Visualizzazione post con etichetta Bertollini. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bertollini. Mostra tutti i post

giovedì 4 aprile 2024

COMITATI CIVICI “PRO PREMIERATO “

Un grazie speciale a chi ha inteso cogliere la finalità di questa iniziativa ideata dai cosiddetti comitati “civici”! 


La forza propulsiva di pubblicizzare e valorizzare il confronto su questa riforma costituzionale viene da ambienti della società civile che intendono, comunque, cooperare  nell’ambito dei loro settori, affinché “la politicheia” operi al meglio.
La possibilità di contare sulla esperienza di giuristi ed anche intellettuali al fine di creare un confronto positivo e propositivo sulla tematica del premierato in questo specifico caso, risulta originale e si auspica davvero “contagiante” nel senso più positivo del termine.
Davvero un grande risultato sarebbe quello di operare in sinergia, nei vari settori giuridici, istituzionali ed intellettuali, organizzando convegni ed incontri tematici in tutta italia attraverso le varie tipologie di associazioni per illustrare in modo lineare e chiaro le caratteristiche di questa “riforma sul premierato”.

Oggi più che mai occorre fare comprendere l’importanza di avere un Primo Ministro eletto direttamente dal popolo sovrano. 

L’iniziativa tende a dimostrare l’utilità concreta di una riforma di tale profilo istituzionale, valorizzando i costi economici indiretti ed i benefici connessi ad una stabilità politica di un governo che abbia la possibilità di governare, appunto, non “ad horas”, ma per un periodo di tempo ben determinato, con la possibilità concreta di farsi conoscere ed apprezzare anche al livello internazionale. 

Tale riforma, quantomeno, comporterà che il popolo italiano, votando, conoscerà con certezza chi lo rappresenterà ed attuerà il programma politico per il quale gli è stato chiesto il voto.  


Tale riforma determinerà la necessità di conoscere quali saranno le alleanze politiche certe che creeranno l’area della maggioranza e quella dell’opposizione, evitando il dato, quasi costante nella storia politica italiana, di “ribaltoni ed alleanze a dir poco innaturali”. 

5 sono i punti della riforma sul “premierato” che occorrerà semplicemente illustrare: 

- l’elezione diretta del Presidente del Consiglio;
- la fissazione della durata dell’incarico di 5 anni al premierato;
- la “norma antiribaltone”;
- il premio di maggioranza, con l’affidamento alla legge per la determinazione di un sistema elettorale delle Camere;
- l’abolizione dei senatori a vita. 

La originalità di questa iniziativa sta anche nel tentare di creare un confronto fra chi si schiera pro e chi contro il premierato, valorizzando, ovviamente le ragioni tecnico-giuridiche e pratiche che porteranno l’Italia ad attuare la riforma sul premierato. 

La coscienza di essersi messi a disposizione per una iniziativa utile a tutti resta un dato obiettivo, mentre la possibile soddisfazione  di ottenere il risultato auspicato, rimane l’auspicio che noi tutti cercheremo di fare diventare una piacevole realtà!
Ad maiora semper!
                                 Gaetano LAURO GROTTO 

www.studioservice.com

martedì 2 aprile 2024

ItaliAfrica: Sviluppo e Cooperazione


Moderato dall'impeccabile conduzione del Prof. Fabio Verna, si è appena concluso, nella splendida cornice della Sala Zuccari al Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica, l'incontro sulle rinnovate potenzialità del Piano Mattei. 

Si può essere "anti" del partito del "no", si può essere "PER" con proposte sempre costruttive tese allo Sviluppo Sostenibile e si può, con la lungimiranza che contraddistingue il Governo Meloni, essere promotori del "CON" ovvero creando i presupposti per una crescita in collaborazione, anche paritetica, con i Paesi in via di sviluppo. 

Registrato il grande successo ottenuto a Roma, con la significativa partecipazione di numerosi Paesi Africani, aperti al colloquio costruttivo avviato dal nostro Presidente del Consiglio dei Ministri. 
Prende slancio il progetto che le imprese italiane possono portare ad implementare. 


