sabato 18 aprile 2020

MES: RIVA DESTRA, SOSTENIAMO SEN. DE BERTOLDI (FdI) SU MONETA FISCALE.

Nostra proposta a FdI: eurobond vincolati e coronabond in alternativa al MES, per intervenire sul debito e dare liquidità alle imprese.
Senatore Andrea De Bertoldi
ROMA, 17 apr - "Sosteniamo la proposta del Senatore Andrea De Bertoldi di una 'moneta fiscale' prima del MES, per dare liquidità immediata alle imprese. Il MES equivale infatti alla perdita di sovranità, alla dipendenza da un Board of Governors attualmente presieduto da Klaus Regling, ma di fatto affidato ad un Board of Directors, che in nome di una indipendenza operativa agisce senza un effettivo controllo da parte della politica, aprendo così la strada alla troika. D'altro canto ci sono soluzioni alternative all'utilizzo del MES e Riva Destra  ha messo a punto uno progetto economico articolato su più strumenti finanziari modulabili tra loro, che sottoporremo appunto De Bertoldi, che e' segretario della commissione Finanze e Tesoro al Senato".
Prof. Fabio Verna
Lo dichiara Fabio Verna, responsabile del Dipartimento Economia di Riva Destra Roma, in una nota congiunta con Fabio Sabbatani Schiuma e Angelo Bertoglio, rispettivamente segretario e vicesegretario nazionale del movimento federato a Fratelli d'Italia."Bisogna comunque intervenire -continua la nota- anche sul debito pubblico anche attivando eurobond vincolati nel loro utilizzo ad infrastrutture europee di interesse comune, e coronabond destinati in particolare a quelle nazioni che maggiormente hanno subito danni umani, sociali ed occupazionali. 
Sono incalcolabili -prosegue la nota- i danni economici che sta subendo l'Eurozona a causa del Covid19, ed è stato rilanciato l'iniziale accordo per un primo accesso ai fondi del MES, svincolato altresì dalla prevista ristrutturazione del nostro gravoso debito pubblico, opportunità valida solo per i fondi destinati a tutte quelle azioni a difesa dei danni socio-economici causati dalla pandemia mondiale, per un ammontare di circa €.36 miliardi.    

Massimiliano De Noia
Occorre liquidità immediata -hanno dichiarato poi i dirigenti nazionali pugliesi di Riva DestraMassimiliano De Noia e Tommaso Monterisi- alle imprese e ai professionisti: azzeramento dei debiti con lo Stato, esenzione totale del pagamento di tasse, imposte e tributi, stralcio delle cartelle esattoriali in scadenza nell'anno e garanzia pubblica per i canoni di locazione da Marzo sino a sei mesi dal cessare dell’emergenza. 
Tommaso Monterisi
Lo Stato -aggiungono De Noia e Monterisi- non può trasformarsi in usuraio nei confronti dei propri cittadini, a cui concedere prestiti per pagare proprio le tasse e i debiti con l’erario stesso: piuttosto si faccia garante del pagamento dei canoni di locazione di stabilimenti, locali ed appartamenti, utilizzati da imprenditori e professionisti per lo svolgimento della propria attività, rivedendo a ribasso la misura del canone che il codice civile consente di ridurre proprio nel caso in cui vi siano circostanze eccezionali ed imprevedibili che incidono sullo svolgimento dell’attività del conduttore. Servono risposte immediate -concludono De Noia e Monterisi- e interventi strutturali che consentano alla nostra economia di rifiorire, specie se consideriamo che buona parte della responsabilità della diffusione del contagio è stata determinata dal comportamento inerme del Governo che pur dichiarando l’emergenza per la diffusione del COVID19 in data 31 gennaio, ha aspettato quasi due mesi per attuare le prime misure operative che contenessero il contagio"  

Articoli su: 



martedì 14 aprile 2020

🔴 Vi chiedo di prendervi pochi minuti per leggere questo messaggio. E, se lo condividete, di aiutarmi a diffonderlo. Giorgia Meloni

