lunedì 1 dicembre 2014

“Come imparare una cosa al giorno e non invecchiare mai” di Roberto Vacca - 2/12/2014

“Chi non è bello a 20 anni, forte a 30, ricco a 40 e saggio a 50, non sarà mai bello, né forte, né ricco, né saggio” - scrisse George Herbert. Forse era vero quattro secoli fa. Oggi stiamo meglio. Abbiamo capito parecchie cose. Viviamo il doppio di allora e questi anni aggiuntivi possiamo viverli bene - saggi e sani. In questo libro spiego come si fa.
Chi sei? La tua persona non è fatta solo del tuo corpo. È fatta soprattutto della tua mente con cui capisci il mondo, ti entusiasmi, ami persone e situazioni. Vivi bene e non declini col passare degli anni, se impari come funzionano: la natura, le macchine, le menti degli altri, la società - se impari come funzioni tu stesso. Se ci riesci, hai più potere e più gioia. Leggi questo libro e apprendi che a qualunque età puoi avere molti piaceri. Fra questi: inventare, sfoggiare e anche i piaceri dell’amore. Un ottantenne di oggi può essere vivace e scattante come un cinquantacinquenne di un secolo fa.
Capisci come stare sano. La medicina aiuta, ma possiamo aiutarci molto da soli. Anche se in tarda età siamo più deboli e fragili, in questo libro trovi regole e abitudini che ti fanno stare meglio. 
Per pensare cose giuste devi continuare a imparare. Uno dei modi per farlo è insegnare - ai figli, ai nipoti. Però il mondo cambia velocemente e loro spesso sono più rapidi di noi nell'adeguarsi. Assorbono idee avvincenti. Usano strumenti nuovi e macchine più efficienti. Per aggiornarti e non sentirti un sorpassato, impara tu da loro - anche dai nipotini.
Se la tua età anagrafica non è tanto avanzata, qui trovi consigli su come prepararti in tempo - l’età cresce inarrestabile. Impara anche come aiutare i più anziani. Devi parlarci in modo che ti capiscano. Potrai indurli a essere meno scorbutici. Se i loro interessi si risvegliano, se sono indipendenti e creativi. Risolvono problemi invece di crearli. 
Questo libro è una palestra. Suggerisce anche un’impresa benefica, civica e remunerativa. Ci sono da guadagnare profitti notevoli progettando e offrendo su Internet programmi, esercizi, videogiochi che funzionino come palestre mentali per gli anziani. È un’idea sviluppata e consigliata da neuro-scienziati famosi. Ce n’è bisogno. Gli over65 sono oggi più di 12 milioni – nel 2035 saranno 17 milioni (il 28% della popolazione).
Molti anziani, però, dopo aver letto questo libro, faranno  progressi tali che non  avranno bisogno di badanti. Diventeranno imprenditori. 
di Roberto Vacca
www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.