giovedì 16 ottobre 2014

LA MASSONERIA ROMANA SVELA IL SUO TESORO: LA CULTURA !

Un ciclo di incontri aperti al pubblico racconta aspetti dei più famosi artisti che si sono avvicinati alla Massoneria.
Il prossimo Sabato, 18 ottobre alle ore 17.00, nella Sala Capranichetta di Piazza Montecitorio a Roma si terrà il primo incontro sugli artisti che nel corso del tempo hanno vissuto esperienze legate al mondo massonico. “ARS AD LAPIDEM”, questo il titolo della serie di appuntamenti, racconterà il percorso terreno dei tanti personaggi che si sono distinti nel campo delle arti. Si comincia con “La pietra e la piuma - I poeti”. L’ingresso è libero fino all’esaurimento dei posti.
L’introduzione è affidata a B. Nardacci e a raccontare i poeti è Q. Di Marco. I due si alterneranno con le letture di L. Monaco e S. Briccarello.
Il viaggio in questo mondo particolare porterà gli spettatori a scoprire aspetti poco conosciuti di personaggi che vanno da Foscolo a Carducci che fu tra l’altro sospeso dall’insegnamento e dallo stipendio per le sue posizioni socialiste e anticlericali; da un Pascoli amico dell’anarchico Andrea Costa e privato della borsa di studio per aver inneggiato all’attentato al Re Umberto I a un D’Annunzio primo testimonial per una pubblicità, da un Quasimodo impiegato in un grande magazzino e poi dipendente del Ministero dei Lavori Pubblici al Principe De Curtis in arte Totò, l’attore meno premiato del suo tempo, passando poi per l’irriverente Trilussa e un certo Casanova, riletto come intellettuale europeo al passo con i suoi tempi, per poi allargare l’orizzonte a Goethe, Neruda, Tagore, Coelho, Pessoa. La conclusione è prevista con la lettura di “Loggia Madre” di Kipling.
Questi eventi, organizzati e promossi dalla Regione Massonica Lazio degli A.L.A.M. (Antichi Liberi Accettati Muratori) hanno l’intento di proporre un uso del termine “massone” per un corretto utilizzo comune. Oggi dare del massone a una persona è percepito quasi come un’offesa ma resta difficile pensare di far questo nei confronti dei moltissimi premi nobel che hanno indossato il grembiulino o personaggi della storia italiana quali Garibaldi o il primo Sindaco di Roma eletto Nathan. Non ultimo e non meno noto quel giovane Mameli al quale dobbiamo l’Inno d’Italia e che forse scrisse l’incipit del testo intendendo rivolgersi ai “Fratelli (liberi muratori) d’Italia”. Una rilettura interessante e in alcuni casi sorprendente della nostra letteratura. 

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.