Visualizzazione post con etichetta Fiera. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Fiera. Mostra tutti i post

mercoledì 3 gennaio 2018

Orgogliosi della nostra Agricoltura !


113ª FIERAGRICOLA
Fiera di Verona, 31 Gennaio - 3 Febbraio 2018

I nostri eventi

L’Informatore Agrario e MAD - Macchine Agricole Domani organizzano a Fieragricola una serie di workshop, convegni e prove dinamiche dedicati alle ultime novità tecniche nel campo dell’agricoltura

Registrati ai nostri eventi ed entri gratis a Fieragricola!

A lezione di potatura con Simonit & Sirch

I preparatori d’uva Simonit & Sirch spiegheranno i principi della tecnica da loro codificata e mostreranno dal vivo i tagli da eseguire grazie al vigneto dimostrativo interno al Padiglione 4.
• 31 gennaio ore 10.00 e ore 14.00
• 1 febbraio ore 10.00
• 2 febbraio ore 10.00 e ore 14.00
• 3 febbraio ore 14.00

Per contrastare il mal dell’esca i preparatori d'uva Simonit & Sirch hanno messo a punto la tecnica di dendrochirurgia per risanare le viti colpite da questo problema. Durante il workshop presenteranno l'innovativa tecnica sia dal punto di vista teorico sia pratico.
• 1 febbraio ore 14.00
• 3 febbraio ore 10.00

Seminari dedicati alla viticoltura

31 gennaio - ore 11.45. È risaputo che un'adeguata scelta nutrizionale per la vite può fare la differenza sia in termini qualitativi sia quantitativi. Durante il workshop presenteremo le principali scelte da effettuare prima di approntare un piano di nutrizione, valutandone gli aspetti pratici, i vantaggi e gli eventuali errori nei quali non incorrere.

1 febbraio - ore 15.00. Parassiti fino ad oggi classificati come “minori” stanno creando problemi ai viticoltori di diverse regioni. È il caso ad esempio della fillossera, delle cocciniglie (tra cui Planococcus ficus), di Drosophila suzukii e della cimice asiatica. Durante il workshop analizzeremo le soluzioni di contenimento disponibili.

2 febbraio - ore 15.00. La gelata della primavera 2017 ha permesso di verificare l’efficacia di diversi tipi di potatura su varie forme di allevamento e varietà. Nel workshop saranno presentati i dati preliminari delle prove condotte dove viene evidenziata la necessità di controllare l’equilibrio vegetativo attraverso interventi di potatura mirata.

3 febbraio - ore 11.45. La gestione della botrite deve prevedere l’integrazione di tutti gli strumenti disponibili, dai mezzi agronomici (scelta di cloni a grappolo spargolo, equilibrate concimazioni e un’oculata gestione della chioma) ai mezzi di difesa sia di origine chimica sia naturale.

Dynamic Show


All'interno di un'arena transennata di circa 8.500 metri quadrati di superficie e con una tribuna coperta a disposizione del pubblico, si svolgerà una dismostrazione di macchine e attrezzature in movimento per la gestione del vigneto e del frutteto
www.studiostampa.com

giovedì 22 maggio 2014

FORUM PA 2014 - Dal 27 al 29 maggio 2014 a Roma | Palazzo dei Congressi - EUR

29 MAGGIO Da non perdere a FORUM PA 2014

Uber, tassisti e non solo: a #FPA14 il ruolo della PA nella 

sharing economy che avanza. Con la protesta dei tassisti milanesi 
contro Uber Pop dei giorni scorsi, il servizio di carsharing peer 
to peer appena lanciato dalla startup californiana, la sharing 
economy ci è letteralmente esplosa tra le mani. Apriamo 
la terza giornata di FORUM PA 2014 con conferenza 
internazionale dedicata al rapporto tra PA ed economia collaborativa.

