Visualizzazione post con etichetta Rischi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rischi. Mostra tutti i post

mercoledì 30 dicembre 2020

Vaccinopoli: copiato da un profilo in cui non e stata dichiarata la proprietà. Chi lo riconosce lo reclami. A nostro parere è una analisi perfetta.

"Ti svelo un segreto, a Te che sostieni l’obbligo vaccinale: il bersaglio di questa strategia, di tutta questa strategia, dalle epidemie con morti inventati fino dall’obbligo, dalla radiazione dei medici eretici alle esclusioni dagli asili, dai sindaci che invocano roghi a gelatai che vietano accessi, dai dottori arroganti che insultano genitori e pazienti dubbiosi fino ai NAS che indagano le autocertificazioni delle mamme - il bersaglio di tutto ciò non sono i no-vax.

Dei no-vax non importa niente a nessuno: non contano nulla né commercialmente, né politicamente, né socialmente e non minacciano in alcun modo la salute pubblica.

Una percentuale di cittadini che rifiutano di adeguarsi è del tutto fisiologica, in ogni tipo di società. Ci sono sempre stati, ci saranno sempre. Te li hanno sbandierati davanti al naso di proposito, come il drappo rosso davanti al toro. Non è a loro che puntano: il bersaglio sei Tu.

Quello che vogliono è che Tu, e decine di milioni di altre persone, seguiate un percorso mentale ben preciso, studiato a tavolino. Il percorso è questo:

• voglio essere una persona intelligente, per questo sto con “la scienza”,

• “la scienza” dice che i vaccini sono sicuri e necessari, per cui ci credo,

• una minoranza esagitata non si fida, quindi io sono migliore di loro,

• “la scienza” dice che i bambini sono in pericolo, quindi occorre vaccinarli per proteggerli,

• io sono una brava persona, voglio proteggere i bambini,

• chi dubita dei vaccini non vuole proteggere i bambini, è una persona cattiva e/o ignorante,

• è dunque lecito obbligarli,

Conclusione: io sono una brava persona intelligente = io sono a favore dell’obbligo vaccinale.

Domani, quando metteranno l’obbligo vaccinale anche per Te, dirai: beh, certo, voglio continuare ad essere una brava persona intelligente, non voglio diventare di colpo un ignorante incivile antiscientifico.

Ma quello che di fatto stai accettando non ha NULLA a che fare con la Salute Pubblica, con la scienza o con i vaccini. Non riguarda alcuna malattia né la salvezza di alcun bambino.

Quello che stai accettando è la cessione del diritto di violare l’integrità fisica del tuo corpo.

È il principio che lo Stato, ma più in generale una qualche “autorità competente”, basandosi su una qualche teoria che Tu nemmeno devi comprendere, possegga il diritto di iniettare sostanze nel tuo corpo. Di sperimentare sul Tuo corpo, col Tuo corpo, nel Tuo corpo. Il diritto di violare il Tuo corpo, senza bisogno del Tuo permesso. Persino se Tu non sei d’accordo. Persino se Ti opponi.

Se te lo avessero dichiarato subito in questi termini, prima di questa scemenza vaccinale, prima di farti conoscere e disprezzare i no-vax, prima di rimbambirti con bambini minacciati da epidemie fantasma e rischi di estinzione, avresti risposto: “manco per il ca**o”.

Invece, se non oggi, tra qualche mese o anno spesi a odiare i no-vax antiscientifici, e a convincerti che Tu sei quello intelligente, preoccupato per bambini e immunodepressi, un cittadino modello per il bene dell’umanità, insomma dalla parte giusta - ecco, se non oggi, quando te la gireranno addosso, Tu accetterai sorridendo.

I no-vax non accetteranno mai, ovviamente. Ma dei no-vax non gliene è mai fregato niente: sono pochi e non contano un ca**o. È Te che volevano portare ad accettare questo, perché “Te” significa decine di milioni di persone che invece di ribellarsi e lottare con tutte le loro forze per difendere il diritto all’inviolabilità del proprio corpo, come avrebbero fatto prima di tutta questa messinscena, dopo di essa si troveranno a gridare: “Sì! È giusto obbligare! Obbligatemi!”

