sabato 14 giugno 2014

STORIE ITALIANE: Un concorso pubblico negato ad un disabile. Una storia di ordinaria illegalità...legalizzata (pertanto il Ministro Orlando si dimetta !)

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando


Il concorso in questione è quello in magistratura (365 posti da Magistrato disponibili) fissato, poi revocato e poi – ancora – riconfermato dal 25 al 27 giugno prossimi, a Roma, presso i locali della Fiera.
La vicenda in questione, invece, fa accapponare la pelle e getta profondo discredito nel confronti delle toghe e del Ministero della Giustizia, retto dal Ministro Andrea Orlando.
E' la storia di un ragazzo disabile che, dovendo in fare la dialisi, è impossibilitato a sostenere il concorso nei tre giorni consecutivi. Lui, al Ministero, lo fa presente per tempo. Lo fa presente sin dall'iscrizione al concorso. Al Ministero sarebbe stato sufficiente che modificassero le date delle prove e tutto si sarebbe potuto svolgere regolarmente, nella piena legalità e soprattutto nel pieno rispetto dei diritti della persona disabile in questione.
E invece no. Che cosa accade infatti ?
Accade che il TAR del Lazio – giustamente – fa sospendere il concorso, venendo incontro all'istanza del ragazzo disabile. Ciò getta i concorsisti nel panico ed i media ci ricamano un po' su, facendo credere che la colpa sia del ragazzo disabile che ha bloccato un concorso al quale avrebbero partecipato 20.000 persone !
Peccato che le cose non stiano affatto così.
Peccato poi che arrivi – qualche giorno fa - un decreto monocratico del Consiglio di Stato (il 2435), datato 9 giugno 2014, che insabbia tutto e che blocca l'istanza di sospensione del TAR.
Risultato ? Il concorso in magistratura si terrà regolarmente dal 25 al 27 giugno prossimi (ma non è detto che il risultato del concorso non sia poi messo in discussione...sic !), in barba al ragazzo disabile ed alla legge che prevede che ci siano per tutti condizioni di parità per accedere ai concorsi pubblici.
Ed il Ministero della Giustizia che dice di tutto questo ? Silenzio assoluto.
Ed i media tradizionali ? Tacciono, forse complici della situazione.
Ed il Ministro Andrea Orlando ? Ma perché non si dimette e non si cosparge il capo di cenere, come i responsabili materiali di questa vergogosa vicenda fatta di inciviltà ed illegalità manifesta ?
Visto e considerato, poi, che l'esito del concorso in questione non è detto che non sia messo in discussione e quindi che il concorso stesso possa essere invalidato, sommessamente invitiamo tutti i concorsisti a boicottarlo, non presentandosi – in massa – nelle date previste.
Concludiamo chiedendoci se sia questa la “svolta buona” del Governo Renzi. Noi vediamo solo il prosieguo dell'immane ingiustizia italica di sempre che tiene unita una politica che, da destra a sinistra, seguita nel danneggiare e nel prendere in giro il cittadino. 
Luca Bagatin

venerdì 13 giugno 2014

Internet e telefoni ko in tutta Italia per le tempeste solari ?

L’onda d’urto generata dalle tempeste solari delle ultime ore ha provocato disservizi in tutta Italia, con molti disagi nell'accesso ai siti internet e nelle telefonate.
Tempeste Solari
Potrebbero essere le tempeste solari delle ultime ore la causa del blackout di internet e telefoni cellulari in tutta Italia. Da alcune ore l’accesso a diversi siti internet risulta impossibile e anche l’invio di sms o il tentativo di effettuare una telefonata non va a buon fine. Diversi provider come Libero, Infostrada, Fastweb, hanno segnalato problemi diffusi e la causa sarebbe da ricercarsi al doppio flare solare di classe X che si è verificato nei giorni scorsi che ha di fatto risvegliato l‘attività solare, provocando una forte onda d’urto che proprio in queste ore ha raggiunto la Terra provocando numerosi disagi non solo in Italia, ma in gran parte del mondo.
Se le prime analisi avevano escluso la possibilità che l’onda d’urto fosse diretta verso il nostro pianeta, ulteriori osservazioni hanno invece confermato che nella mattinata di oggi è stato colpito il campo magnetico terrestre mettendo fuori combattimento per diverse ore satelliti di telefonia mobile e per l’accesso a internet ma anche i sistemi di comunicazione Gps. Da alcune ore infatti sono numerosi i blackout segnalati da diverse città italiane, conseguenza dei brillamenti solari che si sono verificati recentemente, tra i più intensi degli ultimi dieci anni. Il rischio dei flare solari e dell’espulsione di massa coronale sono proprio i blackout che in alcuni casi possono durare anche settimane o addirittura mesi, in seguito al malfunzionamento di satelliti per le comunicazioni. Fortunatamente in questo caso l’onda d’urto ha colpito marginalmente la Terra e i danni dovrebbero essere di lieve entità. 


