Visualizzazione post con etichetta Terrorismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Terrorismo. Mostra tutti i post

domenica 27 marzo 2016

La profezia inascoltata di Oriana Fallaci: "Colpiranno anche noi". Aprite bene le orecchie e ascoltate cosa disse ben 15 anni fa.

La profezia inascoltata di Oriana Fallaci: "Colpiranno anche noi".Aprite bene le orecchie e ascoltate cosa disse ben 15 anni fa.
Pubblicato da Tommaso Longobardi su Giovedì 24 marzo 2016
www.studiostampa.com

venerdì 25 marzo 2016

ASCOLTATE BENE COSA DICE SGARBI ...

BRAVISSIMO... ASCOLTATE BENE COSA DICEATTENZIONEASCOLTATE BENE COSA DICE SGARBI....
Pubblicato da Esperimenti Sociali su Giovedì 24 marzo 2016
www.studiostampa.com

mercoledì 23 marzo 2016

Parole che NON condividiamo, ma smascherano anche la nostra ipocrisia come Occidente.


GRANDE CROZZACROZZA SUL TERRORISMO!!!Parole che condividiamoNon sono la soluzione ovviamente, ma smascherano anche la nostra ipocrisia come Occidente CONDIVIDI --> Seguici su W IL M5S
Pubblicato da W IL M5S su Martedì 22 marzo 2016
www.studiostampa.com

lunedì 25 gennaio 2016

+++ SGARBI PARLA DELL'ISIS... e questa volta non impreca contro nessuno. 6 minuti di discorso che vale la pena sentire dall'inizio alla fine. Vi invito a far girare questo video, tutti devono vederlo.

+++ SGARBI PARLA DELL'ISIS... e questa volta non impreca contro nessuno. 6 minuti di discorso che vale la pena sentire dall'inizio alla fine. Vi invito a far girare questo video, tutti devono vederlo.
Pubblicato da Tommaso Longobardi su Mercoledì 18 novembre 2015
www.studiostampa.com

domenica 29 novembre 2015

"La Turchia appoggia l'Isis". Un video inquietante da guardare e diffondere!

"La Turchia appoggia l'Isis". Un video inquietante da guardare e diffondere!
Posted by Tommaso Longobardi on Mercoledì 25 novembre 2015
www.studiostampa.com

lunedì 23 novembre 2015

Allarme terrorismo. Quanto è sicura la capitale? Lo svelano su La7 esperti e polizia.

Allarme terrorismo. Quanto è sicura la capitale? Lo svelano su La7 esperti e polizia.Renzi sveglia! Bisogna agire subito e ripristinare i fondi che il governo ha tagliato alle forze dell'ordine e dare maggiore sostegno all'intelligence. Inoltre bisogna rafforzare le nostre frontiere: siamo la porta di ingresso in Ue, l'Italia è sottoposta a rischi maggiori. Servono maggiori controlli, controlli efficaci!MoVimento 5 Stelle Camera Beppe Grillo
Posted by Michele Dell'Orco on Domenica 22 novembre 2015
www.studiostampa.com

Hollande preme sugli alleati per rafforzare la lotta.


www.studiostampa.com

venerdì 20 novembre 2015

UN GRANDE NICOLA PORRO !

L'apertura di ieri Virus Rai. Non abbiamo intenzione di abbassare i toni.
Posted by Nicola Porro on Venerdì 20 novembre 2015
www.studiostampa.com

sabato 14 novembre 2015

Riflessioni su Passato, Presente e Futuro !

www.studiostampa.com

Una Tragedia ancora senza Reazione Occidentale !


martedì 24 febbraio 2015

"La mia cena con il Califfo, fa i suoi affari, beve ed è gay".