La partecipazione dei qualificatissimi Relatori quali:

-    il Sottosegretario Claudio Barbaro al Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica; 

-    l'On. Roberta Angelilli, Vicepresidente della Regione Lazio; 
 
-    il Sen. Bartolomeo Amidei Presidente della commissione per il Made in Italy;  

-    il Sen. Lucio Malan Capogruppo di FdI in Senato. 


che hanno, in perfetta sintonia, evidenziate le priorità da far partire al più presto, sia per la nostra sicurezza energetica che per l'avvio di nuove aziende in Loco nel rispetto dell'ambiente.  


Vision/Visione
Un Mondo migliore dal Nord al Sud, dall’Oriente all’Occidente, dallo Zenit al Nadir, con EcoManager impegnati verso uno sviluppo sostenibile.

Mission/Missione
Collaborare al miglioramento, tenendo continuamente presente che: le Aziende non esistono ma esistono gli Uomini che le compongono. Il Fattore Umano è tornato ad essere determinante.

Behavior/Comportamento
Muoversi sempre con correttezza, ricordando che tutte le DIFFICOLTÀ sono benvenute, esaltano le QUALITÀ di chi le affronta e si chiamano OPPORTUNITÀ. 

La nostra è la prima generazione della Storia che è destinata a decidere se l'Umanità, della quale facciamo parte, dovrà o meno continuare ad esistere. 

Tempo fa qualcuno ha scritto qualcosa che voglio ricordare, prima di tutto a me stesso: la strada della crescita interiore è faticosa e solo con la Tolleranza ed il Rispetto per gli altri si potrà ottenere l’Uguaglianza; non certo continuando a chiederla senza riconoscerla e senza mai ricordare che: 

* Si ascolta con le Orecchie ma si Sente con il Cuore. 

* Si guarda con gli Occhi ma si Vede con il Cervello e che, per chi continua ad usare sempre e solo la Lingua e mai le Orecchie, la crescita si farà ancor più difficile sino a divenire una lontana Illusione. 

L'Energia 
Oggi l'Occidente, in nome della sostenibilità sta "strangolando" le produzioni interne, in Italia le aziende segnano il passo, quando non programmano la chiusura. Crescono i distributori di prodotti dei Paesi privi di regole ferree antinquinamento, che producono Energia e Manufatti, senza curarsi dei danni creati e che creano, anche a lungo termine. 

Le Plastiche 
ho assistito personalmente ai disastri in atto, fiumi di media-grande portata, paragonabili al Tevere, dove non è possibile vedere l'acqua. Tutta la superfice coperta TOTALMENTE da rifiuti plastici (bottiglie di tutti i formati, taniche ecc.) che scorrono tranquillamente verso il mare per decine di chilometri senza alcun intervento. 

Navi (Mercantili e da Crociera) - Trasporti Stradali - Porta Container. Pensarli elettrici porterebbe alla NON Sostenibilità ambientale. 

Risulta pertanto FONDAMENTALE procedere ad uno sviluppo che tenga sempre presente il FRAZIONAMENTO DEL RISCHIO, non facendosi illusioni di poter produrre energia senza rischi ma riducendoli al minimo, non consentendo a nessun tipo di produzione di superare il 15 max 20% del fabbisogno energetico. 

Parola d'Ordine DIVERSIFICARE ! 

L'Energia Alternativa si divide sostanzialmente in due Fonti: 
le Rinnovabili e le NON Rinnovabili.  

Riflettiamo e attiviamoci ! 

                       Giancarlo Bertollini


www.studioservice.com

sabato 23 marzo 2024

Qui trovate la Gazzetta Tricolore del 22 marzo 2024

www.studioservice.com

Al Vinitaly - Eventi da NON perdere !




PANORAMICA

Wine lovers tenetevi forte: dal 12 al 15 aprile 2024, torna l’appuntamento imperdibile Vinitaly and the City, il fuori salone di Vinitaly: 4 giorni di degustazioni, wine experience, masterclass, mixology, talk, incontri, visite guidate ed eventi diffusi alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e delle bellezze del centro storico di Verona, città Patrimonio mondiale UNESCO.

