sabato 12 ottobre 2013

Governo Italiano: Cottarelli Commissario per la Spending Review

Di cosa si occuperà.

Revisionare e ridurre la spesa pubblica con l’obiettivo di eliminare gli sprechi e migliorare la qualità dei servizi resi ai cittadini. Sono i compiti affidati al nuovo Commissario straordinario per la spending review, Carlo Cottarelli, direttore del Dipartimento finanza pubblica del Fondo Monetario Internazionale.
Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, ne ha informato il Consiglio dei Ministri il 4 ottobre, d’intesa con il Presidente, Enrico Letta, che aveva annunciato la nomina al Parlamento in occasione del voto di fiducia del 3 ottobre. Carlo Cottarelli ha già rassegnato le proprie dimissioni dal FMI e assumerà le funzioni di Commissario il prossimo 23 ottobre, proseguendo il lavoro avviato dal Governo Monti, che ha già conseguito significativi risultati in termini di razionalizzazione e riduzione della spesa. Ora con la sua nomina riprende il processo di riforma della spesa.

Di cosa si occuperà

Il decreto legge 69/2013, convertito dalla legge 9 agosto 2013 n. 98, ha potenziato l’istituto del Commissario per la spending review. La durata dell’incarico è fissata in tre anni, configurando così una struttura stabile, dotata di poteri d’ispezione e ampia capacità di proposta e intervento nei confronti delle amministrazioni centrali e periferiche. L’attività del Commissario riguarderà le spese delle pubbliche amministrazioni, degli enti pubblici, nonché della società controllate direttamente o indirettamente da amministrazioni pubbliche che non emettono strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati. Potrà disporre ispezioni e verifiche a cura dell’Ispettorato per la funzione pubblica e del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, e potrà richiedere la collaborazione della Guardia di Finanza.
Cottarelli agirà sulla base degli indirizzi del Comitato interministeriale presieduto dal presidente del Consiglio e composto dai ministri dell’Economia e delle Finanze, dell’Interno, per i Rapporti con il Parlamento, per la Pubblica amministrazione e semplificazione e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con funzioni di segretario del Consiglio dei Ministri.

Non più tagli lineari

Il Commissario potrà promuovere un riordino di carattere strutturale della spesa, superando il principio dei tagli lineari dettati dalle situazioni d’emergenza, introducendo criteri permanenti di gestione della spesa basati su costi e fabbisogni standard. L’ampliamento del perimetro di competenza del Commissario, rispetto a quello previsto dal dl 52/2012, consentirà di intervenire in tutte le articolazioni della PA.
“L’obiettivo di una Spending Review – ha affermato Cottarelli commentando la notizia dell’incarico - non è soltanto il riordino della spesa pubblica ma anche il miglioramento della qualità dei servizi offerti ai cittadini. Occorrerà del tempo per raggiungere questi obiettivi ma è importante procedere rapidamente sulla strada già avviata e ottenere risultati visibili fin dall’inizio”. Per il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, Cottarelli riuscirà “nell’obiettivo di razionalizzare e riorganizzare il complesso della spesa pubblica, mettendo mano anche ai meccanismi interni alla produzione dei servizi. Questo è l’unico sistema per modernizzare davvero il Paese e liberare stabilmente risorse da destinare alla riduzione del carico fiscale e agli investimenti. Sono convinto che il Commissario potrà contare sulla collaborazione di tutti i ministri che durante la riunione del Consiglio hanno già dichiarato la loro piena disponibilità a mettere a disposizione risorse e competenze”.
Il MEF ha pubblicato una tabella che riassume i poteri del Commissario e li confronta con quelli attribuiti alla gestione precedente.
Tavola sintetica di confronto tra le caratteristiche dell’istituto commissariale definito dai decreti legge 52/2012 e 69/2013
Commissario Straordinario D.L. 52/2012Commissario Straordinario D.L. 69/2013
Durata carica:un anno
(in fase di conversione prorogata al 31/12/2014)
tre anni a decorrere dalla data di effettiva assunzione delle funzioni
Finalità:razionalizzazione e revisione della spesa per consumi intermedirazionalizzazione e revisione della spesa delle Amministrazioni pubbliche
Compiti:formulare indirizzi e proposte, anche di carattere normativo nel settore di intervento secondo il programma presentato al Comitato interministerialeformulare indirizzi e proposte, anche di carattere normativo secondo il programma presentato al Comitato interministeriale
Perimetro di intervento:spesa delle amministrazioni centrali nonché delle società controllate che abbiano registrato perdite negli ultimi 3 esercizispesa delle amministrazioni pubbliche (centrali e periferiche) nonché delle società controllate direttamente o indirettamente da amministrazioni pubbliche che non emettono strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati
Settori di intervento specificoLivello di spesa per acquisto di beni e servizi per voci di costo, valorizzazione immobili pubblicispecifici trasferimenti alle imprese, razionalizzazione delle attività e dei servizi offerti, ridimensionamento delle strutture, riduzione delle spese per acquisto di beni e servizi, ottimizzazione dell'uso degli immobili e/o ulteriori settori individuati da direttive del Presidente del Consiglio dei ministri
Poteri:ha diritto di corrispondere con tutte le pubbliche amministrazioni e le società controllate e di chiedere
ad esse informazioni e documenti. Inoltre ha il potere
di chiedere alle amministrazioni pubbliche:

