Visualizzazione post con etichetta Correttezza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Correttezza. Mostra tutti i post

martedì 12 maggio 2015

LA PAGLIUZZA E LA TRAVE ! Dedicato a chi, con IPOCRISIA punta il dito mentre gestisce affari poco puliti, a chi lavora nel sottobosco per ottenere appalti e lavori, a chi "gonfia" le fatture per accontentare qualcuno, a chi se ne frega degli obiettivi sani e comuni ma pensa solo ai propri, diffondendo il male nella Comunità.

Parole di Luce.
"Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?" 
(Luca 6,41)
Quanto tempo perdiamo nel  fermarci a guardare i difetti degli altri, giudicare i loro errori e poi non ci accorgiamo delle nostre troppe povertà e della tua infinita misericordia nei nostri confronti. Liberaci Signore dal virus mortale del giudizio e donaci un cuore umile che sappia cercare sempre la luce della tua verità per riconoscere che noi siamo niente, tu sei tutto, senza di te non possiamo fare niente. 
Un fariseo, miniatura. Londra, British Library

«Un discepolo si era macchiato di una grave colpa. Tutti gli altri reagirono con durezza condannandolo. Il maestro, invece, taceva e non reagiva. Uno dei discepoli non seppe trattenersi e sbottò: “Non si può far finta di niente dopo quello che è accaduto! Dio ci ha dato gli occhi!” Il maestro, allora, replicò: “Sì, è vero, ma ci ha dato anche le palpebre!”». Siamo partiti da lontano, con questo apologo indiano, per commentare una delle frasi più celebri del Vangelo, dedicata alla falsa correzione fraterna.
Sappiamo, infatti, che lo stesso Gesù suggerisce di «ammonire il fratello se commette una colpa contro di te» (si legga il paragrafo di Matteo 18,15-18). Ma è inesorabile contro gli ipocriti che correggono il prossimo per esaltare sé stessi e, anche in questo caso, è difficile trovare una più incisiva lezione rispetto a quella che ci è offerta dalla parabola del fariseo e del pubblicano (Luca 18,9-14). In tutti gli ambienti, anche in quelli ecclesiali, ci imbattiamo in questi occhiuti e farisaici censori del prossimo, ai quali non sfugge la benché minima pagliuzza altrui, sdegnati forse perché la Chiesa è troppo misericordiosa e, a loro modo di vedere, troppo corriva.
Si ergono altezzosi, convinti di essere investiti da Dio di una missione, consacrati al servizio della verità e della giustizia. In realtà, essi si crogiolano nel gusto sottilmente perverso di sparlare degli altri e si guardano bene dall'esaminare con lo stesso rigore la loro coscienza, inebriati come sono del loro compito di giudici. Ecco, allora, l’accusa netta di Gesù: guarda piuttosto alla trave che ti acceca! «Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello» (6,42). E poche righe prima, in questo che gli studiosi hanno denominato il “Discorso della pianura” (parallelo al “Discorso della montagna” di Matteo), egli aveva ammonito: «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati!» (6,37).
Purtroppo, dobbiamo tutti confessare che questo piacere perverso di spalancare gli occhi sulle colpe del prossimo è una tentazione insuperabile che ci lambisce spesso. Quel racconto indiano che abbiamo citato in apertura è accompagnato da un paio di versi di un celebre e sterminato poema epico indiano, il Mahabharata, che affermano: «L’uomo giusto si addolora nel biasimare gli errori altrui, il malvagio invece ne gode». Bisogna riconoscere – come ribadiva l’umanista mantovano Baldesar Castiglione (1478-1529) nel suo trattato Il Cortegiano - che «tutti di natura siamo pronti più a biasimare gli errori che a laudar le cose bene fatte». Ritorniamo, comunque, a quel discorso di Gesù proposto dal Vangelo di Luca e riprendiamo un’altra frase che sia da suggello a questa nostra riflessione sull’ipocrisia: «Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso» (6,36). 

www.studiostampa.com

sabato 11 ottobre 2014

La Teoria delle Finestre Rotte.

