sabato 13 aprile 2013

La grande truffa del Telethon il professor Testard denuncia

Un vecchio articolo da non dimenticare! Francia. Telethon, 30 ore di richieste di doni.
Sono 25 anni che questa "grande fiera" televisiva continua...
Ecco cosa ne pensa un ricercatore, uno specialista in biologia della riproduzione.

Jacques Testard
La grande escroquerie du Téléthon Le professeur Testard dénonce une "mystification"
di Olivier Bonnet.
"E 'scandaloso. Il Telethon raccoglie annualmente tanti euro quanto il bilancio di funzionamento di tutto l'Inserm. La gente pensa di donare soldi per la cura. Ma la terapia genica non è efficace. Se i donatori sapessero che il loro denaro, prima di tutto è utilizzato per finanziare le pubblicazioni scientifiche, ma anche i brevetti di poche imprese, o per eliminare gli embrioni dai geni deficienti, cambierebbero di parere. Il professor Marc Peschanski, uno dei architetti di questa terapia genica, ha dichiarato che abbiamo intrapreso un strada sbagliata. Si stanno facendo progressi nella diagnosi, ma non per guarire. Inoltre, anche se progrediamo tecnicamente, noi non comprendiamo molto di più la complessità della vita. Poiché non possiamo guarire le malattie, sarebbe preferibile cercare di scoprirne l'origine, prima che si verifichino. Ciò consentirebbe l'assoluta comprensione dell'uomo, di una certa definizione di uomo". In un'intervista con Medicina-Douces.com.
Jacques Testard, è direttore di ricerca presso l'Istituto Nazionale della Sanità e della Ricerca Medica (Inserm), specialista in biologia della riproduzione, "padre scientifico" del primo bebè-provetta francese, e autore di numerose pubblicazioni scientifiche che dimostrano il suo impegno per una "scienza contenuta entro i limiti della dignità umana".
Fonte: il Sole24ORE.BlogSpot

www.studiostampa.com

venerdì 12 aprile 2013

ANDROID: NOKIA, MICROSOFT E ORACLE DENUNCIANO GOOGLE

Fonte: pc-facile - Android - Articolo Completo
FairSearch.org, una lobby che comprende, tra gli altri, Nokia, Microsoft e Oracle, ha denunciato Google alla Commissione Europea per concorrenza sleale. Secondo FairSearch, Android è un "cavallo di Troia" che permetterebbe e Google di "dominare il mercato mobile e solidificare il suo controllo sui dati consumer Internet."
La Commissione è nel mezzo di un'inchiesta per determinare se le pratiche di Google nel campo del search siano scorrette o meno. FairSearch, i cui membri sono tutti in qualche modo concorrenti di Google, spera di aumentare la pressione sul gigante di Mountain View al momento in cui la Commissione dovrà prendere una decisione. Ricordiamoci che Google ha già dovuto implementare delle modifiche, richieste dalla Commissione Europea, a causa del consolidamento delle privacy policy.
www.studiostampa.com

mercoledì 10 aprile 2013

Finanziamenti e Incentivi a Roma e nel LAZIO !


Made in Italy: al via “Excellence in Rome”

Prende il via il progetto “Excellence in Rome", iniziativa finanziata dalla Camera di Commercio di Roma e promossa da Cna, Confcommercio, Confesercenti e Unindustria per migliorare l'offerta turistica della Capitale e rilanciare il Made in Italy. => Leggi: incentivi internazionalizzazione PMI romane Le...

Incentivi internazionalizzazione PMI romane

La Camera di Commercio di Roma sostiene i percorsi di internazionalizzazione delle imprese locali, finanziando gli investimenti volti a potenziare la competitività nei mercati esteri.=> Internazionalizzazione PMI: bando UE per i Cluster Il bando pubblicato dalla CCIAA della Capitale si basa su quattro linee di...

Tassa rifiuti: a Roma +53% in 5 anni

Per le imprese romane la tassa rifiuti ha subito un incremento record negli ultimi 5 anni, tanto da superare abbondantemente sia la media del Lazio sia quella nazionale, con un più 53%. => Rifiuti Roma: differenziata al 40% nel 2013 Una bolletta molto più che salata nonostante, proprio nella Capitale, la quota della raccolta...