29 MAGGIO La redazione segnala

Openbilanci: i conti aperti dei Comuni Italiani #FPA14. 
Vi è mai capitato di vedere il bilancio di un Comune? Non è proprio 
un sistema che si preoccupi di essere comprensibile. 
A #FPA14 presentiamo un nuovo modo di interpretare il bilancio: 
scopriremo Open bilanci. 

8° Forum Nazionale Patrimoni Pubblici: 
le "practice degli Enti Pubblici". 
Promosso da Patrimoni PA net, il laboratorio fondato 
da FORUM PA e TEROTEC l'evento è occasione verranno presentate 
le esperienze concorrenti al "Premio Best Practice 
Patrimoni Pubblici 2014". 

Partecipazione civica in diretta, diventa Supercittadino
o Supercittadina subito! 
Con l’aiuto di cittadini attivi, degli amministratori del gruppo 
trasparenza siti web pa verrà mostrato quali informazioni, 
dati e documenti dovresti trovare nel sito web della tua PA. 

Disegnare le politiche pubbliche con la città come bene comune. 
Ciò che appare stridente è la distanza tra ciò che è guidato
dall'amministrazione e ciò che è guidato dalle comunità: i cittadini 
prendono parte alla governance, ma non hanno fiducia nel governo. 
Molti servizi sono garantiti dall'attivismo dei cittadini con 
progetti collaborativi dalle forme inaspettate. 

FPA14, il 29 maggio all'insegna della trasparenza 
con Formez PA.
Trasparenza comunicativa, servizi al cittadino, 
Open data, valutazione e gestione delle performance, 
anticorruzione: 
saranno questi i temi chiave della partecipazione di Formez PA 
al programma di convegni del 29 maggio.

giovedì 13 maggio 2010

E se il Vinitaly cominciasse la domenica? Il mondo del vino comincia a dire sì

Una interessante proposta ha animato il dibattito sul dopo Vinitaly 2010.

Il sito Internet Gourmet del giornalista gardesano Angelo Peretti ha difatti proposto, proposta che potete leggere qui, un'intelligente e semplicissima riforma da realizzare, basta volerlo, una modifica della classica formula del Vinitaly che prevede l'apertura il giovedì e la chiusura, in sordina e tono minore, il lunedì.
Come ha scritto, "ora che è all'apice del suo successo di pubblico, credo che il Vinitaly possa e debba cambiare. Senza tradire la propria anima costantemente in equilibrio precario fra evento nazional-popolare e momento di business. Anzi, rafforzando entrambe le proprie caratteristiche. ma dandovi nel contempo maggiore coerenza interna. Intendo semplicemente - ma anche complicatamente, per gli organizzatori - questo: perché invece che continuare a fare la fiera dal giovedì al lunedì non spostare l'appuntamento dalla domenica al mercoledì?"

(Corso Vini a Gallicano nel Lazio - Giancarlo Bertollini)