"Teoria delle Finestre Rotte”.
Nel 1969, presso l'Università di Stanford (USA), il professor Philip Zimbardo ha condotto un esperimento di psicologia sociale. Lasciò due auto abbandonata in strada, due automobili identiche, la stessa marca, modello e colore. Una l’ ha lasciata nel Bronx, quindi una zona povera e conflittuale di New York ; l'altra a Palo Alto, una zona ricca e tranquilla della California. Due identiche auto abbandonate, due quartieri con popolazioni molto diverse e un team di specialisti in psicologia sociale, a studiare il comportamento delle persone in ciascun sito.
Si è scoperto che l'automobile abbandonata nel Bronx ha cominciato ad essere smantellato in poche ore. Ha perso le ruote, il motore, specchi, la radio, ecc. Tutti i materiali che potevano essere utilizzati sono stati presi, e quelli non utilizzabili sono stati distrutti. Dall’altra parte , l'automobile abbandonata a Palo Alto, è rimasta intatta.
È comune attribuire le cause del crimine alla povertà. Attribuzione nella quale si trovano d’accordo le ideologie più conservatrici (destra e sinistra). Tuttavia, l'esperimento in questione non finì lì: quando la vettura abbandonata nel Bronx fu demolita e quella a Palo Alto dopo una settimana era ancora illesa, i ricercatori decisero di rompere un vetro della vettura a Palo Alto, California. Il risultato fu che scoppiò lo stesso processo, come nel Bronx di New York : furto, violenza e vandalismo ridussero il veicolo nello stesso stato come era accaduto nel Bronx.
Perchè il vetro rotto in una macchina abbandonata in un quartiere presumibilmente sicuro è in grado di provocare un processo criminale?
Non è la povertà, ovviamente ma qualcosa che ha a che fare con la psicologia, col comportamento umano e con le relazioni sociali.
Un vetro rotto in un'auto abbandonata trasmette un senso di deterioramento, di disinteresse, di non curanza, sensazioni di rottura dei codici di convivenza, di assenza di norme, di regole, che tutto è inutile. Ogni nuovo attacco subito dall'auto ribadisce e moltiplicare quell'idea, fino all'escalation di atti, sempre peggiori, incontrollabili, col risultato finale di una violenza irrazionale.
In esperimenti successivi James q. Wilson e George Kelling hanno sviluppato la teoria delle finestre rotte, con la stessa conclusione da un punto di vista criminologico, che la criminalità è più alta nelle aree dove l'incuria, la sporcizia, il disordine e l'abuso sono più alti.
Se si rompe un vetro in una finestra di un edificio e non viene riparato, saranno presto rotti tutti gli altri. Se una comunità presenta segni di deterioramento e questo è qualcosa che sembra non interessare a nessuno, allora lì si genererà la criminalità. Se sono tollerati piccoli reati come parcheggio in luogo vietato, superamento del limite di velocità o passare col semaforo rosso, se questi piccoli “difetti” o errori non sono puniti, si svilupperanno “difetti maggiori” e poi i crimini più gravi.
Se parchi e altri spazi pubblici sono gradualmente danneggiati e nessuno interviene, questi luoghi saranno abbandonati dalla maggior parte delle persone (che smettono di uscire dalle loro case per paura di bande) e questi stessi spazi lasciati dalla comunità, saranno progressivamente occupati dai criminali.
Gli studiosi hanno risposto in una forma più forte ancora, dichiarando che l’incuria ed il disordine accrescono molti mali sociali e contribuiscono a far degenerare l'ambiente.
A casa, tanto per fare un esempio, se il capofamiglia lascia degradare progressivamente la sua casa, come la mancanza di tinteggiature alle pareti che stanno in pessime condizioni, cattive abitudini di pulizia, proliferazioni di cattive abitudine alimentari, utilizzo di parolacce, mancanza di rispetto tra i membri della famiglia, ecc, ecc, ecc. poi, anche gradualmente, cadranno anche la qualità dei rapporti interpersonali tra i membri della famiglia ed inizieranno a crearsi cattivi rapporti con la società in generale. Forse alcuni, perfino un giorno, entreranno in carcere.
Questa teoria delle finestre rotte può essere un'ipotesi valida a comprendere la degradazione della società e la mancanza di attaccamento ai valori universali, la mancanza di rispetto per l'altro e alle autorità (estorsione e le tangenti), la degenerazione della società e la corruzioni a tutti i livelli. La mancanza di istruzione e di formazione della cultura sociale, la mancanza di opportunità, generano un paese con finestre rotte, con tante finestre rotte e nessuno sembra disposto a ripararle.
La “teoria delle finestre rotte” è stata applicata per la prima volta alla metà degli anni ottanta nella metropolitana di New York City, che era divenuto il punto più pericoloso della città. Si cominciò combattendo le piccole trasgressioni: graffiti che deterioravano il posto, lo sporco dalle stazioni, ubriachezza tra il pubblico, evasione del pagamento del biglietto, piccoli furti e disturbi. I risultati sono stati evidenti: a partire della correzione delle piccole trasgressioni si è riusciti a fare della Metro un luogo sicuro.
Successivamente, nel 1994, Rudolph Giuliani, sindaco di New York, basandosi sulla teoria delle finestre rotte e l'esperienza della metropolitana, ha promosso una politica di tolleranza zero. La strategia era quella di creare comunità pulite ed ordinate, non permettendo violazioni alle leggi e agli standard della convivenza sociale e civile. Il risultato pratico è stato un enorme abbattimento di tutti i tassi di criminalità a New York City.
La frase “tolleranza zero” suona come una sorta di soluzione autoritaria e repressiva, ma il concetto principale è più prevenzione e promozione di condizioni sociali di sicurezza. Non è questione di violenza ai trasgressori, né manifestazione di arroganza da parte della polizia. Infatti, anche in materia di abuso di autorità, dovrebbe valere la tolleranza zero. Non è tolleranza zero nei confronti della persona che commette il reato, ma è tolleranza zero di fronte al reato stesso. L’idea è di creare delle comunità pulite, ordinate, rispettose della legge e delle regole che sono alla base della convivenza umana in modo civile e socialmente accettabile.
È bene di tornare a leggere questa teoria e di diffonderla .
La soluzione a questo problema io non c’è l’ho, caro lettore, ma io ho iniziato a riparare le finestre della mia casa, sto cercando di migliorare le abitudini alimentari della mia famiglia, ho chiesto a tutti i membri della famiglia di evitare di dire parolacce, sopratutto davanti ai nostri figli, inoltre abbiamo deciso di non mentire, di evitare persino le piccole bugie, perché non c'è nessuna piccola bugia, la bugia non è grande o piccola, UNA BUGIA è UNA BUGIA E BASTA
Abbiamo concordato di accettare le conseguenze delle nostre azioni con coraggio e responsabilità, ma soprattutto per dare una buona dose di educazione ai nostri figli.
Con questo ho la speranza di cominciare a cambiare in qualcosa che prima sbagliavo. Il mio sogno è che i miei ripetano tutto questo in modo che un domani i figli dei miei figli o i loro nipoti possano vedere un nuovo mondo, 
UN MONDO SENZA FINESTRE ROTTE. 
www.studiostampa.com