Piazza dei Signori

Nella Loggia di Fra Giocondo sarà allestita una Grande Enoteca di vini italiani. Potrete degustare: spumanti, vini bianchi, rossi e rosati, espressione dei diversi territori. In Loggia Antica, appuntamento con l’arte della Mixology dove i migliori bartenders si esibiranno nella preparazione di cocktail a base di vini, liquori e distillati. Al centro di Piazza dei Signori potrete degustare vini e cocktail ammirando gli eleganti palazzi, seduti comodamente nella lounge. Per un brindisi mozzafiato si potrà salire inoltre, sulla panoramica terrazza della Torre dei Lamberti.

Cortile mercato vecchio

Nella suggestiva location di Cortile Mercato Vecchio vi aspettano degustazioni per scoprire nuovi vini e prodotti enogastronomici di eccellenza. Al centro della piazza potrete assistere ai Wine Talk per ascoltare storie di vino e dei produttori.

Cortile del Tribunale

Il percorso enogastronomico prosegue nel Cortile del Tribunale con la selezione di vini a cura del Gambero Rosso, Regione Sicilia e Fiera del Riso, che proporrà per l’occasione, oltre al classico risotto all’isolana, il risotto all’Amarone e quello alle mele della Val di Non e Prosecco.


www.studioservice.com

venerdì 15 marzo 2024

Massima attenzione con i fornitori, anche quelli che sembrano grandi e seri, si rivelano spesso pessimi. EVITATELI !!!

Avast garantisce i rimborsi ma quando provi a chiederlo perché il prodotto che vendono è una fregatura, diventa impossibile contattarli, non hanno nemmeno una e-Mail e sul loro Sito non risulta l'Ordine !
Sto scrivendo questo ovunque !
*** *** ***
Voglio un rimborso e non si trova come scriverVi, il numero indicato sul vostro Sito di Supporto è Americano ed è SEMPRE OCCUPATO (Inoltre non parlo inglese).

























 www.studioservice.com

sabato 2 marzo 2024

Rome Wine Expo: di Giancarlo Bertollini

Bene, appena uscito dalla prima giornata del Rome Wine Expo e sono piacevolmente colpito dalla crescita qualitativa dei nostri Produttori/Vignaioli. Per il momento mi sento di segnalare alla vostra attenzione (tra le decine di assaggi fatti) un Produttore di eccellenza che nobilita la già famosa linea di Prosecco DOCG, 
la Società Agricola Castellalta. 
  
Con la guida del gentilissimo sig. Benedetto 
ho potuto degustare la sua fantastica linea di Prosecchi. 
Perdonate la qualità della foto ma 
ho voluto fotografarli personalmente. 
*** *** ***
Sono poi passato ad assaggiare qualche prodotto di "casa" e debbo dire che la nostra meravigliosa Malvasia Puntinata del Lazio, 
il Grechetto e il Merlot 
col Sangiovese Grosso (quello del Brunello per intenderci) 
mi hanno molto colpito e sento il dovere di segnalarvi 
questo piccolo produttore di eccellenza. 
 
La Malvasia Puntinata del Lazio, Il Grechetto e il taglio di Merlot/Sangiovese 
sono decisamente da assaggiare.

www.studioservice.com

martedì 6 febbraio 2024

Un contributo sulla Storia della Massoneria

Giustamente una Sorella ha chiesto delucidazioni sulla scissione del 1908. Ho ritenuto opportuno integrare ricordando le iniziazioni femminili. 
Giancarlo Bertollini. 

Le origini della Gran Loggia d'Italia traggono le mosse dallo scisma col Grande Oriente d'Italia (24 giugno 1908) di un notevole numero di Massoni, appartenenti al Rito Scozzese Antico e Accettato, guidati dall'allora Sovrano Gran Commendatore Saverio Fera.

