mercoledì 22 dicembre 2010

Un sincero Augurio di Buone Feste

Auguriamo a TUTTI un futuro pieno di Salute, Serenità e Successo.
Grazie per averci seguito e per continuare a farlo.
;-)  Giancarlo Bertollini

martedì 21 dicembre 2010

E' morto Enzo Bearzot, vinse i Mondiali del 1982

ANSA.it > Calcio > News
Era nato in Friuli 83 anni fa. Centrocampista negli anni '50, da ct fece sognare l'Italia
21 dicembre, 13:31

ROMA - Il suo naso, da boxeur, e la pipa, perennemente accesa, hanno fatto la felicità dei vignettisti per anni. Erano i segni distintivi di Enzo Bearzot, scomparso oggi ad 83 anni. Detto il 'Vecio', come si fa per tutti i friulani doc (era nato ad Aiello del Friuli il 26 settembre '27), anche per quelli che vecchi non sono.

Ed in effetti lui non lo e' stato mai, in questo aiutato dalla passione del calcio, che lo aveva preso da ragazzino, quando in un collegio di Gorizia dormiva con la foto di Campetelli, centromediano dell'Inter, sotto il cuscino.
E non era taciturno, né introverso - come sostenevano i suoi denigratori -, soltanto non gli piaceva sprecare le parole. Fosse stato come lo dipingevano, non avrebbe mai creato il gruppo che conquistò il terzo titolo mondiale del calcio italiano nel 1982 in Spagna. Un gruppo che non si è mai sciolto, neanche quando qualcuno si è allontanato dal pallone (come Paolo Rossi), oppure è stato prematuramente rapito dalla morte (come Scirea). Un gruppo che ha mantenuto i contatti con l'uomo che l'ha plasmato e che continuerà a considerarlo vivo.
Un legame veramente speciale quello che legava gli azzurri a Enzo Bearzot, riconoscenti perché prima di condurli al traguardo più importante della loro carriera, aveva saputo difenderli da critiche feroci. E li aveva sostenuti quando decisero quel clamoroso e innovativo silenzio stampa che anche oggi, di tanto in tanto, viene imitato da questa o quella squadra di club.
Portavoce era Dino Zoff, altro friulano di poche parole, che Bearzot considerava il suo terzo figlio, e che un giorno si sarebbe seduto sulla panchina azzurra con minor fortuna. Nel dicembre del 2000 il gruppo si strinse ancora una volta intorno a Bearzot, che presentava (con l'autore Gigi Garanzini) il libro biografico, 'Il romanzo del vecio'. In quella serata il tecnico sorprese i suoi vecchi allievi rivelando che il calcio non gli mancava, pur amandolo, perché "sentivo di non appartenervi più ". C'era amarezza nelle sue parole, un po' di malinconia, forse stimolata dalle note del jazz (questa musica era la sua seconda passione, naturalmente dopo il football).
Quella sera Bearzot parlava del calcio al passato remoto, come di una storia finita tanto tempo prima. Ma dopo poco più di un anno - a gennaio del 2002 -, mettendo fine a un distacco ventennale, Bearzot aveva accettato con rinnovato entusiasmo l'invito della Federcalcio ad assumere la responsabilità di presidente del settore tecnico della Figc. In quell'occasione Claudio Gentile, uno del gruppo, allora tecnico della Under 21, ricordando il bel gioco espresso dalla nazionale nei mondiali del '78 (Argentina, azzurri quarti) e dell''82, lo definì il miglior ct azzurro dopo Pozzo (morto come lui il 21 dicembre, del 1968), sostenendo che "Enzo Bearzot non deve restare lontano dal calcio, perché il calcio è il suo mondo". E lui: "Sono contento perché l'indicazione viene dal mio mondo".
La sua avventura nel calcio era cominciata come giocatore: dalla Pro Gorizia, era passato, ventenne, all'Inter, poi al Catania, poi all'Inter nuovamente, ed aveva terminato la carriera al Torino. Era un difensore grintoso ma corretto, non privo di tecnica. Delle sue esperienze di calciatore seppe far tesoro alla guida della nazionale, riuscendo ad utilizzare al meglio i giocatori che sceglieva, incurante dei suggerimenti e delle critiche della stampa, anche quando i risultati non gli davano ragione. Fautore del 'primo non prenderle' non fu mai catenacciaro.
Fu maestro invece nell'esaltare l'arte del contropiede con cui nell'82, nel Mundial, di Spagna schiantò una dopo l'altra Argentina, Brasile e Germania. Indimenticabili le imprese dei terzini-ala Cabrini e Gentile, delle ali a tutto campo Conti-Graziani, di Tardelli, giocatore universale, di Zoff portiere-saracinesca, di Paolo Rossi guizzante, imprendibile opportunista sotto rete, di Scirea, direttore d'orchestra di un gioco che a tratti ricordava il free-jazz per la sua imprevedibilità. Paradossalmente, però, quattro anni dopo, l'attaccamento al gruppo, e la conseguente incapacità a rinnovare, fu fatale a Enzo Bearzot. Al cospetto di risultati negativi (mancata qualificazione agli Europei '84, eliminazione negli ottavi del mondiale messicano '86), attaccato dalla critica e di fronte all'ostilità del vertice federale, preferì lasciare anziché rinunciare alle sue convinzioni. Ma nella storia del calcio, e non solo, rimarranno sempre le immagini delle imprese precedenti. L'urlo e la corsa pazza di Tardelli, dopo il gol alla Germania.
E quel giovane Vecio, dal naso di boxeur e dalla pipa eternamente accesa, che sull'aereo degli eroi di Madrid, gioca a briscola con Causio, Zoff e il presidente della Repubblica Pertini, un altro celebre appassionato della pipa, un altro Vecio che, come lui, non invecchiò mai.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Allarme a Roma: trovato un ordigno in un vagone metro.

