sabato 10 settembre 2011

Stati Generali del Commercio con l'Estero.

Roma, 9 set. - (Adnkronos) - "Oggi inizia un percorso tra imprese, istituzioni e Governo che ci portera' alla due giorni degli Stati generali del commercio con l'estero". Il sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega al commercio estero, Katia Polidori, presenta cosi' il team per il made in Italy.
"La squadra che ho scelto - commenta la Polidori - e' fatta di imprenditori amici che ogni giorno si confrontano con i veri problemi delle imprese. Ognuno di essi presiedera' i sei tavoli che dovranno alla fine redigere un panel con delle proposte". I nomi sono: Gian Luca Rana (agroalimentare), Luca Poncato (energia e ambiente), Roberto Snaidero (arredo e sistema casa), Simone Bettini (mobilita'), Maurizio Marinella (abbigliamento) e Rodolfo Ortolani (servizi).
Ad affiancare gli imprenditori ci saranno Confapi, Confindustria, Rete Italia, Confagricoltura e in piu' Unioncamere, Assocamerestero, insieme ai funzionari dello Sviluppo economico e degli Esteri, nonche' dell'ormai defunto Istituto per il Commercio Estero.
"E' il momento di agire - afferma il sottosegretario Polidori - sull'unica voce positiva della nostra economia, che da sola vale il 25% del Pil. Nel mese di luglio il valore complessivo delle nostre vendite all'estero ha toccato i 16 miliardi di euro. Un record - sottolina il sottosegretario - in quanto mai nella storia si era registrato un dato simile. Dietro questi tavoli, in corso da questa mattina, c'e' un'Italia che non si arrende e che chiede alla politica di fare il suo mestiere".
"Gli stati generali del commercio con l'estero non si facevano dal 2006. A testimonianza di quanto ci teniamo a questo progetto questo pomeriggio ci recheremo dal Premier Berlusconi perche' - dice la Polidori - ora tocca al Governo trovare le soluzioni e predisporre i 'binari' che aiutino le imprese a raggiungere i mercati piu' lontani".

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

lunedì 5 settembre 2011

Al via nuovo bando per le imprese del Lazio.


Con la determinazione n. 5248 del 30 giugno 2011, pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio n. 27 del 21 luglio 2001 (parte terza) la Regione Lazio ha approvato le schede prodotto e l'avviso pubblico relativi al “Fondo Rotativo per le Pmi - Attività Produttive” per il sostegno all’accesso al credito delle Piccole e medie imprese.
Il bando è rivolto a micro, piccole e medie imprese costituite anche in forma cooperativa e in consorzi di imprese, industriali, artigianali, commerciali e di servizi, con sede operativa nel territorio della Regione Lazio. Sono ammissibili progetti di investimento per l’ampliamento, la riconversione, la riqualificazione e l’ammodernamento produttivo delle imprese.
L’agevolazione è concessa sotto forma di finanziamento agevolato per il 50% al tasso di interesse dello 0,50%, e per il restante 50% a tasso di interesse ordinario con copertura di garanzia regionale da parte di Banca Impresa Lazio. Il finanziamento può coprire fino al 100% dell’investimento ammissibile (fino a un massimo di un milione di euro). Gli aiuti concessi non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche ottenute per le medesime spese.
La prenotazione telematica potrà essere effettuata sul sito www.incentivi.lazio.it dal 12 settembre al 30 dicembre 2011. Le domande in forma cartacea e su supporto elettronico, comprensive della documentazione, dovranno essere inviate a Sviluppo Lazio a mezzo Raccomandata AR, entro 15 giorni dalla prenotazione telematica.
Il beneficiario, al momento della presentazione della domanda, dovrà indicare obbligatoriamente la Banca alla quale intende rivolgersi per l’ottenimento della quota ordinaria di finanziamento, scegliendola fra quelle convenzionate con Sviluppo Lazio.
Per consultare la documentazione vai alla pagina dedicata.
Numero verde Informalazio 800 264 525

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

...Manovra correttiva: tra necessità e opportunità.