Le ragioni dello scisma sono state essenzialmente di natura politica, anche se, da tempo, esistevano divergenze di particolare importanza (pensiamo alle prime iniziazioni femminili fatte da Garibaldi con gran parte del GOI che le riteneva inaccettabili) dopo l'elezione a Gran maestro di Ettore Ferrari, si perseguiva un orientamento di carattere radicale ed anticlericale mentre molti altri di Piazza del Gesù, sostenevano la parità con le Donne e avevano un approccio più conciliante con la Chiesa cattolica e, in genere, più aperto e liberale. Il casus belli fu una proposta di censura, avanzata da Ettore Ferrari nel corso della Gran Loggia annuale del GOI, all'indirizzo di quei parlamentari aderenti alla massoneria che si erano rifiutati di votare alla Camera dei deputati la mozione del socialista gradualista Leonida Bissolati, anch'egli massone, volta ad abolire l'insegnamento della religione o di storia delle religioni nella scuola elementare. Il Sovrano gran commendatore in pectore del Rito scozzese, Saverio Fera, forte oppositore della politicizzazione forzata perseguita da Ferrari all'interno dell'obbedienza, pose il veto formale contro la proposta di censura. La frattura che ne seguì all'interno dell'obbedienza fu insanabile, e il 26 giugno 1908, a seguito dell'elezione di Achille Ballori, membro del Supremo consiglio vicino a Ferrari, a Sovrano Gran Commendatore del Rito scozzese, Saverio Fera dichiarò risolte le costituzioni del 1906 e sciolto il rapporto con Grande Oriente d'Italia. Il 13 luglio il Gran maestro del GOI, Ettore Ferrari, espulse Fera e tutti i massoni del Supremo consiglio a lui vicini. Molte logge del GOI seguirono Saverio Fera nella costituzione della Serenissima Gran Loggia d'Italia e nel giro di un anno la nuova obbedienza ne contava già oltre cinquanta. Questa tendenza proseguì negli anni successivi, soprattutto al sud, dove la Gran Loggia d'Italia superò, per numero di aderenti, il Grande Oriente. 
Nel 1912 la Gran Loggia d'Italia ottenne, inoltre, il riconoscimento internazionale della Conferenza mondiale dei supremi consigli di Rito scozzese antico ed accettato, che ne accrebbe il prestigio e la credibilità in Italia e all'estero.

Giancarlo Bertollini 
Un contributo sulla nostra storia. 

🌿🌿🌿 

domenica 17 dicembre 2023

La chiusura di Atreju con l'Apoteosi di Giorgia Meloni


www.studioservice.com

La Mia India - di Monica Morganti

Esercita da quasi quarant’anni l’attività di terapeuta a Roma, dove conduce anche laboratori di crescita sui temi della sofferenza interiore femminile e gruppi esperienziali di mandalaterapia.
Si è laureata a vent’anni a Milano in Filosofia, poi a Roma in Psicologia, per specializzarsi successivamente come psicoanalista junghiana nella psicologia archetipica hilmaniana, come i suoi libri raccontano. Ha sviluppato una grande interesse per le filosofie orientali, sia per il buddhismo tibetano dzogchen che per il buddhismo giapponese zen, e pratica il Tai chi come disciplina interiore. E' una grande viaggiatrice e ha visitato i luoghi più estremi del mondo, di cui racconta nel suo Blog: 
Dipinge Mandala, che utilizza anche come strumento clinico nelle terapie e nei gruppi. Autrice di diversi saggi di psicologia clinica per la Franco Angeli Editore. 

La sua ultima fatica "La Mia India" non può mancare nelle biblioteche di chi vuole aprirsi alla comprensione dell'altro.



www.studioservice.com

domenica 12 novembre 2023

Massoneria: Origini e Leggende

Uno dei problemi più discussi nel campo della ricerca storica è quello che riguarda le origini della Massoneria. Tali origini sono avvolte nella leggenda e risultano tuttora avvolte in un fitto mistero. Gli esperti, ancora non sono riusciti a dimostrare con precisione quali possono essere state le origini della massoneria, limitandosi ad esporre varie teorie ed ipotesi spesso convergenti ma talvolta contraddittorie. 