Davide Bellomo parla a Il Tempo del suo incontro con il capo degli jihadisti dell'Isis: "Loro si occupano molto di comunicazione e il terrorismo in questo momento è comunicazione".
"Ho incontrato Abu Bakr al Baghdadi circa otto mesi fa durante una cena perché dovevo capire l'evolversi di una certa situazione. Non mi sono presentato con il mio vero nome ed ero seduto al tavolo con altre persone". Le rivelazioni choc sono di Davide Bellomo che, parlando con "Il Tempo", ha detto di aver avuto modo di incontrare il Califfo dello Stato islamico, il capo degli jihadisti dell'Isis, l'uomo in questo momento in cima alla black-list dei terroristi ricercato dalle Intelligence di tutto il mondo. Un incontro sconvolgente e incredibile, che sarebbe avvenuto in un luogo non meglio identificato. Forse Bellomo ha visto dal vivo il terribile al Baghdadi in Siria. Su questo dettaglio, durante l'intervista, dice di voler rimanere vago per motivi di sicurezza e segretezza. Bellomo attualmente lavora presso Peace operation training institute che, in collaborazione con l'Onu si occupa di offrire assistenza e progetti per il sostegno della pace attraverso aiuti umanitari e operazioni di sicurezza ed è esperto di comunicazione strategica in situazioni di crisi. 

Fonte: IL TEMPO - Qui l'Articolo.

www.studiostampa.com

giovedì 13 marzo 2014

«Perché l’Italia si inchina a Lula amico del terrorista assassino?»




martedì 17 settembre 2013

IL PUNTO SULLA SITUAZIONE SIRIANA !




martedì 3 settembre 2013

QUEL GAS SIRIANO PUZZA UN PO’

Vittime Siriane
Il gas sarin attribuito agli arsenali di Bashar Assad (che contano, a seconda delle stime, tra le mille e le 5 mila tonnellate armi chimiche) quante persone ha ucciso nei sobborghi di Damasco?  Oltre 1.400 secondo l’intelligence statunitense e quanto riferito dal Segretario di Stato John Kerry, circa 350 secondo Medici senza frontiere che denunciano però 3.500 persone colpite, solo 280 secondo l’intelligence francese. Gian Micalessin, reporter del Giornale e finora unico giornalista italiano a raggiungere i dintorni dell’area colpita dai gas a Ghouta, scrive oggi dal villaggio di Jobar di non aver trovato traccia dell’uso di gas né persone informate dei fatti accaduti proprio in quella zona. Sui media di tutto il mondo quasi non si parla d’altro eppure pochi hanno diffuso una notizia che dovrebbe risultare invece di grande interesse per cercare di dipanare la matassa intorno all’impiego del gas nervino il 21 agosto nei sobborghi di Damasco. Se il reportage di Micalessin è realizzato sul lato del fronte controllato dai lealisti il reportage firmato da Dale Gavlak (che da Amman collabora da anni con l’agenzia Associated Press) e Yahya Ababneh del 29 agosto è stato effettuato dalla parte opposta, intervistando alcuni ribelli siriani appartenenti a gruppi islamisti attivi nel settore di Ghouta che hanno ammesso le loro responsabilità nel massacro di civili del 21 agosto che Washington e parte della comunità internazionale attribuiscono ad Assad.  Pubblicato dal giornale on line Mintpressnews il reportage è stato quasi sistematicamente ignorato dai grandi media nonostante le diverse testimonianze parlino chiaro. I ribelli nascondono in moschee e case private le armi, anche quelle chimiche ricevute dai servizi segreti sauditi e la “fuga di gas” sarebbe da attribuire all’inesperienza dei miliziani a maneggiarle. 

Fonte: Analisi Difesa - Articolo Completo QUI

www.studiostampa.com

sabato 20 luglio 2013

Abu Omar, rilasciato Lady Panama: "Carte insufficienti" L'irritazione della Cancellieri: "No spiegazioni plausibili"

Robert Seldon Lady, l'ex capocentro della Cia coinvolto nel caso Abu Omar fermato ieri a Panama, è stato rilasciato e ha preso un volo per gli Stati Uniti. Lo stato centroamericano: "Documentazione italiana era insufficiente". La guardasigilli: "Profondamente rammaricata".
Osama Hassan Mustafa Nasr, noto come Abu Omar (Ansa)
Osama Hassan Mustafa Nasr, noto come Abu Omar (Ansa)
Washington (Usa), 19 luglio 2013 - Robert Seldon Lady, l'ex capocentro della Cia coinvolto nel caso Abu Omar fermato ieri a Panama, è stato rilasciato e ha preso un volo per gli Stati Uniti. Lo scrive il quotidiano Washington Post, citando fonti dell'amministrazione statunitense. "Da quanto sappiamo si trova su un aereo diretto negli Stati Uniti al momento", rende noto una fonte interna all'amministrazione Obama. Per ora non è chiaro che tipo di provvedimenti abbiano adottato le autorità Usa per ottenere la liberazione di Lady.

sabato 22 dicembre 2012

Una ricerca maniacale per il risveglio delle coscienze!

