in un campo nomadi?"
Come al solito, due pesi e due misure. La casa agli immigrati, il marciapiede agli italiani. Questa volta, l'ennesima, accade nella Roma di Virginia Raggi, e la soluzione, questa volta, è quanto meno singolare. A protestare, oltre ai diretti interessati, Fabio Sabbatani Schiuma, componente del direttivo romano e capogruppo nel Municipio V diNoi con Salvini, in una nota congiunta con il coordinatore romano di NcS, Felice Squitieri. "Domattina alle ore 10, saremo con loro in Campidoglio e qualcuno dovrà intervenire".
Ma cosa mai è successo? Lo spiega Sabbatani Schiuma: "A tre famiglie italiane con minori al seguito e composte da giovani genitori disoccupati, peraltro in graduatoria per una casa popolare, il Comune di Roma, tramite la Sala Operativa Sociale, propone di andare al campo nomadi di via di Salone: è una vergogna". 

"Queste famiglie", continuano i due esponenti di NcS, "a reddito zero, nella prossima settimana saranno sgomberate da uno stabile abbandonato in via Raffaele Costi, 120, ove attualmente vivono, ma mentre si spendono soldi per ristrutturare alberghi per stranieri, si stanziano fondi per accogliere migliaia di clandestini in città, per loro l'alternativa offerta alla separazione dei minori dai genitori è un container in un campo nomadi?".

Giovedì alle 10, in occasione della seduta dell'Assemblea Capitolina, dicono Sabbatani Schiuma e Squitieri, "li accompagneremo in Campidoglio e qualcuno dovrà riceverli risolvendo un problema che oramai sta diventando di razzismo contro gli italiani".

Fonte: IL POPULISTA

www.studiostampa.com

mercoledì 3 dicembre 2014

In Campidoglio - la presentazione del libro-documentario: “I Cavalieri di Malta, Il Palazzo del Gran Maestro” di Alexandra d’Epiro Dusmet de Beaulieu

Venerdì 5 Dicembre p.v., alle ore 17:00, si terrà a Palazzo dei Conservatori in Campidoglio presso la sala Pietro da Cortona, Piazza del Campidoglio, 1 (ingresso dai Musei Capitolini), la presentazione del libro documentario: 
“I Cavalieri di Malta, Il Palazzo del Gran Maestro” 
di Alexandra d’Epiro  Dusmet de Beaulieu.
La manifestazione, che gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica di Malta e del patrocinio di Roma Capitale - Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica è organizzata dall’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e dall’American Diplomatic Mission of International Relations, in partnership con il World Academy of Human Sciences, il Council of Europee, l’Accademia Diplomatica al Merito delle Nazioni, l’International Diplomatic Istitute e lo Studio Scopelliti-Ugolini.
Le opere, il libro“I Cavalieri di Malta”  in italiano e  il film documentario “The Knights of Malta, The Grand Master’s Palace” in latino e inglese, sono una collazione di fonti storiche, relative al patrimonio culturale di Italia, Malta, SMOM e Vaticano con l’obiettivo di raccontare l’evoluzione del Sovrano Militare Ordine Ospitaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta dalle origini fino ai giorni nostri.
Dopo i saluti iniziali delle Autorità Istituzionali; a seguire gli interventi del Cap. di Vasc. Ugo d’Atri, Presidente I.N.G.O.R.T.P. - Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon - Andrea Tasciotti, Ambasciatore Internazionale e di Alexandra d’Epiro  Dusmet de Beaulieu, principessa, regista e autrice del libro documentario.
Moderatore sarà Eugenio Bartolini, Presidente U.P.T.E.R. - Anzio Nettuno, Università Popolare di Roma.

La partecipazione all’evento è libera e gratuita.

____________________________
 Info e  contatti:
Studio Scopelliti-Ugolini
+39 349 5487 626

domenica 19 gennaio 2014

L'INIZIATIVA: Il nostro striscione per i marò e l’Italia si stringe attorno a loro




venerdì 17 gennaio 2014

MARINO UN UOMO SOLO E LOGORATO AL COMANDO. CON LA SINDROME DEL CV


Rassegna stampaIl sindaco di Roma Ignazio Marino ormai è rimasto solo con la sua bici, la scorta della polizia municipale (sempre in bici) e il suo Pandino parcheggiato senza titolo nell'area privilegiata del Senato.