- di disporre lo svolgimento di ispezioni e verifiche a cura dell'Ispettorato per la funzione pubblica e del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato
- di richiedere la collaborazione della Guardia di finanza
ha diritto di corrispondere con tutte le pubbliche amministrazioni e le società controllate e di chiedere ad esse informazioni e documenti. Inoltre ha il potere di chiedere alle amministrazioni pubbliche:

- l'accesso a tutte le banche di dati da esse costituite o alimentate.
- di disporre lo svolgimento di ispezioni e verifiche a cura dell'Ispettorato per la funzione pubblica e del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato
- di richiedere la collaborazione della Guardia di finanza.

Per saperne di più

Buenos Aires, tutti cantano Funiculì Funiculà in metro

Beh...almeno a Buenos Aires siamo famosi e doniamo allegria !

Ministero della Salute: Virus epatite A in frutti di bosco surgelati. Aggiornamenti lotti contaminati

Sono state riscontrate ulteriori positività per presenza di virus dell’epatite A in confezioni di frutti di bosco surgelati marchio:
  • La valle degli orti, lotto n. S13144088803 - Buitoni gruppo Nestlè
  • Boscobuono, lotti n. 1313613129, 13004 - ditta produttrice Green Ice
  • Cocktail de fruits rouges, lotto n.123101804A3 - ditta Picard.
Si invitano, pertanto, tutti i consumatori, eventualmente ancora in possesso dei prodotti specificati, a consegnarli alle autorità sanitarie locali competenti per territorio.
Si rinnova, inoltre, la raccomandazione di consumare i frutti di bosco surgelati sempre previa cottura, ad esempio, facendoli bollire per almeno 2 minuti.
Leggi la news sul punto della situazione.
Proteggiamo la nostra Salute !

ROMA: Evento-Incontro con Giuseppe Verdi

       Caro Pubblico,
  
come avrete intuito dall'assenza della nostra locandina nelle vetrine del Teatro Don Bosco, quest'anno la stagione lirica dell'ALFA Musicorum Convivium non ci sarà. I motivi sono molteplici, e molti di questi li viviamo tutti, tutti i giorni. Malgrado questa difficoltà non vogliamo farvi sentire troppo la nostra assenza e allora in attesa di riuscire a trovare le forze e gli aiuti necessari a tornare ad aprire il sipario del Teatro, speriamo già dai primi mesi del prossimo anno, vi proponiamo dei mini appuntamenti per continuare a parlare insieme di Musica e di Opera Lirica.
Il primo di questi coglie l'occasione del bicentenario verdiano, che proprio in questi giorni ripartendo dal compleanno di Giuseppe Fortunino Francesco Verdi, e si realizzerà sabato 26 ottobre con due opzioni: o alle 17,00 con a seguire un sontuoso buffet, o alle 19,30 cui seguirà una serata insieme in pizzeria.
Così come evoca il titolo vogliamo raccontare come la Musica di Verdi volesse forgiare il futuro popolo italiano.
Durante l'incontro ripercorreremo la carriera di Giuseppe Verdi seguendo passo passo anche un po' la storia di quegli anni.
Eseguiranno dal vivo arie del repertorio verdiano accompagnati al pianoforte dal M.o Hiroko Sato, pianista e direttrice d'orchestra, i due artisti simbolo dell'ALFA Musicorum Convivium: il soprano Fausta Ciceroni e il Basso Alessio Magnaguagno.