mercoledì 14 maggio 2014

ISRAELE: SCELTE DA INFORMAZIONE CORRETTA !

Varie & Multiple
16.04.2014Grillo non ha offeso soltanto gli ebrei, ma tutte le persone perbene(La Stampa - La Repubblica)
21.03.2014Un orribile richiamo che ricorda il nazi-fascismo (Informazione Corretta - Libero)
09.12.2013Propaganda anti israeliana a Rainews 24 (Rainews24 - Informazione Corretta)
29.11.2013Benjamin Murmelstein: il caso è aperto (Informazione Corretta - La Stampa)
15.10.201316/10/1943, 70 anni fa il rastrellamento del Ghetto di Roma (La Stampa - Corriere della Sera - Focus On Israel)
 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | >>  
16.09.2013Iran: ecco l'Obama-pensiero (La Stampa - Corriere della Sera - it.danielpipes.org)
07.08.2013L'Europa non si lasci abbindolare dal 'moderato' Rohani e continui con le sanzioni all'Iran (Il Foglio - Informazione Corretta)
02.08.2013Movimento 5 stelle e Israele (Ansa)
13.07.2013Le vittime israeliane non contano nulla (Informazione Corretta - Il Giornale)
24.05.2013Attentato di Londra: i commenti (Informazione Corretta - Il Giornale - Libero - Il Foglio)
16.05.2013Amministrazione Obama, un disastro dietro l'altro (Il Giornale - Informazione Corretta)
26.04.2013Festa della Liberazione: la Brigata Ebraica messa in disparte e boicottata. Come ogni anno (La Stampa - Informazione Corretta)
26.03.2013Riconciliazione di Turchia e Israele (Informazione Corretta - Il Foglio)
22.03.2013Obama a Gerusalemme: ATEM LO LEVAD (non sarete soli) (Informazione Corretta - Il Giornale - La Stampa - Corriere della Sera)
22.03.2013Se le titolazioni di alcuni giornali denotano ostilità per Israele (Informazione Corretta - Corriere della Sera - La Repubblica)
08.03.2013Obama e le nomine : non ne imbrocca una (Informazione Corretta - La Stampa)
28.02.2013E' morto Stéphane Hessel, non ci mancherà (Informazione Corretta - Corriere della Sera)
09.02.2013Zero Dark Thirty, un capolavoro da Premio Oscar (Informazione Corretta-Il Foglio)
15.01.2013Cuba: la vera prigione a cielo aperto (Informazione Corretta - La Stampa)
07.01.2013Quando l’interesse verso il criminale supera la salvezza delle vittime(Informazione Corretta - Corriere della Sera)
pagina seguente >>