Enzo Raisi, deputato di Fli,  ha presentato il suo libro “Bomba o non bomba. 2 agosto 1980. Alla ricerca ossessiva della verità” (Minerva ed. 2012), a Roma, in Campidoglio, nella Sala del Carroccio particolarmente gremita; ha presieduto l'On. Fabio Sabbatani Schiuma Presidente del Gruppo "Il Trifoglio", con gli autorevoli interventi di Arturo Diaconale (Direttore de: L'Opinione) ed Alfredo Iorio del Popolo della Vita.
TRAMA. Il 2 agosto 1980 una bomba esplode alla stazione di Bologna, provocando una vera e propria strage e Enzo Raisi (allora giovane del Msi) in partenza per le vacanze, si salva per pochi attimi.
2005. Enzo Raisi, divenuto nel frattempo deputato della Repubblica e membro della commissione Mitrokhin, indaga sui documenti provenienti dagli archivi degli ex paesi dell’Est e scopre nuovi elementi che raccontano una versione molto diversa da quella conosciuta fino ad oggi.
Un libro-inchiesta in cui vicende pubbliche e private si intrecciano alla ricerca della verità fino ad oggi non emersa, che contiene in allegato un cd con 1000 pagine di documenti tra cui quelli della commissione Mitrokhin, la maggior parte inediti,  legati alla strage del 2 Agosto 1980.
Enzo Raisi, politico e deputato della Repubblica, è coordinatore regionale per l’Emilia Romagna di Futuro e Libertà e di Generazione Italia. È responsabile nazionale della propaganda di Fli, è stato amministratore del Secolo d’Italia.
www.studiostampa.com

domenica 8 maggio 2011

QUESTO OFFENDE LE VITTIME DEL TERRORISMO, NON I MANIFESTI AFFISSI A MILANO !!!!!!!

