martedì 23 febbraio 2021

Ultime: Aggiornamenti e News.

 L'ambasciatore in Congo Luca Attanasio ucciso per una rapina. Il mistero del tweet

Il Tempo

Per te

Contenuti consigliati in base ai tuoi interessi
Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 22 febbraio: 9.630 nuovi casi e 274 morti- Corriere.it
Sky TG24
Gordon Murray T.50S Niki Lauda: dati tecnici, peso, interni, prezzo
I Daft Punk ai Grammy awards a Los Angeles, negli Stati Uniti, nel 2014.

www.studiostampa.com

venerdì 19 febbraio 2021

INFINOCCHIARE (Ricerche e aneddoti di Giancarlo Bertollini).

Quando un Oste partiva da Roma per andare ai Castelli a scegliere il vino da comprare per la sua Osteria, visitava qualche cantina di produzione assaggiando diversi vini e spesso usciva la signora con un cestino di finocchio affettato che diceva: 

pulitevi la bocca con due pezzetti di finocchio fresco”.

Questo trucco faceva sembrare un bianco scarso di ottima qualità. 

Tornando a Roma col vino acquistato (portato dal Carrettiere a Vino) veniva rimproverato dalla moglie che gli diceva: 

questo vino non vale nulla, Ti hanno infinocchiato

e lui si difendeva con una frase comica rimasta storica: 

ma che dici, è che questo vino non si può trasportare”.

Avendolo ormai acquistato e volendo rifilare questo vino non eccelso a dei clienti prima portava loro del finocchio raggirandoli come era successo con lui. 

E se le pietanze che aveva intenzione di servire non erano proprio freschissime anzi un po' rancide, le ricuoceva condendole con abbondante finocchio. Così i sapori autentici venivano coperti dall'infida verdura e gli infinocchiati mangiavano, bevevano ed erano tutti contenti. 

Questi esempi della tradizione da cui la parola - forse - nasce, possono essere presi a paradigma dell'infinocchiamento: una disonestà furbastra ignobile per chi la trama e certo non lusinghiera per il tonto che ci casca.