Lunedì 05 Settembre 2011 12:08 .
Si susseguono le proposte di modifica alla manovra economica di Ferragosto, tra molteplici ripensamenti e la volontà di incidere, finalmente in maniera strutturale, sui conti pubblici.
Nonostante appaia evidente la difficoltà della maggioranza di procedere compatta nel delineare una credibile proposta di intervento, alcuni spunti interessanti si possono cogliere nelle dichiarazioni dei vari attori della scena politica italiana, nonché dagli emendamenti presentati dal governo.
Ci riferiamo alle sempre più frequenti dichiarazioni di condivisione di una politica di spostamento della pressione fiscale da diretta ad indiretta e del doveroso (ma quanto mai tardivo) riconoscimento che l’evasione è una distorsione peculiare del nostro sistema socio-economico sulla quale è sempre più necessario intervenire.
Non volendo entrare nel merito dell’impianto complessivo della manovra così come licenziata dal governo (ed essendo impossibile ad oggi immaginare quale sarà il risultato finale a seguito delle centinaia di emendamenti presentati dalle stesse forze di maggioranza) soffermiamoci per alcune brevi considerazioni in merito a due questioni: la dichiarazione del premier sulla possibilità di innalzare l’IVA al 22% e l’inasprimento delle sanzioni penali contro i maxi-evasori prevista dall’emendamento predisposto dal ministro Tremonti.
Le due proposte, se non fossero dettate dalla necessità di dover porre rimedio urgentemente alle aspettative dei mercati finanziari e della BCE e di arginare lo scontento montante dei diversi ceti produttivi colpiti dal contributo di solidarietà, potrebbero configurarsi quale primo tassello di una strategia di mutamento di rotta nel rapporto fisco-contribuente.
La grave congiuntura economica che stiamo attraversando, può rappresentare, per una classe politica coraggiosa e lungimirante, l’opportunità di poter finalmente cambiare le regole del gioco in campo fiscale, che prevedono un tacito accordo tra stato e contribuente per il quale, a fronte di un regime inquisitorio e di disprezzo perfino delle guarentigie fissate con legge dello stato (legge 212/2000 cd. Statuto dei diritti del contribuente), si tollerano comportamenti elusivi ed evasivi ai quali non viene riconosciuto un particolare status di pericolosità sociale e pertanto sanzionati blandamente.
L’aumento delle aliquote IVA deve necessariamente inquadrarsi in un piano organico di spostamento dell’imposizione da diretta (che colpisce il reddito prodotto e pertanto ha una valenza recessiva) a favore di quella indiretta e deve essere giocoforza accompagnato da misure di riduzione del carico fiscale sui redditi di lavoro tramite l’incremento di deduzioni o detrazioni per gli acquisti di beni e servizi con particolare riguardo ai settori in cui la percentuale di sommerso è più elevata. Gradualmente potranno inoltre inasprirsi i regimi sanzionatori penali a carico degli operatori economici che porranno in essere operazioni illecite. Si potrà pertanto beneficiare permanentemente di maggiori entrate legate non ad un aumento della pressione fiscale ma ad una concreta azione anti-evasione.
Si tratta di una scommessa di lungo periodo poiché non si tratta di modificare una norma, bensì la mentalità di un’intera nazione.
Di tutto ciò non sembra ravvisarsi traccia nel comportamento della nostra classe politica che, tra proposte di dubbia costituzionalità e di chiara matrice propagandistica, sta palesando una preoccupante inadeguatezza nel fronteggiare la congiuntura negativa e nel tracciare un percorso di uscita dalle secche in cui si trova il nostro sistema produttivo.
Roberto Nicoletti

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

venerdì 2 settembre 2011

Le truffe di Enel Energia. Procura indaga, ma il fenomeno dilaga.

Comunicato di Vincenzo Donvito 26 agosto 2011 18:17
La Procura della Repubblica di Firenze ha aperto un indagine per truffa e falso nei confronti di un promotore di Enel Energia che, all'insaputa dei malcapitati, firmava i contratti di quelli a cui si era rivolto per proporgli un servizio in alternativa all'altra Enel, quella del mercato protetto che tutti conosciamo.
E' solo una piccola mosca che gravita sulla cloaca dei servizi commerciali di questo gestore di luce e gas. Il nostro servizio di consulenza e informazione e' sommerso da segnalazioni del genere e a tutti consigliamo:
- raccomandata A/R di diffida per disconoscere il contratto, chiedendone copia dello stesso per la verifica della falsita' della firma;
- denuncia all'Autorita' per l'energia e il Gas;
- esposto in Procura della Repubblica;
- rimborso danni.
Ma occorre che facciano attenzione anche coloro che, scelto magari il servizio elettrico del mercato libero, si ritrovano, senza averlo richiesto, un contratto anche per il servizio del gas: la modulistica di Enel energia comprende entrambe le opzioni e mettere qualche crocetta in piu', per promotori disonesti, e' molto facile.. diversi i casi che abbiamo smascherato dopo aver dimostrato che la grafia della crocetta sull'opzione gas era diversa da quella della crocetta sulla luce.
La situazione, a nostro avviso e' tragica, proprio perche' parte da un fatto anomalo per chi dice di essere in un mercato libero: Enel mercato protetto, la stessa Enel che e' proprietaria anche delle reti di distribuzione, decide di essere anche sul mercato libero con l'aggiunta del gas, e come decide di presentarsi? Col nome di Enel, ovviamente.... chiaro il giochetto, no?
Quanto accaduto, ed oggi posto sotto indagine da parte della Procura, e' la logica conseguenza di questa anomalia del mercato italiano della liberalizzazione dell'energia.
Noi non crediamo ai buoni propositi di Enel Energia che, in casi del genere, si scusa e fa mostra di mettere alla gogna i propri promotori. Troppi episodi del genere sono accaduti e continuano ad accadere. Forse ci crederemo solo se chi bussera' alla nostra porta per proporci un nuovo contratto energetico non dira': buongiorno sono dell'Enel.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

