venerdì 27 aprile 2012

Regione Lazio - Piano Regionale Amianto


(AGENPARL) - Roma, 27 apr - Dare impulso ai lavori delle Commissioni consiliari del Lazio impegnate nell’esame delle proposte di legge in materia di amianto affinché si pervenga ad un testo unificato ed il Consiglio approvi, al più presto, il Piano Regionale Amianto. Lo chiede la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio regionale, Mario Abbruzzese, annunciando l’adesione della Regione Lazio alla Giornata Mondiale in memoria delle vittime dell’amianto, che si svolge sabato 28 aprile. 
“In memoria delle vittime dell’amianto e per fare in modo che, in futuro, non debbano più ripetersi simili tragedie - scrive Polverini - occorre che tutte le forze politiche si facciano carico della approvazione del Piano Regionale Amianto attraverso un percorso condiviso Giunta-Consiglio che, partendo dalle proposte di legge presentate dai consiglieri regionali, consenta di pervenire all'esame di un testo unificato in Commissione regionale Sanità e di approvare il Piano Regionale Amianto”. Polverini sottolinea come “anche in vista della Conferenza Nazionale sull'amianto promossa dal Governo per il prossimo autunno, la Regione Lazio, nel suo complesso, deve dare un segnale concreto ed operativo su una problematica che, a distanza di anni dalla approvazione della legge 275/92, è ancora aperta e richiede alle Regioni un impegno attivo per la rimozione di questo killer silenzioso, che ha mietuto vittime soprattutto tra i lavoratori, e per far partire le relative bonifiche territoriali”.
Al fine di offrire ai lavori del Consiglio un contributo tecnico qualificato utile a tale percorso condiviso, conclude Polverini nella lettera “abbiamo promosso la costituzione di una task force tecnica presso la Presidenza affinché noi tutti possiamo raggiungere questo importante obiettivo politico e chiudere definitivamente la dolorosa ‘partita’ del nostro Paese con l’amianto e per segnare una importante svolta nel segno della salute dei cittadini e della sicurezza dei luoghi di lavoro”. La Regione Lazio ha inoltre promosso, attraverso il Centro Regionale Amianto della Regione Lazio, istituito presso il Laboratorio igiene industriale della Asl di Viterbo, una campagna informativa sull'amianto diretta ai Dipartimenti di prevenzione delle Asl e, quindi, a tutto il mondo della sanità e del lavoro. La campagna vuole informare e sensibilizzare i cittadini sui rischi dell’asbesto. E’ stata effettuata una prima mappatura della presenza di materiali contenenti asbesto nel territorio regionale, aggiornata al maggio del 2011, anche attraverso l’uso di un microscopio a raggi x per garantire una analisi maggiormente approfondita.
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Sabato Pomeriggio a Roma in Largo Goldoni !


L’Associazione Donne per La Sicurezza Onlus, dà inizio alla raccolta firme (a livello nazionale) a sostegno della dolorosa ed inaudita storia di mamma Federica Puma alla quale ingiustamente è stata tolta sua figlia di 7 anni e “CARCERATA” dal 14 dicembre 2011 in una casa Famiglia.
In qualità di cittadini Italiani vogliamo far conoscere l’indignazione, la rabbia, lo sdegno e la delusione per l’operato di certi Giudici e assistenti sociali.
Il giorno 28 aprile 2012 (Sabato) dalle 14,00 alle 19,00 saremo presenti a Roma in Largo Goldoni per raccogliere firme a sostegno di Federica Puma Il Tribunale dei Minorenni richiede una nuova perizia psicologica sulla madre della minore, già valutata sana e capace di fare come si deve la genitrice da ben due consulenze di ufficio già precedentemente disposte ed effettuate.
Riteniamo inammissibili e assurdi i costi inutili che continuano a gravare sulla collettività per mantenere ingiustamente, ingiustificatamente ed inspiegabilmente una bimba a soffrire e a tormentarsi ancora prigioniera dentro una Casa Famiglia.
La Giustizia se è vero che deve essere amministrata “In Nome del Popolo”, intendiamo far sapere a chi ci rappresenta nei tribunali, che Desideriamo e Ribadiamo che la bimba venga restituita da subito e immediatamente alla sua mamma, per amarla ed accudirla, come ha già fatto ininterrottamente dalla nascita per 7 (sette) anni (e prima ancora nel suo grembo per nove mesi), sino a quell’infausto 14 dicembre 2011.
Crescere un figlio nell’amore della sua casa e’ un diritto inalienabile di TUTTI NOI :…