🔵 MES, serenità pasquale e i nemici alle porte. 
Vorrei provare oggi, con l'animo positivo proprio di un giorno come questo, a tornare sul tema che ci ha pesantemente diviso nei giorni scorsi per spiegare il mio punto di vista sul Mes. Voglio lasciare agli atti l'ammonimento che sto scrivendo. Perché qui la vera e importante questione non è chi avrà la meglio di fronte all'opinione pubblica tra Giuseppe Conte (che sostiene che il MES firmato dal Governo Monti è responsabilità del precedente Governo di centrodestra) e Giorgia Meloni (che rivendica di non aver mai votato quel pessimo trattato), ma chi avrà la meglio tra l’Italia e coloro che vogliono metterla in ginocchio. Detto con toni pacati: inserire il MES tra gli strumenti per combattere la crisi Coronavirus è molto pericoloso per noi, anche con condizioni teoricamente “leggere” per le spese sanitarie. Anche se l’attuale maggioranza volesse, in buona fede, non accedere mai al MES potrebbe facilmente essere costretta a farlo con semplici operazioni a livello europeo: allentamento del “bazooka” della BCE o inadeguatezza del teorizzato “Fondo per la ripresa”. Portando così a una situazione nella quale il MES (con rigorosissime condizionalità) diventerebbe l’unico strumento a disposizione dell’Italia per fronteggiare la crisi economica, con tutto ciò che questo comporta. Sono scenari che abbiamo già visto in passato nelle dinamiche europee con le “logiche di pacchetto” sistematicamente disattese: “non preoccuparti cara Italia, intanto firma qui, poi facciamo pure quell'altra cosa che chiedi tu”. E puntualmente prendiamo la fregatura. Per questo Fratelli d’Italia sostiene che la crisi sanitaria, sociale ed economica che si sta abbattendo su di noi debba essere affrontata con strumenti straordinari, non con il MES, dal quale invece sarebbe utile riprendere le ingenti risorse versate. La preoccupazione di molti, non solo nel centrodestra, è che qualcuno in Europa stia gettando le basi per una offensiva alla nostra Nazione, per finire l’opera di saccheggio iniziata con il golpe finanziario del 2011. Abbiamo suonato la campana per avvertire che ci sono i nemici alle porte, ci hanno detto che facciamo troppo baccano. E allora approfittiamo della Pasqua per provarlo a dire in modo più pacato: lor signori del Governo, con il MES consegnate le chiavi della città agli assalitori. Non è una grande strategia per opporsi a un assedio, a meno che non si abbia un accordo con gli assedianti. Noi difenderemo comunque le mura dai nemici, qualunque cosa accada, come sempre, ma state sbagliando. Ed è nostro dovere di Patrioti dirlo, a gran voce o a voce pacata.
www.studiostampa.com

RIVA DESTRA (FDI) : "EMERGENZA ECONOMICA, LA RIPRESA PONTINA PASSA PER SOSTEGNO A IMPRESE, FAMIGLIE E INFRASTRUTTURE".

“Quando finirà l'emergenza sanitaria ne inizierà un'altra non meno grave, ovvero quella economica, pertanto l'auspicio di Riva Destra per l'intero territorio provinciale è quello che politica e amministratori non si facciano trovare impreparati ma che si lavori fin da subito con una programmazione di sostegno alle famiglie, commercianti e imprese.”
E’ quanto dichiarano in una nota congiunta il Coordinatore Provinciale ed il Commissario Comunale di Riva Destra Latina, Stefano Zangrillo e Roberto Menichelli.
Per i Dirigenti del movimento confederato a Fratelli d'Italia infatti "le politiche in sostegno all'economia messe in campo dal Governo nazionale si sono rivelate completamente un bluff in quanto non si tratta si stanziamenti, di aiuti, bensì di prestiti ad opera delle banche dove lo Stato sarà semplicemente un garante. Prestiti vuol dire debiti e le imprese, i commercianti e le partite Iva della nostra Provincia già vessate dalla perenne crisi non possono permettersi altri fardelli che ricadranno non solo sul tessuto produttivo, ma anche su quello sociale visto che Aziende e famiglie costituiscono un connubio vitale."
"Non dobbiamo abbandonare la progettualità territoriale" - continua la nota - "l'autostrada Roma - Latina e l'intera viabilità di collegamento con infrastrutture strategiche del sud della Provincia come il MOF, il porto commerciale di Gaeta e quello di Formia per il collegamento con le Isole pontine oggi si fa ancora più importante e necessario, tanto che andrebbe realizzato un vero e proprio polo logistico di distribuzione commerciale, di servizi potenziando la rete ferroviaria e soprattutto tornare ad una attenta ed effettiva analisi di fattibilità sulla realizzazione dello scalo aeroportuale evitando che non sia anche questa volta un mero spot elettorale ma una necessità per tutto il territorio laziale e non solo pontino. Chi risiede nel territorio non può non ricordare che negli anni passati tutta la politica locale si fece portavoce di questa opera non avendo avuto poi la forza e forse la volontà di trovare riscontro nella politica regionale”.
“Il compito di Riva Destra” concludono Zangrillo e Menichelli “sarà quello di dare il proprio contributo alla città di Latina e a tutto il territorio Provinciale, sia in termini di idee e progetti ma anche con atti concreti attraverso il coinvolgimento dei nostri rappresentanti nelle Istituzioni a partire da quelle Comunali, passando per la Regione Lazio, al Senato fino all'Europarlamento perché se davvero si consentirà di  svincolare i fondi europei, proprio quei fondi potranno essere determinanti per salvare e far rinascere la nostra Provincia di Latina. Ma per farlo ci sarà bisogno di una politica capace, reattiva e che sappia guardare e pensare al futuro della propria gente, Riva Destra sarà lì per questo."
Il Coordinatore Provinciale

Stefano Zangrillo

www.studiostampa.com