martedì 26 maggio 2015

ROMA: un raro evento sulle allergie - da non perdere !

L’AUTORE - Renato Ariano, opera a Bordighera è medico specialista allergologo, già noto per le sue ricerche scientifiche (ha scritto anche “Aerobiologia ed allergeni stagionali”). Ha conseguito tre idoneità primariali nelle discipline di: medicina interna, pneumologia, geriatria. Recentemente si è occupato delle relazioni tra cambiamenti climatici e malattie allergiche, rilevando anche come le amministrazioni pubbliche dovrebbero attribuire maggior importanza alla sua categoria prima di prendere determinate decisioni, come costruire aiuole o piantare nuovi alberi, di cui spesso vengono ignorati gli effetti allergenici.

QUI un importante approfondimento sulle ALLERGIE ! 

Una Recensione Esemplare de: 
“IL VENTO E’ UN’AUTOSTRADA PER POLLINI. 
Viaggio avventuroso di un polline inquieto.”
Un “nuovo Pinocchio”?
Un libro a più livelli di lettura.

Questo nuovo libro è una lettura in grado di suscitare numerose e diverse emozioni e riflessioni e che incuriosisce sin dall’inizio, spingendoci a leggerlo tutto d’un fiato. All’inizio ci si immerge nella trama avventurosa, attratti dal personaggio particolare e accattivante. Si tratta di un microscopico polline di cipresso, chiamato Zeffirino, un nome che è il diminutivo di un vento di primavera, vivace e leggero e che definisce bene questo personaggio, curioso e intraprendente, che rifiuta il proprio destino predeterminato e che fugge dalla Pianta Padre per correre mille avventure nel mondo della Natura. Si potrebbe dire che si tratti di una sorta di un “nuovo Pinocchio”. Difatti, come il famoso burattino anche Zeffirino disubbidisce al padre, compie le sue fughe e marachelle e poi si pente: “Povero me, ho voluto fare di testa mia…se avessi fatto come diceva l’Albero padre…”, Zeffirino parla il linguaggio universale degli animali e dei vegetali, incontra amici e nemici pericolosi, trova un Maestro nel vecchio polline Eudosso, che lo guida nel suo viaggio verso il Giardino Nascosto, dove troverà le risposte a tutte le sue domande. Anche lui ha una sorta di fata Turchina, rappresentata dalla Luna, che lo segue e lo ispira costantemente, durante il suo cammino. Corre i più grandi pericoli quando affronta la specie più debole e più insidiosa, ovvero la razza umana, di cui finisce prigioniero, ma riesce infine a liberarsi, grazie a degli amici batteri. Infine la palingenesi, la trasformazione finale, attraverso un atto d’amore che non svelo per non rovinare la sorpresa al lettore. 
Tuttavia, procedendo pagina dopo pagina, ci si accorge che il racconto ha diversi piani di lettura. A piè di pagina ci sono numerose note esplicative e ci si rende conto che la narrazione ha anche un fine di divulgazione scientifica. Si apprendono numerose informazioni sui pollini, gli Acari, batteri, miceti, malattie allergiche. Questa scoperta ci fa anche capire che l’autore ci vuole presentare le fonti dell’allergia (pollini e altri allergeni) da una prospettiva completamente diversa, ovvero dal loro stesso punto di vista. Il vento, per i pollini allergenici, non è solo lo spostamento di una massa d’aria che muove nuvole e fronde d’alberi, ma addirittura la loro strada preferita: il vento è un’autostrada per pollini, in altre parole è una via per sollevarsi in alto e per giungere alla conoscenza. E’ quello che spiega il Maestro Eudosso al proprio discepolo, quando gli insegna i rudimenti del volo pollinico. “Per volare un alto, occorre essere leggeri e distaccati. Per questo, bisogna eliminare tutti i pensieri inutili e ingombranti. Sono la zavorra che dobbiamo abbandonare”. Ci accorgiamo, adesso, del terzo livello di lettura, quello di valenza simbolica, estetica ed etica, con messaggi che compaiono spesso tra le righe e numerosi riferimenti letterari a capolavori della letteratura, mimetizzati nei vari capitoli. L’autore ha il gusto dell’enigma. Difatti ha architettato tre acrostici che si possono scoprire ponendo attenzione alle lettere delle prime parole della prima e ultima frase dei vari capitoli. Dagli acrostici cosi ricostruiti si generano tre frasi che sono poi tre endecasillabi (11 x 3 = 33) ognuno dei quali esprime un aforisma di tenore etico. Terminato il libro, il lettore attento e curioso è portato subito a rileggerlo per cogliere quelle frasi o quei riferimenti che, forse, prima gli erano sfuggiti. Questo è forse uno dei meriti maggiori di questo libro, la cui lettura è accattivante come una favola, intrigante come un’avventura picaresca, enigmatica come un thriller. 
Da segnalare, inoltre, che il libro è dedicato ai pazienti allergici “perché, malgrado tutto, scoprano che anche i pollini hanno un’anima…” Per questo motivo l’Autore ha deciso che tutti i proventi derivati dai diritti d’autore vadano in beneficenza a “FederAsma e Allergie Onlus”, l’associazione che si dedica al sostegno dei pazienti allergici. Comprare e leggere questo libro aiuterà non solo il lettore, che ne trarrà diletto, ma anche i pazienti allergici che ne ricaveranno un concreto sostegno.

Il vento è un'autostrada per pollini 
- Viaggio avventurosi di un polline inquieto.     
Autore: Renato Ariano
Edizioni Leucotea - Brossura fresata, 176 pagine, €.12,90 
Si può ordinare direttamente, senza spese di spedizione, andando sul sito:
http://www.autostradaperpollini.it

Recensione di Ito Ruscigni

Giornalista e Ideatore dei Martedì Letterari di Sanremo

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.