lunedì 3 aprile 2017

CONVEGNO “DESTINAZIONE UNIVERSO. NUOVE FRONTIERE DELL’ASTRONOMIA”.

Sabato 8 aprile 2017, ore 10-19
Palazzo Caetani Lovatelli                               
Piazza Lovatelli 1, Roma
Ingresso gratuito.
Per informazioni: tel. 335 6296920


Siamo soli nell'universo? 
A Roma il primo convegno del Centro Studi Astronomici Italia (CSA): ricercatori e scienziati si incontrano per fare il punto della situazione sui misteri del cosmo e le più recenti scoperte tra approfondimento e divulgazione.
Per tutti gli appassionati di astronomia, Sabato 8 aprile si terrà a Roma, a Palazzo Caetani Lovatelli, il convegno “Destinazione universo. Nuove frontiere dell’astronomia”, promosso dal Centro Studi Astronomici Italia (CSA), con il patrocinio del Comune di Roma, della Regione Lazio e dell’Accademia Internazionale Costantiniana delle Scienze.
I lavori si apriranno con una introduzione alla ‘professione’ dell’astrofilo e alle tecniche di osservazione e della fotografia a cura di Gianluca Alò (CSA). Seguirà un excursus del ricercatore Marco Nicolella (CSA) nella storia dell’astronomia e della sua relazione con la musica, alla ricerca della ‘armonia delle sfere’. 
La prospettiva teologica sul tema della vita nel Cosmo sarà affidata al professor Giuseppe Tanzella Nitti, teologo e collaboratore della Specola vaticana. Enrico Ferrone, ingegnere aerospaziale, parlerà invece dei problemi legati alla presenza di detriti in orbita.
Sulla scia delle recenti scoperte, il dottor Fabrizio Albani (CSA) presenterà gli esopianeti e i metodi di rilevamento, mentre Roberto Giacobbo, vicedirettore di RaiDue, condurrà il pubblico in un viaggio attraverso la storia e le stelle. Ritornando alla scienza, il professor Cristiano Batalli Cosmovici (Istituto nazionale di Astrofisica-Inaf) affronterà il mistero di origine ed evoluzione dell’universo dal punto di vista bioastronomico.
L’approfondimento scientifico - tecnologico, sul nuovo telescopio SKA Square Kilometre Array, sarà svolto dall’ingegner Stelio Montebugnoli (Ira-Inaf). 
Il convegno, pur di livello scientifico, è aperto a tutti e sarà completato dalla mostra fotografica “Le meraviglie di Hubble”. La divulgazione, infatti, costituisce uno degli obiettivi del CSA e a questa esigenza risponde l’istituzione di un riconoscimento a un giornalista distintosi nella comunicazione scientifica. 
Quest’anno sarà conferito a Giorgio Pacifici, responsabile delle trasmissioni scientifiche Rai.
Sarà presente l’onorevole Gemma Guerrini, vicepresidente della Commissione Cultura.
Il Centro Studi Astronomici Italia è un’associazione culturale senza fini di lucro che si dedica allo studio delle scienze astronomiche e della loro divulgazione, alla promozione della cultura e della conoscenza scientifica in generale. A questo scopo organizza convegni di livello scientifico, ma anche viaggi, serate di osservazione, attività a carattere didattico rivolte a un ampio pubblico, in particolare ai giovani. 
                                                     Fabrizio Albani
                                                   Presidente del CSA

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.