sabato 11 settembre 2010

IL TEMPO - Via libera al GP di Roma, si partirà nel 2012

Flamini annuncia l'accordo siglato con Ecclestone. Le monoposto correranno nella Capitale per cinque anni. "Il mese giusto per disputare la gara sarebbe agosto". LEGA CONTRO LA CAPITALE.
Tanto rumore per nulla.

Quando si dice «parlare di corda a casa dell'impiccato». Mentre sul circuito di Monza le monoposto di Formula Uno sfrecciavano per le prime prove del Gran Premio d'Italia in programma domani, dall'altra parte del paddock Maurizio Flammini e Bernie Ecclestone mettevano a punto l'accordo per il Gran Premio di Roma che in molti continuano, erroneamente, a mettere in contrapposizione proprio con la gara di Monza.  Non sarà così. La notizia comunque ora è ufficiale: il Gran Premio di Roma si farà per cinque anni a partire dal 2012 (2013 se l'iter burocratico dovesse dimostrarsi più complesso del previsto). A confermare le indiscrezioni lo stesso Flammini che, al termine dell'incontro con l'eccentrico patron della Formula Uno al quale era presente anche Riccardo Bossi figlio del numero uno della Lega, ha spiegato i dettagli dell'accordo. «Siamo pronti, o quasi. Dipende dall'iter del progetto che abbiamo presentato al Comune di Roma - ha spiegato Flammini - e se il Consiglio comunale lo avrà approvato entro dicembre di quest'anno, si partirà entro il 2012. Altrimenti tutto slitterà di 12 mesi».

Era il via libera che si aspettava per iniziare le grandi manovre organizzative che erano comunque in qualche modo già partite dopo la presentazione in Campidoglio del progetto qualche mese addietro. Flammini non nasconde la soddisfazione per l'approvazione di Ecclestone apparso impaziente di portare il suo «giochino» nella capitale (ha già depositato quasi trenta marchi registrati per l'evento) per una gara che non si chiamerà più Gran Premio dell'Eur come ipotizzato all'inizio, ma proprio Gran Premio di Roma. Decisione che spazza via anche gli ultimi dubbi sul dualismo con Monza che resterà il Gran Premio d'Italia (quest'anno giunto alla sua 81esima edizione): anche se l'attuale contratto tra Ecclestone e Monza, caso strano, scade proprio nel 2016. «Non Gran Premio d'Italia - ha sottolineato Flammini - perché questo avvenimento è legato indissolubilmente al circuito di Monza e lo stesso Bernie mi ha confermato che questa corsa resterà». Come dire basta alle polemiche che cercano solo di creare danno a Roma e non si preoccupano invece di rilanciare un evento che già in passato aveva rischiato di essere cancellato dal calendario della Formula Uno. Ma Flammini continua per la sua strada e pensa al concreto: al risvolto che l'evento F1 a Roma avrà per la popolazione della Capitale e alle date più adeguate per collocare il Gran Premio.
«L'83% della popolazione dell'Eur - ha detto l'imprenditore - è favorevole alla disputa del Gran Premio di Roma e a livello cittadino la percentuale è ancora più alta. Le polemiche contro il nostro progetto, che prevede tra l'altro la riqualificazione dell'area degradata di piazza delle Tre Fontane con la costruzione di una cittadella dello Sport, sono assolutamente pretestuose e fomentate da una minoranza rumorosa». Il periodo giusto sarebbe, ovviamente il mese di agosto: meglio verso la fine in maniera di consentire alla carovana della F1 di restare in Italia e poter poi dirigersi verso Monza per il Gp d'Italia in programma in genere nella prima settimana di settembre. Flammini conferma. «Sarebbe perfetto, perché in quel periodo la città le attività legate al turismo lavorano solo al 40% e l'80% degli abitanti dell'Eur sono in ferie». Tutto pronto quindi, non resta altro che lavorare sodo e mettere pressione sulle istituzioni che sono però sembrate reattive sull'evento. Bisogna stringere i tempi per approvare il progetto prima della fine dell'anno e riuscire a far sbarcare la Formula Uno già nel 2012. Poi ci sarà solo da aspettare il primo semaforo verde: e il sogno sarà divenuto realtà.

giovedì 9 settembre 2010

VIVISEZIONE, MPI: A ROMA A RISCHIO MIGLIAIA DI CANI


"Con l'approvazione della nuova normativa europea sulla vivisezione, anche a Roma saranno a rischio migliaia di cani, non solo randagi ma anche quelli abbandonati nei canili".
Lo dichiarano in una nota Fabio Sabbatani Schiuma e Massimo Bertollini, rispettivamente coordinatore regionale e viceresponsabile nazionale dell'Ufficio 'diritti degli animali' del 'Movimento per l'Italia-PdL'.
"Nutriamo - conclude la nota - forti perplessità sulla scelta del Parlamento europeo e non crediamo che il progresso scientifico possa spiegare e motivare le crudeltà a cui saranno sopposti migliaia di animali.
In Italia, fortunatamente, c'era una certa salvaguardia, ma così si rischia di ritornare indietro di anni, vanificando i progressi fatti in questo campo."