Anche il Partito Democratico a livello nazionale lo scarica e commissiona un sondaggio per capire il gradimento del sindaco medico chirurgo. Non spenda i soldi pubblici dei contributi elettorali per fare questi accertamenti è sufficiente parlare con chiunque nei mercati , ai bar sugli autobus per capire come sia totalmente sparito l'elettorato che lo ha votato. Probabilmente quei pochi che lo hanno sostenuto (vista la forte astensione che ci fu durante la tornata elettorale per il Campidoglio) si vergognano a manifestarlo. Di certo non vorremmo essere nei panni dei dirigenti del PD che lo hanno scelto, sostenuto alle primarie (insieme ai nomadi) e in campagna elettorale e poi per mesi lo hanno anche incensato come l’uomo nuovo salvatore della Capitale.

Di seguito troverete gli editoriali odierni di Corriere della Sera e Repubblica, anche loro grandi sostenitori di Marino che da qualche tempo si stanno interrogando su come la città di Roma possa aver toccato il punto più basso.

Dopo aver assunto e licenziato l’ufficiale dei Carabinieri Liporace, sempre in base al curriculum è toccato all’assistente non laureato del vice sindaco Nieri e, ora, a Strozzi, neo manager di Ama poi risultato indagato, sul cui percorso professionale fummo i primi a nutrire numerosi dubbi (ecco il link AMA, SANTORI: CURRICULUM STROZZI E’ INADEGUATO COME MARINO ).

Alla giunta Marino servirebbe un consulente che sappia leggere i curricula e, possibilmente, i certificati di carichi pendenti. Ma oramai credo sia troppo tardi, il Sindaco dovrebbe scendere dalla bicicletta e dimettersi.


Fabrizio Santori
dimmi la tua su: marinodimettiti@fabriziosantori.com

www.studiostampa.com

lunedì 13 gennaio 2014

Addio ad Arnoldo Foà, i funerali oggi in Campidoglio

È morto sabato uno dei grandi interpreti della cultura italiana del ‘900: Arnoldo Foà, artista eclettico, capace di spaziare dal teatro alla radio con passione e determinazione. 

QUI L'ARTICOLO !

www.studiostampa.com

giovedì 13 giugno 2013

COMUNALI, SCHIUMA: "DENUNCIA A PROCURA PER BROGLI EVIDENTI, CHIEDERÒ DI SEQUESTRARE SCHEDE"

(OMNIROMA) Roma, 13 GIU - "Ho già depositato una denuncia alla Procura della Repubblica per brogli elettorali, affinché sia aperta un'indagine, al fine di verificare la sussistenza di reati commessi. Qualora si ravvisassero ipotesi di reato, chiedo che si proceda penalmente nei confronti di chiunque sia riconosciuto come responsabile dei fatti". 
Lo dichiara in una nota Fabio Sabbatani Schiuma, candidato nel Pdl, il quale chiede "altresì che sia disposto il sequestro probatorio delle schede elettorali di alcune sezioni, al fine di verificare la non veridicità di quanto è riportato nei verbali che ne sintetizzano i risultati dello spoglio, riservandomi di fornire testimonianze specifiche sui voti di preferenza espressi in mio favore da parte dei singoli elettori nelle sezioni ove ad oggi non risultano".
red131829 GIU 13
Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

martedì 11 giugno 2013

A ROMA FINISCE L'ERA DELL'EX ALLEANZA NAZIONALE (e dei suoi colonnelli).