E' stata ipotizzata una continuità tra i collegia fabrorum romani, o corporazioni di mestiere istituite già nella Roma arcaica, e le corporazioni medioevali di muratori, per il tramite di maestranze bizantine o italiche operanti nell'alto Medioevo, nessuna prova documentaria è ancora emersa al riguardo. Negli ultimi tre secoli l'impegno messo nella ricerca delle origini è stato notevole, sono state proposte varie teorie ed ipotesi che partendo dal simbolismo massonico chiamano in causa: il sacerdozio egiziano, i misteri eleusini, i pitagorici, gli esseni, le sette gnostiche e zoroastriane, il mitraismo, i druidi, il sufismo persiano e arabo, la qabbalah ebraica, i Templari, i Catari, i Fedeli d'Amore, gli Alchimisti, l'Ermetismo Rinascimentale, i Rosa Croce: in breve, l'intero retroterra esoterico della civiltà occidentale e del vicino oriente.
Nonostante le sorprendenti affinità e coincidenze, nessuna vera prova sussiste in merito ad eventuali rapporti di identità o di continuità tra qualcuno di questi supposti antecedenti e la massoneria. Diverso è il discorso per quanto concerne l'influenza che alcuni di essi possano aver esercitato nel processo di formazione della Massoneria e dei suoi rituali. Sicuramente un forte impulso allo sviluppo della Massoneria è stato dato dalle teorie che ne fanno risalire le origini alla costruzione del Tempio di Salomone; quella che la riconduce ai Templari e quella che la attribuisce al Frate Christian Rosenkreuz. Evidenti innesti da talune eredità sapienziali, anche remote, sono ben attestati nella storia della Massoneria ed emergono nitidamente dall'esame dei suoi rituali, in particolare per quanto concerne i diversi “sistemi ad alti gradi” che fin dalla prima metà del XVIII secolo vennero a stratificarsi sopra i gradi originari della Massoneria di mestiere. 
Alle radici della Massoneria.
In un mondo che sta cominciando a prendere consapevolezza della mancanza di solide certezze per il domani, ecco riaffiorare antiche domande: 
“Chi siamo?  Da dove veniamo?  Dove stiamo andando”?
Obiettivamente, c'è una gran ‘fame’ di quelle risposte che potremmo racchiudere nelle parole: Conoscenza, Ricerca, Verità, Gnosi. L’approccio è passato alla Storia ed alla letteratura con l’aggettivo esoterico, ovvero un approccio che va alla ricerca delle radici profonde della nostra cultura e civiltà. Per approccio esoterico intendiamo, ovviamente, quello che si occupa dello studio e dell’approfondimento del simbolismo che ci circonda che è giunto a noi dalle antiche civiltà che ci hanno preceduto e che hanno forgiato l’umanità così come si presenta oggi. Per ricercare le radici di questo approccio dobbiamo dunque andare molto indietro nel tempo: sino almeno all'antica Grecia, ovvero, allorquando i Greci ereditarono i misteri gnostici dagli Egizi. 
I culti misterici, tanto in Egitto che nell'antica Grecia, erano riservati a pochi iniziati e miravano “all'estasi Divina” o “unione con il Divino”. Si veda bene che fra questi culti, praticati anche in Occidente, vi è una significativa analogia e similitudine con la spiritualità Vedica e Buddhista d’Oriente. 
Fu così che la conoscenza permise lo sviluppo e la piena espansione della civiltà greca, prima e, successivamente, dell’Impero Romano. Ciò almeno sino al Concilio di Nicea del 325 d.C. proclamato dall'Imperatore Costantino, il quale dichiarò eretica la Gnosi e decretò la fede Cristiana quale unica religione dell'Impero. 
Necessariamente gli gnostici 
entrarono in clandestinità.
E così fecero anche le famiglie che si richiamavano agli insegnamenti iniziatici di Gesù - l’Esseno - da loro detto - “Il Cristo”, le quali probabilmente presero il nome di Rex Deus - dei Rex Deus - che all’apparenza continuarono a praticare il cattolicesimo; ne fecero parte le più grandi famiglie nobiliari del Medioevo, fra cui i reali Sassoni d’Inghilterra, i Capetingi di Francia (che continuarono nella numerazione portata da Luigi Carolingi) ed i St. Clair di Roslin (la stirpe che fece edificare la misteriosa Cappella di Rosslyn). Non fu dunque un caso che i Cavalieri Templari dell’alto Medioevo furono un ordine cavalleresco-militare sorto con l’appoggio dei Rex Deus che divennero, quindi, i custodi della gnosi cristiana, mantenendo comunque su ciò - ufficialmente - un assoluto riserbo. 
