Visualizzazione post con etichetta Ponte. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ponte. Mostra tutti i post

lunedì 5 agosto 2019

Grande fermento per la cura ed il rilancio del Tevere.

Nell’abituale spirito di voler condividere anticipatamente la ratio ambientale, architettonica, culturale e urbanistica dei nostri progetti (e in questo caso anche strettamente artistica e sportiva), continuiamo a diffondere i primi schemi di un’iniziativa da avviare nella Primavera 2020, con impegno diretto anche nella responsabilità richiesta di poter gestire una Concessione sul Tevere a Roma, in un ambito così complesso come quello del Centro Storico.
Dopo gli esiti favorevoli per l’Associazione Amici del Tevere della Commissione Tecnica dell’11.4.2019 in Regione Lazio, sul primissimo preliminare relativo a porzione di banchina di magra in sponda sinistra adiacente a Lungotevere dei Tebaldi e Lungotevere dei Vallati a monte ed a valle di Ponte Sisto fino a Ponte Garibaldi per circa 600 m di sviluppo, è stato avviato un processo non dirigistico, ma civico, incontrando subito il consenso non solo dei nostri “lettori” (raggiunti dai primi comunicati in merito o che hanno avuto accesso alle bozze tramite “social”), ma anche di  progettisti di livello internazionale, personalità, artisti, sportivi, esperti di alimentazione – riconducibili e non ai due gruppi di lavoro di cui a http://www.unpontesultevere.com/index.php/chi-siamo e http://www.unpontesultevere.com/index.php/contratti –, ben lieti di fornire un contributo; si terrà conto anche di http://www.unpontesultevere.com/index.php/news/160-sondaggio-sul-tevere-a-roma.
Grazie anche alle disamine preliminari effettuate nel presentare la prescritta “relazione paesaggistica”, abbiamo cercato di non “calare” un modello su un lembo di Tevere, ma di contestualizzare lo stesso, con uno sguardo sia alla città nei dintorni (l’arte di via Giulia, per esempio) sia allo specchio d’acqua (lo sport, la navigazione, le possibili installazioni) sia agli eventi in prossimità cronologica (grazie a un contatto costruito non da oggi, abbiamo proposto a Michelangelo Pistoletto di ideare più versioni di http://terzoparadiso.org/what-is, a terra e in acqua, se sarà consentito, fra cui una per la X Edizione dell’Infiorata Storica di via della Conciliazione organizzata dalla Pro Loco di Roma, membro del Consorzio Tiberina e sottoscrittrice del Contratto di Fiume “Tevere a Roma”, a fine Maggio 2020). Citare “Terzo Paradiso” già dà il segno del fatto che il leit motiv di VIVI TEVERE ROMA (questo il nome proposto per la manifestazione MAG-SET 2020) sarà la relazione ambiente-uomo-scienza e tecnologia, al che viene naturale prospettare altri “filoni”: la riduzione degli sprechi (plastica, acqua, etc), le energie rinnovabili, l’efficienza delle tecnologie (illuminazione, etc), etc.
Sarà degno di Roma? Lo speriamo. Lo sforzo è non estemporaneo e impegna tutte le nostre capacità di programmazione, confrontandoci con la cittadinanza e mettendoci in gioco per quasi 1 anno, per un risultato che non si limiti ad un aspetto del benessere fisico (prendere l’arietta lungo il Tevere …… anche, magari, ma non solo) o che pretenda di veicolare le nostre idee e i nostri progetti come lo “stato dell’arte”; non a caso ci stiamo impegnando anche per un progetto europeo (FeelGoodCities) coerente con una definizione complessiva di salute come benessere fisico, psichico e sociale e con una visione ampia di rigenerazione urbana, da discutere in un consesso non autoreferenziale.
Ovviamente in progetto, pur se di limitate dimensioni ed estensione (anche in considerazione della larghezza esigua del tratto di banchina interessato), saranno previste delle aree di ristoro su cui già si sta lavorando con esperti di alimentazione e scuole di cucina; arredatori, fornitori di tecnologie smart, CONI e molti altri Soggetti sono ulteriori partner già coinvolti nel disegno.
Fra questi anche tutti gli altri Concessionari membri del Consorzio Tiberina che, piaccia o non piaccia, da anni lavorano con serietà, nel rispetto dei vincoli e dello stato di diritto, presentando i progetti agli Enti competenti con i dovuti mesi d'anticipo, fornendo un'offerta diversificata adatta a tutti i cittadini e ai turisti, in aree ben curate, anche guardando a raffronto al resto del Centro Storico.

Fonte: Associazione Amici del Tevere e Consorzio Tiberina

www.studiostampa.com

venerdì 30 novembre 2018

UN PONTE SUL TEVERE è il nome del comune portale di Associazione Amici del Tevere e Consorzio Tiberina.

UN PONTE SUL TEVERE è un progetto e allo stesso tempo una metafora: un legame fra luoghi, epoche, popolazioni, culture e discipline, tradizione e innovazione, istituzioni e operatori economici, pubblico e privato.
Amici del progetto e del Contratto di Fiume “Tevere a Roma” firmato il Natale di Roma 2018 (oltre che del Tevere in sé), sono i professori Ruggeri Lenci – coinvolto fin dalle attività preparatorie dell’Associazione nel 2007, contattato all’epoca in quanto fra gli artefici dell’Ambito di programmazione strategica “Tevere” del Piano Regolatore Generale di Roma – e Antonino Saggio – con cui interagiamo correntemente a partire dalla sua innovativa iniziativa “Tevere Cavo”, essendo inoltre il Dipartimento di Architettura e Progetto dell’Università La Sapienza di Roma fra i membri del Consorzio Tiberina e i firmatari del Contratto di Fiume –. Due persone che abbiamo imparato ad apprezzare per la grande onestà intellettuale (e quindi anche per la competenza sui temi cui si rivolgono).

Non di UN PONTE SUL TEVERE ci scrivono, ma di un altro ponte, materiale e non metaforico: 
IL PONTE MORANDI DI GENOVA. 

Con il supporto della Pro Loco di Roma Capitale.  

www.studiostampa.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Persone e Cose

www.studioservice.com

I POST PIU' SEGUITI