di Redazione

L'ordigno è stato rinvenuto da un operatore dell'Atac verso le ore 10 di stamani, nell'area in cui vengono effettuate le manovre dei treni della linea B nella stazione Rebibbia della metropolitana.
- Questa mattina, attorno alle ore 10, un operatore dell’Atac ha rinvenuto presso il "binario tronchino" (nell’area in cui vengono effettuate le manovre dei treni) della stazione della metropolitana linea B Rebibbia, un oggetto sospetto all’interno di un vagone. Ne dà notizia l’Atac. Sono state immediatamente allertate le forze dell’ordine e i Vigili del fuoco, che, intervenuti sul posto, hanno provveduto ad isolare l’area procedendo poi alla constatazione della potenzialità esplosiva dell’ordigno.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

domenica 19 dicembre 2010

E' morto Tommaso Padoa Schioppa

Ex ministro Economia aveva 70 anni.

E' morto a Roma per un attacco cardiaco Tommaso Padoa Schioppa. L'ex ministro dell'Economia del governo Prodi aveva 70 anni. Nato a Belluno il 23 luglio del 1940, è stato uno dei più rinomati economisti italiani. Il suo ultimo incarico è stato quello di consigliere del primo ministro greco, George Papandreou, per far uscire Atene dalla crisi che ha messo in ginocchio il Paese.
Tommaso Padoa Schioppa è deceduto improvvisamente a Roma per un arresto cardiaco. Stava partecipando ad una cena organizzata a Palazzo Sacchetti, in via Giulia, dove aveva riunito un centinaio di amici. Verso le 21 ha avuto un malore ed è stato portato in un ospedale del centro della città dove è morto. Padoa Schioppa, di Belluno, aveva 70 anni. Economista, è stato ministro dell'Economia nel 2006 del secondo Governo Prodi. In passato aveva ricoperto il ruolo di membro del Board della Banca Centrale Europea.
"Mandiamo a casa i bamboccioni".
Fu un intervento duro che scatenò una polemica politica durata diversi giorni eppure rimase nella mente degli italiani tanto che il termine "bamboccione" fu sdoganato e viene ancora oggi usato ad alti livelli. Il 4 ottobre del 2007, l'allora ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa, in un'audizione davanti alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato prese tutti in contropiede con una battuta al vetriolo: "Mandiamo i bamboccioni fuori di casa. Incentiviamo a uscire di casa i giovani che restano con i genitori, non si sposano e non diventano autonomi. E'un'idea importante". Immediata fu la reazione politica da ambo gli schieramenti. A sinistra parlavano di battuta infelice, a destra si diceva odia i giovani. Col senno di poi, e guardando le statistiche Istat, purtroppo qualche ragione il ministro sembra avercela.

Ultimo aggiornamento ore 00:46

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

venerdì 17 dicembre 2010

Bandi aperti per le imprese.