ISTAT: GRANDI IMPRESE, OCCUPAZIONE FERMA E RETRIBUZIONI GIU'.

ISTAT: GRANDI IMPRESE, OCCUPAZIONE FERMA E RETRIBUZIONI GIU'.

venerdì 19 agosto 2011

Nella nuova manovra il riconoscimento dei rapporti di lavoro con Partita Iva. Con quali conseguenze?

Ne parla Dario Di Vico nel Corriere della Sera del 17 agosto 2011, nell’articolo Il fronte del no diviso sull’IVA, che riporta le perplessità di Acta. Si legge nell’articolo:
Una novità contenuta nel decreto e finora rimasta inosservata è l’ espresso riconoscimento – contenuto nell’ articolo 8 secondo comma – dei rapporti di lavoro con partita Iva. È la prima volta che il legislatore ne parla ma la scelta fatta è di rinunciare (almeno per ora) a uno Statuto del lavoro autonomo e demandare la regolamentazione di questo particolare rapporto di lavoro alla contrattazione aziendale/territoriale. «Il governo ha deciso di includere le partite Iva alla pari del lavoro dipendente? – si chiede Anna Soru, presidente di Acta, l’ associazione del terziario avanzato. – Ma come si fa? È possibile solo per le situazioni in cui il lavoratore con partita Iva svolge attività analoghe a quelle dei dipendenti». Ma pensiamo a una consulenza di marketing o di organizzazione aziendale o alla creazione di un sito web, come potrà essere regolata dalla contrattazione aziendale, sulla base di quali parametri? E quali sono le parti sociali che rappresenterebbero le partite Iva? I sindacati confederali, forse? Tutti interrogativi che formulati da Acta riportano però alla più generale difficoltà del governo di ritrovare il bandolo della matassa del rapporto con i ceti medi. Si procede a tentoni nel buio e il rischio di inciampare, non una ma più volte, è altissimo.
E’ un modo per evitare di intervenire fattivamente? Prima un rincorrersi di statuti annunciati e mai realizzati (statuto dei lavori, statuto del lavoro autonomi), ora un rinvio alla contrattazione aziendale/territoriale, che non è chiaro come potrà agire.
Perchè non partire da qualche regola base che, ad esempio, tuteli efficacemente (al pari di quanto avviene coi dipendenti) i diritti del lavoratore autonomo nei confronti del committente che fallisce, che non paga o che ritarda i pagamenti? Anche quando il cliente è la Pubblica Amministrazione.
                                                                                                                               ACTA
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

martedì 16 agosto 2011

Manovra bis: il testo.

di Redazione PMI.it
I tagli previsti dalla nuova manovra finanziaria volta al pareggio di bilancio entro il 2013:
tutte le misure in sintesi.
In vigore la manovra finanziaria bis da 45,5 miliardi di euro volta al pareggio di bilancio nel 2013: definita d'urgenza da Berlusconi e Tremonti per contrastare il precipitare degli eventi, il decreto è stato firmato dal Napolitano e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ricevendo anche l'approvazione da Bruxelles. [leggi e scarica il testo integrale del decreto legge n.138 del 13 agosto 2011 "Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo"]