mercoledì 8 settembre 2010

Linea dura della Cassazione

Linea dura della Cassazione per chi perseguita il proprio ex con messaggi minacciosi anche su Facebook. La Sesta Sezione Penale ha confermato una custodia cautelare ai domiciliari, disposta dal Tribunale di Potenza, nei confronti di un ragazzo accusato di 'atti persecutori' (stalking) nei confronti della ex fidanzata, perchè, non rassegnato alla fine della relazione, le aveva scritto messaggi minacciosi sulla bacheca del social network, arrivando a postare anche un video di un rapporto sessuale avuto con lei. 

"Continui episodi di molestie, consistiti in telefonate, invii di sms, messaggi di posta elettronica e tramite Facebook, anche nell'ufficio dove lei lavorava" avevano portato il Tribunale di Lagonegro nel febbraio 2010 a disporre la custodia cautelare in carcere per l'uomo dopo la denuncia della ragazza.
In riforma del provvedimento, poi, il Tribunale di Potenza aveva tramutato il carcere in arresti domiciliari. L'amante, non rassegnato, aveva anche minacciato il nuovo compagno della ex spedendogli fotografie di rapporti sessuali della sua precedente relazione.
Invano l'indagato ha fatto ricorso in Cassazione contro l'ordinanza del Tribunale di Potenza: i Supremi Giudici, infatti, con la sentenza n. 32404, hanno confermato il provvedimento ritenendo tali comportamenti "minacciosi e molesti" e "gravi indizi di colpevolezza" anche i messaggi su Facebook, che avevano creato nella vittima "uno stato d'animo di profondo disagio e paura in conseguenza delle vessazioni patite".
Qualche settimana fa la Cassazione si era pronunciata su un caso di molestie avvenute tramite mail. In questa sentenza, la Corte aveva articolato una distinzione tra molestie avvenute via telefono, da quelle avvenute attraverso la posta elettronica, ritenute meno gravi, mancando l'immediata interazione.

martedì 7 settembre 2010

Proprietà Industriale - Marchi e Brevetti

Titolo: DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 131
Descrizione:
Modifiche al decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, recante il codice della proprietà industriale, ai sensi dell'articolo 19 della legge 23 luglio 2009, n. 99
Tipo:Decreto legislativo
Numero: 131
Data: 13 Agosto 2010
Data pubb.: 18 Agosto 2010
Gazzetta N. 192
Gazzetta Spec. 195

SINTESI  - Studio Service - Marchi e Brevetti

MODIFICHE AL CODICE DELLA PROPRIETA' INDUSTRIALE
Previsto che in caso di diritto appartenente a più soggetti, la presentazione di domande può essere effettuata da ciascuno di tali soggetti nell'interesse di tutti.
Previsto che non possono essere registrati come marchio d'impresa i segni identici o simili ad un segno già noto come marchio o segno distintivo di prodotti o servizi fabbricati o comunque già da altri registrato nello Stato o con efficacia nello Stato e quelli privi di carattere distintivo.
Possono ottenere registrazioni di marchio anche le amministrazioni dello Stato, delle regioni, delle province e dei comuni, compreso quello effettuato con la concessione di licenze e per attività di merchandising, i proventi dovranno essere destinati al finanziamento delle attività istituzionali o alla copertura degli eventuali disavanzi pregressi dell'ente.
Per un marchio internazionale designante l'Italia, per il quale l'Ufficio italiano brevetti e marchi ha espresso un rifiuto provvisorio, questo costituisce conferma definitiva della tutela in Italia della registrazione internazionale.
Previsto che non si possono registrare disegni o modelli con caratteristiche contrari all'ordine pubblico o al buon costume o che costituisce utilizzazione impropria per la protezione della proprietà industriale, oppure di segni, emblemi e stemmi che rivestono un particolare interesse pubblico nello Stato.
Previsto che non possono costituire oggetto di brevetti i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico o di diagnosi applicati del corpo umano o animale e le varietà vegetali e le razze animali ed i relativi procedimenti essenzialmente biologici di produzione.
Previsto che il brevetto europeo rilasciato per l'Italia conferisce gli stessi diritti ed è sottoposto allo stesso regime dei brevetti italiani a decorrere dalla data in cui è pubblicato nel Bollettino europeo dei brevetti.
Stabilita una retribuzione, se non è prevista, in compenso dell'attivita' inventiva, se l'invenzione avviene nell'adempimento di un rapporto di lavoro, i diritti appartengono al datore di lavoro, ma all'inventore, oltre al diritto di essere riconosciuto autore, spetta un equo premio, qualora si ottenga il brevetto o si utilizzi l'invenzione in regime di segretezza industriale.
La facoltà esclusiva attribuita dal diritto di brevetto non si estende:
agli atti compiuti in ambito privato ed a fini non commerciali,
agli studi e sperimentazioni diretti all'ottenimento, anche in paesi esteri, di un'autorizzazione all'immissione in commercio di un farmaco,
alla preparazione di medicinali nelle farmacie su ricetta medica, e ai medicinali così preparati, purchè non si utilizzino principi attivi realizzati industrialmente.