Dopo le exploit di Fini nel 1993 - a dir la verità con ancora il MSI - la costituenda AN fece leva proprio sul territorio laziale per la sua crescita: a nord infatti, i vari Martinat e La Russa si lasciarono superare su certi temi dalla Lega, badando più a non prenderle e a mantenere un piccolo orticello per la crescita dei loro accoliti. Pesarono indubbiamente le morti di Marzio Tremaglia, assessore 'illuminato' in Lombardia e di Nicola Pasetto in Veneto, nella cui scia troviamo più di qualcosa anche nella giunta di Flavio Tosi a Verona. Al sud invece, i colonnelli andarono in ordine sparso fino alla precoce estinzione: da Bocchino, orfano di Tatarella, fino a Landolfi, vittima ultima della rivalsa forzitaliota, per la Campania, e gli scontri tra gli occidentali di Lo Porto e gli orientali di Nania, in Sicilia, eccezion fatta per Peppe Scopelliti, che in Calabria ha costruito qualcosa partendo da sindaco di Reggio. A Roma invece le correnti dei colonnelli, seppur in continua guerra tra loro, seppero dar vita a dei veri e propri miracoli: Moffa nel 1998 alla provincia, Storace nel 2000 alla regione, fino ad Alemanno nel 2008 a Roma e alla stessa Polverini, che ideata da Augello, poi 'deFinizzatasi', ha saputo approdare alla corte di Verdini, cosicché, dopo la sciagurata sua caduta in Regione, è l'unica che si è garantita in Parlamento. Tutte esperienze di governi locali, mai capaci di bissarsi, anzi sonoramente bocciate, soprattutto a Roma, dove convivono serenamente voto d'opinione e voto clientelare ("a fra', che te serve?"). Nelle cause, che andrebbero messe al microscopio una ad una, c'è però più di qualche comune denominatore: 1) a dettare gli spartiti sono stati colonnelli cresciuti all'ombra di Fini, poi mollato per un nuovo padrone - Berlusconi, che in realtà li ha sempre detestati umanamente - o per altre scelte, che si sono poi rivelate fallimentari: strategie però sempre personalistiche, ad uso e consumo di amanti e cerchie ristrette, mai culturali, mai nulla di progettuale; 2) la paura del politically correct, che ha evidenziato anche l'eterno complesso di inferiorità di fronte al pensiero dominante della sinistra e un percorso da 'passo delle oche' (libro di A. Giuli in cui 'massacra' questa generazione di post finiani) ondeggiante e instabile, che gli hanno fatto aver paura anche di intitolare una strada ad Almirante; 3) capacita' di circondarsi di personaggi equivoci (dagli arresti di lady ASL, fino ai vari Riccardo Mancini...e sarebbe curioso sapere come sono stati spesi, e da chi, i 30 milioni di euro del piano nomadi destinato da Maroni alle politiche sociali capitoline: 26 spesi per i campi attrezzati, dove si annida la criminalità e solo 4 per quelli abusivi, dove stanno i disperati), caratterizzandosi quindi da un fallimento, morale prima di tutto, misto ad arroganza e onnipotenza da poltrona. Ovviamente il tasso di litigiosità ha finito per cannibalizzare tutto - ricordiamoci che anche Fiorito fu imposto dal coordinatore regionale Pdl ex An - fino allo 'spezzatino di destra'. Ora qualcuno vagheggia l'idea di ricreare Alleanza nazionale, dove - ricordo bene - non c'erano congressi, non c'era dibattito interno, non c'era meritocrazia, c'era solo un certo finismo. No grazie, a me non interessa: preferisco il deserto, con qualche oasi 'buttafuochiana' o 'veneziana'. Io mi apposto semmai sulla Riva Destra e aspetto una Marina La Penna tutta italiana, e nel frattempo cercherò di fare opposizione in piazza a Marino e a risolvere i problemi delle persone più in difficoltà: come la 'Destra Sociale' mi ha insegnato, da Laurentino 38, a Tiburtino III. 
P.S.
Un consiglio al popolo di destra: non continuiamo con 'la mia destra e' più di destra della tua'. Guardiamo alle cose che uniscono più che a quelle che dividono... cosi c'hanno sguazzato solo loro... riconsegnando Roma e il Lazio alla sinistra e, cosa più triste, non lasciando traccia positiva della destra al governo: il nulla assoluto, altro che il male... (Scusate per gli eventuali errori: ho scritto di getto e con il BlackBerry, quello che sentivo stamattina nel cuore).

Fabio Sabbatani Schiuma

www.studiostampa.com

lunedì 10 giugno 2013

I RISULTATI PROVVISORI A ROMA LASCIANO POCHI DUBBI !

ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI

Roma -  Fonte:TGCOM24

CANDIDATOVOTI%PARTITIVOTI%SEGGI
Ignazio Roberto Maria Marino
38227863,80
Partito Democratico
26760526,260
Lista Civica - Marino Sindaco
754947,400
Sinistra Ecologia Liberta'
637286,250
Centro Democratico
147351,440
Verdi Ecologisti E Reti Civiche
62990,610
Partito Socialista Italiano
58530,570
Giovanni Alemanno
21691936,20
Il Popolo Della Liberta'
19574919,210
Fratelli D'Italia
603755,920
Lista Civica - Cittadini X Roma
502394,930
La Destra
132561,300
Lista Civica - Movimento Unione Italiano
20360,190
Lista Civica - Azzurri Italiani
16170,150