Significativamente ricca di simbolismo esoterico, la Cappella di Rosslyn, in Scozia: “fatta costruire nel XV secolo dal Conte William St. Clair di Roslin (si noti bene che Roslin, in antica lingua gallica significa: “antica conoscenza tramandata di generazione in generazione”. La lingua gallica è una lingua celtica/gaelica estinta, parlata anche nelle antiche Gallie, odierne Francia ed Italia settentrionale, prima del latino volgare del tardo Impero Romano), un mecenate proveniente da una fra le più influenti famiglie Rex Deus dell’epoca”; Rosslyn pullula letteralmente di simboli ed allegorie gnostiche, rosacrociane e libero muratorie;  pensiamo ad esempio alla testa scolpita di Ermete Trimegisto, considerato dagli Egizi il Dio Toth, così come l’arco all’esterno della cappella, decorato da numerosi compassi simboli della Massoneria; ma anche la scultura di Baphomet - idolo gnostico più o meno caro ai Templari - e finanche un cavaliere templare che conduce un uomo bendato tirandolo con una fune a rappresentare un’iniziazione massonica ante litteram. E potremmo continuare citando i tre pilastri interni alla cappella, che indicano rispettivamente il pilastro dei tre gradi della Massoneria azzurra: quello dell'Apprendista, del Compagno d’Arte e del Maestro. 
Invero, i riferimenti al cristianesimo, nella Cappella di Rosslyn, non sono molti e la cosa ci dovrebbe far riflettere. Forse, una delle curiosità di Rosslyn è la presenza di sculture raffiguranti piante conosciute solo nelle Americhe, come il granoturco e forse l’aloe; questo a commemorare i viaggi dell’antenato di William St. Clair, il conte Henry, il quale, quasi sicuramente, approdò nelle coste del Nord America cento anni prima di Cristoforo Colombo, sbarcandovi, stando alle prove documentali del volume “Il segreto dei Templari” scritto dallo studioso William F. Mann, molto probabilmente, con una flotta di Cavalieri Templari.
La Massoneria pare dunque essere la depositaria principale della tradizione gnostica tramandata, di generazione in generazione, dalle famiglie Rex Deus. E possiamo inoltre affermare che le origini di questa Confraternita sono ben più antiche rispetto a quelle ufficiali, che la fanno risalire al 1717, allorquando fu fondata la Gran Loggia d’Inghilterra presso la “Taverna dell’Oca e della Graticola”. 
Questa commistione fra Rex Deus e Massoneria è fortemente sostenuta specialmente dagli studiosi e massoni Christopher Knight e Robert Lomas, i quali teorizzano che la leggenda di Hiram Abif, costruttore del mitico Tempio di Re Salomone, alla quale si rifanno, praticamente, tutti i Liberi Muratori, potrebbe essere un’allegoria dell’omicidio di Giacomo il Giusto, forse fratello di Gesù, custode degli insegnamenti misterici degli Esseni ed uno fra i primi membri storici dei Rex Deus. Gli studiosi portano a sostegno di ciò numerose tesi nel loro libro: “Il secondo Messia” edito in Italia da Mondadori. 
E’ grazie ai Rex Deus e, dunque, ai primi massoni, se si è progressivamente usciti dall’oscurantismo medievale per approdare al Rinascimento, con la sua rinnovata estetica nelle arti e con una rinnovata ricerca del progresso scientifico e della conoscenza. Pensiamo, ad esempio, all’opera dei massoni Elias Ashmole e Sir Isaak Newton, noti alchimisti e uomini di scienza e cultura, nel fondare la Royal Society per la promozione della scienza scevra da dogmi. Vi furono influenze massoniche e non, come per la Costituzione degli - Stati Uniti d'America - che è la più antica Costituzione statuale esistente - fondata su principi inequivocabilmente massonici, a partire dal concetto secondo cui tutti gli uomini nascono eguali e che un Governo ha autorità solo con il consenso del popolo. I Padri fondatori degli Stati Uniti d’America erano, infatti, inequivocabilmente massoni che vollero imprimere quanto di buono la tradizione gnostica dei Rex Deus aveva loro trasmesso. 
E’ invece probabilmente da sfatare il mito relativo alla Rivoluzione Francese quale motto popolare sorto da volontà massoniche: si veda bene come i massoni - in Francia - fossero allora, per la maggior parte, fra le fila aristocratiche e medio - borghesi, molti fra i quali ci rimisero la testa sulla celebre ghigliottina. 
Abbiamo dunque tentato testè di illustrare le radici della principale e forse più antica Istituzione che, nel mondo occidentale, si occupa di tradizione esoterica. Abbiamo infatti potuto scoprire come la sua millenaria storia si fondi e, a tratti, si confonda con le tradizioni, egizia, greco-romana e giudaico-cristiana, alla luce delle loro conoscenze gnostiche e misteriche. Un viaggio in piena regola, ricchissimo di spunti per una rinnovata ricerca storica e introspettiva che è, come vedremo più avanti, forse l’unica e più autentica ricerca, da proseguire, sulla strada del mitologico Santo Graal