Bando “Insieme per Vincere” per le PMI laziali

La Regione Lazio ha pubblicato il bando “Insieme per vincere”, destinato alle aggregazioni di imprese che presenteranno progetti volti a potenziare capacità innovativa, competitività e razionalizzazione dei costi. => Finanziamenti alle start-up innovative in Lazio Il bando prevede la concessione di contributi...

Credito agevolato alle PMI da Confartigianato Latina

Grazie a un accordo siglato tra Confartigianato Latina e Banca Artigiancassa/BNL, le imprese della Provincia potranno beneficiare di finanziamenti agevolati alle mirati a favorire liquidità e contrastare la crisi. => Imprenditori laziali occupano il Pantheon contro la crisi Un protocollo di...

CCIAA Roma: in crisi il 70% delle PMI

Un’indagine condotta dalla Camera di Commercio di Roma mostra dati allarmanti per quanto riguarda la vitalità delle imprese locali: il 70% di queste è in piena crisi, stando ai dati diffusi dalla CCIAA inerenti il primo periodo del 2013=> Leggi perché le PMI chiedono prestiti per pagare IMU e altre tasse Secondo...

Apprendistato: incentivi alle PMI turistiche laziali

La Regione Lazio incentiva le assunzioni con contratto di apprendistato finanziando le PMI del settore turismo. => Leggi tutti gli incentivi per le assunzioni con apprendistato Il bando si rivolge infatti alle imprese del territorio disposte ad assumere apprendisti che abbiano compiuto il quindicesimo anno di età al fine di ottenere la qualifica professionale di operatore della ristorazione e...

Start-up innovative: accordo FILAS- Roma Startup

Grazie all’accordo siglato tra Filas, Finanziaria Laziale di Sviluppo, e l’associazione Roma Startup, si aprono nuove vie per favorire lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali nella regione. => Start up innovative: Guida online di Infocamere Grazie agli interventi con Roma Startup si incentiveranno le...

Fotovoltaico: Roma è la città più solare d’Italia

Boom di impianti fotovoltaici nella Capitale, in cima alla classifica delle città italiane per diffusione di installazioni di impianti per la produzione di energia solare. => Green Economy: i nuovi bandi per le imprese Secondo la classifica diffusa dall’ufficio studi del Gruppo Ubisol, e stilata sui dati ufficiali...

Raccolta rifiuti Lazio: rischio paralisi per rinvio Tares

Sono venti i Comuni del Lazio a lanciare l’allarme in merito al rischio paralisi per la raccolta dei rifiuti locali, causata dal rinvio del primo versamento della Tares e, di conseguenza, al mancato pagamento del Consorzio Gaia per carenza di fondi. => Rifiuti Roma: differenziata al 40% nel 2013 Se i Comuni non pagano l’azienda...




                                                     

