giovedì 22 marzo 2018

Agricoltura Italia: Tutti gli Aggiornamenti !

IN PRIMO PIANO

Con il governo Gentiloni in carica solo per l’ordinaria amministrazione, la macchina amministrativa non si è fermata del tutto ma ha subito un rallentamento: è il caso emblematico del Ministero delle politiche agricole, che ha visto anche le dimissioni del ministro Maurizio Martina...

Per la sola campagna di quest’anno, il prossimo 11 aprile scade il termine, normalmente previsto al 31 marzo, per presentare la domanda di autorizzazione all’impianto di nuovi vigneti. È quanto prevede la circolare Agea n. 21923 del 13 marzo scorso, contenente le...

LE ALTRE NEWS

Il 16 marzo scorso il Consiglio dei ministri ha approvato definitivamente il decreto legislativo contenente la revisione del sistema nazionale di gestione dei rischi in agricoltura. Si tratta di un provvedimento strategico che disciplina il funzionamento del Fondo di solidarietà nazionale...

La Commissione UE ha approvato l'acquisizione di Monsanto da parte di Bayer, a condizione che attuino «gli ampi rimedi» proposti per eliminare i dubbi dell'UE sulle sovrapposizioni su sementi, agrofarmaci e agricoltura digitale. «La nostra decisione assicura che ci sarà concorrenza efficace e innovazione» in questi tre settori coperti dai rimedi con misure che valgono...

«Noi i compiti a casa li abbiamo fatti. L’Europa però non ha saputo elaborare una programmazione in grado di tutelare i Paesi grandi produttori di barbabietole da zucchero come l’Italia». In una intervista a L’Informatore Agrario Claudio Gallerani, presidente di CoproB (Cooperativa produttori bieticoli) lancia l’allarme per il comparto bieticolo-saccarifero italiano...




RIVISTA DIGITALE

Via libera al Testo unico delle foreste (pag. 8). Accordo tabacco valido erga omnes (pag. 12). Nuovo record per l'ortofrutta made in Italy (pag. 28). Accordo in alto mare per il pomodoro al Centro-Sud (pag. 13). Dop e igp: i consorzi chiedono di contare di più (pag. 16). Le novità sulla vendita diretta (pag. 33).

Il pomodoro da mensa italiano da alcuni anni vive una situazione commerciale altalenante, soprattutto per determinate tipologie. La forza di questa coltura sta però anche nella sua distintività e diversità: orientare la produzione verso la riscoperta di tipologie «di nicchia», così come la coltivazione biologica rappresentano opportunità da considerare con attenzione.

NOTIZIE DALLE AZIENDE

A Faenza le ultime novità nel settore macchinari e attrezzature, insieme a vivaismo, servizi e tecnologie per vigneto, frutteto, campi e magazzino. Un punto d’incontro per tutta la filiera emiliano-romagnola.



La Fiera di Vita in Campagna - 23-24-25 marzo 2018

L’intero padiglione 8 della prossima Fiera di Vita in Campagna a Montichiari (BS) sarà dedicato a Il Salone di Origine - Prodotti tipici & Territorio.
È un’occasione imperdibile per conoscere dal vivo tante gemme dell’agroalimentre italiano, tutte straordinarie per qualità.

Alla Fiera di Vita in Campagna a  Montichiari (BS) incontreremo alcuni dei nostri autori nei seguenti appuntamenti:
Ausiliari: organismi utili per la difesa con Luca Conte
Il vigneto in difesa di ambiente e paesaggio con Enzo Corazzina
Nuovi parassiti di orto e frutteto con Aldo Pollini






VIDEOINTERVISTE DA BRUXELLES

Raffaele Sacchi, ordinario di scienze alimentari all'Università Federico II di Napoli, spiega il nesso tra qualità nutrizionali e sensoriali dell’olio extravergine di oliva e come il consumatore deve abituarsi a riconoscerle.