Ovviamente lo faranno una categoria per volta. Hanno già cominciato a provarci, ma sono ancora dei test, giusto per saggiare il terreno, giusto per controllare le tue reazioni. Piccole spintarelle di prova. Infermieri, medici, maestri, cuochi delle mense, mestieri a contatto col pubblico… un gruppo per volta, per avere meno resistenza possibile, per poter continuare nel frattempo ad usare il coro rombante del resto del gregge, tutto impegnato a belare in coro: “ignorante, antiscientifico!” a chiunque provasse a sollevare dubbi, a dire che non è d’accordo. E se anche una piccola parte, magari una categoria intera, facesse marcia indietro, si ribellasse, sarebbe poca roba. Avrebbe contro tutti gli altri. Sarebbe comunque una piccola percentuale. Come i no-vax, non conterebbe un ca**o.

Mettilo bene a fuoco: lo scontro è stato creato per questo motivo. I “no-vax” c’erano già, i “pro-vax” non esistevano. Tutto questo bailamme è stato messo in piedi solo per crearli. Per farti schierare dove Ti stai schierando.

Ve lo hanno persino dichiarato, nel modo più chiaro possibile. Vi hanno detto che siete un gregge. Vi hanno detto che dovete comportavi come un gregge. Vi hanno condotto a *volervi* comportare come un gregge.

E anche se Ti parrà assurdo, i vaccini non c’entrano niente. Funzionano bene per questo processo, offrono gli elementi perfetti per spingerti a questa adesione, per fartela sembrare una “Tua decisione”, ma non c’entrano niente. Come non c’entrano nulla la scienza o il senso civico o gli immunodepressi o la salute pubblica.

Sono tutti soltanto strumenti per determinare un processo di modificazione percettiva di massa. Un processo il cui bersaglio siete Voi.

Hanno fatto di voi stessi i fanatici sostenitori della violazione del vostro diritto sul vostro corpo. Vi hanno raggirati talmente bene che senza nemmeno capirlo sostenete e sollecitate la violazione del più fondamentale dei vostri diritti.

L’obiettivo di tutto questo teatro non è eradicare il morbillo.

È eradicare il diritto all’inviolabilità del proprio corpo.

Il bersaglio non sono mai stati i no-vax.

Il bersaglio sei sempre stato Tu."

www.studiostampa.com

martedì 10 ottobre 2017

Rischio guerra nucleare: tecnologico o mentale, di Roberto Vacca. 6/10/17, Il Fatto Quotidiano.

