Visualizzazione post con etichetta Consiglio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Consiglio. Mostra tutti i post

giovedì 5 dicembre 2013

IL CONSIGLIO DI STATO SCHIANTA DEFINITIVAMENTE EQUITALIA ! 767 DIRIGENTI ''FASULLI'' TUTTI GLI ATTI ILLEGITTIMI !

Sentenza del Consiglio di Stato: rischio illegittimità per 767 dirigenti dell’Agenzia delle Entrate; conseguente nullità di tutti gli atti fiscali e delle cartelle esattoriali scaturite da atti firmati da tale personale privo di qualifica. Promozioni in bilico.
Lo scandalo che “La Legge per Tutti” aveva sollevato quasi un anno fa con l’articolo “Nulli gli atti di Equitalia e Ag. Entrate: firmati da falsi dirigenti” si arricchisce di un nuovo e interessantissimo capitolo. Ad avvalorare la tesi secondo cui gran parte degli avvisi inviati dall'Agenzia delle Entrate e delle cartelle esattoriali notificate da Equitalia sarebbero nulli è una sentenza appena firmata dal Consiglio di Stato. Ma facciamo un passo indietro per capire cosa sta per succedere.
Lo scandalo era nato da una pronuncia del Tar Lazio [1] (cui poi seguì quella della Commissione tributaria di Messina): la sentenza aveva bloccato le nomine a dirigenti, presso diversi uffici delle Agenzie delle Entrate, nei confronti di numerosi funzionari che, però, non avevano svolto il concorso previsto per legge e, quindi, erano privi dei relativi titoli a dirigenti. In pratica, ben 767 funzionari su 1.143 totali (più della metà) erano stati nominati in modo illegittimo!
Un terremoto vero e proprio: per comprenderne la portata, basti pensare agli effetti che tale pronuncia aveva determinato su tutti gli atti firmati dai falsi dirigenti e sui conseguenti procedimenti che ne erano scaturiti. Se il dirigente è privo di qualifica, anche l’atto da questi firmato è nullo. Nulli, quindi, gli accertamenti e nulle anche le cartelle esattoriali di Equitalia emesse sulla scorta dei primi. Una catastrofe per il fisco! 

Fonte: La Legge per Tutti - Articolo Completo QUI !

www.studiostampa.com

lunedì 28 ottobre 2013

Cosa non fare a Roma: 10 consigli per i turisti in visita

Ecco le 10 cose da non fare a Roma:
  1. Non comprate articoli contraffatti dagli ambulanti che girano per la città o nelle bancarelle rischiate una bella multa!
  2. Non rubate foto con i gladiatori e i soldati romani perché sono a pagamento, se desiderate una foto con loro chiedete e pagate.
  3. Se dovete prendere un taxi aspettate presso la fermata dei veicoli con licenza non salite sui taxi abusivi se non volete pagare cifre stellari.
  4. Anche se siete veramente molto affamati evitate i ristoranti delle zone turistiche sono invitanti ma qualità e prezzo potrebbero essere davvero una sorpresa sgradita.
  5. Attenzione ai chioschi che vendono un po’ di tutto hanno prezzi salati!
  6. Non entrate nelle chiese, specie in Vaticano con abiti scollati che mettano in mostra spalle o gambe.
  7. Non gettate monete in fontane qualsiasi l’esclusiva ce l’ha solo la Fontana di Trevi.
  8. Non prenotate un hotel di Roma in periferia o comunque lontano dal centro se non volete spendere un capitale in trasporti.
  9. Non comprate l’acqua imbottigliata perché Roma è piena di nasoni ovvero fontanelle pubbliche.
  10. Non sostate nei pressi dei monumenti improvvisando dei pic-nic o prenderete una bella multa, idem per il bagno nelle fontane pubbliche, pediluvi o rinfrescate varie, evitate. 

venerdì 9 dicembre 2011

Crisi del debito in Italia: consigli a Governo e PMI

La ricetta globale anti-spread in dodici azioni, proposta degli analisti finanziari dell'Aiaf, tocca anche l'Italia, e interessa da vicino sia le strategie del nuovo Governo Monti sia le politiche che vedono protagoniste le PMI. 

A pochi giorni dal varo della Manovra Monti (DL recante “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici“), cerchiamo di capire quanto le misure previste dal pacchetto anti-crisi di fine 2011 trovino corrispondenza con le strategie pensate dagli esperti di settore.
La ricetta anti-spread messa a punto dagli analisti finanziari dell’Aiaf tocca infatti anche anche l’Italia: in relazione alla crisi del debito, premesso che i fondamentali della nostra economia sono «profondamente diversi da quelli della Grecia», i due obiettivi primari sono: rilanciare la crescita e aggredire il debito pubblico. E fin qui ci siamo.


QUI L'ARTICOLO COMPLETO.


IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

lunedì 17 ottobre 2011

RINNOVATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ASSINFORM

Milano, – La Giunta di Assinform ha rinnovato il Consiglio Direttivo per il biennio 2011-2013, con la nomina di 10 nuovi consiglieri che partecipano in rappresentanza di Almaviva, Business-e, Exprivia, Microsoft, Nextiraone Italia, Postecom, Selex Elsag, Sesa, Sirti e Zucchetti.
Il Consiglio Direttivo dell’Associazione è ora così composto:
  • Presidente: Paolo Angelucci (Cbt – Cosmic Blue Team)
  • Vicepresidenti: Costanza Amodeo (Engineering); Marco Tripi (Almaviva)
  • Consiglieri: Alessandro Barberis (Infocamere); Gianni Camisa (Dedagroup); Enrico Castanini (Datasiel); Paolo Castellacci (Sesa); Pier Luigi Dal Pino (Microsoft); Andrea Farina (Business-e); Domenico Favuzzi (Exprivia); Stefano Gigli (Telecom Italia); Antonio Grioli (Zucchetti Group); Roberto Liscia (Consorzio Netcomm); Stefano Lorenzi (Sirti); Roberto Lorini (Value Team); Franco Mazza (Aive Group); Giorgio Mosca (Selex Elsag); Roberto Pesce (Nextiraone Italia); Vincenzo Pompa (Postecom); Giovanni Radis (Unione Industriale di Torino-Gruppo Ict); Tatiana Rizzante (Reply); Elisabetta Romano (Pride); Mario Rosso (Almaviva).
Paolo Angelucci, Presidente Assinform, ha così commentato: “L’Information Technology italiana può offrire al Paese un contributo strategico in termini di apertura di nuove opportunità di crescita dell’economia, dell’occupazione, della competitività e produttività, ma deve essere messa al centro delle politiche di sviluppo del governo. L’Associazione rafforza il suo impegno nel valorizzare le potenzialità del settore, rimuovere criticità che ne ostacolano lo sviluppo, lavorare per l’affermazione di una concreta politica di digitalizzazione e infrastrutturazione avanzata del Paese”.
Recentemente Assinform è diventato socio di primo livello di Confindustria, mentre nel giugno scorso ha contribuito alla fondazione di Confindustria Digitale, la nuova federazione che riunisce le rappresentanze della filiera dell’informatica, delle telecomunicazioni e dell’elettronica di consumo.
--------------------------------------------------------------------------------
Ufficio Stampa Assinform
Milano – Stefania Follador - 3465003534 - s.follador@assinform.it

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

martedì 2 marzo 2010

Consiglio Ministri: approvato d.l.vo sui servizi dei media audiovisivi.

Ministero dello Sviluppo Economico.

Scajola: “Il provvedimento reca importanti disposizioni adeguando la disciplina in materia di attività radiotelevisiva alle innovazioni tecnologiche intervenute nel settore”.

Roma, 1° marzo 2010 - Il Consiglio dei Ministri - su proposta del Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, e del Ministro per le Politiche Europee, Andrea Ronchi - ha approvato in via definitiva il decreto legislativo di recepimento della direttiva sui servizi di media audiovisivi, già approvata in prima lettura il 17 dicembre 2009.
“Il provvedimento, che recepisce in parte le indicazioni delle Commissioni Parlamentari, reca importanti disposizioni adeguando la disciplina in materia di attività radiotelevisiva alle innovazioni tecnologiche intervenute nel settore”, ha detto il Ministro Claudio Scajola, sottolineando che “vengono introdotte regole comuni a tutti i servizi che diffondono immagini in movimento su qualunque piattaforma; norme europee che prevedono regole più flessibili in materia di pubblicità, comprendendo anche il cosiddetto ‘inserimento di prodotto’ (product placement) durante le trasmissioni televisive; disposizioni di rafforzamento della tutela dei minori, soprattutto per quanto riguarda la qualità della programmazione quotidiana”.

LE PRINCIPALI NOVITÀ

1) Internet.
Viene chiarito a quali servizi audiovisivi deve essere applicata la disciplina prevista dalla Direttiva, con un elenco dettagliato delle attività escluse (tra cui i siti Internet tradizionali, come i blog, i motori di ricerca, versioni elettroniche di quotidiani e riviste, giochi on line). È stato specificato che il regime dell’autorizzazione generale per i servizi a richiesta (diversi dalla televisione tradizionale, con palinsesto predefinito) non comporta in alcun modo una valutazione preventiva sui contenuti diffusi, ma solo una necessità di mera individuazione del soggetto che la richiede con una semplice dichiarazione di inizio attività.

2) Produzione audiovisiva.
Sono stati reintrodotti gli obblighi di programmazione per tutti gli operatori (compresa la pay-tv), nonché le quote di programmazione e di investimento previsti per la RAI e l’accorciamento dei tempi per l’emanazione del regolamento nel cui ambito dovranno essere fissate le sottoquote in favore della cinematografia nazionale, non solo per quanto attiene agli obblighi di investimento, ma anche di programmazione.

3) Tutela dei minori.
Vengono recepite anche condizioni che rafforzano la tutela dei minori, soprattutto per quanto riguarda la pornografia, inequivocabilmente estesa a tutte le piattaforme di trasmissione.

4) Ordinamento automatico dei canali.
Si semplifica e si omogeneizza il posizionamento dei canali televisivi sul telecomando. È stata infatti prevista una sinergia tra l’Autorità Garante per le Comunicazioni (che predispone un “piano di numerazione” con criteri di salvaguardia in favore dell’emittenza locale) e il Ministero (che in sede operativa assegna i rispettivi numeri ai fornitori di contenuti televisivi), con potere di sospensione fino alla revoca dell’autorizzazione in caso di inosservanza. Si ritengono così superate le preoccupazioni espresse dall’emittenti locali in relazione ad una possibile scarsa visibilità della propria programmazione nell’ordinamento automatico dei canali fornito all’utenza. -

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Giorgia Meloni: Le ultime Notizie dal Nostro Presidente del Consiglio.

EDIZIONE DEL 25 NOVEMBRE 2022 Nonostante la crisi il governo guarda oltre e mette insieme una manovra di prospettiva. Giorgia Meloni: “Abbia...

I POST PIU' SEGUITI