L'appuntamento delle 17,00 con il buffet avrà un costo di adesione di 8,00€.
L'appuntamento delle 19,30 con la cena avrà un costo di adesione di 16,00€.
Il luogo sarà la sala multidisciplinare del centro NSL di via Licinio Stolone 156 
(due passi dal Teatro Don Bosco di Cinecittà)

Suggeriamo di prenotare quanto prima.
Ringraziamo fin d'ora tutti coloro che interverranno e il gruppo di NSL che sta organizzando questo appuntamento. 

Per Info e Prenotazioni: 
349.1948.348 - 06.7158.4060 
e-Mail: info@nslitalia.it 

ALFA MC - Evento su Facebook - Cliccate QUI



Maurizio Lupi - La verità su Alitalia: le mie risposte alle vostre obiezioni


Quante obiezioni ho letto sul salvataggio di Alitalia. Molte sono assolute falsità, ecco le mie risposte.

di Maurizio Lupi

Basta leggere alcuni tweet che ho ricevuto o le tante email di chi mi ha scritto. Sulla questione Alitalia voglio essere chiaro: non c’è nessuna azione del governo che tenda a farla tornare una società pubblica. Alitalia non viene salvata, come molti hanno scritto “con i soldi degli italiani”.


COME FUNZIONA L’INGRESSO DI POSTE ITALIANE

Il governo si è impegnato perché i soci privati della compagnia di bandiera varassero un aumento di capitale di 300 milioni. Di questa cifra complessiva:
225 milioni (il 75%) versati da loro (soci)
75 milioni (il 25% dell’aumento, non delle quote sociali come qualcuno sta scrivendo) da una azienda sana (Poste), che è in utile e che ha possibilità di evidenti sinergie con il trasporto aereo, come dimostrano le esperienze di altri Paesi tra cui la Germania.
Per l’investimento di Poste in Alitalia - come ha dichiarato l’amministratore delegato Massimo Sarmi “non può essere utilizzata alcuna risorsa proveniente né da conti correnti postali né da Buoni e Libretti Postali. Le risorse finanziarie per l’investimento saranno reperite esclusivamente dalla liquidità disponibile di Poste”. 

Fonte: Sito di Maurizio Lupi - Articolo Completo QUI !

www.studiostampa.com

venerdì 11 ottobre 2013

La fine di una Pagina Orribile !




I NOSTRI MARO' SONO INNOCENTI E SEQUESTRATI !




ROMA, ATAC: Organizzazione, Economia, Sicurezza e Posti di Lavoro

ATAC - I NUOVI BUS 2013
Aggiungiamo un piccolo commento, quale contributo Costruttivo !  

Ridateci anche i Fattorini, creeremmo posti di lavoro, tutti pagherebbero il biglietto, il conduttore non sarebbe solo, a vantaggio della sicurezza e risparmieremmo sugli attuali costi tra: appalti, emettitrici, obliteratrici, manutenzione e controlli ! 

www.studiostampa.com

ITALIA: Paolo Barnard a LaGabbia di Gianluigi Paragone

ROMA: parole, parole e musica: Belviso duetta con Marino

Clip del Capogruppo Pdl dedicato al sindaco di Roma 
e alle sue tante (troppe) parole e alle sue tante (troppe) promesse non mantenute. 

Poste Italiane in soccorso di Alitalia. Senza aumento da Sabato aerei a terra

La nota di Palazzo Chigi: «Bene partecipazione Poste, non senza condizioni». 
E il ministro Lupi: «Ce l’abbiamo fatta». 
Sono le Poste Italiane il soggetto pubblico individuato dal governo per correre in aiuto ad Alitalia. L’azienda - secondo quanto si apprende da fonti vicine al dossier - parteciperà all'aumento di capitale della compagnia da 300 milioni con una cifra intorno ai 75 milioni e una partecipazione fra il 10 e 15%. In serata, giovedì, il Governo esprime «soddisfazione per la volontà di Poste Spa di partecipare, come importante partner industriale, all'aumento di capitale di Alitalia». Nella nota diffusa da Palazzo Chigi si evidenzia che alla compagnia «servono discontinuità, stabilizzazione dell’azionariato e una importante ristrutturazione attraverso un nuovo progetto industriale». L’entrata di Poste «e’ fondata su queste premesse - spiegano da Palazzo Chigi- Il Governo si aspetta che i soci si assumano appieno le loro responsabilità». La «nostra parte è stata fatta»: è il commento del premier Enrico Letta. E il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi esprime soddisfazione per l’accordo : «Ce l’abbiamo fatta - sottolinea Lupi - Abbiamo lavorato intensamente in queste settimane per ottenere questo risultato». 