Il rischio più grave che corre il pianeta è che detonino le migliaia di armi nucleari esistenti negli arsenali. Il loro potenziale distruttivo equivale a quello di 5 miliardi di tonnellate di alto esplosivo: quasi 700 kg per ogni essere umano.
Forse sbagliavo da anni a sostenere che il rischio è soprattutto tecnologico. I sistemi computerizzati di controllo e gestione di quelle migliaia di silos sono molto complessi. Speriamo che siano affidabili, ma nessuno lo assicura. Un Medioevo Prossimo Venturo che scateni guasti  in quei sistemi, sarebbe una Tragedia Mondiale. Dunque  le armi nucleari dovrebbero essere tutte disattivate. 
Non si stanno disattivando. Ne produce di nuove la Corea del Nord. Il dittatore Kim Jong un ha già eseguito una mezza dozzina di test. Ha anche sperimentato missili balistici intercontinentali. Ha minacciato Giappone e USA. Trump ha risposto che in caso di attacco nucleare raderebbe al suolo la Nord Corea. Cresce il rischio di un dittatore malato mentale.
Taluno può sperare che quello scambio resterebbe circoscritto. Ottimismo ingiustificato. Non stiamo assistendo a giochi strategici. Sono, appunto, manifestazioni di malattia mentale. Su alcune abbiamo dati e anche una sindrome familiare. 
Il nonno di Kim Jong un era Kim il Sung. Combattè dal 1935 contro i  giapponesi che avevano annesso e schiavizzato la Corea dal 1910. Andò in Russia e si arruolò nell’Armata Rossa. Fece carriera: fu primo ministro della Repubblica Comunista di Corea a Nord del 38° parallelo. Instaurò un dittatura e un culto della sua persona. Pare che scatenò la guerra di Corea nel 1950 trascinandoci russi e cinesi. Dichiarò di averla vinta quando con la pace del 1953 la Nord Corea tornò nei suoi confini. Dapprima le sue politiche industriali ebbero successo, poi diresse ogni sforzo all’industria militare e all’armamento. A metà del secolo istituì un laboratorio nucleare che arricchiva l’uranio. Il culto della sua persona diventò estremo. I suoi oppositori nel Partito Comunista furono uccisi. Lo chiamavano “Sole della Nazione”. Sostenevano che avesse poteri magici e potesse modificare il clima Inventò una sua ideologia “juche”: marxista-leninista, decisionista con qualche idea nietzschiana, autonomista e autarchica. Così bloccò i commerci internazionali anche con Cina e Russia. Malgrado il degrado dell’economia, era, forzosamente, molto popolare. Prima della sua morte (1994) fu proclamato Presidente Eterno [lo è ancora.]
Negli anni 70 fu affetto da calcinosi. È una rara malattia ereditaria, che porta a depositare sali di calcio nei tessuti connettivi e nel sistema nervoso centrale, inducendo  gravi sintomi anche mentali.
Gli successe il figlio Kim Jong Li, dittatore dal 1994 al 2011. Col suo governo l’economia Nord coreana continuò a declinare. Continuavano le ricerche nucleari e nel 2006 fu provata una bomba atomica sotterranea.  Nel 2003 la Corea uscì dal trattato di non proliferazione. Alla morte di Kim Jong Li, gli succedette il figlio ventisettenne Kim Jong un. Forse nei suoi primi 10 anni di vita, quando il nonno era vivo, si era convinto di aver diritto a tutto il potere come figlio e nipote di Presidenti Eterni. Forse la calcinosi gli creava problemi mentali. Aveva frequentato scuole medie inglesi a Berna e conseguito diplomi coreani di informatica e  di fisica.
Kim Jong un è  anche un  adepto di Scientology  (la così detta Chiesa che si basa sulla Dianetica una non-scienza inventata dallo scrittore di fantascienza Ron Hubbard,  condannata per vari reati). Ha pubblicato sue foto con un diploma Scientology incorniciato e attestante che ha raggiunto lo STATE OF CLEAR. È una qualifica di consapevolezza e intelligenza superiore  che conferma  la sua capacità di leggere un libro di mille pagine in 10 minuti ricordandolo tutto. È anche tifoso del Cagliari. Per ora non si parla di suoi poteri magici.

Non sembra un gran curriculum, comunque, ha usato i suoi poteri di Guida Suprema, presidente del Partito del Lavoro, comandante dell’Armata del Popolo, per effettuare test di armi nucleari (anche una bomba H)  e di missili intercontinentali che hanno sorvolato il Giappone ad alta quota. 
La Corea del Nord è stata condannata dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU "per le sue azioni oltraggiose e le minacce contro un altro Stato membro dell'Onu, chiedendo che tali atti cessino immediatamente". Russia e Cina non lo hanno difeso, biasimandolo e applicando le sanzioni decise dall’ONU.

Il Prodotto Interno Lordo pro capite della Corea del Nord è di 1.300 dollari all’anno. Quello della Corea del Sud è di 25.000 dollari/anno. Kim Jong un farebbe bene a obbedire all’ONU e a occuparsi di scuole e lavoro.
Frattanto fonti sud-coreane hanno informato che il loro esercito sta addestrando una forza speciale con la missione di uccidere Kim Jong un. Il 5 Maggio 2017 lui ha accusato la CIA e la Corea del Sud di avere provato - senza successo - a farlo fuori.

www.studiostampa.com

martedì 29 ottobre 2013

Banche commissariate: quali sono e cosa rischia il risparmiatore

Cosa rischiano i clienti delle banche commissariate da Bankitalia? Cosa devono aspettarsi correntisti, depositanti e investitori?
Ma quali sono le altre banche italiane finite sotto amministrazione straordinaria dopo lo scioglimento degli organi di amministrazione e controllo? Ecco l’elenco: Istituto Credito Sportivo, Banca Tercas, Bcc Monastier e del Sile, Bcc San Francesco, Banca Popolare di Spoleto, Bcc del Veneziano, Banca dei due mari di Calabria, Credito Cooperativo, Bcc Euganea di Ospedaletto Euganeo, Banca Credito Cooperativo di Bene Vagienna, Cassa di Risparmio di Ferrara, Bcc di Alberobello e Sammichele.


Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

ANSA: Ultime Notizie

- 28 GIU. - 16:24 Caput Mundi, 335 interventi per Roma e territorio Ultima ora. Progetto da 500 mln euro. Garavaglia, da tutela siti a città...

I POST PIU' SEGUITI