Ecco l'elenco di alcuni bandi aperti per finanziamenti destinati alle imprese, gestiti da Sviluppo Lazio, dalle altre società del Gruppo e da altre istituzioni nazionali e locali. Per il quadro completo delle normative e per avere maggiori informazioni sulle leggi e i bandi aperti consulta il sito @gevolazio ( www.sviluppo.lazio.it/agevolazio ) o chiama i Numeri verdi InformaLazio 800 264 525) e InformaPOR (800 914 625, per i bandi POR FESR).
- Bando over 45 e immigrati: sostiene, attraverso dei finanziamenti a fondo perduto, lo sviluppo dell'occupazione attraverso soluzioni di autoimpiego e di creazioni d'impresa, con particolare attenzione alle fasce di lavoratori immigrati e al reingresso nel mondo lavorativo degli over 45. Per saperne di più: www.biclazio.it  
- Incentivi a favore degli Enti locali e degli altri datori di lavoro pubblici per l’assunzione a tempo indeterminato di Lavoratori Socialmente Utili (LSU). Prenotazione on line sul sito www.incentivi.lazio.it.
- L.R. 29/96 'Imprenditoria giovanile': bando sempre aperto fino a esaurimento fondi. La Legge regionale 29/96 ha come obiettivo favorire la creazione e il rafforzamento di imprese giovanili, femminili e di lavoratori svantaggiati.
- L. 266/97 art. 14 - Finanziamenti per lo sviluppo imprenditoriale in aree urbane depresse: il Comune di Roma finanzia progetti di investimento e sviluppo di piccole e micro imprese nuove o esistenti in aree di degrado urbano. Per saperne di più: http://www.autopromozionesociale.it .
- L.R. 19/99 'Prestito d'onore': obiettivo della legge è favorire la creazione e lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile. Permette di avere supporto e assistenza nella fase di avvio dell'attività, concedendo fino a 30.000 euro di contributo-finanziamento. ATTENZIONE: in considerazione dell'insufficienza di fondi, per le domande presentate a partire dal 01/02/2009 sono sospesi i termini previsti per il completamento dell´iter valutativo, di cui all'art. 8.1 della DGR n. 1082 del 04/04/2000. Per tali progetti, l'istruttoria resterà pertanto sospesa fino ad espressa autorizzazione da parte della Regione Lazio. Vedi anche: www.biclazio.it .
- L.R. 2/85 - Assistenza tecnico-finanziaria a favore delle Pmi del Lazio: prevede interventi finanziari nel capitale di rischio delle Pmi operanti nei settori ad alta tecnologia e/o nella cosiddetta 'nuova economia'. Per saperne di più: www.filas.it .
- L. 240/81 - Contributi in favore di imprese artigiane: contributi in conto canoni sulle operazioni di locazione finanziaria effettuate in favore di imprese, cooperative e consorzi artigiani per l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e immobili. Per saperne di più: www.artigiancassa.it .
- L. 949/52 - Finanziamenti per imprese artigiane: contributi in conto interessi alle imprese artigiane per l'ampliamento e l'ammodernamento dei locali, per l'acquisto di macchine, attrezzi e autoveicoli nuovi, per la formazione di scorte di materie prime e di prodotti finiti. Per saperne di più: www.artigiancassa.it .
- L.R. 32/97 - Interventi a favore delle attività di autoveicoli in servizio da piazza - Taxi e di noleggio con conducente: contributi per l'acquisto o il rinnovo dell'autoveicolo e per l'installazione sul veicolo di radio di servizio, allestimenti speciali, divisori per la sicurezza. Per saperne di più: www.artigiancreditolazio.it .

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

giovedì 16 dicembre 2010

Responsabilità del Condominio

Cass. n. 5539/97 (cosi’ Trib. Bari 11 novembre 2010 n. 3360).

In questo contesto, pertanto, e’ possibile trarne questa considerazione: il condominio quale custode dei beni comuni risponde dei danni procurati dagli stessi a titolo di responsabilita’ oggettiva. In sostanza gli si addossa un rischio per il solo fatto d’essere titolare di quelle parti dell’edificio. Per andare esente da responsabilita’, il condominio dovra’ dimostrare la presenza di un caso fortuito (ossia di un evento imprevisto ed imprevedibile) che puo’ essere anche il fatto colpevole del danneggiato o di un terzo (si pensi al condomino che negligentemente intasa la condotta fognaria.

 
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

OGGI A ROMA E NEL LAZIO

PEC S43 QBXL OGGI NEL LAZIO (ANSA) - ROMA, 16 DIC.