Giovanni La Via, eurodeputato ex presidente della Commissione Ambiente dell'Europarlamento, individua in innovazione, aggregazione e stabilizzazione del reddito le principali sfide per la filiera italiana dell'olio di oliva. 

OFFERTE DI LAVORO

Questa settimana:
  • 2 annunci settore fertilizzanti
  • 2 annunci settore nuove tecnologie

EVENTI


24-25 marzo - Trento
Salone dei vini artigianali alpini

24-25 marzo - Saluzzo (Cuneo)
Mostra provinciale bovini di razza Piemontese

27 marzo - Legnaro (Padova)
Insetti come alimento in avicoltura

27 marzo - Negrar (Verona)
La biodiversità nel vigneto


IN SCADENZA

31 marzo - Piccola colonia
Presentazione denuncia attività






Fonte: L'INFORMATORE AGRARIO !

www.studiostampa.com

martedì 20 marzo 2018

Grace Hall: un'Artista Straordinaria !

Burlesque Extravaganza di Grace Hall
Prodotto da Grace Hall e Zed Film 

BURLESQUE EXTRAVAGANZA è il diario di un viaggio, un road movie rocambolesco nello scintillante mondo del Burlesque, dove la fantasia si miscela alla realtà, raccontato, scoperto e vissuto da una delle sue protagoniste italiane, Grace Hall.

Una tournée partita da Roma passando per molte città d'Europa per poi toccare buona parte degli Stati Uniti.

Il film vuole essere, come il vero Burlesque suggerisce, un contenitore di fantasticherie e abilità varie che passano dal ballo, al canto, al circo, alla magia, al trasformismo e a tutto ciò che esalta l’unicità che ogni interprete incarna.
Il progetto vuole rendere ed estendere anche una riflessione sul mondo contemporaneo e sulla figura della donna in particolare, sempre più vittima di stereotipi. Il Burlesque è la celebrazione del corpo in tutte le sue forme, taglie e misure; diviene dunque una speciale terapia per cominciare ad accettarsi e ad amarsi. Diviene, per molte, un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé e del proprio potenziale. 