Vediamo i nuovi tagli che ci attendono da qui ai prossimi due anni.
(20 mld nel 2012 e 25,5 mld nel 2013).
La manovra bis si focalizza sulla tassazione sui redditi (prelievo di solidarietà) anche nel settore privato e sulle rendite finanziarie, nonchè sull'anticipo della stretta sulle pensioni, sull'abolizione dei ponti per le festività, sul posticipo di TFR e tredicesime per i dipendenti pubblici, sul monitoraggio dei flussi finanziari e delle fatture, sui tagli agli enti pubblici e ai costi della politica tramite riduzione di personale e accorpamenti di province e comuni.
Tassazione sulle rendite.
La manovra voluta da Berlusconi e Tremonti incrementa le tasse sulle rendite finanziarie dal 12,5% ben il 20% (esclusi i titoli pubblici), andando a penalizzare direttamente i piccoli e medi imprenditori.
Contributo di solidarietà sui redditi.
Entrata in vigore la manovra bis, per il 2011-2013 nel settore privato, per i redditi sopra i 90mila euro si dovrà pagare un'imposta del 5%. Si arriva a ben il 10% per i redditi sopra i 150mila euro.
Transazioni.
Il tracciamento dei flussi finanziari si fa più rigiso: per contrastare l'evasione fiscale da ora in poi non si potranno effettuare transazioni in contanti oltre i 2.500 euro.
Fatture e studi di settore.
Il monitoraggio delle fatture subirà un giro di vite e le sanzioni si inaspriranno per chi non emetterà fattura, con il rischio di vedersi chiudere l'attività. La manovra prevede anche una rimodulazione degli studi di settore.
Pensioni.
La manovra finanaziaria bis prevede un anticipo al 2015 dell'innalzamento dell'età per la pensione di vecchiaia delle donne (a 65 anni a partire dal 2015 invece che dal 2020), con un andamento progressivo.
TFR e tredicesime.
I dipendenti statali subiranno un ritardo fino a due anni per l'erogazione del trattamento di fine rapporto, con possibili slittamenti anche per le tredicesime se non si riuscirà a raggiungere gli obiettivi prefissati per la riduzione della spesa.
Ponti e festività.
Le festività laiche saranno accorpate alle domeniche, così da incrementare la produttività, a scapito dei consueti ponti.
Riduzione degli Enti.
In manovra bis c'è anche la riduzione drastica del numero delle piccole province italiane e l'accorpamento di numerosi comuni sotto i mille abitanti, al fine di abbattere significativamente il numero di consiglieri e di assessori.
Costi della politica.
Prevista l'abolizione dei voli blu e dei viaggi in classi non economy per tutti i politici, gli amministratori pubblici, i dipendenti dello Stato e i componenti di enti.
Accise Tabacchi.
Nella manovraa è contenuta anche una misura volta al rincaro delle accise sui tabacchi.
Il decreto-legge «individua immediate misure per la stabilizzazione finanziaria, per favorire lo sviluppo, a sostegno dell ' occupazione, per la riduzione dei costi degli apparati istituzionali, nonché in materia di liberalizzazione di attività economiche».

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

sabato 30 luglio 2011

Perché Il noleggio a lungo termine.

Sono tanti i motivi per scegliere la formula del noleggio a lungo termine in alternativa alla proprietà. Avere un consulente che pensa alle vostre auto dall’inizio alla fine del ciclo di vita significa risparmio, di tempo, di lavoro e di capitali; significa ottimizzazione della vostra attività, pianificazione e trasformazione dei costi variabili in costi fissi.

Il noleggio a lungo termine risulta il sistema più economico e semplice di utilizzo e gestione di un'Auto, sotto tutti gli aspetti:
FINANZIARIO: non c'è anticipazione di capitali per l'acquisto né per il pagamento anticipato di bollo e assicurazione; consente di tagliare tutti i “costi occulti” legati alla gestione di un parco automobilistico di proprietà dell’azienda.
AMMINISTRATIVO: tutti i compiti amministrativi sono in outsourcing (delegati all’esterno), cioè affidati alla professionalità e alla competenza della società noleggiatrice che si occuperà di tutti gli aspetti relativi alla gestione del vostro parco auto.
ECONOMICO: i canoni di noleggio possono essere estremamente competitivi rispetto all'acquisto e alla manutenzione di un'auto, oltre al considerevole risparmio sull’RC Auto.
Inoltre, si aggira il problema di rivendere l’usato poiché la società noleggiatrice si fa carico del ritiro e della rivendita dell’usato.  www.automotive-italia.it

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

mercoledì 27 luglio 2011

Libertà, Uguaglianza e ...

Mi sfugge qualcosa, nelle liste delle candidature elettorali sono sempre presenti (anche se poche) le donne, ora, essendo la popolazione dei votanti composta per oltre il 50% da donne, come mai spesso le candidate donne non vengono elette? Evidentemente le donne non votano per le donne e poi vogliono le sedie per Legge...ma... :-(
Viva le Donne con la "D" maiuscola, capaci, intelligenti, decise, che non chiedono di essere aiutate per Legge. Viva l'Uguaglianza.
Le quote rosa le ritengo auspicabili nelle candidature non negli eletti o nell'assegnazione obbligatoria di poltrone.
Costituzione della Repubblica Italiana.
Art. 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Dice RIMUOVERE GLI OSTACOLI non inserirne altri !
O vogliamo creare un'altra disparità ?

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Rassegna Stampa di Venerdì 20 maggio 2022

ACCREDITAMENTO IL SOLE 24 ORE   Pag. 7 ITS, RIFOR...

I POST PIU' SEGUITI