Visualizzazione post con etichetta Concordia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Concordia. Mostra tutti i post

martedì 17 settembre 2013

Costa Concordia, missione compiuta. Letta su twitter: «Grande orgoglio italiano»

Il relitto della Costa Concordia è tornato in posizione verticale: dopo quasi venti ore di lavoro, alle 4 del mattino, la rotazione si è conclusa con successo e la nave ha raggiunto la posizione verticale appoggiandosi, come previsto, sul falso fondale a 30 metri di profondità. È stato il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, a dare l'annuncio ai giornalisti di tutto il mondo, in una conferenza stampa interrotta dagli applausi e dal fischio delle sirene che risuonavano nel porto e in mare aperto. «Ho appena telefonato a Franco Gabrielli al Giglio». Così con un tweet il presidente del Consiglio, Enrico Letta  racconta la sua soddisfazione per il successo dell'operazione Concordia. 
«Gli ho detto - aggiunge il premier - che tutti coloro che stanno lavorando lì sono un grande orgoglio italiano».
Dopo aver abbracciato Franco Porcellacchia e Sergio Girotto, tecnici responsabili della rimozione per Costa e Titam-Micoperi, Gabrielli ha annunciato: "l'operazione di parbuclingk della Concordia si è conclusa. Oggi abbiamo messo un punto decisivo per l'allontanamento della nave" dall'isola del Giglio.

giovedì 12 settembre 2013

Costa Concordia, al via la rotazione

Il 16 settembre scatterà l'operazione mai tentata prima. 
Gabrielli: «Niente show. Ci sono 2 vittime da recuperare». 

Il relitto della Costa Concordia
Il tempo adesso corre veloce. Si avvicina la data per lo spostamento della Costa Concordia dall'isola del Giglio e tutti parlano della delicata operazione che dovrà riportare in assetto verticale il relitto che giace incagliato davanti al porto del Giglio dal 13 gennaio 2012. L'operazione che inizierà lunedì, è una prima assoluta: mai al mondo è stato messo in atto un simile tentativo. La fase che comincerà la prossima settimana, detta 'parbuckling' è quella più delicata di tutto il progetto di recupero. Un progetto che ad oggi ha già richiesto un investimento di 500 milioni di dollari. Ma l'avvenimento destinato a richiamare l'attenzione dei media non deve trasformarsi in spettacolo. «Qui di passerelle non se ne dovranno vedere. Non ne abbiamo bisogno. Ci sono ancora due cadaveri che devono essere restituiti ai loro cari» ha detto il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli. All'elenco delle vittime ritrovate mancano infatti due nomi: quello della passeggera Maria Grazia Trecarichi e il membro dell'equipaggio Russel Rebelli. I loro corpi potrebbero essere incastrati dentro il relitto. 

Fonte: Corriere della Sera - Filmati ed Articolo Completo QUI

www.studiostampa.com

martedì 17 gennaio 2012

Naufragio Costa Concordia

Fermo restando la verifica dell'operato del Comandante, va dato atto all'Equipaggio che, senza il loro aiuto, circa 4000 persone non si sarebbero salvate da sole e senza l'efficienza coordinata dei soccorritori le vittime si sarebbero contate a centinaia o peggio. I casi di disagio, evidenziati dai vari intervistati, rimangono appunto "casi". 
Un GRAZIE sincero a Tutti i Soccorritori ed ai Meravigliosi Abitanti dell'Isola del Giglio. 
IL VOSTRO UFFICIO DI STAMPA

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

La Gazzetta Tricolore di OGGI !

EDIZIONE DEL 19 LUGLIO 2024 La sinistra perde le elezioni, non il potere. In Europa Fratelli d'Italia respinge la maggioranza Von Der Le...

I POST PIU' SEGUITI