www.studiostampa.com

mercoledì 14 marzo 2018

IL PRESIDENTE IMPERTINENTE di Marcello Veneziani

Ah, Sandro Pertini, il presidente della repubblica più amato dagli italiani. Il presidente della gente, dei bambini, il fumetto con la pipa, il presidente-partigiano che esce dal protocollo. L’Impertinente. Il Puro.
A quarant’anni dalla sua elezione al Quirinale, in un diluvio celebrativo, uscirà domani al cinema un film agiografico su di lui. Noi vorremmo integrare il santino raccontando l’altro Pertini.
Alla morte di Stalin nel ’53, il compagno Pertini, già direttore filo-sovietico dell’Avanti! e all’epoca capogruppo socialista celebrò il dittatore in Parlamento. Ecco cosa disse su l’Avanti!: «Il compagno Stalin ha terminato bene la sua giornata, anche se troppo presto per noi e per le sorti del mondo. L’ultima sua parola è stata di pace. […] Si resta stupiti per la grandezza di questa figura… Uomini di ogni credo, amici e avversari, debbono oggi riconoscere l’immensa statura di Giuseppe Stalin. Egli è un gigante della storia e la sua memoria non conoscerà tramonto ». Quell’elogio, mai ritrattato da Pertini, neanche dopo che si seppero tutti i crimini di Stalin, non fa onore a un combattente della libertà e dei diritti dei popoli.
Da Presidente della Repubblica il compagno Pertini concesse appena fu eletto, la grazia al boia di Porzus, l’ex partigiano comunista Mario Toffanin, detto “Giacca”, nonostante questi non si fosse mai pentito dei suoi crimini per i quali era stato condannato all’ergastolo. Toffanin fu responsabile del massacro di Porzus, febbraio 1945: a causa di una falsa accusa di spionaggio, furono fucilati ben 17 partigiani cattolici e socialisti (la “Brigata Osoppo”), da parte di partigiani comunisti (Gap). Tra loro fu trucidato il fratello di Pasolini, Guido. Dopo la grazia di Pertini a Toffanin lo Stato italiano concesse al criminale non pentito pure la pensione che godette per vent’anni, insieme ad altri 30mila sloveni e croati “premiati” dallo Stato italiano per le loro persecuzioni antitaliane. Pertini partecipò poi commosso al funerale del presidente jugoslavo Tito (1980), il primo responsabile delle foibe, baciando quella bandiera che destava terribili ricordi negli esuli istriani, giuliani e dalmati.
Pertini fu uno spietato capo partigiano. Il suo nome ricorre in molte vicende. Per esempio, quella della coppia di attori Valenti-Ferida. Luisa Ferida aveva 31 anni ed era incinta di un bambino quando fu uccisa dai partigiani all’Ippodromo di San Siro a Milano assieme a Osvaldo Valenti, il 30 aprile 1945, accusati di collaborazionismo, per aver frequentato la famigerata Villa Triste, a Milano, sede della banda Koch. L’accusa si dimostrò infondata al vaglio di prove e testimonianze; lo stesso Vero Marozin, capo della Brigata partigiana che eseguì la loro condanna a morte, dichiarò, nel corso del procedimento penale a suo carico: «La Ferida non aveva fatto niente, veramente niente». I due attori, infatti, pagarono la loro vita tra lussi e cocaina ma non avevano responsabilità penali o politiche tali da giustificarne la fucilazione per collaborazionismo. Nelle dichiarazioni rese da Marozin in sede processuale Pertini fu indicato come colui che aveva dato l’ordine di ucciderli: “Quel giorno- 30 aprile 1945 -Pertini mi telefonò tre volte dicendomi: “Fucilali, e non perdere tempo!”). Si veda al proposito ”Odissea Partigiana” di Vero Marozin (1966) “Luisa Ferida, Osvaldo Valenti, Ascesa e caduta di due stelle del cinema” di Odoardo Reggiani (Spirali 2001. “Pertini si era rifiutato di leggere il memoriale difensivo che Valenti aveva elaborato durante i giorni di prigionia, nel quale erano contenuti i nomi dei testimoni che avrebbero potuto scagionare i due attori da ogni accusa. La casa milanese di Valenti e della Ferida venne svaligiata pochi giorni dopo la loro uccisione. Fu rubato un autentico tesoro (cani di razza inclusi) di cui si perse ogni traccia”.
È famoso l’episodio accaduto all’arcivescovado di Milano nel ’45, quando Pertini incrociò sulle scale Mussolini, reduce da un colloquio col cardinale Schuster. Pertini disse poi di non averlo riconosciuto, “altrimenti lo avrei abbattuto lì, a colpi di rivoltella”. Poi aggiunse: “come un cane tignoso”. Pertini sosteneva la necessità di uccidere Mussolini, non arrestarlo: se si fosse salvato, disse, magari sarebbe stato eletto pure in Parlamento. Delle responsabilità di Pertini nella strage di via Rasella a Roma, ne scrisse William Maglietto in Pertini si, Pertini no Settimo Sigillo, 1990).
Al Quirinale, al di là dell’immagine bonaria del presidente che tifa Nazionale, gioca a carte, va a Vermicino per Alfredino, il bambino caduto nel pozzo, si ricorda il suo carattere permaloso. Ad esempio quando cacciò il suo capo ufficio stampa, Antonio Ghirelli, valoroso giornalista e galantuomo socialista. O quando chiese di cacciare Massimo Fini dalla Rizzoli in seguito a un articolo su di lui che non gli era piaciuto. Così ne parlò lo stesso Fini: “Immediata rabbiosa telefonata al direttore della Domenica del Corriere Pierluigi Magnaschi, un gentleman dell’informazione, il quale ricoperto da una valanga di insulti cerca di barcamenarsi alludendo all’autonomia delle rubriche dei giornalisti, allo spirito un po’ da bastian contrario di Massimo Fini. Il “nostro” San Pertini gli latra minacciosamente:”Non credere di fare il furbo con me, imbecille! Chiamo il tuo padrone Agnelli e vediamo qui chi comanda!” E infatti il giorno dopo mi si presenta il responsabile editoriale della casa editrice Lamberto Sechi…”. Lo stesso Pertini disse a Livio Zanetti in un libro-intervista:”Cercai inutilmente di far licenziare uno strano giornalista italoamericano”. Nenni nei suoi diari considerava Pertini un violento iracondo.
Quando l’Msi celebrò il suo congresso a Genova nel 1960, fu proprio Pertini ad accendere il fuoco della rivolta sanguinosa dei portuali della Cgil col discorso del “brichettu” (il cerino). E vennero i famigerati “ganci di Genova”, coi quali un governo democratico di centro-destra, a guida Tambroni, con l’appoggio esterno del Msi, fu abbattuto da un’insurrezione violenta nel nome dell’antifascismo.
Proverbiale era la poi sua vanità. Ghirelli riferì uno sferzante giudizio di Saragat: “Sandro è un eroe, soprattutto se c’è la televisione”. E i suoi abiti firmati, le sue scarpe Gucci mentre predicava il socialismo e il pauperismo…
Fiorirono poi tante maldicenze su di lui, capo partigiano e poi leader socialista che vi risparmio circolavano giudizi dell’Anpi, di Marco Ramperti… Francesco Damato ricordò: “Nel 1973 Pertini mi comunicò di avere appena cacciato dal proprio ufficio di presidente della Camera il segretario del suo partito, Francesco De Martino. Che gli era andato a proporre di dimettersi per far posto a Moro, in cambio del laticlavio alla morte del primo senatore a vita”. Poi fu proprio l’onda emotiva dell’assassinio Moro e l’asse Dc-Pci sulla non-trattativa che portò a eleggerlo due mesi dopo al Quirinale.
Infine va ricordato il Pertini che agli operai di Marghera, nel pieno infuriare del terrorismo rosso con larghe scie di sangue, disse: “Sono stato un brigatista rosso anch’io” per poi negare che le Br fossero rosse, giudicandoli solo “briganti”, così da recidere il filo rosso tra Br e partigiani. Il Presidente di una repubblica flagellata in quegli anni dal terrorismo rosso, si definiva orgoglioso “un brigatista rosso”.
www.studiostampa.com

