Visualizzazione post con etichetta Viaggio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Viaggio. Mostra tutti i post

mercoledì 24 luglio 2013

IL VIAGGIO DEL PAPA IN BRASILE

Rio abbraccia il Papa   versione testuale

È stato un calorosissimo benvenuto quello che Rio ha riservato a Papa Francesco arrivato, lunedì 22 luglio, in terra carioca per la Gmg. “Il Papa è molto contento dell’accoglienza e del modo in cui la città gli ha manifestato il suo entusiasmo e il suo affetto”, ha detto padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede in una conferenza stampa al termine della giornata. Sceso dall’aereo, dopo il saluto alla presidente Dilma Rousseff e alle autorità, il Pontefice ha percorso vari chilometri a bordo di un’utilitaria grigia – una Fiat Idea - che più volte è stata fermata dalla folla che tentava di salutarlo. “Papa Francesco era sorridente e molto contento, non aveva nessun timore. È stata una straordinaria esperienza di entusiasmo dei giovani e del popolo”, ha commentato ancora padre Lombardi secondo il quale “non ci sono problemi e preoccupazioni particolari per la sicurezza”. Neppure per la notizia diffusasi in serata del ritrovamento, domenica 21, di un ordigno rudimentale in un bagno pubblico vicino al Santuario di Aparecida dove il Papa si recherà Mercoledì.
L’ultima parte del tragitto verso il Palazzo di Guanabara – dopo che il corteo aveva imboccato per errore una strada chiusa – è stata percorsa a bordo di un elicottero “anche per evitare – ha detto Lombardi – le manifestazioni che si svolgevano nei pressi del Palazzo”. Nell’incontro privato con la presidente Rousseff il Papa ha affrontato “il tema della cultura dell’incontro contro quella dell’emarginazione” mentre il Capo di Stato ha sottolineato il grande impatto della recente visita a Lampedusa e ha espresso l’auspicio che “il viaggio del Papa possa incoraggiare la fede in Brasile”.
“Nel suo discorso – ha rilevato Lombardi – il Papa ha parlato del cuore immenso del Brasile e ha indicato molto bene la sua visione del popolo brasiliano e dei giovani”. Anche durante il volo, parlando con i giornalisti al seguito, il Pontefice aveva rimarcato la necessità di vedere la gioventù come parte integrante della società: “I giovani – ha detto Lombardi riassumendo il pensiero del Papa – hanno la forza del futuro, ma gli anziani sono la saggezza e per questo non bisogna separare le generazioni”.


venerdì 31 maggio 2013

La vita è come un viaggio in treno !

  • Spesso si sale e si scende, ci sono incidenti, a qualche fermata ci sono delle sorprese piacevoli e a qualcun’altra profonda tristezza. 
  • Quando nasciamo e saliamo sul treno, incontriamo persone, di cui crediamo, che ci accompagneranno durante tutto il nostro viaggio: i nostri genitori. 
  • Purtroppo la verità è un’altra. 
  • Loro scendono in una stazione e ci lasciano senza il loro amore e affetto, senza la loro amicizia e compagnia. 
  • Comunque salgono altre persone sul treno, che per noi saranno molto importanti. 
  • Sono i nostri fratelli e sorelle, i nostri amici e tutte le persone meravigliose che amiamo. 
  • Qualcuna di queste persone che sale, considera il viaggio come una piccola passeggiata. 
  • Altri trovano solo tristezza nel loro viaggio. 
  • E poi ci sono altri ancora sul treno sempre presenti e sempre pronti ad aiutare coloro che ne hanno bisogno. 
  • Qualcuno lascia quando scende una nostalgia perenne... 
  • Qualcun'altro sale e riscende subito, e lo abbiamo a mala pena notato... 
  • Ci sorprende che qualcuno dei passeggeri, a cui vogliamo più bene, si segga in un altro vagone e che in questo frangente ci faccia fare il viaggio da soli. 
  • Naturalmente non ci lasciamo frenare da nessuno, a prenderci la briga, di cercarli e di spingerci alla loro ricerca nel loro vagone. 
  • Purtroppo qualche volta non possiamo accomodarci al loro fianco, perché il posto vicino a loro è già occupato. 
  • Non fa niente, così è il viaggio: pieno di sfide, sogni, fantasie, speranze e addii… ma senza ritorno. 
  • Cerchiamo di fare il viaggio nel miglior modo possibile. 
  • Cerchiamo di andare d’accordo con i nostri vicini di viaggio e cerchiamo il meglio in ognuno di loro... 
  • Ricordiamoci, che in ogni fase del tragitto uno dei nostri compagni di viaggio può vacillare e possibilmente ha bisogno della nostra comprensione. 
  • Anche noi vacilleremo spesso e ci sarà qualcuno che ci capirà.
  • Il grande mistero del viaggio è che non sappiamo quando scenderemo definitivamente, e tantomeno quando i nostri compagni di viaggio lo faranno, neanche colui che sta seduto proprio vicino a noi. 
  • Io penso, che mi dispiacerà tanto, quando scenderò per sempre dal treno..... Sì, ne sono convinto. 
  • La separazione da tutti gli amici che ho incontrato durante il viaggio, sarà dolorosa, lasciare i miei cari da soli, sarà molto triste. 
  • Ma ho la speranza che prima o poi arrivi la stazione centrale e ho l’impressione, di vederli arrivare tutti con un bagaglio, che quando erano saliti sul treno ancora non avevano. 
  • Ciò che mi renderà felice, è il pensiero, che ho contribuito ad aumentare e arricchire il loro bagaglio impreziosendolo. 
  • Facciamo il possibile, per far sì che si faccia un buon viaggio e che alla fine ne sia valsa la pena. 
  • Mettiamocela tutta per lasciare quando scendiamo un posto vuoto, che lascia nostalgia e bei ricordi in coloro che proseguono il viaggio. 
  • A coloro, che fanno parte del mio treno, auguro. 
                                                  BUON VIAGGIO! ♥  

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Ultime Notizie !

Putin: 'Forniremo missili Iskander-M a Minsk'. Severodonetsk in mano russa Agenzia ANSA 3 ore fa bookmark_border share more_vert Ucr...

I POST PIU' SEGUITI