mercoledì 5 giugno 2013

Entrate capitoline, dal 1° luglio il nuovo sistema di riscossione

A partire dal primo luglio Roma Capitale riscuoterà direttamente le entrate tributarie e patrimoniali e le sanzioni amministrative, come previsto dalla delibera 180/2013 approvata dalla Giunta capitolina lo scorso 2 maggio. La nuova normativa si basa sul risultato della consultazione popolare lanciata sul web per chiedere ai cittadini romani un parere sull'opportunità di una nuova gestione diretta, da parte dell’Amministrazione capitolina al posto di Equitalia SpA, della riscossione dei tributi. Dal sondaggio è emerso che, su 33.822 votanti, l’88,1% vuole che sia Roma Capitale e non Equitalia a gestire la riscossione coattiva delle proprie entrate tributarie e patrimoniali.

FONTE: COMUNE DI ROMA - ARTICOLO COMPLETO

www.studiostampa.com

giovedì 16 maggio 2013

Fabio Sabbatani Schiuma (Pdl) e la sua battaglia sui Tassisti Romani

Scritto da Samantha Trancanelli | - Fonte: GIROMA  |

Fabio SCHIUMA
Di corsa, da una parte all'altra della città, con un incessante “porta a porta” per il rush finale di una campagna elettorale intensa ed entusiasmante. Fabio Sabbatani Schiuma, candidato Pdl per Roma Capitale, torna ancora una volta sull'argomento mobilità e soprattutto sulla situazione dei tassisti romani, una delle sue battaglie di sempre.
Partiamo proprio dalla situazione dei tassisti a Roma, un argomento a lei caro e una categoria alla quale lei è sempre stato vicino.
“Il tassista è il primo a soffrire il male di questa città, ossia della metropoli con la velocità media commerciale più bassa d’Europa. E questo deriva dal fallimento delle politiche sulla mobilità da parte delle giunte comunali. Il tassista non è facilmente sindacalizzabile, motivo della guerra “ideologica” fatta a loro da una certa sinistra, che incassa solo se sta bene fisicamente e può fare i turni di un lavoro “usurante”. Nessuno lo garantisce, ma ha gli svantaggi tanto del servizio pubblico, quanto dell’essere artigiano di se stesso”.
Come si può ovviare a questa situazione? Il primo intervento concreto da lei previsto?
“La lotta agli ncc abusivi deve essere più determinata: si comprano le licenze in qualche paesino sperduto e poi vengono a rubare il lavoro ai tassisti romani. E poi liberare le corsie preferenziali: non è pensabile non agevolare lo scorrimento di quello che resta un servizio pubblico. E poi ci sono battaglie da fare anche per la sicurezza dei tassisti, troppo spesso vittime di aggressioni e rapine, ma questo non lo dice mai nessuno. Così come non si parla mai di tanti bei gesti di riconsegna di oggetti smarriti dai clienti sulle vetture, ma si preferisce evidenziare le mele marce che poi stanno in ogni categoria”.
L’ultima: forse non tutti sanno che il tassista romano ha le tariffe più basse d’Europa. Come venire incontro a coloro che rappresentano il lato buono della categoria?
“Sfatiamo un vecchio e sbagliato luogo comune: il tassista guadagna sul numero delle corse e non sulla durata del tragitto. E poi, ditemi, ma è colpa sua se per arrivare dall’Eur in Prati, a volte, ci mette quasi un’ora? Contenere le tariffe, che sono comunque basse confronto ad altre città come hai giustamente ricordato, è possibile ammortizzando i costi di esercizio: io mi batterò per concedere loro il carburante industriale”. 