I BRIGATISTI ROSSI SI SONO TUTTI “SISTEMATI” DISCRETAMENTE … MA PERCHE’ MAI NESSUNO INDAGA SULL’ATTIVITA’ DI QUESTE COOPERATIVE E SUGLI INCARICHI CHE RICEVONO DAGLI ENTI PUBBLICI? … MA IN ITALIA INTERESSA SOLO QUELLO CHE BERLUSCONI FA A CASA SUA???
Corrado «Federico» Alunni Fondatore Br, 58 anni, arrestato nel 1978 dopo esser passato nelle Formazioni comuniste combattenti. Nel 1980 tenta la fuga da San Vittore insieme a Vallanzasca, nel 2003 scrive un libro con altri autori («La rapina in banca, storia, teoria, pratica»), da anni è fuori di galera, lavora in una cooperativa informatica. Vittorio «Alvaro» Antonini Già responsabile della colonna romana Br, coinvolto nel sequestro Dozier, arrestato nel 1985, è in semilibertà dal 2000. Ogni giorno entra ed esce di prigione per lavorare all’esterno. Presiede l’associazione culturale Papillon-Rebibbia promotrice della protesta che nel 2004 si è allargata a tutte le carceri d’Italia. Ha avuto l’onore di essere convocato a Montecitorio dalla commissione-giustizia per discutere dei problemi delle galere. Smentì di esser stato perquisito in cella dopo l’omicidio D’Antona. Lauro Azzolini Membro esecutivo delle Br nel processo Moro, 62 anni, tre ergastoli, l’uomo che sparò a Montanelli, è libero. Da semilibero ha iniziato a lavorare in una coop che si occupa di non-profit, settore disabili, per la Compagnia delle Opere. Barbara Balzerani Svariati ergastoli, ai vertici delle prime Br-Pcc, autrice del libro «Compagna Luna» per Feltrinelli, ha lavorato con la coop Blow Up di Trastevere specializzata nell’informatica musicale. Arrestata nel 1985 ottiene i primi permessi agli inizi degli anni Novanta. Silvia Baraldini Condannata dalla giustizia americana a 43 anni di galera per associazione sovversiva, è uscita per motivi di salute ottenendo, il 27 dicembre 2002, una collaborazione con la giunta Veltroni. A caldeggiare il rinnovo del contratto di consulenza sul lavoro femminile, nel 2003, fu l’assessore Luigi Nieri di Rifondazione comunista. L’associazione delle vittime ha presentato denuncia in procura. Marco Barbone L’assassino del giornalista Walter Tobagi si è pentito ed è tornato libero. Lavora in una tipografia a Milano. Cecco Bellosi Ex componente della colonna Walter Alasia, in manette nel 1980, condannato a 12 anni, libero nel 1989. Presiede un centro di recupero di tossicodipendenti a Nesso che collabora con l’associazione Lila. Vittorio Bolognese Colonnello delle Br-Partito Guerriglia, è in semilibertà dal settembre 2000. Ha lavorato come operatore informatico alla coop romana Parsec dove ha trovato Pancelli, Piccinino e altri ex irriducibili. Franco Bonisoli Brigatista del commando di via Fani, ergastolano, 13 anni di carcere, dissociato, è libero. Ha fatto il grafico in una Coop di Sesto San Giovanni, lavora in una società di servizi ambientali. Paola Besuschio Il suo nome venne fatto dalle Br durante il sequestro Moro, era detenuta, ne volevano la liberazione in cambio del leader dc. Lavora in una cooperativa statistica. Anna Laura Braghetti Ex compagna di Prospero Gallinari, è coinvolta nell’omicidio del giudice Vittorio Bachelet, è la carceriera di Aldo Moro in via Montalcini, nota come «signora Altobelli»: condannata al carcere a vita. Ha scritto alcuni libri, dal 1994 lavora tutti i giorni all’organizzazione di volontariato vicina ai Ds, «Ora d’Aria» che si interessa alle problematiche dei detenuti. Nel 2002 ottiene la condizionale. Paolo Cassetta Esponente tra i più duri del partito armato, raffica di condanne alle spalle, è semilibero da un bel pezzo. Lavora stabilmente alla coop 32 dicembre, collegata al Centro Polivalente circoscrizionale intorno a cui gravitano vecchie conoscenze degli anni di piombo, come Bruno Seghetti e Cecilia Massara. Geraldina Colotti Militante delle Ucc, ex insegnante di filosofia, ferita in un conflitto a fuoco nel gennaio del 1987, ha lavorato alla coop romana 32 dicembre, oggi è impiegata al quotidiano Il Manifesto dove lavora anche l’ex bierre Francesco Piccioni, semilibertà dal 1999. Anna Cotone Ex bierre del feroce Partito Guerriglia, coinvolta nel sequestro dell’ex assessore dc Ciro Cirillo, arrestata nel 1982, in semilibertà da anni, lavora dal 2002 nella segreteria politica dell’europarlamentare di Rifondazione comunista, Luisa Morgantini. Renato Curcio Fondatore e ideologo delle Br, gira l’Italia facendo conferenze in