lunedì 22 giugno 2015

Continuità assistenziale e Sanità digitale. Il programma della Regione Lazio.

Si terrà il Giovedì 25 giugno, ore 09.00, in Sala Mechelli, Consiglio Regionale del Lazio, l'incontro promosso dall'Associazione Prima-insieme per la qualità della vita e da  eSanit@, Rivista del Management dell'eHealthcare, sui modelli organizzativi della continuità ospedale/territorio sostenuti dalle soluzioni di Sanità digitale.

“Rendere sostenibile il Sistema sanitario, garantire l’assistenza ai pazienti ovunque si trovino, fare in modo che la deospedalizzazione non diventi un impoverimento dei servizi resi ai malati". 

La sfida - dice Lucia Migliaccio, Presidente dell'Associazione Prima - è inevitabile e deve essere vinta. La soluzione sono le piattaforme di Sanità digitale, in particolare di telemedicina, le sole in grado di consentire il monitoraggio del paziente lungo il suo cammino dall'ospedale al territorio e in ambito domiciliare. Il futuro scenario epidemiologico che vedrà un aumento progressivo della cronicità e i nuovi modelli organizzativi di reti territoriali previsti dal  Patto della Salute 2014/2016, spingono verso la rimodulazione dei modelli di cura.

Se l’ospedale sarà il luogo dell'intervento sulle acuzie, il territorio sarà il vero protagonista, dovendo assorbire i percorsi di deospedalizzazione. Un mutamento significativo e profondo, che coinvolgerà numerose figure professionali, in particolare la Medicina generale, le sedi distrettuali e i professionisti socio-sanitari.

Una riorganizzazione, che non è pensabile possa avvenire senza il sostegno strategico offerto dalle piattaforme di Sanità digitale, in particolare di Telemedicina - sottolinea Migliaccio - le sole in grado di consentire il monitoraggio del paziente lungo il percorso dall'ospedale al territorio e in ambito domiciliare. 

E’ chiaro che un programma di tale portata impone anche una riflessione sulle conoscenze e sulle competenze organizzative, che le figure professionali dovranno possedere per affrontare in modo appropriato i nuovi compiti assistenziali e di cura a tutela della salute. Compiti che coinvolgono anche e soprattutto il cittadino - conclude Migliaccio - che deve anche farsi più autonomo. 

QUI il programma dell'incontro.

Per informazioni sulla partecipazione all'incontro:
Associazione Prima
Cell:. 347.0723.077 

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.