venerdì 9 marzo 2018

Una breve presentazione del servizio che desideriamo portare alla Vostra attenzione.


UFFICIO STAMPA

Siamo specializzati in servizi di “Ufficio Stampa On-Line” con lanci d’Agenzia e cura in Rete. 
L'abbattimento dei costi di comunicazione per le PMI e gli Studi Professionali è oggi una realtà.
La nostra realtà professionale, che si occupa di comunicazione integrata e consulenze di marketing, è riuscita a creare l'Ufficio Stampa On-Line che è un nuovo modo di fare comunicazione d'impresa e che, per i costi contenuti, può servire anche le PMI e gli Studi Professionali.
L'Ufficio Stampa aziendale, in senso tradizionale, è un organo che ha costi elevati e può essere costituito solo in grandi realtà imprenditoriali; le Associazioni, le PMI, le Micro-Imprese e gli Studi Professionali quindi, non hanno la possibilità economica per poter strutturare una squadra che si occupi a fondo della comunicazione. 
L'Ufficio Stampa diventa così un appannaggio di pochi, come se questa “necessità” fosse un lusso che solo i grandi possono permettersi. 
I Comunicati Stampa, in tutta velocità, sono lanciati direttamente a coloro che fruiscono dell'informazione: Agenzie Stampa, Testate, Giornalisti ecc. (oltre 90 indirizzi selezionati). 
I Comunicati Stampa, inoltre, sono pubblicati sul Sito dello Studio www.studiostampa.com e sui maggiori Siti del settore. 