scuole, università, consigli comunali, presenta i suoi libri ai festival dei partiti. In tv, sulla berlusconiana Canale 5, è arrivato a dire che le vittime degli anni 70 sono i suoi compagni di lotta morti sul campo. Da dieci anni è a capo della coop editoriale «Sensibili alle foglie» che si occupa di studi sulla lotta armata, carcere e droga, tema quest’ultimo cavalcato da don Gallo, il parroco antagonista di Genova, che ha presentato il libro edito da Curcio insieme a Dario Fo. Condannato a 30 anni, ne ha scontati 24, è semilibero dal 1993. Alessandra De Luca Anche lei brigatista nel processo Moro, è in semilibertà da tempo. È stata candidata col partito di Bertinotti alle regionali del Lazio, ma non ce l’ha fatta (n.d.r. PER FORTUNA!). Roberto Del Bello Ex brigatista della colonna veneta, condannato a 4 anni e 7 mesi per banda armata, oggi lavora al Viminale come segretario particolare di Francesco Bonato, sottosegretario agli Interni per Rifondazione comunista. Sergio D’Elia Dirigente di Prima linea, sconta 12 anni di carcere. Liberato e ottenuta la riabilitazione, entra nel partito radicale. Nel 2006 viene eletto alla Camera nella lista della Rosa nel Pugno e diventa segretario d’aula di Montecitorio. Fra polemiche e proteste. Adriana Faranda Fa parte della direzione strategica delle Br, aderisce presto alla «dissociazione» guadagnando la libertà. Viene rilasciata nel 1990 e affidata all’opera di don Calabria dove lavora al computer. Scrive libri, ha fatto la fotografa. Finisce al Costanzo Show, e sono polemiche infinite. Diego Fornasieri Insieme ad altri ex detenuti è attivo nel non-profit attraverso la cooperativa sociale di prodotti biologici «Arete». Guerrigliero di Prima linea, incassa una condanna a 30 anni nel 1983. Libero. Alberto Franceschini. Fondatore con Curcio delle Brigate rosse, nel 1983 si dissocia. Oggi lavora a Roma con la Braghetti all’associazione per detenuti «Ora d’Aria». Condannato a più di 50 anni di galera, esce dal penitenziario nel 1992 dopo 17 anni di reclusione. Scrive libri, partecipa a conferenze. Prospero Gallinari Membro del commando che sparò alla scorta di Moro in via Fani, responsabile della «prigione del popolo», è libero da tantissimi anni per problemi di cuore. Claudia Gioia Primula rossa delle Unità Comuniste Combattenti subisce una sentenza a 28 anni di prigione per il delitto del generale Giorgieri e per il ferimento dell’economista Da Empoli. È in libertà condizionale dal gennaio 2005. Nel 1991 finisce intercettata mentre parla, in cella, col br Melorio di un tentativo di ricostituzione delle Ucc. Eugenio Pio Ghignoni Brigatista coinvolto e condannato nel processo Moro, è il responsabile della Direzione Affari Generali dell’Università Roma Tre, cura la sicurezza… Maurizio Jannelli Già capocolonna romano delle Br, ergastolo per vari crimini (tra cui la strage di via Fani) ha lavorato alla Rai come autore a partire dal 1999. Per il Tg3 ha seguito «Il mestiere di vivere», «Diario Italiano», «Residence Bastogi», fa parte dello staff della trasmissione sportiva «Sfide». Ha scritto «Princesa», libro su un transessuale suicida. Dal 2003 è in condizionale. Natalia Ligas Nome di battaglia «Angela», la dura delle Br-Partito Guerriglia che partecipò al massacro di piazza Nicosia a Roma, ergastolana, permessi premio a partire dal 1998, dal 2000 è semi-libera nonostante non si sia mai dissociata. Maurizio Locusta Partecipa al delitto Giorgieri (24 anni di pena), viene estradato dalla Francia nel marzo 1988, dopo qualche anno esce ed è assunto alla fondazione Lelio Basso-Issoco come «assistente di sala consultazione». Francesco Maietta Ex militante delle Ucc, condanne pesantissime, lavora part time in un ente importante dal 1990. Si è sposato nel 1998 a Ostia con una ragazza della Caritas. Tra gli invitati, il presidente emerito Francesco Cossiga. Corrado Marcetti Ex di Prima linea, oggi è direttore della Fondazione Michelucci a Fiesole. Nadia Mantovani Dissociata, condannata a 20 anni per appartenenza alle Br, ottiene la condizionale a gennaio ’93 quando sconta due terzi della pena. Ex fidanzata di Renato Curcio, è tra le fondatrici dell’associazione per il reinserimento dei detenuti «Verso Casa». Il 23 agosto 2004 la sua performance sugli anni di piombo al meeting di Rimini ha riscosso molto successo tra il pubblico di Cl. Mario Moretti Il numero uno delle Br, leader