www.studiostampa.com

domenica 12 maggio 2013

Sindaco e Giunta, rapporto di fine mandato

Illustrati dal sindaco Gianni Alemanno, nel corso di un’affollata conferenza stampa nella sala capitolina della Protomoteca, i dati riepilogativi del quinquennio 2008-2013 al timone dell’amministrazione di Roma Capitale. L’operato della Giunta Alemanno è riepilogato, settore per settore, nel volume del "Rapporto di fine mandato" distribuito ai giornalisti. Premessa, il quadro economico generale al momento del cambio della guardia tra vecchia e nuova amministrazione, a fine aprile 2008: Pil nazionale al +3,6 per cento (poi sceso a - 6%), casse capitoline indebitate per 12 miliardi 238 milioni di euro. Di non minore entità i tagli sui finanziamenti da Stato e Regione a Roma Capitale: in totale, nel quinquennio i fondi sono scesi di 1.450 milioni.
Non facile pertanto, ha sottolineato il Sindaco, l’opera di risanamento che ha abbattuto il debito del 30,2%, portandolo a 8 miliardi e 534 milioni. Si è risparmiato su numerosi fronti, a cominciare dalla riduzione dei costi della politica: -20,7 milioni tra 2011 e 2013 per abolizione auto blu, diminuzione gruppi e commissioni consiliari, dimagrimento dei c.d.a. delle partecipate e degli stipendi dei manager, meno personale negli uffici di staff, meno dirigenti esterni, meno spese di rappresentanza… Tagliate le spese per il personale (-61 milioni), per beni e servizi (-52,6 milioni ogni anno), per il funzionamento dei Dipartimenti (-50,3 milioni). Risparmiati 89 milioni mettendo in efficienza i consumi energetici.
In materia di economie di spesa è centrale il ruolo della riforma di Roma Capitale: dalla prossima Consiliatura, grazie alla riforma, i consiglieri dell’Assemblea Capitolina scendono da 60 a 48, i Municipi da 19 a 15 e i consiglieri municipali da 475 a 375. Risparmio stimato, dieci milioni di euro l’anno.
In questo modo, ha detto il Sindaco, e nonostante le difficoltà di percorso (ostruzionismo in Assemblea Capitolina, sentenze del Tar) hanno tenuto i servizi e gli altri settori dell’amministrazione cittadina. In campo urbanistico “niente colate di cemento” – ha sottolineato Alemanno – ma l’approvazione dei piani di recupero delle aree ex-abusive (i cosiddetti “toponimi”): 5,5 milioni di metri cubi che generano 450 milioni di investimenti in opere pubbliche. E vediamo qualche dato negli altri ambiti dell’azione di governo.
Sicurezza: -14% di reati tra 2007 e 2012, otto campi nomadi fuori norma chiusi sui 15 prima presenti sul territorio. Decoro: raccolta differenziata che passa dal 17 al 30,2 per cento; eliminati 800 mila metri quadri di scritte e graffiti; bonificate oltre duemila discariche abusive; elevate 17.238 multe per comportamenti contro l’igiene e il decoro, 90.175 per prostituzione.
Turismo: tra 2007 e 2012 crescono gli arrivi nella Capitale (oltre 1 milione 920mila, +19,13%) e le presenze (più 6 milioni 826.937, + 26,34%). Cultura: più visitatori nei musei civici (+27% in media annua), più biglietti ai botteghini del Teatro dell’Opera (+28%), all’Auditorium (+14% ai concerti di Santa Cecilia, +73% a quelli di Musica per Roma), ai Festival del Cinema (+34% in media), al complesso Palaexpo-Scuderie del Quirinale (+20%).
Asili e scuole dell’infanzia: 18 asili nido in più rispetto al 2007-2008 (da 189 a 207), 102 nidi convenzionati in più, posti nei nidi passati da 15.528 a 20.776 (+33%), 17 nuove scuole dell’infanzia (che passano da 298 a 315). Servizi sociali: nel quinquennio gli assistiti dei servizi sociali capitolini passano da 30.250 a 45.250 (più 15mila, +49,5%).
Concorsi e occupazione: 2.213 precari stabilizzati, 2.164 dipendenti assunti come vincitori di vecchi concorsi, 1.995 per aver superato concorsi recenti. Servizi telematici: crescita dei servizi online sul portale istituzionale e relativo aumento dei contatti (7 milioni 480mila nel 2008, 21 milioni nel 2012, +180%).
Tasse locali: crescita della lotta all’evasione (83 milioni recuperati nel 2007, 193 nel 2012, oltre 875 tra 2008 e 2012), con un incremento complessivo delle somme recuperate del 131%. Introdotti sgravi ed esenzioni applicando il “quoziente Roma” (quoziente familiare): per la Ta.Ri., 90 mila famiglie esentate e detrazioni per 27 milioni di euro. Per l’Imu sulla prima casa, da ultimo, 376mila famiglie esentate (pari al 36% delle prime case a Roma) e detrazioni per oltre 116 milioni. Con il recentissimo referendum online sulla riscossione, infine, dal prossimo 1° luglio non sarà più Equitalia a occuparsene ma lo stesso Campidoglio, con un nuovo sistema che prevede l’analisi delle condizioni economiche reali del contribuente da parte di un Comitato Etico e quindi, accertate le eventuali difficoltà oggettive, misure “solidali” come rateizzazioni e sospensioni del pagamento.
Il lavoro da fare non manca, ha concluso il Sindaco, ma quello svolto può considerarsi “la base di ogni futuro ulteriore passo verso il completo risanamento”.