Donne per La Sicurezza Onlus

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

domenica 15 aprile 2012

Platone "La Repubblica"


“Quando un popolo, divorato dalla sete della libertà, si trova 
ad avere a capo dei coppieri che gliene versano quante ne vuole, 
fino ad ubriacarlo, accade allora che, se i governanti resistono 
alle richieste dei sempre più esigenti sudditi, son dichiarati tiranni.
E avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti 
dei superiori è definito un uomo senza carattere, servo; 
che il padre impaurito finisce per trattare il figlio come suo pari 
e non è più rispettato, 
che il maestro non osa rimproverare gli scolari 
e costoro si fanno beffe di lui; 
che i giovani pretendono gli stessi diritti, le stesse considerazioni 
dei vecchi e questi, per non parere troppo severi, 
danno ragione ai giovani.
In questo clima di libertà, nel nome della medesima, 
non vi è più riguardo né rispetto per nessuno. 
In mezzo a tale licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: 
la TIRANNIA”. 
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

giovedì 12 aprile 2012

Compagnia Teatrale Paltò Sbiancato

Dopo il successo riscosso in occasione della programmazione della pièce “Alfabeto muto”, regia di Stefano Maria Palmitessa, presso il Teatro Keiros di Roma, in via Padova, 38/A (metro B - piazza Bologna), si informa che nel medesimo teatro la Compagnia Paltò Sbiancato il 3/4/5 maggio 2012 ore 21:00 e il 6 maggio 2012 ore 18:00 (bigl. intero 15 euro, ridotto 12 euro) presenterà :
“IL TABULE’ DI TITO”
LIBERO ADATTAMENTO DELLA TRAGEDIA DI W. SHAKESPEARE “TITO ANDRONICO”
Stefano Maria Palmitessa racconta così lo spettacolo:
"Francesca Barreca, Natale Barreca, Pino Tossici e Stefano Maria Palmitessa tornano a lavorare insieme dopo le fortunate commedie: “Fioretti d’amore” e “Alfabeto muto”.
Tra arte e vita, tableaux vivant e coreografie, teatro espressionista e dell’assurdo, tecniche registiche del teatro dei burattini e trucchi facciali strepitosi (dell’Accademia di Trucco Professionale di Roma), ancora una volta la Compagnia Teatrale Paltò Sbiancato si cimenta con le meccaniche del teatro sperimentale".

PRENOTAZIONI al n. 347.42.22.594 

Così Palmitessa: ”Opera che Shakespeare concepì di marcato gusto popolare, carica di una forte vitalità drammatica, non priva di un raffinato gusto per il grottesco molto affine allo stile dei miei lavori prossimi al “teatro dell’assurdo”. Una tragedia di vendetta che illumina gli aspetti malvagi dell’umana debolezza.
Parte degli incassi saranno devoluti al Lions Club Valle Tiberina pro L.C.I.F. 
(Lions Clubs International Foundation).


