venerdì 19 febbraio 2021

INFINOCCHIARE (Ricerche e aneddoti di Giancarlo Bertollini).

Quando un Oste partiva da Roma per andare ai Castelli a scegliere il vino da comprare per la sua Osteria, visitava qualche cantina di produzione assaggiando diversi vini e spesso usciva la signora con un cestino di finocchio affettato che diceva: 

pulitevi la bocca con due pezzetti di finocchio fresco”.

Questo trucco faceva sembrare un bianco scarso di ottima qualità. 

Tornando a Roma col vino acquistato (portato dal Carrettiere a Vino) veniva rimproverato dalla moglie che gli diceva: 

questo vino non vale nulla, Ti hanno infinocchiato

e lui si difendeva con una frase comica rimasta storica: 

ma che dici, è che questo vino non si può trasportare”.

Avendolo ormai acquistato e volendo rifilare questo vino non eccelso a dei clienti prima portava loro del finocchio raggirandoli come era successo con lui. 

E se le pietanze che aveva intenzione di servire non erano proprio freschissime anzi un po' rancide, le ricuoceva condendole con abbondante finocchio. Così i sapori autentici venivano coperti dall'infida verdura e gli infinocchiati mangiavano, bevevano ed erano tutti contenti. 

Questi esempi della tradizione da cui la parola - forse - nasce, possono essere presi a paradigma dell'infinocchiamento: una disonestà furbastra ignobile per chi la trama e certo non lusinghiera per il tonto che ci casca. 

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.

Eccellenza a Roma - Post in Evidenza

Rassegna Stampa di Giovedì 21 ottobre 2021.

CERTIFICAZIONE IL FOGLIO   Pag. 6 PROBLEMI DI SICUREZZA SULLA FERROVIA ROMA- LIDO DI OSTIA...

I POST PIU' SEGUITI