dal Sito Istituzionale di Roma Capitale

www.studiostampa.com

martedì 7 maggio 2013

Elezioni: Liste di tutti i Candidati

Roma - Campidoglio
Liste Ufficiali di TUTTI i Candidati Municipio per Municipio, da tenere presente che pende un Ricorso al TAR per il Municipio X (Ostia). 

www.studiostampa.com

In città: Campidoglio, i candidati e le liste


Ventidue aspiranti sindaci e 62 formazioni in corsa per Comune e Municipi. Presentate le liste, ecco chi si fronteggia in vista dell'appuntamento elettorale del 26 e 27 maggio.
Fonte: Romasette - di Lo. Leo.
Sessantadue formazioni in gara, di cui 45 per il Campidoglio. Per un totale di 22 aspiranti sindaci della Capitale. Sono questi i numeri legati all'appuntamento che il 26 e 27 maggio prossimi chiederà ai romani di recarsi alle urne per scegliere il sindaco, i membri del consiglio comunale, i presidenti dei Municipi e i membri dei consigli municipali. 
Il termine ultimo per la consegna dei nomi in corsa per la poltrona del Campidoglio scadeva ieri, Domenica 28 aprile, e anche se i candidati sono numerosi, la vera sfida a quattro si giocherà tra il sindaco uscente Gianni Alemanno, il chirurgo Ignazio Marino, l'imprenditore Alfio Marchini e il candidato Cinque stelle Marcello De Vito. 
Alemanno, in gara con la lista civica «Cittadini per Roma», capolista l'assessore capitolino alla Famiglia Gianluigi De Palo, è appoggiato da sei partiti, tra cui Udc, La Destra e Fratelli d'Italia. Capolista dei candidati al consiglio comunale per il Pdl l’attuale presidente dell'assemblea capitolina Marco Pomarici, al secondo posto il vicesindaco uscente Sveva Belviso. Nella lista gli assessori Marco Visconti, Enrico Cavallari, Davide Bordoni, Dino Gasperini e Maria Spen, i consiglieri comunali uscenti Angelini, Rocca, Mennuni, Guidi, Naccari, Quarzo, Siclari, Todini, Tomaselli, Vannini, Berruti, Bianconi, Cantiani, Cochi, Di Cosimo, Guidi, Gazzellone e Tredicine. Ancora, Fabio Sabbatani Schiuma, new entry nel Pdl, Alan Baccini, e Veronica Cappellaro, ex consigliere regionale nella giunta Polverini. 

www.studiostampa.com

venerdì 3 maggio 2013

Pomarici-Belviso, così il Pdl spera di tornare in Campidoglio

Marco Pomarici
Sara’ l’attuale presidente dell’Assemblea capitolina, Marco Pomarici, il capolista della lista del Pdl alle comunali di fine maggio che verra’ presentata domani mattina. Dopo di lui il vicesindaco Sveva Belviso e poi tutti gli altri candidati in ordine alfabetico. A ricandidarsi saranno gli assessori della giunta Alemanno Marco Visconti, Enrico Cavallari, Davide Bordoni, Dino Gasperini e Maria Spena, mentre tra i consiglieri comunali uscenti figurano Angelini, Rocca, Mennuni, Guidi, Naccari, Quarzo, Siclari, Todini, Tomaselli, Vannini, Berruti, Bianconi, Cantiani, Cochi, Di Cosimo, Guidi, Gazzellone e Tredicine. New entry Fabio Sabbatani Schiuma che passa al Pdl dal Trifoglio e Alan Baccini figlio di Mario della Federazione dei cristiano popolari. Esclusi dalla lista Giorgio Ciardi, che oggi ha spiegato di aver preso ‘spontaneamente la decisione di non candidarsi’, Francesco Maria Orsi coinvolto in un’inchiesta per corruzione, riciclaggio, e il medico della S.S. Lazio Roberto Bianchini. Ricandidato nella lista di Alemanno sindaco anche Ugo Cassone, consigliere uscente del Pdl e presidente della Commissione capitolina sul commercio, secondo quanto si legge in una nota. In tandem con Cassone anche Elena Monti, alla sua prima candidatura. 
www.studiostampa.com

