Visualizzazione post con etichetta Sangue. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sangue. Mostra tutti i post

venerdì 10 giugno 2016

Il 14 Giugno sarà la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue.

In occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, martedì 14 Giugno p.v., alle ore 19:30, si terrà a Roma, presso l’Auditorium SMIH sito in Viale delle Mura Gianicolensi 67, il concerto di musica gospel e spirituals "Il sangue non ha colore" organizzato dalla Salvator Mundi International Hospital, dalla 7 Hills Gospel Choir e dallo Studio Scopelliti-Ugolini, per ringraziare i molti volontari che periodicamente, in forma anonima e gratuita, con il loro gesto garantiscono l’autosufficienza a livello nazionale.
La manifestazione, patrocinata dalla Federal Gospel Choirs, dall’Avis Regionale Lazio, dall’Avis Provinciale di Roma e dall’Avis Comunale Roma, con la partecipazione dell’ADMO Regione Lazio (Associazione Donatori Midollo Osseo) e dell’AIDO - Consiglio Regionale Lazio (Associazione Italiana Donatori Organi) viene organizzata il 14 Giugno, giorno di nascita, nel lontano 1868, dello scopritore dei gruppi sanguigni Karl Landsteiner, a cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 2004 ha dedicato, appunto, la ricorrenza.
Il progetto "Il sangue non ha colore", portato avanti con grande impegno dall’Avis, ha come obiettivo quello di promuovere la cultura della donazione presso le comunità immigrate del territorio romano, attraverso un lavoro di informazione e sensibilizzazione che aiuti a superare barriere informative ed eventuali pregiudizi culturali. 


Ingresso libero fino a esaurimento posti
____________________________
Info e  contatti:
Studio Scopelliti-Ugolini
+39 349 5487 626
scopelliti.ugolini@gmail.com

www.studiostampa.com

giovedì 19 maggio 2011

ESTATE: FARMACI IN VALIGIA PER 90% VACANZIERI, DONNE REGINE DEL 'KIT'


(3) = DAGLI ESPERTI I 'MUST HAVE' DA PORTARE CON SE E LE ISTRUZIONI PER L'USO. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - «Prima della partenza il ricorso dei cittadini al consiglio del farmacista aumenta indiscutibilmente - conferma Paolo Vintani, vice presidente di Federfarma Milano, Monza e Lodi - E anche in vacanza è importante rivolgersi al medico o al farmacista, la cui esperienza è certamente più affidabile delle informazioni su Internet o del passaparola». Il tecnico del farmaco ricorda inoltre le regole d'oro per conservare e usare al meglio le medicine. Se possono superare i controlli aeroportuali, «meglio trasportare i farmaci nel bagaglio a mano per evitare il freddo della stiva. Occhio anche al caldo eccessivo e all'umidità, non mischiare i blister, non buttare il foglietto illustrativo e accertarsi che la confezione riporti lo 'smile' simbolo dei prodotti da automedicazione». Sarebbe bene anche conoscere il nome dei principi attivi più comuni, per trovarli all'estero in caso di emergenza. Ma quali sono i farmaci 'must have' nel kit salva-vacanze? «Non devono mai mancare un antipiretico, un antinfiammatorio e un antidolorifico, specie per chi sta fermo tutto l'anno e in ferie si improvvisa atleta o alpinista - raccomanda Ornella Cappelli, igienista e presidente dell'Associazione italiana donne medico - Possono essere utili anche un disinfettante per la gola, primo bersaglio degli shock termici da aria condizionata; un blando lassativo e un antidiarroico, per gestire l'eventuale stitichezza da cambio di abitudini o al contrario le varie maledizioni o vendette di Montezuma & Co; creme e pomate contro le irritazioni cutanee», un collirio e della melatonina anti-jet lag. Ovviamente, chi assume abitualmente farmaci con ricetta faccia prima 'la scorta'. Infine, riflettori puntati sulla pelle. «Scottature da 'overdose' di sole in vacanze sempre più brevi, punture di zanzara, di altri insetti o di medusa, piccole ferite sono i principali nemici della cute in vacanza - elenca Luigi Naldi, dermatologo degli ospedali Riuniti di Bergamo e direttore del Centro studi Gised - È bene quindi includere nel kit anche un antistaminico o un cortisonico a bassa-media potenza contro le irritazioni della pelle, oltre a disinfettanti, garze sterili e cerotti per le ferite». In conclusione, non dimenticare mai che «i farmaci da automedicazione sono veri farmaci - precisa Cappelli - con tutti i loro benefici, ma anche con i loro effetti collaterali e il rischio di eventuali interazioni con altri medicinali o con il cibo. Quindi, se il disturbo non si risolve entro 3-4 giorni, è bene rivolgersi a un medico». (Opa/Pn/Adnkronos) 19-MAG-11 16:46 NNN

PRIMA DELLE VACANZE RICORDATEVI DI ANDARE A DONARE IL SANGUE. VI FARA' SENTIRE MEGLIO. GRAZIE. 


 

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Una notizia che MAI avremmo voluto dare !

Col cuore affranto comunico la perdita del più grande divulgatore culturale della nostra epoca. Piero Angela ci ha lasciati e il vuoto è inc...

I POST PIU' SEGUITI