sabato 11 settembre 2010

Appello di Obama: "Una Nazione, un Popolo".

Nono anniversaro dell'attentato alle Torri Gemelle. Il presidente Usa nel discorso alla nazione: non permettiamo che a definirci sia la paura. Il pastore Jones: non brucerò il Corano né oggi né mai.

New York, 11 settembre 2010 - Fra le incendiarie dichiarazioni del pastore della Florida, Terry Jones, che avrebbe voluto bruciare il libro sacro del Corano, e la polemica sulla costruzione di una moschea vicino a Ground Zero, oggi gli Stati Uniti commemorano il nono anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001.

Nel sito dove sorgevano le Twin Tower del World Trade Center, complice anche al giornata di sole che splende su New York e la temperatura gradevole (attorno ai 20gradi), si sono raccolte centinaia di persone, in un silenzio quasi irreale interrotto solo dal suono dei tamburi e dalle cornamuse della banda della Polizia e dal Young People’s Chorus of New York che ha intonato l’inno nazionale americano, seguito da uno scrosciante applauso.
Il sindaco Michael Bloomberg ha invitato ad un minuto di silenzio nell’ora in cui iniziarono gli attachi. Dopo è cominciata la lettura dei nomi delle 3mila vittime. La solenne cerimonia, che ogni anno comincia alle 08.46, quando un primo aereo colpì una delle due torri gemelle, è guidata dal vice presidente Joe Biden e vi partecipano autorità di New York e parenti delle vittime. Biden e sua moglie Jill, non ha pronunciato un discorso, ma ha preferito leggere versi di The Builders (I costruttori), una poesia di Henry Wadsworth Longfellow. "Costruisci l’oggi, dunque, forte e sicuro, con una solida e ampia base; e salendo e sicuro, il domani troverà il suo posto", ha recitato Biden.
Il presidente Barack Obama ha partecipato invece alla cerimonia a Washington per le vittime dell’attacco al Pentagono e la first lady Michelle a quella a Shanksville, in Pennsylvania, dove cadde il quarto aereo dirottato. Obama ha detto che "l’attacco non è stato compiuto da una religione ma da Al Qaida: non saremo mai in guerra con l’Islam". Barack ha lanciato un messaggio di riconciliazione: "Dobbiamo continuare a combattere l’intolleranza e restare uniti", ha detto. "Per ricordare le persone che abbiamo perso, l’arma più forte è fare ciò di cui i nostri avversari hanno paura: essere uniti come americani".
La first lady a Shanksville (Pennsylvania) ha ricordato che un luogo di distruzione è stato trasformato dal sacrificio dei passeggeri del volo UA93 in un luogo di "riflessione, ricordo e ispirazione per tutti gli americani". Michelle Obama ha detto che sul volo "ordinari cittadini provenienti da tutte le categorie sociali si trovarono di colpo in una situazione di combattimento". Michelle Obama ha sottolineato che il memoriale dedicato alle vittime "assume un significato particolare per tutti coloro che sono stati salvati dal coraggio dei 40 passeggeri". Secondo gli esperti i terroristi del volo UA93 volevano colpire con l’aereo la Casa Bianca o il Congresso.
IL DISCORSO ALLA RADIO - Nel nono anniversario dell'11 settembre, Barack Obama ha chiesto all'America di non cedere alle tentazioni di chi vorrebbe dividerla. "Siamo una nazione, un popolo solo, legati non solo dal dolore ma da ideali comuni". "Questo è un momento difficile per il nostro Paese", ha ammesso il presidente Usa nel discorso radiofonico del sabato, "e spesso in questi momenti c'è chi cerca di cavalcare l'amarezza, di dividerci in base alle nostre differenze, di nasconderci quanto abbiamo in comune". "Ma in questo giorno", ha aggiunto, "ci viene ricordato che quando siamo al nostro meglio non cediamo a questa tentazione, ci alziamo uno affianco all'altro e combattiamo insieme". "Non permettiamo che a definirci sia la paura", ha chiesto Obama, "ma le speranze che abbiamo per le nostre famiglie, per la nostra nazione, per un futuro migliore". Il presidente ha promesso che "l'America non esiterà mai nella difesa della nazione" nello spirito dell'11 settembre che "non è la capacità umana di fare il male ma la capacità umana di fare il bene, non è il desiderio di distruggere ma l'impulso a salvare".

NAPOLITANO - "L'anniversario dei devastanti attacchi terroristici che colpirono New York e Washington l'11 settembre di nove anni fa, è l'occasione per rinnovare l'espressione della fraterna vicinanza dell'Italia all'amico popolo americano, duramente provato da una violenza vile e ingiustificabile". Lo scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione dell'anniversario degli attacchi terroristici, rivolgendosi a quanti, familiari delle vittime, autorità e cittadini, parteciperanno alle diverse cerimonie della giornata odierna negli Stati Uniti, in Italia e negli altri paesi.
Esprimendo "i suoi sentimenti di autentica solidarietà", Napolitano ha aggiunto che "i terribili attentati sul suolo americano sono stati purtroppo seguiti da altri attacchi parimenti distruttivi che hanno colpito città europee, africane e asiatiche. La comunità internazionale ha tuttavia saputo reagire con fermezza nella consapevolezza della necessità di contrastare il terrorismo in tutte le sue forme e di opporre un fermo rifiuto ad ogni manifestazione di violenza, sempre e comunque inaccettabile in quanto nemica della pace, delle libertà fondamentali, della dignità della persona umana e del diritto alla vita".

VICENDA MOSCHEA - A New York previsti anche due raduni: uno dei sostenitori della moschea vicino a Ground Zero, uno di chi non la vorrebbe. E proprio intorno alla moschea si concentrano adesso le polemiche. Temendo che gli eventi possano creare malcontento tra i familiari delle vittime e tra gli esponenti politici, molti degli oppositori al progetto, tra cui i repubblicani Peter King e Gary Bernstein, hanno preso le distanze dal raduno anti-moschea organizzato dalla blogger e giornalista Pam Geller. All'evento è prevista invece la presenza del parlamentare olandese estremista Geert Wilders. Mentre hanno declinato l'invito l'ex presidente della Camera, Newt Gingrich, e l'attivista del Tea Party (la nuova destra americana) e moglie del giudice della Corte Suprema americana Clarence Thomas, Ginni.

PASTORE JONES - Il pastore cristiano integralista Terry Jones ha giurato in una intervista nella trasmissione 'Today' dell'emittente Nbc che la sua chiesa non brucerà "né oggi, né mai" il Corano come aveva previsto di fare, in occasione del nono anniversario degli attentati dell'11 settembre. Il reverendo si è trasferito oggi dalla Florida a New York, dove intende incontrare l'imam che ha promosso la costruzione della moschea. Jones, che punta ad ottenere un impegno a spostare il luogo in cui sorgerà la moschea, aveva dato all'imam un ultimatum di due ore perché si mettesse in contatto con lui, ma quando è scaduto invano ha fatto sapere che non avrebbe dato fuoco al Corano, almeno non l'11 settembre. L'imam Feisal Abdul Rauf, da parte sua, ha fatto sapere che non ha in programma incontri con il pastore, ma si è detto disposto a vedere chiunque abbia "un serio impegno per la ricerca della pace".

                                                                                                   Fonte:

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.