venerdì 12 luglio 2013

Sclerosi Laterale Amiotrofica - SLA: Scoperto un nuovo difetto genetico

Ascolta con webReader

Ricercatori dell’Università Cattolica – Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli” di Roma hanno scoperto un nuovo meccanismo genetico responsabile della forma più diffusa di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) o Morbo di Lou Gherig: hanno individuato un difetto genetico che causa la produzione di un eccesso di una proteina importante per la cellula. Questa proteina chiamata FUS, va ad avvelenare i neuroni che controllano i movimenti muscolari (motoneuroni), inducendo la neuro degenerazione alla base della malattia.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Human Molecular Genetics, dimostra che in alcuni pazienti la malattia è determinata dall'accumulo tossico di proteina FUS.
Lo studio è stato condotto dal professor Mario Sabatelli, responsabile del Centro SLA del Policlinico universitario “A. Gemelli” e presidente della Commissione medico-scientifica di AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), dalla professoressa Marcella Zollino dell’Istituto di Genetica Medica dell’Università Cattolica, grazie al supporto dell’associazione ICOMM (Insieme Contro le Malattie del Motoneurone) onlus presieduta dall'avvocato Nicola Colacino, della Federazione Italiana Gioco Calcio, della Fondazione Roma. 

Adnkronos Cronaca di Oggi !

Ultime News da PMI !

Pdl chiede e ottiene lo stop per un giorno delle attività parlamentari: il calendario della Cassazione sul processo Mediaset fa slittare a data da destinarsi anche il vertice di maggioranza.
L'INPS apre un nuovo profilo social su Twitter, che segue il successo della pagina Facebook e del canale su Youtube.
Italia Startup e SiamoSoci partner per mettere in comunicazione investitori, imprese e start up innovativem da finanziare secondo il modello Crowdfunding.
L'Editoria tradizionale crolla per fatturato tranne per gli investimenti pubblicitari nel canale Online in crescita di oltre il 10%, nonostante l'Italia sia ancora maglia nera per accesso a Internet: ecco i dati della Relazione AgCom.
Smart City Index stilato dall'Osservatorio Between sui Capoluoghi di Provincia in Italia: ecco la top list 2013 delle eccellenze, con tutti i servizi e le aree d'intervento.

Edilizia, PMI del settore Costruzioni decimate dalla crisi: l'appello ANCE sulla necessità di maggiori investimenti, minore burocrazia e pagamenti dalla PA in tempi più rapidi. 

La Corte di giustizia europea condanna l’Italia: fa poco per i diversamente abili

di Biancamaria Gentili - Fonte: IL FOGLIETTO

La Repubblica italiana, non avendo imposto a tutti i datori di lavoro di prevedere, in funzione delle esigenze delle situazioni concrete, soluzioni ragionevoli applicabili a tutti i disabili, è venuta meno al suo obbligo di recepire correttamente e completamente l’articolo 5 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro.
Questa in estrema sintesi la motivazione della condanna inflitta all'Italia dalla Corte di giustizia europee con sentenza C312/11, Quarta sezione, pubblicata il 4 luglio 2013.
Che l’Italia non fosse in cima alla classifica dei paesi attenti alle problematiche, anche in materia di inserimento nel mondo del lavoro,  dei diversamente abili, Il Foglietto lo aveva più volte fatto notare, da ultimo con un articolo del  28 maggio scorso, dal titolo “Stop assunzioni. Anche la pubblica amministrazione gira le spalle alle categorie protette”.
Per la Corte di giustizia europea l’Italia non fa abbastanza per aiutare i disabili a inserirsi nel mondo del lavoro e per questo è venuta meno ai propri impegni derivanti dal diritto dell’Unione. 

www.studiostampa.com

Aggiornamenti Politici !

  • Agenzie :

CONFINDUSTRIA
11.7.2013 - ore 12:31

ESECUTIVO IN BILICO
11.7.2013 - ore 19:28

E' CAOS
10.7.2013 - ore 12:17

SCANDALI VATICANI
10.7.2013 - ore 20:23

DECIDERE LA STRATEGIA
10.7.2013 - ore 20:03

DOPO EPISODIO DI BRESCIA
10.7.2013 - ore 18:13

DOPO L'INCONTRO
10.7.2013 - ore 16:23

giovedì 11 luglio 2013

I NOSTRI MARO' SONO INNOCENTI E SEQUESTRATI !