AVVENIMENTI PREVISTI PER OGGI NEL LAZIO:
1) 8.00 - Roma, scuola materna La Coccinella, piazza Sauli. Iniziativa di protesta dal titolo « Cibo per la mente », contro la sostituzione di alimenti biologici, organizzata dai genitori degli alunni, partecipano, il consigliere Peciola e il presidente del Municipio XI, Catarci. 2) 9.00 - Roma, sala Gonzaga, via della Conciliazione, 4. Giornata di studio « Sfide rinnovate per la professione », interviene l'assessore provinciale, Cecchini. 3) 9.30 - Roma, Campidoglio, sala del Carroccio. Presentazione dell'incontro di pugilato Della Rosa vs Ayoub, in programma venerdì 17 dicembre, partecipa, il delegato alle Politiche dello Sport, Cochi. 4) 9.30 - Roma, Regione Lazio, sala Tirreno, via C.Colombo, 212. Conferenza internazionale « Verso una politica marittima integrata a livello delle Regioni costiere mediterranee », intervengono, L'assessore all'Ambiente, Mattei e il presidente della Regione Lazio, Polverini. 5) 9.30 - Roma, centro Convegni «Carte Geografiche», via Napoli, 36. Forum degli amministratori locali del Pd Lazio. 6) 10.00 - Roma, sede centrale Regione Lazio, sala Tevere, via C. Colombo, 212. Presentazione della «Relazione sullo Stato dell'abusivismo del Lazio», con Polverini, Ciocchetti, Batelli e Schiattarella. 7) 10.00 - Frosinone, palazzo della Provincia, piazza Gramsci, 13. Convegno « Le prestazioni sanitarie della diagnostica per immagini del servizio sanitario nella Regione Lazio: le attese e la percezione degli utenti », organizzato da Lega Consumatori Lazio, partecipa, l'assessore, Buontempo 8) 10.30 - Roma, ufficio postale di piazza San Silvestro. Iniziativa di solidarieetà di Poste Italiane, vendita del volume di letterine spedite a Babbo Natale nel 2010, il ricavato sarà devoluto a favore dell'infanzia abbandonata e bambini Cambogiani e raccolta di letterine per Babbo Natale. 9) 10.30 - Roma, via Parigi 11. Conferenza delle Regioni, interviene il presidente della Regione Lazio, Polverini. 10) 11.00 - Roma, Ministero dell'Istruzione, sala della Comunicazione, viale Trastevere, 76/a. Presentazione dell'iniziativa « La scuola per Roma 2020 », intervengono, il Presidente di Uir, Regina il Ministro dell'Istruzione, Gelmini e il sindaco di Roma, Alemanno. 11) 11.00 - Roma, palazzo Valentini, sala Consiliare Convegno « L'innovazione nei servizi alla persona in Europa », organizzato dalla Coop.Oesse, interviene l'assessore provinciale alle Politiche Sociali, Cecchini. 12) 11.15 - Roma, Ministero dell'Istruzione, viale Trastevere, 76/a. Presentazione dell'iniziativa « La scuola per Roma 2020 », intervengono, il Presidente di Uir, Regina il Ministro dell'Istruzione, Gelmini e il sindaco di Roma, Alemanno. 13) 11.30 - Roma, via Albano (incrocio via Tuscolana). Sopralluogo nel cantiere per verificare lo stato dei lavori di manutenzione stradale, partecipano, il presidente della Commissione Politiche Sociali, Tredicine e l'assessore ai Lavori Pubblici, Ghera. 14) 11.30 - Ladispoli (Roma), via di Settevene Palo. Inaugurazione del nuovo parcheggio, interviene, l'assessore alla Mobilità e Trasporti, Colaceci. 15) 12.30 - Isola Liri (Frosinone), quartiere San Carlo. Inaugurazione del cantiere dellAter, partecipa l'assessore, Buontempo 16) 13.00 - Roma, Mercati di Traiano, via IV novembre, 94. Conferenza stampa di presentazione della mostra « Ori antichi della Romania. Prima e dopo Traiano », intervengono, l'ambasciatore della Romania, Rusu, il ministro della Cultura della Romania,Hunor, il sovraintendente ai Bene Culturali, Broccoli e l'assessore Croppi 17) 13.00 - Roma, istituto scolastico IIS, sezione Alberghiera, via Cesare Lombroso, 118. Iniziativa « No rete no party. A tavola con le reti Romane », promossa dall'istituto IIS, interviene l'assessore provinciale, Cecchini 18).13.30 - Roma, sede Anci, via dei Prefetti, 46. Conferenza stampa dell'Ufficio Presidenza dell'Anci, interviene, il sindaco di Roma, Alemanno. 19) 13.30, Roma, via della Martora. (SEGUE). RED 16-DIC-10 08:45 NNN

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

martedì 14 dicembre 2010

Ecco la Sinistra, solo Odio e Violenza.