domenica 5 settembre 2010

FLI, BLITZ DI RIVA DESTRA: IN AFFITTO A OFFSHORE VECCHIA SEDE DI AN

"Via della ...Scrofa trasformata in Rue Princesse Charlotte, Tulliani sul citofono" -
ROMA, 5 SETT. "Una targa stradale 'Rue Princesse Charlotte, gia' via della Scrofa', un cartello 'Affittasi ex sede di Alleanza Nazionale, solo societa' offshore, prezzi modici, rivolgersi a Gianfranco ed Elisabetta' sul portone principale e una strisciolina adesiva con scritto 'Tulliani' sul citofono: questa la coreografia messa in scena da 'Riva Destra' in occasione del discorso odierno dell' ex segretario di An, Gianfranco Fini, a Mirabello: racconti la verita'".
Lo comunica una nota del movimento 'Riva Destra'.
"Alle 14 di oggi - continua la nota - una ventina di militanti militanti di 'Riva Destra', tutti ex tesserati di An, hanno dato vita ad un sit in simbolico a pochi metri dalla storica sede, prima del MSI, poi di AN stessa, con uno striscione "Via della Scrofa non FINIRA' al COGNATO". Tre di loro, Paola Marraro, Lorenzo Loiacono e Riccardo Corsetto, hanno raggiunto il luogo ed apposto i cartelli, poi sequestrati dalle forze dell'ordine, della protesta provocatoria contro la verita' malcelata sull'immobile di Monte Carlo, destinato alla comunita' di destra dalla vedova Colleoni e finito per diventare la residenza a prezzi stracciati del cognato del Presidente della Camera, dopo un misterioso giro di societa' offshore'.
'Riva Destra' - conclude Fabio Sabbatani Schiuma, fondatore del movimento - nacque come comitato per 'Fini Sindaco' nel '93, durante l'allora sfida proprio contro Francesco Rutelli, e si trasformo' poi nel primo circolo di Alleanza Nazionale: Fini sta ora svendendo tutto per la sua smodata ambizione, dando vita a un movimento che fa dell'antiberlusconismo il suo collante. Vuole piu' democrazia nel PdL? Lui che non faceva celebrare congressi in AN, che faceva apprendere dai giornali la linea politica e la proposta del voto agli immigrati, che chiamava 'metastasi' le correnti e che bandiva ogni voce fuori dal coro, deferendo in due ore ai Probi Viri con proposta di espulsione chi, come me, nel 2007 lascio' il gruppo in Campidoglio di AN per aderire a quello Misto, in dissenso dal partito.
Direbbe Toto': 'ma mi faccia il piacere'.

venerdì 3 settembre 2010

Nuovo Codice della Proprietà Industriale

Entra in vigore oggi il nuovo Codice della proprietà industriale per la tutela di marchi e brevetti. L’obiettivo è di rendere coerente il quadro normativo, orientandosi verso la disciplina dell'Unione.
La protezione di marchi e brevetti beneficerà di un quadro normativo più chiaro e di strumenti atti a garantire decisioni rapide ed allo stesso tempo giuste e non speculative. Questa è la promessa del nuovo Codice della proprietà industriale, ovvero del decreto legislativo 131/2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 192 del 18 agosto scorso, che entra in vigore proprio nella giornata odierna.
La linea guida per lo sviluppo del Codice è stata quelli di uniformare tutti i provvedimenti sul tema in un unica norma, allineandola a quelle che sono le prospettive e le aspettative dell'Unione Europea.
Diverse le novità significative, come quelle riguardanti l'introduzione dell'azione di accertamento negativo, una misura per chi produce beni o servizi che potenzialmente potrebbero violare qualche brevetto.
Si tratta di un azione, realizzabile anche in via d'urgenza, attraverso la quale sarà possibile richiedere una valutazione preventiva per accertarsi dell'assenza di una violazione di brevetto.
Il nuovo codice ha inoltre apportato alcune modifiche in materia industriale sul tema del segreto aziendale che i dipendenti devono rispettare circa le procedure interne all'azienda, con l'obiettivo principale di ridurre le cause pretestuose avviate dopo la conclusione del rapporto lavorativo.
Gli altri aspetti coinvolti riguardano le nuove tecnologie e in particolare le biotecnologie e gli Ogm a uso alimentare, per le quali è stato definito il perimetro di applicabilità dei brevetti e i limiti di legge sulle attività di laboratorio.