Successo della conferenza ANTROPIA_1 idea vincente

Com'era nelle previsioni, la conferenza Antropìa_1  è stata coronata da successo, grazie al profilo di eccellenza dei relatori e all'interesse per i temi affrontati.
Ha aperto i lavori il Prefetto dr. Francesco Paolo Tronca, Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa Civile del Ministero dell’Interno, il quale ha evidenziato i complessi scenari di emergenza e soccorso in cui senza sosta è impegnano il Corpo Nazionale, dai terremoti de L’Aquila e della Garfagnana alle alluvioni ai gravi incidenti in mare come quello della Concordia e della torre dei piloti abbattuta nel porto di Genova.
Francesco Venerando Mantegna, Direttore generale di Maris-Ricerca e coordinatore nazionale del Movimento indipendente “La Nuova Italia”, ha quindi introdotto i lavori odierni, presentando i relatori. ANTROPIA, ha affermato Francesco Venerando Mantegna, è una sintesi rogressiva delle conoscenze scientifiche e tecnologiche indirizzata verso il benessere delle persone e delle popolazioni, nel rispetto dell’ambiente naturale da cui è possibile trarre energia pulita e rinnovabile. Al contempo, luogo di elaborazione e di indirizzo delle politiche di gestione delle risorse territoriali, a partire dai Comuni che vanno trasformati da centri di costo in centri di ricavo. La grande crisi economica che stiamo attraversando, deve indurci ad una svolta abbastanza rapida nei settori strategici del sistema Italia, come le fonti energetiche rinnovabili e la gestione del patrimonio culturale-ambientale. Così come vanno superati gli schemi di una Economia centrata sulla speculazione finanziaria e sullo sfruttamento del lavoro, che ha finito per rendere gli Stati, cioè i popoli, sottomessi alle logiche bancarie ed ai cosiddetti “debiti pubblici”, per cui chi nasce è già privato dell’inalienabile diritto alla dignità della vita.  

martedì 9 luglio 2013

Letta: "Il porcellum e' una vergogna. Troppi politici e troppi privilegi"

Enrico LETTA
(AGI) - Roma, 9 lug. - "Certo, uno dei punti principali del nostro lavoro e' quello di mirare alle riforme e uno dei problemi della politica italiana è che ci sono troppi privilegi per i politici, e troppi politici". Lo sottolinea Enrico Letta in un'intervista, in inglese, al canale radiofonico Bbc4. Si tratta, osserva il presidente del Consiglio, di "un problema di credibilità del sistema politico. Ecco perché - rileva - le riforme che abbiamo avanzato per per cambiare il sistema della politica". L'intervistatore gli domanda se, alla fine del percorso di riforme della politica italiana appena sintetizzate da Enrico Letta agli ascoltatori del canale radiofonico Bbc4, 'non ci saranno più Berlusconi'. Il presidente del Consiglio premette prima che "non so cosa accadrà in futuro" per poi assicurare che "i problemi giudiziari non avranno conseguenze sulla mia attività politica e di governo". Il premier, in un'altra intervista anticipata da 'Europa' per il nuovo numero della rivista dell'Arel, parla poi della legge elettorale: "Il Porcellum è un monstrum che non garantisce ne' rappresentanza ne' governabilità. Una vergogna, peraltro a rischio di incostituzionalità, che va superata al più presto. Mi sono impegnato a farlo dinanzi al Parlamento".
Lo dice Enrico Letta nell'intervista, anticipata da Europa, per il nuovo numero della rivista dell'Arel.

Fonte: AGI - Articolo Completo QUI

www.studiostampa.com

Ultime da PMI !