www.studioservice.com

venerdì 27 ottobre 2023

Regione Lazio: aggiornamenti da "Area Comunicazione Lazio Innova SpA"

Regione Lazio: la nuova strategia per l’internazionalizzazione delle PMI
Primo bando da 5 milioni del nuovo Programma per consolidare l’export delle Pmi laziali e attrarre 
capitali e investimenti esteri sul territorio
continua a leggere
Aperto il Tavolo di Partenariato tra Regione Lazio e Associazioni di categoria
La Regione Lazio e Lazio Innova sono impegnati nel tradurre in fatti concreti le indicazioni emerse degli incontri con le Associazioni di Imprese. Iniziando con le politiche di Internazionalizzazione e continuando con la pubblicazione entro il 2023 di bandi Fesr per oltre cento milioni dedicati alla Digitalizzazione, alla Green Economy e al Credito Agevolato
continua a leggere
I vincitori della 9a edizione della Finale di Start Cup Lazio 2023
La Business Plan Competition regionale che sostiene e premia i migliori progetti di startup innovative ad elevato contenuto di conoscenza provenienti dalle Università e dagli Enti di Ricerca del Lazio
continua a leggere
Moacasa, dal 28 ottobre al 5 novembre alla Fiera di Roma
La Regione Lazio sarà presente alla manifestazione insieme a Lazio Innova e alla Camera di Commercio 
di Roma con una collettiva di imprese del Lazio
continua a leggere
Regione Lazio, pubblicata la nuova call di “Food Innovation Hub”
Il Laboratorio di micro-innovazione per le imprese del Lazio interessate a sviluppare nuove tecnologie nel settore agroalimentare
continua a leggere
FabLab Lazio: al via un ciclo di Workshop nello Spazio Attivo LOIC di Zagarolo
Dal 9 novembre al 5 dicembre protagonista a Zagarolo l’innovazione, nei Laboratori digitali del FabLab 
di Lazio Innova
continua a leggere
Regione Lazio, al via la challenge “Packaging 4.0”
Lazio Innova ed EMEC cercano soluzioni innovative di packaging per i prodotti dell’azienda reatina. Possono partecipare startup, imprese e team imprenditoriali
continua a leggere
Al via una nuova edizione del LIVING LAB Logistica
Il Laboratorio di micro-innovazione di Lazio Innova che sostiene l’innovazione nei processi logistici delle imprese del Lazio attraverso una attività formativa, mentoring e progettazione partecipata
continua a leggere
ESA BIC Lazio, quattro finestre nel 2023
La call supporta l’avvio di imprese che intendono applicare conoscenze e tecnologie di derivazione 
spaziale in altri settori di attività
continua a leggere
La Rete Spazio Attivo è anche digitale: scopri tutti i servizi
Prosegue il lavoro a sostegno di imprese e cittadini: seminari di informazione e formazione per team, startup e imprese, azioni di social Innovation, Challenge per le Imprese, laboratori di microinnovazione aperta
continua a leggere
DA LAZIO EUROPA
La Cultura fa Sistema 2023
Domande online entro il 24 novembre 2023
continua a leggere
OCM Vino, Misura Investimenti: nuova scadenza
Il 31 ottobre 2023 scade il termine ultimo nazionale per la presentazione delle domande di aiuto a valere sulla campagna 2023/2024
continua a leggere
Graduatoria finale percorsi ammessi alla programmazione ITS 2023