martedì 8 ottobre 2013

Premio Acqui Storia 2013

di Aldo A. Mola (*) in “Il Giornale del Piemonte”
Poca attenzione per l’unificazione nazionale. Quasi zero per l’Unione Europea. Indifferente a temi che pur dovrebbero essere centrali, la storiografia italiana è sempre più risucchiata da altre problematiche e tentata dalle cronache politico-partitiche. E’ il quadro offerto dall’Acqui Storia 2013, che vanta un suo primo vincitore: il Premio in sé. La partecipazione di quasi 200 opere, candidate da editori nazionali e locali, ne conferma, infatti, l’indiscusso prestigio di principale premio italiano per gli studi storici. Il riconoscimento va alla tenacia del suo stratega, Carlo Sburlati e dei suoi sostenitori, a cominciare dal presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna. 
Anche l’edizione 2013 fotografa il cantiere storiografico in Italia.  Certo, sono remotissimi i tempi della gara tra la Storia d’Italia curata da Ruggiero Romano e Corrado Vivanti per l’Einaudi, quella diretta da Giuseppe Galasso per la Utet e la Storia della società italiana di Nicola Teti. Dopo le imprese solitarie, come quelle di Cesare Spellanzon e di Giorgio Candeloro, negli Anni Settanta le opere collattanee risposero all’urgenza di allestire una nuova ideale Galleria della storia nazionale per affiggervi i ritratti dell’Italia Nuova: le regioni, le città, le istituzioni. Il Dizionario biografico degli italiani avanzava a passi falcati. Suggello di quell’operosa stagione furono i 23 volumi di Il Parlamento italiano, 1861-1992  (Nuova Cei),  un’impresa innovatrice, rimasta monca del tomo conclusivo. Negli anni seguenti prevalse la rivisitazione di temi circoscritti, da taluno polemicamente liquidata come revisionismo, mentre essa esprime la necessità di aggiornamento perpetuo dei metodi e dei giudizi critici e dell’accertamento dei fatti, a lungo travisati e manipolati. 

Fonte: Blog di Luigi Pruneti - Articolo Completo QUI

www.studiostampa.com

ITALIA: Ultime sull'Economia

Alitalia, rischio fallimento in un paio di settimane senza ok aumento ...

Reuters Italia - ‎1 ora fa‎
ROMA (Reuters) - Alitalia ha solo pochi giorni per trovare una soluzione alla crisi di liquidità che la attanaglia prima di essere costretta al fallimento. Lo riferisce una fonte governativa, dopo che un incontro di ieri tra azienda, governo e banche si è concluso ...

Nel II trimestre 2013 migliora l'indebitamento della Pa ma vola la ...

Il Sole 24 Ore - ‎32 minuti fa‎
È migliorato sensibilmente l'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche nel secondo trimestre del 2013. Secondo i dati dell'Istat, infatti, il saldo tra le entrate e le uscite pubbliche in rapporto al Pil è stato pari, tra aprile e giugno scorso, all'uno per ...

Nuova stretta del credito, le sofferenze restano al top

Milano Finanza - ‎10 minuti fa‎
Nuova stretta del credito ad agosto. Secondo i dati resi noti oggi da Bankitalia i prestiti al settore privato sono scesi su base annua del 3,5% (-3,3% a luglio). In particolare, i prestiti alle famiglie sono calati dell'1,2% sui dodici mesi (-1,1% a luglio), mentre ...

Il piano industriale di Mps conferma la forte diluzione nel breve per l ...

Milano Finanza - ‎1 ora fa‎
Il consiglio di amministrazione del Monte dei Paschi ha approvato le linee guida del piano industriale che dovrebbe consentire il via libera della Commissione europea alla computabilità dei Monti bond nel Core Tieri 1 dell'istituto. I target 2017 prevedono un ...

Piazza Affari si gioca una grande partita sui massimi dell'anno

Trend-online.com - ‎3 minuti fa‎
Il superamento del massimo dello scorso venerdì a 18.341 e in seguito dei 18.412, vedrà come primo obiettivo 19mila-19150 di Ftse Mib e successivamente la zona tra 19500 e 20mila-20500 punti. L'intervista a P.Torcolacci e R.Scudeletti. Davide Pantaleo 7 ...

Imu: Renzi, basta risse su questioncine, serve rilancio

Borsa Italiana - ‎16 minuti fa‎
Pagheremo rata? "Sbaglia destinatario domanda" (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 08 ott - "Ha sbagliato destinatario della domanda, aspetto che decidano e poi le mando un sms". Risponde ironicamente il sindaco di Firenze ed esponente del Pd, Matteo ...