lunedì 22 luglio 2019

Al Rally di Roma Capitale vittoria di Basso Granai su Skoda.

L’apoteosi dell’“Arena ACI Roma” a Ostia ha completato una nuova edizione da record dell’evento targato Motorsport Italia. Sul podio tutto italiano grandi rimonte di Campedelli su Ford e Crugnola su Skoda vincitore di 14 speciali. Ovazione per il testimonial Maurizio Battista con Enrico Silvestrin.
Roma 21 luglio 2019. Ha regalato forti emozioni fino all’ultimo metro della “Arena ACI Roma” il 7° Rally di Roma capitale che ha vissuto lo show conclusivo tra le migliaia di spettatori a Ostia, dove il traguardo ha celebrato un podio tutto tricolore per il 5° round di Campionato Europeo ed Italiano Rally. Hanno vinto Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia R5, l’equipaggio della Metior Sport formato dal driver veneto e dal copilota toscano che sono passati in testa a metà della prima tappa con il successo nel 4° crono, dal quel momento hanno difeso con bravura ed esperienza la vetta dai ripetuti attacchi di un concorrenza agguerrita.

Seconda posizione per Simone Campedelli e Tania Canton, il romagnolo e la navigatrice svizzera, dopo un avvio un pò faticoso, hanno gratificato con una esaltante rimonta e lo scratch nella PS7, il lavoro del Team Orange One per la Ford Fiesta R5 consegnata dalla M-sport nella versione più aggiornata solo alla vigilia della gara romana. Con una caparbia risalita ed una grande prova di carattere sono saliti sul podio Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto, il giovane driver varesino e dal co-pilota veneto sulla Skoda Fabia R5. L’equipaggio Gass Racing è stato autentico mattatore della competizione laziale in cui ha vinto 13 delle 16 in programma, scivolato in fondo alla top ten dopo una foratura nella 1^ tappa con estrema tenacia ha iniziato una avvincente rimonta completata con l’attacco decisivo solo sugli ultimi metri di gara, quando il duo ha recuperato gli ultimi decisivi secondi in classifica. Grugnola con il doppio successo alla “Arena ACI Roma” si è aggiudicato il “Memorial Pasquale Amoroso”, in ricordo del mai dimenticato Dirigente ACI Sport. La prova d’Apertura la ha vinta il russo Gryazin su Skoda Fabia.

Sotto al podio i primi equipaggi stranieri con il 4° posto per i russi Alexey Lukyanuk e Alexey Arnautov su Citroen C3 R5, protagonisti di vertice del campionato Europeo, che hanno sofferto il non perfetto feeling con le impegnative prove laziali ed una penalità di 1 minuto a metà 2^ tappa. Top five completata dall’equipaggio ceko Filip Mares e Jan Hlousek su Skoda Fabia, che speravano di ottenere di più dalla prestazione italiana. Sesto posto in rimonta per i giovani britannici Chris Ingram e Ross Whittock su Skoda Fabia primi in classifica dello Junior della serie europea, dopo una gara molto pressante per loro. Settima piazza al traguardo per l’ungherese Norbert Herczig su Volkswagen Polo GTI, molto a suo agio sulle prove laziali, davanti al lettone Martins Sesks su Skoda, 8° nonostante un testacoda sulla PS 12 e con soluzioni ottimali per lui solo nella parte conclusiva. Top ten completata da due equipaggi italiani: il reggiano Antonio Rusce navigato da Marco Vozzo su Skoda Fabia, che ha perso qualcosa per un testacoda sulla PS 9 e con qualche problema di aderenza; si è portato al 10° posto il veronese Umberto Scandola con Guido D’Amore sulla nuova Hyundai i20 ancora in fase di affinamento da parte di Hyundai Rally Team Italia dopo uno scivolone per una foratura nella 1^ tappa. Successo tra le due ruote motrici e di RC4 Junior per gli estoni Ken Torn e Kaurl Pannas sulla Ford Fiesta R2.

Il 7° Rally di Roma Capitale ha confermato ancora una volta numeri da record ed una piena assonanza con tutto il territorio coinvolto da un evento che lo vive e condivide appieno. Il grande pubblico protagonista della tre giorni laziale organizzata con grande efficienza da Motorsport Italia con il coordinamento dell’infaticabile Max Rendina, il Campione del Mondo rally Produzione 2014 ideatore della gara romana. Il saluto della Capitale ai suo rally venerdì 19 luglio, lo sviluppo delle prove spettacolari ed insidiose speciali tra le provincie di Frosinone e Roma tra sabato 20 e domenica 21, infine il clou con il boato di folla alla “Arena ACI Roma” l’esaltante super special stage sul litorale di Ostia, la città balneare dove per due giorni il “Villaggio dei Motori” ha richiamato decine di migliaia di spettatori intrattenuti da una miriade di iniziative e dall’incontro con il testimonial Maurizio Battista ed il noto Dj Enrico Silvestrini, grandi nomi del motorsport, come i già F.1 Giancarlo Fisichella, Nicola Larini, Giancarlo Minardi, Emanuele Pirro ed altri noti personaggi delle 4 ruote. Un percorso di gara lungo 849,72 Km di cui 203,40 suddivisi nelle 16 prove speciali.

Le emozioni forti del 7° Rally di Roma Capitale sono state arricchite dalle sfide del 41° Rally di Pico la gara valida per la Coppa Rally di 7^ Zona che si è disputata nella prima tappa dell’evento organizzato da Motorsport Italia, con cerimonia di partenza nella serata di venerdì 19 luglio nel centro di Pico, che ha ospitato anche il traguardo alla presenza della rappresentanza del Comune e della Sindaca Ornella Carnevale. Hanno vinto Gianni Gravante e Gino Abatecola su Ford Fiesta R5, l’equipaggio della Giesse Promotion ha preso il comando sulla 4^ prova, ma l’assalto al vertice l’equipaggio di casa lo ha iniziato già dal 3° crono con il primo scratch, ripetuto sulle PS 4 e PS 6, la lunga “Santopadre - Arpino” da 21,17 Km. Seconda posizione per il pugliese Giuseppe Bergantino navigato da Mirko Di Vincenzo sulla Skoda Fabia R5, l’equipaggio della New Jolly Motors ha vinto i primi due crono della giornata, il secondo in ex aequo con Fabio Carnevale e Cristian Conti, anche loro sulla Skoda Fabia R5, terzi al traguardo e vincitori della PS 5. Una sfida tirata fino all’ultimo metro dei 297,6 Km di gara di cui 7’,18 cronometrati.

Sono disponibili immagini video e foto della presentazione. Tutte le info sono disponibili su www.rallydiromacapitale.it e sulla rinnovata e funzionale app rallydiromacapitale, disponibile su google play e apple store. Top Five: 1 Basso (Skoda Fabia) in 1h57’32”; 2 Campedelli (Ford Fiesta); 3 Crugnola (Skoda Fabia) a; 4 Lukyanuk (Citroen C3); 5 Mares (Skoda Fabia).

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.