Si terrà a settembre lo Smart Mobility World, evento dedicato a Smart City e Green Mobility: ecco di cosa si parlerà.
Disabili e diritto al lavoro: bocciatura della Corte UE sui provvedimenti italiani per l'inserimento professionale dei disabili. Ecco cosa prevedono i principi dell'Unione.
Prime istruzioni dell'Agenzia delle Entrate sulla detrazione fiscale per l'acquisto di mobili durante le ristrutturazioni edilizie: entrata in vigore diversificata per il bonus arredi e per l'estensione agli elettrodomestici.
Le nuove regole operative per la riscossione dei debiti da parte di Equitalia, in linea con quanto stabilito dal Decreto Fare: mano più leggera sui pignoramenti e maggiori possibilità di rateizzazione.
Per le PMI che investono all'estero o attuano politiche di internazionalizzazione, il ministro dello Sviluppo Economico annuncia nuovi fondi e maggiore efficienza per l'ICE.

Cresce il mercato e-Commerce in Italia, le imprese si stanno dimostrando pronte a coglierne il potenziale: scenario, trend e strumenti per le piccole e medie imprese. 

Intolleranze alimentari, esistono davvero? - Corriere

Fmi: rilaciare crescita in Eurozona

Lagarde, Eurozona vulnerabile finché manca crescita.

(ANSA) - NEW YORK, - Rilanciare la crescita e l'occupazione e' un ''imperativo'' per l'area euro. Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale (Fmi). La zona euro e' ''ancora vulnerabile'' alle tensioni a causa della ''scarsa crescita'': lo ha detto il direttore generale Christine Lagarde al termine dell'eurogruppo.

www.studiostampa.com

lunedì 8 luglio 2013

Ditte individuali: esenzione bollo su PEC obbligatoria.

Il deposito dell'indirizzo PEC al Registro delle Imprese, obbligatorio anche per ditte individuali, è esente dal bollo come per le imprese societarie: la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate.

Fonte: PMI di Barbara Weisz - 8 luglio 2013

Obbligo PEC, niente bollo
per le imprese individuali
Obbligo PEC, niente bollo per le imprese individuali.
Le imprese individuali, per le quali è diventato obbligatorio depositare l’indirizzo PEC al Registro delle Imprese, sono esenti dalla relativa imposta di bollo: lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 45/E del 5 luglio, rispondendo a un quesito de Ministero dello Sviluppo Economico.

=> Vai allo Speciale sulla PEC

Casi di esenzione
In nessun caso l’imposta di bollo va pagata. Per nuove iscrizioni l’impresa individuale è tenuta a versare solo il bollo di immatricolazione (17,50 euro), per ditte già iscritte non è dovuto alcun pagamento di bollo.

Il Decreto Sviluppo bis (articolo 5, commi 1 e 2, Dl 179/2012) ha imposto a quelle già iscritte al Registro di comunicare entro il primo luglio l’indirizzo PEC da pubblicare nell’elenco INI-PEC (leggi qui), mentre a quelle di nuova costituzione di presentarlo unitamente alla domanda di iscrizione, pena la nullità della stessa, con un margine di 45 giorni per integrare il documento.

=>Scopri le sanzioni per mancata comunicazione PEC

Motivi dell’esenzione
L’esenzione è dovuta per due motivi, entrambi riferiti al fatto che le imprese che si constituiscono in forma societaria sono esenti dal bollo PEC, come previsto dall’articolo 16, comma 6, del dl 185 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge 2/2009: «l’iscrizione dell’indirizzo di posta elettronica certificata nel registro delle imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria».

Ebbene, spiega il Fisco, la formulazione della norma sull’obbligo PEC anche alle imprese individuali estende a queste ultime, testualmente, quanto previsto dal sopra citato articolo 16 del Dl 185/2008, citandolo espressamente. E già questo toglie ogni dubbio sull’estensione anche dell’esenzione dal bollo. In secondo luogo, sottolinea l’Agenzia, una diversa interpretazione comporterebbe «una evidente disparità di
trattamento tra soggetti, imprese individuali e imprese costituite in forma societaria, che sono tenuti all’adempimento del medesimo obbligo».

Fonte: 
la risoluzione 45/E del 5 luglio 2013 dell’Agenzia delle Entrate

www.studiostampa.com