Nel centro di Roma è tornata tranquilla la situazione dopo gli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine che hanno provocato una vera e propria guerriglia urbana tra via del Corso, piazza del Popolo e piazzale Flaminio. Le forze dell'ordine hanno disperso il blocco più violento del corteo che ormai si è allontanato sparpagliandosi dalle vie del centro storico.

Nelle strade degli scontri ci sono ancora i resti della 'battaglia': a via del Babuino e via del Corso, lato piazza del Popolo, giacciono le carcasse bruciate di tre auto, un mezzo per la raccolta dei rifiuti e una camionetta della Guardia di finanza.
In via del Corso i negozianti stanno provvedendo a pulire come possibile la strada dai detriti, mentre cittadini e turisti hanno ripreso il classico passeggio per la via. Ancora invece piena di sampietrini divelti, semafori rotti, tubi Innocenti e vari oggetti contundenti la zona tra piazza del Popolo e piazzale Flaminio, teatro dell'ultimo scontro.
Sono saliti a una quarantina i feriti medicati sul posto in seguito agli scontri avvenuti ed ancora in corso nel centro storico della capitale. Lo si apprende da fonti del 118 che confermano: "Nessuno finora e' stato portato in ospedale". Non c'e' stato fino ad ora nessun "codice rosso" ovvero casi gravi, spiegano ancora dal 118, ma soltanto medicazioni di ferite e contusioni.
Alemanno: Roma è patrimonio dell'Unesco, vergognoso.
Sul luogo degli scontri e' arrivato anche il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. In stampelle, il primo cittadino si sta informando dell'accaduto con gli uomini delle forze dell'ordine. Per lui, giacchetto Belstaff con serigrafia tricolore. Qualche fischio e contestazione per il primo cittadino da parte di alcuni manifestanti rimasti in zona.
Quanto accaduto oggi "e' qualcosa di assolutamente vergognoso". Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in un sopralluogo compiuto a piazza del Popolo dopo gli scontri fra forze dell'ordine e manifestanti.
Il Sindaco ha espresso "solidarieta' a tutti i cittadini che hanno subito violenze" e assicurato che "per i commercianti cercheremo di trovare delle soluzioni per aiutarli nel caso abbiano subito danneggiamenti:" "Ci vuole uno scatto morale di tutte le forze politiche perche' facciano muro rispetto a questa violenza, non piu' tollerabile".
E su lavoro compiuto dalle forze dell'ordine: "Hanno fatto il possibile per evitare incidenti, cercando di contrastare gli atti compiuti da persone che si sono infiltrate tra gli studenti e i manifestanti. Questa e' una strategia di provocazione studiata da tempo". In piazza del Popolo il sindaco e' stato contestato da un gruppo di giovani che gli hanno urlato "fascista" e "pagliaccio". Durante il sopralluogo su via del Babuino, invece, due commercianti hanno rimproverato al sindaco di non aver fatto abbastanza per prevenire quanto accaduto.
I disordini
Alcuni cassonetti sono stati dati alle fiamme in Via del Corso dai manifestanti, all'altezza di Piazza del Popolo, dove e' confluita la manifestazione. Per tutta Via del corso sono rimasti a terra i resti di vasi rotti e cassonetti della spazzatura rivoltati negli scontri. Al momento sono intervenuti i vigili del fuoco per spegnere le fiamme che provocano un denso fumo nero.
La guerriglia era iniziata con palloncini pieni di vernice e bottiglie.
La polizia ha caricato il gruppo di manifestanti che sta devastando via del Corso e che aveva assaltato le tre camionette della Finanza. I teppisti, alcune centinaia, sono arretrati verso piazza del Popolo.
Un poliziotto ferito. La polizia ha risposto con i lacrimogeni al lancio di petardi e vernice da parte degli studenti contro il Senato. I manifestanti sono arretrati. Il lancio dei fumogeni avviene da dietro i blindati che sono stati colpiti da pietre e bottiglie.
Palazzo Madama, il 24 novembre scorso, era stato invaso dagli studenti che erano riusciti ad entrare nel primo atrio sbarrato dalle vetrate. Cariche della polizia vicino al Senato quando i manifestanti hanno tentato di assaltare alcuni blindati armati di pale e mattonelle, prese da un camioncino. Il furgoncino pieno di picconi, martelli e mattoni e' parcheggiato a corso Rinascimento.
