giovedì 23 gennaio 2014

Più di Renzi, più di Berlusconi: Caprotti.

Il fondatore di Esselunga assumerà duemila persone in due anni. Un atto eroico nell'Italia delle tasse, della burocrazia e delle Coop rosse. Mentre i due leader discutono di legge elettorale, ecco chi produce veramente ricchezza.
di Matteo Borghi 
Bernardo Caprotti
Nei giorni in cui non si far altro che parlare di Berlusconi e di Renzi, che ha causato le dimissioni di Cuperlo e della possibile spaccatura del Pd noi vorremmo, per una volta, parlare di qualcun altro. Qualcuno che, al contrario dei pur bravi politici di lungo corso, ha creato qualcosa con le proprie mani (proprio del resto il Cav. della prima ora). Non c’è dubbio: il vero eroe intraprendente è e resterà sempre Bernardo Caprotti.

Quella che segue non vuol essere un panegirico sperticato a un uomo quanto, piuttosto, un’ode a quello che il fondatore di Esselunga rappresenta: la figura di un imprenditore che riesce a creare dal nulla qualcosa e a farlo crescere, sempre di più. È decisamente lui, più di tutti, in grado di simboleggiare quello spirito indomito del Nord che, nonostante il ritratto caricaturale di un mezzo mantenuto (dal contribuente) come Virzì, riesce ancora a trainare il Paese. ... 

Fonte: L'INTRAPRENDENTE - Articolo Completo QUI !

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.