venerdì 26 aprile 2013

COMUNALI, SCHIUMA: IN CAMPER PER MERCATI E PIAZZE, MERCOLEDÌ A CASA

Fabio Sabbatani Schiuma
(OMNIROMA) Roma, 26 APR

"Inizia domani, sabato 27, il tour elettorale che il consigliere Fabio Sabbatani Schiuma (Pdl) effettuera' nei mercati e nelle piazze delle citta'a bordo del suo camper elettorale. La mia è una campagna porta a porta, in mezzo alla gente, per cercare di ridurre le distanze tra politica e cittadini: io ho sempre messo la faccia in tutte le azioni politiche intraprese dal '97 ad oggi e, a testa alta, vado illustrando il mio programma ai miei concittadini, che sanno di poter contare su un consigliere che non ha mai cambiato il cellulare e che ogni mercoledì riceve gli elettori e i simpatizzanti nella propria abitazione". 
Lo dichiara in una nota il consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, componente dell'esecutivo romano del Pdl
red261719 APR 13

www.studiostampa.com

domenica 21 aprile 2013

Oggi si festeggia il Natale di Roma: tutti gli appuntamenti.

Stasera concerto per Franco Califano a piazza del Popolo.
Roma, 21 aprile - Oggi Roma festeggia il suo 2766° Natale con un calendario ricco di appuntamenti tra storia, cultura, arte, musica e spettacolo. Tante le manifestazioni in programma, tra queste: visite guidate a Palazzo Senatorio in Campidoglio, iniziative nei musei, momenti didattici e rievocazioni storiche, conferimento di cittadinanze onorarie. A conclusione della giornata, in serata a piazza del Popolo, il concerto evento “Franco Califano: non escludo il ritorno”, dedicato all'artista recentemente scomparso.
Il concerto, una “no-stop” di circa sei ore, dalle 18.30 alle 24, con la partecipazione di tantissimi artisti è promosso da Roma Capitale. Sarà il momento in cui il mondo dello spettacolo rende omaggio a Franco Califano. In allegato il programma del concerto.
"Un omaggio doveroso - ha dichiarato il sindaco Gianni Alemanno nel corso della presentazione dell'evento che si è tenuta nei giorni scorsi - perché Califano ha rappresentato l'anima e il cuore di Roma in modo suggestivo e con coinvolgimento. Era una persona con grande umanità e autenticità che cercava le cose vere. Bello che il Natale di Roma si concluda in questo modo".
Fonte: Comune di Roma - Articolo Completo

www.studiostampa.com

venerdì 19 aprile 2013

Comunicato dal Sindaco: Finalmente completato l'iter Roma Capitale

             Cara cittadina, caro cittadino,

come forse saprai, il Governo ha definitivamente approvato il terzo e ultimo Decreto attuativo della riforma di Roma Capitale, mentre l'Assemblea Capitolina ha votato il nuovo Statuto.
Grazie a questa riforma, attesa da circa 30 anni, la Capitale non è più un comune come gli altri, ma un ente territoriale speciale dotato di maggiore autonomia, come altre importanti capitali internazionali, quali Washington, Londra o Berlino.
In particolare, l’Amministrazione di Roma Capitale disporrà di maggiori poteri nei seguenti settori:
•        definizione del Patto di stabilità e aumento dei finanziamenti statali necessari per i maggiori oneri derivanti dalle funzioni di Capitale della Repubblica;
•        valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali;
•        sviluppo economico e sociale;
•        programmazione e promozione delle politiche per il turismo;
•        sviluppo urbano e pianificazione territoriale;
•        edilizia pubblica e privata;
•        organizzazione e funzionamento dei servizi urbani e di collegamento con i comuni limitrofi, con particolare riferimento al trasporto pubblico e alla mobilità;
•        protezione civile;
•        ulteriori funzioni delegate dalla Regione Lazio, mediante la legge regionale attesa a completamento della riforma.

Il nuovo Statuto prevede diverse novità in materia di tagli ai costi della politica, di trasparenza dell’azione amministrativa e di pari opportunità. Tra le tante, segnalo:
•        la riduzione del numero dei consiglieri dell’Assemblea Capitolina (da 60 a 48);
•        la riduzione del numero dei Municipi (da 19 a 15);
•        la parità di genere in Giunta (stesso numero di donne e uomini tra gli assessori);
•        la costituzione di un'agenzia indipendente a tutela dei diritti dei contribuenti.

