venerdì 4 maggio 2018

“Tevere Cavo: un progetto urbano per Roma”.

“Tevere Cavo” non è un insieme di tabelloni, un esercizio per dimostrare qualcosa a qualcuno, una raccolta delle tante tesi di laurea sul Tevere a Roma, un “riciclo” di progetti senza possibilità pratiche di realizzazione o qualcosa di simile.
E’ un grande disegno originale, coordinato, prolungato, con diverse finalità intellettuali e pratiche, materiali e immateriali.

Martedì 9 maggio, come da comunicato stampa, convegno e inaugurazione della mostra 

Il promotore di “Tevere Cavo”, in quest’occasione anche curatore della mostra, è il Prof. Antonino Saggio, che con il Direttore Prof. Orazio Carpenzano rappresenta il Dipartimento di Architettura e Progetto - DiAP dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” sia nel Consorzio Tiberina (di cui è Consorziato) sia nel Contratto di Fiume sul Tevere a Roma fra Ponte Milvio e Ponte Sublicio (di cui è Contraente, fra i sottoscrittori iniziali). Proprio nell’occasione della firma del Contratto di Fiume il 21 aprile scorso al WEGIL di Roma, oltre alla nuova iniziativa di “Tevere Cavo”, sono stati annunciati ulteriori impegni sul Tevere a Roma: verso la mostra internazionale di progetti passati (di grandi architetti e urbanisti), presenti e futuri?
Il percorso con il DiAP e con “Tevere Cavo” è lungo e approfondito, da molti anni. Non è casuale la firma del Contratto di Fiume da parte del DiAP, così come nel caso di ACEA ATO 2, che - dopo alcuni anni di interazioni con il Consorzio Tiberina - ha voluto inserire nel Contratto investimenti per 23 milioni di euro sulla qualità delle acque del Tevere.
Proprio 2 anni fa, per esempio, l’incontro del Presidente del Consorzio Tiberina con gli studenti del Prof. Saggio:
Da segnalare in questi giorni, per il lancio della mostra che sarà inaugurata il 9 maggio, il download gratuito del volume <> (dalla su linkatapagina del progetto).

www.prolocoroma.it

www.unpontesultevere.com

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.