Compagnia Teatrale Paltò Sbiancato - Sito Web :  www.teatropalmitessa.it 


COSI' FUNZIONA LA CONVERSIONE EURO-VECCHIO CONIO


(AGENPARL) - Bruxelles, 11 apr - Dallo scorso dicembre gli italiani non possono più convertire in euro le loro vecchie lire. Il decreto salva-Italia, infatti, ha abrogato la legge che permetteva il cambio fino al 29 febbraio 2012. Invece in Germania, Spagna, Irlanda e Austria le banconote e le monete nazionali possono essere cambiate in euro per un tempo indeterminato. A fare il punto sulle possibilità di conversione negli altri Paesi europei è Olli Rehn, Commissario europeo per gli affari economici, rispondendo ad un'interrogazione dell'eurodeputato leghista Matteo Salvini.
In Belgio non è prevista alcuna scadenza per cambiare le banconote nazionali. Per le monete belghe, il termine per il cambio è scaduto alla fine del 2004. In Grecia il termine per il cambio di banconote è scaduto il 1° marzo 2012 mentre per le monete il termine è scaduto il 1° marzo 2004. In Francia i termini per cambiare le banconote e le monete sono scaduti rispettivamente il 17 febbraio 2012 e il 17 febbraio 2005. In Lussemburgo il cambio delle banconote è a tempo indeterminato mentre le monete non possono più essere cambiate dalla fine del 2004. Nei Paesi Bassi le banconote possono essere cambiate fino al 1° gennaio 2032 e le monete si potevano cambiare fino al 1° gennaio 2007. In Portogallo sarà possibile cambiare le banconote fino al 30 dicembre 2022 mentre il termine per il cambio delle monete è scaduto il 30 dicembre 2002.
In Finlandia sia le banconote che le monete potevano essere cambiate fino al 29 febbraio 2012. In Slovenia le monete in tolar potranno essere cambiate fino al 31 dicembre 2016 mentre le banconote in tolar possono essere cambiate a tempo indeterminato. Le banconote maltesi della quinta serie possono tuttora essere cambiate, fino al 31 gennaio 2018, alla Banca centrale di Malta senza alcun costo aggiuntivo. Le monete maltesi si potevano cambiare fino al 1° febbraio 2010. La Banca centrale di Cipro cambierà fino alla fine del 2017 le banconote in sterline cipriote senza il pagamento di commissioni. Le sterline cipriote in monete non possono più essere cambiate dalla fine del 2009. Per le banconote slovacche non è prevista alcuna scadenza mentre per le monete slovacche il termine scade il 31 dicembre 2013. Tuttavia, per le monete commemorative slovacche non è prevista alcuna scadenza. Il cambio e la vendita delle monete in corone estoni destinate alla circolazione sono cessati.
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

martedì 10 aprile 2012

SIT-IN 17 APRILE 2012 TRIBUNALE DEI MINORI DI ROMA

A FAVORE DI MAMMA FEDERICA DAVANTI AL TRIBUNALE DEI MINORI DI ROMA
L’Associazione Donne per La Sicurezza Onlus, SOSTIENE IL SIT IN del giorno 17 aprile dalle ore 9,00 alle ore 15,00 a Roma in Via dei Bresciani 32 davanti al Tribunale dei Minorenni, giorno dell’udienza.
Sosteniamo mamma Federica alle quale è stata tolta la figlia di appena 7 anni e CARCERATA in una casa famiglia dal Presidente del Tribunale dei Minori!! La motivazione è: CONFLITTUALITÀ TRA I GENITORI.
PER NOI E’ L’ENNESIMO SEQUESTRO DI STATO!!
La storia di Federica, giovane mamma disperata (ha appena 30 anni!) comincia subito dopo l’inizio della convivenza con il papà della sua bambina, un medico chirurgo pediatra di 12 anni più grande di lei. Le violenze fisiche e le vessazioni sono quotidiane ma la felicità di aspettare un figlio le da quella forza di credere che la nascita porterà finalmente la serenità. Ma così non è, e ad appena 15 giorni dal lieto evento, Federica è stata cacciata di casa perché il pianto della neonata disturbava il papà e l’unico luogo sicuro ed accogliente per lei e per la piccola è la famiglia d’origine. Si trasferisce da Roma a Milano e inizia la vergognosa guerra di questo padre che vuole far rimanere in casa famiglia sua figlia e addirittura la vuole far adottare, pur di toglierla alla mamma!!!
I nonni materni, disperati che non hanno il permesso né di vedere né di sentire al telefono la piccola, sono due funzionari dello Stato e disposti a combattere fino alla fine per riavere la piccolina. Il legale Avv. Giuseppe Lipera, ha sposato la causa di Federica e sta combattendo con tutte le armi legali a sua disposizione per LIBERARE la bimba e farla tornare a vivere!!! La mamma chiusa nel suo disperato dolore può vedere sua figlia solo una volta a settimana per 1 ora e 30 minuti e sentirla al telefono 3 volte la settimana. Mi permetto di allegare il file registrato da Radio Ies di una telefonata straziante tra Federica e la bimba.
MAMMA TI PREGO PORTAMI VIA!!! 
La bambina accusa la mamma di averla abbandonata! La bambina in una sola volta ha perso tutto: mamma, papà, nonni, scuola e ora si trova in un "carcere" in cui deve condividere spazi e giochi con ragazzotti di 15 anni. "Se alla bambina succede qualcosa - avverte Lipera - non sarà colpa né della madre, né dell'avvocato".
Con il cuore in mano AIUTATECI! Il giorno 17 aprile 2012 faremo il sit-in in Via dei Bresciani 32 davanti al Tribunale con mamme e bambini a reclamare il DIRITTO ALLA VITA!!!
                                                 Associazione Donne per la Sicurezza Onlus
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Convegno "Disabili in Catene"