Ti invito, in ogni caso, a consultare la versione integrale del testo dello Statuto sul portale di Roma Capitale, nella sezione “Trasparenza, valutazione e merito”, per apprezzare tutte le novità contenute nella nostra "carta costituzionale".
Ci tengo a sottolineare che l’approvazione del terzo decreto attuativo, come quella dello Statuto, sono avvenute con voto quasi unanime delle forze politiche presenti in Parlamento e in Assemblea Capitolina. Ciò è per me motivo di grande soddisfazione, un segnale forte, di unione e di responsabilità, per il bene di Roma.
Per questo ho voluto condividere questo importante traguardo con tutti voi.

               I miei più cordiali saluti.
Il Sindaco

venerdì 5 aprile 2013

TAXI, SCHIUMA: "PERCHÉ BOX COMUNE RESTA CHIUSO O SCONSIGLIA SERVIZIO?"

Fabio Sabbatani Schiuma
(OMNIROMA) Roma, 05 APR - "L'aeroporto di Fiumicino è già assediato da noleggiatori con conducente che, abusivamente, sottraggono lavoro ai tassisti, da personaggi equivoci che agli arrivi si litigano il turista in prefetto stile terzomondista, da linee di trasporto su bus dalla dubbia liceità. E il comune di Roma cosa fa? Tiene chiuso il suo box invece di cercare di dare informazioni certe al turista 'smarrito' o se lo tiene aperto, viene sconsigliato l'utilizzo dei taxi? 
E' allucinante". Lo dichiara, in una nota, il consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, 'indipendente di destra' e componente dell'esecutivo romano del Pdl.
"Ovviamente - conclude Schiuma - continuo a esprimere la mia solidarietà ai tassiti in agitazione, colpiti anche da chi, con una mano porta avanti il progetto del numero unico per i taxi e, con l'altra, abbassa la saracinesca del box in aeroporto".
red051224 APR 13
www.studiostampa.com

Riflessioni per "Par Condicio": 
Tassisti e Tassinari ! 
http://www.studiostampa.com/search/label/Taxi

martedì 19 marzo 2013

COMUNALI, SCHIUMA: CENTRODESTRA PUÒ VINCERE CONTRO 'FRITTO MISTO'

(OMNIROMA) Roma, 19 MAR -
Fabio Sabbatani Schiuma
"A Roma il centro-destra può vincere, anche perché di fronte c'è il nulla, ossia una sinistra che dall'opposizione in Campidoglio ha pensato solamente a spaccare e ora si ritrova spaccata nelle primarie, dove assistiamo ogni giorno a scontri tra correnti: un'alleanza 'fritto misto' che non serve alla città". 
Lo dichiara in una nota Fabio Sabbatani Schiuma, consigliere comunale "indipendente di destra". "Mentre il M5S - continua Schiuma - mostra il vero volto di allegra brigata di sinistra, capace più di autoscatti in Parlamento da condividere su Facebook, la coalizione di centro-destra, nonostante gli errori fatti, può rappresentare l'unica alternativa di governo per la città. Dal canto mio - conclude Schiuma - già ieri ho riunito i miei amici, ottenendo le prime 300 sottoscrizioni per la mia ricandidatura a consigliere comunale: se arriverò a 500 mi proporrò. Le primarie dovranno prima o poi essere istituzionalizzate".
red191217 MAR 13
www.studiostampa.com

lunedì 18 marzo 2013

COMUNE, POMARICI: NASCE COMMISSIONE SPENDIG REVIEW

Fabio Sabbatani Schiuma

(OMNIROMA) Roma, 18 MAR - "A seguito dell’approvazione, il 10 gennaio scorso, della proposta di iniziativa consiliare 129/2012, si è costituita nella giornata odierna la Commissione Capitolina Speciale per la valutazione degli effetti della spending review sulle aziende capitoline. È stato eletto Presidente della stessa Alfredo Ferrari con vice presidenti Alessandro Vannini Scatoli come vicario e Fabio Sabbatani Schiuma. Quest’organo, i cui membri non percepiranno alcun gettone di presenza aggiuntivo, svolgeranno un importante lavoro di analisi sull’incidenza della spending review sulle aziende del Gruppo Comune di Roma in termini di economicità ed efficienza. Particolarmente apprezzabile è stata la convergenza di tutte le forze politiche attorno ad un tema fondamentale per Roma Capitale". Così in una nota Marco Pomarici, presidente dell’Assemblea Capitolina. red
www.studiostampa.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

ANSA: Ultime Notizie

- 28 GIU. - 16:24 Caput Mundi, 335 interventi per Roma e territorio Ultima ora. Progetto da 500 mln euro. Garavaglia, da tutela siti a città...

I POST PIU' SEGUITI