La Promozione del vostro Marchio, le informazioni inerenti le attività e gli eventi connessi, la condivisione dei successi, far giungere i vostri messaggi ai professionisti e dare la giusta immagine aziendale, possono essere integrati tramite News inviate regolarmente e sempre con cadenza settimanale, ai Vostri potenziali Clienti, alle maggiori Testate Giornalistiche e Agenzie.

COSTI 

Attivazione del Vs. “Ufficio Stampa On-line”: 
Listino Euro 270,00 mensili al netto di IVA. 
Previsti sconti in base alla Durata del Contratto: 
* 10% per contratto trimestrale; 
* 15% per contratto semestrale; 
* 20% per contratto annuale.
Più Euro 17,00 per ogni lancio. Tutto oltre IVA. 
(Strillo - Occhiello - Immagine - Comunicato)

Vi ringraziamo dell'attenzione ed inviamo i nostri saluti più cordiali.  
                     Giancarlo Bertollini 


www.studiostampa.com

www.studioservice.com 

martedì 6 marzo 2018

Elezioni Lazio. Centrodestra, divisione folle: “K.O. su rigore a porta vuota”.

Riva Destra contro la divisione del centrodestra: 
"Assist a Zingaretti". di Fabio Sabbatani Schiuma*
Un calcio di rigore sbagliato, a porta vuota. Ecco cosa ha fatto il centrodestra nel Lazio. Una divisione folle, o meglio, una candidatura a spaccare. Sì, quella di Pirozzi, partorita a casa di amici di Zingaretti - ma anche di Salvini per la verità - sostenuta da chi sperava, peraltro inutilmente visti i risultati, di mantenersi un ruolo e comunque per aprirsi varchi. Una candidatura che è stata di fatto un assist ad hoc per la riconferma del governatore uscente. Che ringrazierà, sicuramente, con moneta propria. D'altronde la vergognosa legge elettorale per le politiche già aveva fatto capire in quale campo si sarebbe giocato. E' infatti dalle urne emerso un voto utile solo per regolare i conti dentro e tra i partiti che l'hanno votata. Non di certo per governare, e il Lazio ne ha fatto le spese, trovandosi in mezzo a una sparatoria. Alle politiche infatti si è pensato a mettere in lista solo amici fidati pronti a ubbidire sempre e tagliare le teste pensanti e radicate sui territori. Abbiamo assistito a una battaglia senza esclusione di colpi per il primato della coalizione, che ha perso un po' di credibilià. Risultato? In una campagna di slogan alla "Vanna Marchi", con territori stuprati da candidature calate dall'alto, abbiamo avuto collegi persi a Roma e nel Lazio, ove si pensava di far digerire alla gente l'indigeribile. Sono così mancati quei voti e quei seggi al centrodestra nazionale per poter davvero governare e si è sbagliato un calcio di rigore per la Regione. A porta vuota visto lo stato comatoso gli avversari. E infine le magre figure anche nelle preferenze alle regionali, da parte di certi kapo' di partito, solo funzionali a questi metodi e ai paracaduti del proporzionale. La gente, che stavolta e' andata a votare e chi, come noi, pur turandoci il naso, ha sostenuto fino all'ultimo il centrodestra, ringrazia. Oltre alla Raggi e a Zingaretti, ovviamente.
* Fabio Sabbatani Schiuma, consigliere del Municipio V e fondatore di Riva Destra.

Fonte: Affari Italiani

www.studiostampa.com

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Massoni d'Italia alla festa del solstizio: raduno di sorelle e fratelli a Roma.

La massoneria della Gran Loggia d'Italia Alam si dà appuntamento a Roma.  Tra “fratelli e sorelle” saranno in 2700. Ecco la liturgia. I ...

I POST PIU' SEGUITI