Il bando punta a innalzare il livello dell’offerta in aree tecnologiche strategiche per la competitività e l’occupabilità dei giovani
continua a leggere
PSR FEASR 2014/2020: prorogato all’11 dicembre il termine delle domande di sostegno per la tipologia di operazione 4.4.1
Il bando stanzia oltre 8 milioni di euro per la salvaguardia, il ripristino e il miglioramento della biodiversità 
e del paesaggio
continua a leggere
Aree Interne: al via la strategia di sviluppo e promozione dei Monti Lepini e delle “Terre di Pregio”
Le aree selezionate stanno lavorando alla definizione della governance degli interventi per la crescita economica e sociale delle comunità
continua a leggere
Bandi aperti
Opportunità e agevolazioni gestite da Lazio Innova e altre istituzioni a favore di imprese, cittadini, amministrazioni e altri organismi pubblici e privati
continua a leggere
DALLO SPORTELLO EEN LAZIO INNOVA
SMARTCITY Expo World Congress
Lazio Innova co-organizza due giorni di incontri (B2B) all’interno della manifestazione. 
Dal 2 al 3 novembre esclusivamente online
continua a leggere
Bando sui sistemi spaziali per la Sicurezza e la Protezione
Iniziativa dell’Agenzia Spaziale Europea, c’è tempo fino all’11 dicembre 2023 per presentare le proposte progettuali
continua a leggere
Sanità digitale, bando DESIRE per progetti innovativi
L’iniziativa è rivolta alle piccole e medie imprese; la scadenza per inviare le proposte è 
il 13 novembre 2023
continua a leggere
Al via la prima call del progetto aerOS per creare un meta sistema operativo
Promuove l’uso di tecnologie come l’intelligenza artificiale, il machine learning e l’analisi dei big data; 
la scadenza è il 31 gennaio 2024
continua a leggere
DEICy 2023
Dal 20 al 24 novembre 2023, evento di brokerage online dedicato a economia digitale, 
internet delle cose e cybersicurezza
continua a leggere
APPUNTAMENTI
Presentazione Rapporto GreenItaly 2023
Il 31 ottobre 2023 presso Unioncamere, per partecipare è necessario registrarsi
continua a leggere
Stati generali della green economy 2023
Dal 7 all’8 novembre 2023 a Italian Exhibition Group – Ecomondo, Quartiere Fieristico di Rimini
continua a leggere
DALLA REGIONE
Approvata la prima legge regionale sull’eno-oleoturismo
Tra i punti qualificanti della nuova normativa la promozione del turismo enogastronomico e la formazione degli operatori
continua a leggere
Estendere la Zona Economica Speciale a Latina e Frosinone
Il presidente Rocca scrive al ministro per gli Affari europei, il Sud Italia, le Politiche di Coesione e il PNRR, Raffele Fitto
continua a leggere
DALL’UNIONE EUROPEA
Al via ImagineEU, un concorso per studenti della scuola secondaria
L’obiettivo è incoraggiare i giovani a svolgere un ruolo attivo nell’influenzare le politiche europee. 
La scadenza è il 13 dicembre 2023
continua a leggere
Nuove norme in materia di trasparenza fiscale
Applicabili ai prestatori di servizi che agevolano le operazioni in cripto-attività, aiuteranno gli Stati membri 
a fare luce sul settore
continua a leggere

www.studioservice.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Natale di Roma

Cliccate sull'Immagine ! www.studioservice.com

I POST PIU' SEGUITI