Secondo Peretti, "l'attuale formula funziona, ma scricchiola. Per più ordini di motivi. Il primo: la stampa e i buyer internazionali sono a Vinitaly dal giovedì al sabato. Poi rientrano, anche per questioni di voli (la domenica è più complicato). Poi: il sabato la fiera resta in balìa di troppi visitatori che col business e con la passione del vino non c'entrano niente (dice niente il numero degli sbronzi in giro per i padiglioni la sera?) La domenica è un bagno di folla, il che è positivo in termini di fidelizzazione del consumatore finale, ma non consente di fare affari: costo puro per i produttori (che tra l'altro la domenica, dopo tre giorni di fiera, sono già "cotti"). Il lunedì è il giorno della stanchezza e dell'oblio, mentre dovrebbe essere la giornata dei ristoratori, che invece - con buona ragione, essendo gli espositori in smobilitazione disertano".
L'analisi del giornalista prosegue con questo ragionamento: "Mettiamo invece il caso che si apra la domenica per chiudere il mercoledì. Il sabato potrebbero agevolmente arrivare gli operatori esteri e per loro - così come per la stampa di settore - si potrebbero allestire serate promozionali in città e nelle province vicine: un'occasione di business extra fiera in più". L'animatore di Internet Gourmet prosegue osservando che "la domenica - con gli espositori ancora "freschissimi" - ci sarebbe il consueto bagno di gente, ma senza i caciaroni-ubriaconi del sabato. La domenica costituirebbe poi un'occasione d'oro per i media generalisti, che troverebbero pane per la loro smania di folla e di gossip, con corrispondente visibilità della fiera.
Dal lunedì al mercoledì si farebbe effettivamente business, oltretutto con la ristorazione che potrebbe "riappropriarsi" della fiera. I vantaggi per gli espositori: maggior ordine, maggior possibilità di fare affari, costi minori (un giorno in meno di fiera). Le prospettive per la fiera: possibili minori incassi (un giorno in meno), minori costi (un giorno in meno, anche in questo caso, ovviamente), miglior soddisfazione dei clienti.
Le prospettive per l'economia veronese: week end pieno (gli espositori e gli operatori arrivano il venerdì o il sabato, e occupano le stanza al completo anche la domenica, mentre ora ci sono partenze già dal sabato) e prolungamento degli affari fino al mercoledì, non perdendo dunque neppure un giorno di "tutto esaurito" rispetto ad oggi. Le prospettive per gli allestitori: maggior numero di giorni disponibili nella settimana pre-Vinitaly".
Personalmente considero quella di Peretti una proposta di grande ragionevolezza, che penso anche l'A.I.S. possa fare propria e magari rilanciarla.
Tanto più che si tratta di un'idea tutt'altro che bizzarra o marginale, ma che comincia ad essere presa seriamente in considerazione anche dal mondo del vino.
Lo dimostra, ad esempio, il Consorzio Chianti Rufina che in data 22 aprile ha indirizzato all'Ente Autonomo per le Fiere di Verona e alla dottoressa Elena Amadini, Brand manager wine and food, una "Richiesta variazione date Fiera VINITALY". Ecco il testo della lettera: "Gentile Dott.ssa Amadini, con questa lettera il nostro Consorzio Chianti Rufina intende farsi portavoce delle sempre più pressanti richieste che ci stanno pervenendo dai nostri associati relativamente alla questione delle date nelle quali si svolge la fiera VINITALY presso la Vostra struttura. Nello specifico ci viene richiesto di sondare la vostra disponibilità a variare il giorno di inizio e fine della fiera dagli usuali giovedì / lunedì ad una più congeniale dislocazione delle giornate, con inizio fiera alla domenica e giorno finale il giovedì.
Questa nuova disposizione delle giornate fieristiche porterebbe, a nostro parere, ad una maggiore e più incisiva presenza degli operatori esteri, i quali si troverebbero ad avere una giornata infrasettimanale in più per visitare gli stand senza incappare nella solita ressa che si registra nei giorni di sabato e domenica, quindi offrirebbe loro anche la possibilità di poter estendere il loro soggiorno per turismo in Verona o nelle zone limitrofe anche nel week end, con evidenti ricadute positive anche sull'economia locale. Sarebbe comunque mantenuta la giornata del lunedì, tradizionalmente appannaggio di ristoratori ed enotecari, quindi non si dovrebbero riscontrare grossi sconvolgimenti sia per il pubblico di appassionati che visita la fiera che per gli operatori del settore.
Ci auguriamo che la nostra richiesta possa essere presa in esame e restiamo in attesa di un Vostro gentile cenno di riscontro. Distinti saluti Il Presidente Giovanni Busi".
Questa la posizione del Consorzio del Chianti Rufina, pubblicheremo molto presto il punto di vista, in merito, di altri importanti Consorzi vinicoli italiani.

http://www.studiostampa.com/

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Contributi a Fondo Perduto per Marchi e Brevetti !

l'ADE Consulting è lieta di comunicarvi  un'importante opportunità per le aziende titolari di un brevetto o di una domanda di brevet...

I POST PIU' SEGUITI