October Cup 2010#links

October Cup 2010#links

mercoledì 1 settembre 2010

Alimenti e sofisticazioni !

Comunicato di Vincenzo Donvito 30 agosto 2010 16:47


Ultimamente, sulla sicurezza degli alimenti se ne stanno vedendo di tutti i... colori. Siamo partiti dalla mozzarella blu, poi la ricotta rossa, il pollo fluorescente, di nuovo la mozzarella a pallini rossi, poi il pesto che da rosso diventa verde e, infine, siamo approdati alla mozzarella rosa. Nel frattempo, siccome in merito spesso le autorita' navigano a vista, non ci sono risposte che ci rassicurino tranne una sui pallini rossi che ci ha detto che non fanno male anche se sono dovuti a cattiva conservazione, e un'ipotesi di un bimbo che aveva scritto coi pennarelli sulle gracili confezioni delle mozzarelle poi divenute blu... in alto mare.
Sempre nel frattempo, com'era prevedibile visto il clima diffuso di esaltazione delle pene e delle carceri ad ogni livello, le uniche proposte che vengono avanzate riguardano un aumento delle pene per chi si e' reso responsabile di queste presunte contraffazioni.
Evidentemente l'esperienza non insegna nulla. Basterebbe che chi dice di essere convinto che una multa piu' salata o la sospensione/ritiro delle autorizzazioni aziendali alla produzione sarebbero un toccasana, si ricordasse di quanto accade, per fare un esempio eclatante, col codice della strada: le norme ci sono e non vengono rispettate e fatte rispettare; tutti se ne rendono conto e, puntualmente, invece di fare investimenti per maggiori sistemi e personale di controllo, il legislatore ci regala pene piu' severe... che scalfiscono i problemi solo marginalmente, continuando a mantenere in piedi la piu' ampia e organizzata macchina di morte del nostro sistema moderno, la mobilita' privata.
Cosi' si vuole anche per i “colori impropri” di cio' che mangiamo? Nel caso, i delinquenti si organizzeranno meglio e presteranno maggiore attenzione a sistemi di contraffazione meno evidenti, piu' sicuri (per loro) e meno individuabili. La scienza e le conoscenze sono all'altezza di questo, perche' non dovrebbero farlo? Aziende che vivono sulla contraffazione esistono per questo, una loro conversione per la paura di “essere chiuse” o per una multa piu' salata, e' impensabile. Il crescente impoverimento della popolazione chiede un mercato piu' economico dove le aziende di prodotti non-contraffatti tardano nel fare offerte... e i delinquenti, invece, sono pronti e strutturati per rispondere a questa esigenza.
Certamente e' piu' facile aumentare una pena che non investire in maggiori controlli, ma il legislatore si dovrebbe porre una domanda: a chi giova che io continui solo a farmi propaganda e non affronti il problema alla radice? Domanda che -comprendiamo visto lo stato delle nostre istituzioni- difficile ad essere posta in modo diverso, ma noi siamo ottimisti.....

Nuovo Corso Vini !

domenica 22 agosto 2010

Onestà, Lealtà, Rispetto

Sono decisamente amareggiato, le continue offese tra tifosi di squadre, che dovrebbero essere avversari da battere e non nemici da uccidere, le parole di odio, gli insulti gratuiti, i fischi sentiti, sia durante il minuto di silenzio per la morte di Francesco Cossiga che durante l'esecuzione dell'Inno di Mameli, in occasione della partita Inter-Roma, mi fanno pensare ad un futuro senza sorrisi; mi auguro che le istituzioni riprendano in mano la situazione, punendo seriamente chi offende il vivere civile e ricordando il tempo in cui le, molestie, le offese e le persecuzioni erano reati chiari e perseguibili, quando il popolo sapeva a chi rivolgersi ed Ministeri si chiamavano col nome Italiano e non in inglese. :-(

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Rassegna Stampa di Venerdì 20 maggio 2022

ACCREDITAMENTO IL SOLE 24 ORE   Pag. 7 ITS, RIFOR...

I POST PIU' SEGUITI