A Milano.
Momenti di tensione in Piazza Fontana a Milano, dove un gruppo dei 'corsari' ha fronteggiato carabinieri e polizia, ferma tra Piazza Fontana e via Larga. I manifestanti hanno lanciato uova e qualche sasso all'indirizzo delle forze dell'ordine, ma non c'e' stato nessun contatto. Armati di palloncini di vernice colorata hanno tentato 'l'avanzata' contro gli agenti in tenuta antisommossa, poi si sono fermati e tutto e' tornato alla normalita'. Nessun contatto si e' registrato tra manifestanti e uomini in divisa. Mentre una parte degli studenti e' ferma in Piazza Fontana, un altro gruppo ha proseguito in corteo ed e' fermo a pochi metri da Piazza Cavour.
A Palermo.
Una cinquantina di studenti medi ed universitari hanno eluso i controlli e sono riusciti ad entrare sulla pista dell'aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo. Il gruppo di ragazzi è contenuto dalle forze dell'ordine in una parte del piazzale di parcheggio degli aeromobili. Migliaia di studenti stanno sflando invece per le vie della città bloccando l'intero centro. Occupata anche la stazione centrale: i giovani si sono piazzati sui binari principali impedendo la partenza di alcuni treni. Annunciano che i convogli resteranno fermi almeno fino alle 13.
A Bari.
Tre studenti che hanno tentato di occupare i binari di un passaggio a livello alla periferia della città sono stati bloccati dalla polizia e condotti in questura per accertamenti. Due i cortei che attraversano le strade per protestare contro la riforma dell'Università voluta dal governo Berlusconi. I manifestanti sono diretti verso il centro cittadino dove raggiungeranno i circa 500 studenti universitari e di istituti superiori che partecipano ad un altro corteo che sta attraversando le strade del centro murattiano. I due cortei sono scortati dalle forze dell'ordine.
Gli studenti protestano anche a Genova contro la riforma Gelmini e i tagli alla scuola e all'Università. Dietro lo striscione "Nell'ignoranza la sottomissione, nella conoscenza la ribellione", il corteo, a cui partecipano anche lavoratori e militanti del Popolo Viola, scortato dalla polizia sta creando disagi alla circolazione stradale. Dalle 9 di questa mattina, inoltre, ricercatori e dipendenti dell'Ateneo genovese, sempre per protestare contro il disegno di legge al vaglio del parlamento, hanno simbolicamente occupato il Rettorato.
Manifestazione degli studenti anche a Torino. Il corteo è arrivato fin sotto la sede del Pdl, protetta da un fitto cordone di polizia. Gli studenti hanno lanciando uova e fumogeni contro la sede del Pdl gradidando slogan slogan all'indirizzo del governo.
Un giovane studente è stato ferito al volto probabilmente durante il lancio di bottiglie che i manifestanti hanno effettuato contro i mezzi blindati nei pressi di Palazzo Grazioli. Il ragazzo è stato soccorso da altri studenti e fatto allontanare dalla manifestazione.

"Si è oscurato il cielo da quanti sanpietrini volavano".

Notizie collegate.
Maroni: o si allarga la maggioranza o si vota
Berlusconi ha la fiducia con tre voti di scarto

Il Governo ottiene la fiducia anche alla Camera, per tre voti: 314 deputati hanno votato contro la sfiducia, 311 hanno votato a favore. Il governo resta dunque in carica. Due defezioni tra le file finiane di futuro e libertà: Siliquini e Polidori. I primi commenti a caldo sono del presidente della Camera Fini che dichiara "non c'e' fretta" e di Bersani del Pd per il quale non cambia nulla, il governo non ce la può fare a governare. La maggioranza prima aveva 60-70 voti di vantaggio ora ne ha solo 3.

Le notizie in sommario.
Scontri e cariche a Roma nel giorno del B-day.
Berlusconi ha la fiducia con tre voti di scarto.
Assange libero su cauzione ma resta dentro.
Polidori: minacce dopo il mio voto.
Minacce alla Marcegaglia.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Rassegna Stampa di Venerdì 20 maggio 2022

ACCREDITAMENTO IL SOLE 24 ORE   Pag. 7 ITS, RIFOR...

I POST PIU' SEGUITI