Visualizzazione post con etichetta Piano Mattei. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Piano Mattei. Mostra tutti i post

martedì 2 aprile 2024

ItaliAfrica: Sviluppo e Cooperazione


Moderato dall'impeccabile conduzione del Prof. Fabio Verna, si è appena concluso, nella splendida cornice della Sala Zuccari al Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica, l'incontro sulle rinnovate potenzialità del Piano Mattei. 

Si può essere "anti" del partito del "no", si può essere "PER" con proposte sempre costruttive tese allo Sviluppo Sostenibile e si può, con la lungimiranza che contraddistingue il Governo Meloni, essere promotori del "CON" ovvero creando i presupposti per una crescita in collaborazione, anche paritetica, con i Paesi in via di sviluppo. 

Registrato il grande successo ottenuto a Roma, con la significativa partecipazione di numerosi Paesi Africani, aperti al colloquio costruttivo avviato dal nostro Presidente del Consiglio dei Ministri. 
Prende slancio il progetto che le imprese italiane possono portare ad implementare. 


La partecipazione dei qualificatissimi Relatori quali:

-    il Sottosegretario Claudio Barbaro al Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica; 

-    l'On. Roberta Angelilli, Vicepresidente della Regione Lazio; 
 
-    il Sen. Bartolomeo Amidei Presidente della commissione per il Made in Italy;  

-    il Sen. Lucio Malan Capogruppo di FdI in Senato. 


che hanno, in perfetta sintonia, evidenziate le priorità da far partire al più presto, sia per la nostra sicurezza energetica che per l'avvio di nuove aziende in Loco nel rispetto dell'ambiente.  


Vision/Visione
Un Mondo migliore dal Nord al Sud, dall’Oriente all’Occidente, dallo Zenit al Nadir, con EcoManager impegnati verso uno sviluppo sostenibile.

Mission/Missione
Collaborare al miglioramento, tenendo continuamente presente che: le Aziende non esistono ma esistono gli Uomini che le compongono. Il Fattore Umano è tornato ad essere determinante.

Behavior/Comportamento
Muoversi sempre con correttezza, ricordando che tutte le DIFFICOLTÀ sono benvenute, esaltano le QUALITÀ di chi le affronta e si chiamano OPPORTUNITÀ. 

La nostra è la prima generazione della Storia che è destinata a decidere se l'Umanità, della quale facciamo parte, dovrà o meno continuare ad esistere. 

Tempo fa qualcuno ha scritto qualcosa che voglio ricordare, prima di tutto a me stesso: la strada della crescita interiore è faticosa e solo con la Tolleranza ed il Rispetto per gli altri si potrà ottenere l’Uguaglianza; non certo continuando a chiederla senza riconoscerla e senza mai ricordare che: 

* Si ascolta con le Orecchie ma si Sente con il Cuore. 

* Si guarda con gli Occhi ma si Vede con il Cervello e che, per chi continua ad usare sempre e solo la Lingua e mai le Orecchie, la crescita si farà ancor più difficile sino a divenire una lontana Illusione. 

L'Energia 
Oggi l'Occidente, in nome della sostenibilità sta "strangolando" le produzioni interne, in Italia le aziende segnano il passo, quando non programmano la chiusura. Crescono i distributori di prodotti dei Paesi privi di regole ferree antinquinamento, che producono Energia e Manufatti, senza curarsi dei danni creati e che creano, anche a lungo termine. 

Le Plastiche 
ho assistito personalmente ai disastri in atto, fiumi di media-grande portata, paragonabili al Tevere, dove non è possibile vedere l'acqua. Tutta la superfice coperta TOTALMENTE da rifiuti plastici (bottiglie di tutti i formati, taniche ecc.) che scorrono tranquillamente verso il mare per decine di chilometri senza alcun intervento. 

Navi (Mercantili e da Crociera) - Trasporti Stradali - Porta Container. Pensarli elettrici porterebbe alla NON Sostenibilità ambientale. 

Risulta pertanto FONDAMENTALE procedere ad uno sviluppo che tenga sempre presente il FRAZIONAMENTO DEL RISCHIO, non facendosi illusioni di poter produrre energia senza rischi ma riducendoli al minimo, non consentendo a nessun tipo di produzione di superare il 15 max 20% del fabbisogno energetico. 

Parola d'Ordine DIVERSIFICARE ! 

L'Energia Alternativa si divide sostanzialmente in due Fonti: 
le Rinnovabili e le NON Rinnovabili.  

Riflettiamo e attiviamoci ! 

                       Giancarlo Bertollini


www.studioservice.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Natale di Roma

Cliccate sull'Immagine ! www.studioservice.com

I POST PIU' SEGUITI