Extracomunitari in rivolta: è caos a Portopalo.

UN VIDEO DA DIFFONDERE, 
E' INACCETTABILE TUTTO QUESTO. 

mercoledì 11 giugno 2014

Caos Ucraina e Libia, allarme servizi segreti italiani: solo 6 mesi per metterci al riparo !

Caos in Libia e in Ucraina, approvvigionamenti energetici a rischio. In Libia la produzione di gas e petrolio è in stallo, dopo la guerra a Gheddafi fortemente voluta da Usa e Francia, con l’appoggio di Napolitano. Come se non bastasse, frange estremiste imperversano nel Paese, mentre sulle coste migliaia di immigrati sono in attesa di partire per l’Italia.
I servizi segreti, senza mezzi termini, lanciano l’allarme: “abbiamo sei mesi di tempo per correre ai ripari. Poi in Italia regnerà il caos”. Intanto anche le sedicenti nuove leve della politica (M5S) si occupano di questioni irrilevanti.
Secondo gli analisti dei servizi segreti in Italia sarebbe ancora alto il rischio di attentati di matrice internazionale. A preoccupare, in particolare, è la matrice jihadista che, secondo i servizi, “resta collegata nella sua dimensione ‘domestica’ al cosiddetto jihad individuale, per l’eventualità di un’autonoma attivazione, specie sulla spinta della propaganda qaidista on line, di elementi isolati o microgruppi motivati a colpire la società occidentale ‘dall’interno’”.
In particolare “elementi di rischio potrebbero derivare dal possibile ridispiegamento nel nostro Paese di reduci provenienti dai teatri di jihad, potenzialmente intenzionati ad impiantare filiere radicali o a condurre progetti di attacchi di Europa”. Ma un’altro campo nel quale i servizi effettuano monitoraggio è quello dei flussi migratori e del conseguente rischio che arrivino potenziali terroristi. Tuttavia al momento “non sono emersi significativi elementi di riscontro”.

lunedì 9 giugno 2014

ATTENZIONE ! Batterio pericoloso in pomodorini provenienti dal Marocco

La Repubblica Ceca ha notificato attraverso il Sistema di Allerta Rapido Europeo il ritrovamento di tossine prodotte da Escherichia Coli in pomodori ciliegini, provenienti dal Marocco e importati dalla Francia. Sono venduti anche in Italia. Ma il Ministero tace. Come evitare rischi. 

Fonte: AltroConsumo - Articolo Completo QUI !

www.studiostampa.com

domenica 8 giugno 2014

L'alba della Roma | The rise of AS Roma

L'alba della Roma: il documentario sulla fondazione del club giallorosso !

Mose, arrestata l'eroina della Gabanelli !

Era un dirigente di prima fascia del ministero delle Infrastrutture, con uno stipendio di 149 mila euro l'anno. Divenne magistrato delle acque di Venezia, ingaggiando un braccio di ferro con le imprese del Mose. Siccome lo perse e fu trasferita a Bologna, Maria Giovanna Piva andò a fare la vittima da Milena Gabanelli, che nella puntata di Off the report del 27 maggio 2012, ne fece subito un'eroina, che combatteva contro il governo di Silvio Berlusconi e il ministro Altero Matteoli. L'eroina è stata arrestata per l'inchiesta sul Mose con l'accusa di corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio. Avrebbe intascato illegalmente attraverso un falso collaudo oltre 327 mila euro. Somma che aveva già in tasca quando bussò alla Gabanelli. Forse non le bastavano e così stava mandando un messaggio in codice alla cricca del Mose?