sabato 10 giugno 2017

A Roma Noi con Salvini contro la Raggi: "Non è il sindaco dei Romani ma dei rom".

Barbara Saltamartini e Francesco Zicchieri annunciano una raccolta firme contro il piano della giunta grillina che prevede contributi ai nomadi per le case.
Manifestazione di Noi con Salvini venerdì mattina a Roma, davanti al Colosseo, per protestare contro il "Piano Rom" del sindaco grillino Virginia Raggi, che prevede un contributo fino a 10mila euro ad ogni famiglia nomade per pagare affitto e bollette e fino a 5mila euro per l'avvio di piccole realtà imprenditoriali. Sono previste inoltre la legalizzazione dei "mercatini dell'artigianato", o meglio del rubato, e la regolarizzazione dei "riciclatori di metallo", ovvero del rame provento di furti. Costo previsto quasi 4 milioni, che la prima cittadina a 5 stelle spaccia come "fondi europei" senza ricordare che all'Europa quei soldi li danno i contribuenti italiani. L'annuncio è stato dato a pochi giorni dal ritrovamento, nel campo nomadi di Castel Romano, di oltre 100 auto rubate.

"Facile chiudere i campi rom dando 800 euro al mese per affittarsi una casa. I Romani che sono in difficoltà queste agevolazioni se le sognano! Questo non è il sindaco dei romani ma dei rom. I romani sono stati ancora una volta raggirati dai grillini incapaci di rispondere ai problemi reali delle città. Questa è la prima di una serie di iniziative che faremo. Il prossimo weekend saremo infatti in tutte le piazze di Roma per raccogliere le firme dei Romani delusi. La Raggi aveva promesso la chiusura dei campi rom entro gennaio. Noi con Salvini vigilerà affinché dalle parole si passi ai fatti". Così hanno dichiarato a margine della manifestazione Barbara Saltamartini, vicepresidente dei deputati NcS, e Francesco Zicchieri coordinatore regionale e commissario per la città di Roma.
Fonte: IL POPULISTA

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.