16 APRILE 2012 ore 16:30 – 19:30
Palazzo Marino - Sala delle Colonne
Via Poli, 19 - 00187 ROMA
L’Associazione Donne per La Sicurezza Onlus ha fortemente voluto questo convegno nel tentativo di spiegare la difficoltà e l’isolamento fisico e sociale del diversamente abile e del carcerato.
La vita del recluso che sconta una pena, risulta socialmente inutile. Quasi un peso per la società. Egli sopravvive a se stesso, alla propria vergogna, al proprio stato.
La vita del disabile, similmente imbarazzato dal proprio corpo “carcerato” che sconta una pena per un reato che non ha commesso, un peso per i “normali” un disagio imbarazzante che crea malumori e vergogne.
Le analogie sono molte, e l’incapacità di esprimere il proprio disagio fisico e psicologico tocca vertici altissimi.
PROGRAMMA
Moderatore Dott.ssa Margi Villa Del Priore – Direttrice artistica
Video Associazione
Saluti della Presidente Associazione Donne per la Sicurezza Onlus Barbara Cerusico
Roberta Sibaud - Vice Presidente Associazione Donne per la Sicurezza onlus - Parallelismo disabilità civile e carceraria
Dott.ssa Marianna Borea - Giornalista – Presidente Associazione Artemisia : Diritto alla tutela della salute nel carcere.
On.le Roberta Angelilli - Vice Presidente Parlamento Europeo: le politiche dell'unione europea sulla disabilità.
Dott.ssa Annamaria Verlengia - Magistrato Tar: Profili Giuridici della Gestione Penitenziaria della disabilità.
Dr. Avv. Filippo Pegorari, Garante dei diritti dei detenuti Roma Capitale: situazione delle carceri romane. Sovraffollamento e suoi effetti come causa del disagio.
Break 15 minuti
Luigi Ciavardini – Responsabile delle attività del carcere Associazione Gruppo Idee : Disabilità Carceraria. Esperienze detentive applicate alle esigenze sanitarie.
Dr Vincenzo Gentile - Sanitario Incaricato presso la Casa Circondariale di Frosinone: la gestione del detenuto disabile, difficoltà e soluzioni
Dott.ssa Irene Testa - Associazione Detenuto Ignoto – Diritti negati.
Pietro Rossi - Associazione Artemisia: Disabilità carceraria e la carta imprenditoriale nel carcere.
On.le Giuseppe Cangemi - Assessore Enti locali e Sicurezza Regione Lazio - Saluti
Renzo Musumeci Greco Direttore Progetto: Scherma senza limiti: Progetto sulla disabilità “ Non vedenti e ipovedenti “. Video
Conclusioni moderatore Roberta Sibaud.
Interventi 7-10 minuti e non necessariamente nell’ordine riportato.
Info: 388.1797.411 - 338.9916.138


IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

domenica 8 aprile 2012

Caraffe Filtranti e Acqua !



Si e' fatto un gran parlare delle caraffe filtranti l'acqua. In sostanza servono a ridurre il cloro e i sali minerali, quindi a rendere piu' gradevole l'acqua di rubinetto. Il cloro viene aggiunto all'acqua delle condutture pubbliche per evitare contaminazioni batteriche pericolose. I sali minerali sono una caratteristica di ciascuna acqua di rubinetto, la loro presenza puo' essere piu' o meno gradita al consumatore. L'acqua filtrata dalla caraffa non ha proprieta' salutistiche (salvo il fatto che bere acqua e' necessario e ci fa bene) e non risulta che sia dannosa per le persone in normale stato di salute (problemi per gli ipertesi). Recentemente e' stata varata una nuova normativa che stabilisce le prescrizioni tecniche relative alle apparecchiature per il trattamento dell'acqua destinata al consumo umano. 
Che fare, dunque? La caraffa costa 18 euro e il filtro 5 euro da cambiare rigorosamente ogni 28 giorni. Se si vuole risparmiare si riempie una normale brocca di acqua di rubinetto e si lascia riposare per un'ora: il cloro se ne va. I sali minerali rimangono e sul gusto non discutiamo. 

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

ANSA: Ultime Notizie

- 28 GIU. - 16:24 Caput Mundi, 335 interventi per Roma e territorio Ultima ora. Progetto da 500 mln euro. Garavaglia, da tutela siti a città...

I POST PIU' SEGUITI