martedì 13 novembre 2012

Denaro Pubblico !

Denario di Cesare
Abolire le erogazioni anticipate a tutti. Il Denaro dovrebbe essere gestito dal solo Presidente, Governatore o come vogliamo chiamare il Vertice della Regione e dal Tesoriere che, ad ogni pagamento, dovrebbero relazionare pubblicamente, con le dovute e "controllabili" pezze d'appoggio, le motivazioni delle spese autorizzate. Qui di seguito riporto i miei pensieri vecchi di alcuni mesi ma non superati. Sono veramente amareggiato per non dire di peggio; siamo gestiti da: Giornalisti, Magistrati, Politicanti e Banchieri, ma ai Dirigenti d'Azienda qualificati (compresi quelli militari e ne abbiamo tanti) che sarebbero in grado di organizzare il Paese non vengono MAI dati incarichi e nemmeno interpellati. 
Qualche mese fa, in occasione delle dimissioni del Colonnello Rapetto, ho scritto: Un governo che fa perdere allo Stato i suoi uomini migliori, che inizia senza dare per primo un esempio, senza tagliare i propri stipendi, senza ridurre il numero dei parassiti, senza eliminare gli sprechi, un governo che punta tutto sull'aumento delle entrate e non sulla riduzione delle uscite, senza tener conto che gli F24 si sono DRASTICAMENTE ridotti e che la situazione, se possibile, è addirittura peggio di prima, beh... meglio un non governo che questa tragedia ! CONFERMO !!! 
(Sperando di non finire in mano ai "sinistri"). 

www.studiostampa.com

martedì 17 luglio 2012

Tassisti e Tassinari !!!

A Roma ho sempre difeso la categoria dei Tassisti con chiunque, in particolare quelli della Samarcanda per la loro correttezza, ma ora debbo sottolineare tutta la mia indignazione per la MOSTRUOSA tariffazione che, per un vergognoso accordo tra Sindacati, Comune ed Addetti ai lavori, ci ritroviamo a pagare. Mi spiego iniziando da come dovrebbe essere: 
1) Scatto di Partenza; 2) Scatto a Tempo/Percorrenza; 3) Scatto di maggiorazione per pagare il "rientro" se si supera il GRA. Esempio: se i costi risultano realmente aumentati, lo Scatto iniziale potrebbe essere portato da 3 a 5 Euro e lo Scatto di Percorrenza potrebbe essere fissato ad un Euro (con frazionamento a 10 cent.) e la trattativa dovrebbe essere solo sul quando debba scattare, mentre la maggiorazione per il rientro dovrebbe scattare in automatico al superamento del GRA (non alla percorrenza dello stesso), ormai tutti sono dotati di GPS e TomTom per poterla automatizzare senza costi. 
Mostruosità in essere: tariffa 1, che passa a tariffa 2 al raggiungimento dei 14 euro, che passa a tariffa 3 al raggiungimento dei 27 euro; pertanto se, come spesso accade, giriamo l'angolo di casa e finiamo nel solito ingorgo ci troviamo "cornuti e mazziati"; non solo siamo fermi ma la tariffa ci viene aumentata. Spero che qualcuno si renda conto dell'odio che sta seminando e di come il tutto vada a ritorcersi contro chi lavora onestamente. (Giancarlo Bertollini)
Articoli precedenti: 
http://www.studiostampa.com/2012/01/tassisti-e-tassinari.html?showComment=1342535643946

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Massoni d'Italia alla festa del solstizio: raduno di sorelle e fratelli a Roma.

La massoneria della Gran Loggia d'Italia Alam si dà appuntamento a Roma.  Tra “fratelli e sorelle” saranno in 2700. Ecco la liturgia. I ...

I POST PIU' SEGUITI