della direzione strategica, partecipa al sequestro Moro, dopo 17 anni di carcere, 9 di clandestinità e 6 ergastoli, nel 1994 ottiene il permesso di andare alla Scala. Una volta fuori, in lavoro esterno, si occupa di volontariato. Esperto di informatica partecipa alla fondazione della Cooperativa Spes composta da ex irriducibili dissociati. La coop ottiene vari contributi, anche dalla Regione Lombardia, insieme all’associazione «Geometrie variabili» cerca «forme di lavoro non alienanti per i detenuti». Scrive libri. Valerio Morucci L’ex postino delle Br durante i 55 giorni del caso Moro, scontati 17 anni di prigione, dissociato, è libero. Autore di libri di successo (l’ultimo, «La peggio gioventù») vincitori di premi letterari con «Il collezionista» (la VI edizione di «Esperienze in giallo») lavora come consulente informatico Roberto Ognibene. Gode dei benefici dovuti alla legge sui dissociati e lavora come impiegato al Comune di Bologna. Ave Maria Petricola Quest’anno la Provincia di Roma ha assunto quest’ex pentita brigatista, nome ricorrente al processo Moro, come responsabile del centro di Torre Angela, VII municipio della Capitale, che trova lavoro ai disoccupati. Amnistiata nel 1987, nel 2004 la ritroviamo nella lista degli assistenti sociali regionali Remo Pancelli Killer dell’ala militarista delle Br «Colonna 28 marzo», l’ex dipendente delle Poste del sequestro D’Urso, viene bloccato dai carabinieri il 7 giugno del 1982. Pluricondannato, è inserito in una coop sociale (che ha ospitato altri ex terroristi rossi) Marco Pinna Soldato della colonna sarda delle Br, è vicepresidente della coop ambientale «Ecotopia». Susanna Ronconi Storica figura del troncone toscano di Prima Linea, lavora al Gruppo Abele di Torino dove ha la responsabilità delle cosiddette «Unità di strada». Nel 1987 guadagna il primo permesso-premio per la sua dissociazione. È stata consulente di Asl e Comuni del nord Italia, collabora alla pubblicazione del «Rapporto sui diritti globali» a cura dell’associazione Informazione&Società per la Cgil Nazionale. Un’interrogazione di Gasparri (An) e Giovanardi (Ccd) la segnalano come beneficiaria di una consulenza da parte dell’allora ministro Livia Turco.(n.d.r. la stroia recente la sappiamo…) Giovanni Senzani Il «criminologo» delle Br-Partito Guerriglia, irriducibile fino al midollo, già sospettato di essere il Grande Vecchio del sequestro Moro, ergastolano per l’omicidio del fratello del pentito Patrizio Peci, esce nel 1999 in semilibertà ma un anno dopo è dietro la scrivania di un centro di documentazione della Regione Toscana denominato «Cultura della legalità democratica» e inserito nel progetto Informacarcere. Nel 2001 si è scoperto che il centro poteva clonare tutti gli atti, anche quelli segreti, della commissione parlamentare sulle stragi. È coordinatore della casa editrice di sinistra Edizioni Battaglia. Marco Solimano Ex di Prima linea, oggi è consigliere dei Ds al Comune di Livorno. Da circa dieci anni è assistente volontario al carcere di Livorno come responsabile Arci. Nicola Solimano. Ex di Prima linea, condannato a 22 anni lavora alla Fondazione Michelucci di Fiesole, costituita nel 1982 dalla Regione Toscana e dai Comuni di Pistoia e Fiesole. È stato consulente della Regione Toscana per la nuova legge a tutela dei popoli Rom e Sinti e fra i coordinatori di un campus internazionale nell’ambito dell’iniziativa regionale Porto Franco, per conto dell’Assessorato alla cultura della Regione Tiziana Cecchetti che schifo 18 hours ago · LikeUnlike ·

Di: Giovanni Salamone

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

venerdì 14 gennaio 2011

SI ALLA ESTRADIZIONE DI CESARE BATTISTI

Vogliamo Cesare Battisti nelle Patrie Galere.
“La mancata scarcerazione di Cesare Battisti e' solo 'un piccolo passo'
E dimostra che le nostre iniziative cominciano a essere prese in considerazione. Non molleremo perche' ci e' stato dato un contentino anzi questa decisione rafforza i nostri propositi e ci spinge ad andare avanti'.

Alberto Torregiani

Petizione inserita il 11-01-2011 da ALBERTO TORREGIANI, 28060 - ITALIA
Numero di firme raccolte (cifra attualizzata una volta per ora) : 390 / 5000

http://www.lamiapetizione.ch/firme.php?idsig=jEarVlPGeUzbHkdv6u4k

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Copyright SuperTelex - Gestione EMERGENZE !

www.studioservice.com

I POST PIU' SEGUITI