Visualizzazione post con etichetta Visiorum. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Visiorum. Mostra tutti i post

venerdì 18 agosto 2023

La TV in Italia.

E’ il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi (Nota 1) e Sergio Bertolotti (Nota 2), riescono a trasmettere in laboratorio, la prima immagine della TV italiana: una bambola di panno Lenci (Nota 3). Tale evento avviene a Milano, nella sede dell’EIAR (Nota 4) in Viale Italia 23. Alla fine del 1929, nella sede EIAR di Torino è allestito il “visorium”, il primo laboratorio per la televisione, che nel corso del tempo assumerà il nome di Laboratorio Ricerche, Centro Ricerche e, infine, Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica. Grazie agli archivi messi a disposizione dalle Teche Rai è possibile accedere ai numeri del Radiorario e Radiocorriere di quegli anni e utilizzare tali documenti ufficiali come fonte per assistere ai primissimi passi della televisione in Italia. 
Nota 1 - Alessandro Banfi iniziò a lavorare all’E.I.A.R. nel 1929 come Direttore delle costruzioni e degli impianti e realizzò il programma di copertura dell’Italia con la rete radiofonica a onda media. 

Nota 2 - L’attuale sede del Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica della Rai fu inaugurata nel febbraio 1967 con il nome Laboratorio Ricerche e intititolata a Sergio Bertolotti, che ne fu direttore dal 1937 al 1944. 

Nota 3 - Lenci è il diminuitivo tedesco di Elena Konig Helenchen che, insieme al marito Enrico Scavini, fondò a Torino nel 1919 la fabbrica di bambole artistiche di panno.  
Da Lenci fu creato l’acrostico “Ludus Est Nobis Constanter Industria”, cioè: il gioco è la nostra ricerca continua. 

Nota 4 - L’E.I.A.R (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche) nel 1944 assunse la denominazione Radio Audizioni Italiane e infine, nel 1954 con l’avvento della diffusione televisiva, RAI - Radiotelevisione Italiana. 

www.studioservice.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Ultimissime

ULTIMISSIME ! www.studioservice.com

I POST PIU' SEGUITI