La fregatura delle lampadine a basso consumo

By Edoardo Capuano - Fonte: ECplanet
La retorica della lampadina fluorescente continua. Da più di un decennio continuiamo ad attribuirle un ruolo salvifico nella lotta ai cambiamenti climatici, senza renderci conto delle innumerevoli problematiche sotto il profilo della salute e dello stesso ambiente.
Ci siamo già occupati del tema su Terra Nuova di gennaio, scatenando non poche perplessità. Adesso l'argomento viene affrontato anche da Aduc e riportato su Il Consapevole, attraverso la diffusione di ulteriori pubblicazioni scientifiche e di un appello lanciato da David Price, coordinatore della Spectrum Alliance, nell’ambito della più vasta campagna di sensibilizzazione in Europa sulle conseguenze sulla salute originate dall'uso di questo genere di illuminazione.
Sono messe al bando in tutta l'Unione Europea le lampadine a incandescenza per fare spazio a quelle a minor consumo energetico. Ma a quale costo?
Le lampadine fluorescenti compatte -LFC- (note come lampadine a basso consumo energetico) possono infatti provocare invece ulteriori gravi danni a fasce di popolazione affette da patologie quali il Lupus, forme di dermatite o eczema, elettrosensitività, autismo, epilessia, emicrania, alcuni tipi di porfiria, e molte altre ancora che possono soffrire gravi e dolorose reazioni all'illuminazione a basso consumo.
Queste beneamate lampadine, distribuite a destra e manca da associazioni ambientaliste e da fornitori di energia elettrica (già questo dovrebbe far pensare), presentano purtroppo tre principali problemi: le radiazioni elettromagnetiche, il mercurio e le radiazioni UV. Riportiamo uno stralcio dell'articolo pubblicato su Il consapevole e la rivista Icaro.
Radiazioni Elettromagnetiche.
Misurazioni eseguite dimostrano che le LFC generano potenti campi elettromagnetici a poca distanza dalla sorgente, fino ad un metro di distanza. Il centro indipendente di ricerche francese CRIREM (Centre de recherche et d´information sur les rayonnements electromagnetiques) sconsiglia pertanto di utilizzare lampadine a basso consumo energetico a brevi distanze, come ad esempio per illuminare i comodini delle camere da letto o le scrivanie. La messa al bando delle lampadine ad incandescenza porterà quindi ad un aumento delle persone sottoposte ad alti livelli di radiazioni elettromagnetiche.
Esistono, inoltre, indicazioni che il campo elettromagnetico generato dalle LFC può viaggiare all'interno dei cavi elettrici esponendo le persone alla così detta “elettricità sporca” in tutta l'abitazione. Uno studio pubblicato nel giugno del 2008 dall'American Journal of Industrial Medicine segnalava che questa elettricità sporca aumenta di 5 volte il rischio di contrarre il cancro. L’effetto dannoso dell'elettricità sporca e stato evidenziato anche dalle ricerche condotte dalla ricercatrice canadese Marta Havas.
Le lampade alogene a basso voltaggio (12V) possono anch'esse essere dannose a causa del campo elettromagnetico generato dal trasformatore. Ciò succede in particolare con le radiazioni emesse dai “trasformatori elettronici” che possono contaminare anche le condutture generando elettricità sporca. Le lampade alogene a 220 V non hanno invece questo effetto.
Mercurio.
Le LFC contengono da 3 a 5 mg di mercurio, una sostanza estremamente tossica per il cervello, il sistema nervoso, i reni ed il fegato. Sebbene si dica che le LFC hanno un basso contenuto di mercurio, questo quantitativo è più che sufficiente a causare seri danni alla salute. In modo particolare sono a rischio le donne in stato di gravidanza ed i bambini piccoli, poiché il mercurio influisce sullo sviluppo del cervello e del sistema nervoso del feto e del neonato.
Valutazioni eseguite dimostrano che quando una lampadina a basso consumo si rompe i vapori di mercurio si diffondono e le emissioni superano di gran lunga i livelli di sicurezza per svariate settimane dalla rottura. Le lampadine che non vengano smaltite correttamente potrebbero rompersi nei camion della spazzatura, diffondendo i vapori di mercurio sulla città, o finire nelle discariche dove il mercurio può contaminare aria, acqua e suolo. Di conseguenza, la messa al bando delle lampadine ad incandescenza ed il conseguente aumento dell’utilizzo delle LFC porterà centinaia di chilogrammi di mercurio direttamente nelle nostre case e nelle nostre strade.
Radiazioni-UV.
Le LFC senza il doppio guscio protettivo (ed anche alcuni tipi di lampade alogene) emettono radiazioni UV-B e tracce di UV-C. È ben noto che questo tipo di radiazioni sono dannose per la pelle (i.e. tumore della pelle) e per gli occhi (i.e. cataratta). Diversi studi, infatti, dimostrano che le lampade fluorescenti aumentano il rischio di contrarre tumori della pelle.
La British Association of Dermatologists sostiene che le persone che soffrono di alcune malattie della pelle o che sono sensibili alla luce accusano un aggravamento dei loro sintomi in conseguenza dell’uso di lampadine a basso consumo energetico. Perfino individui senza problemi cutanei preesistenti possono sviluppare sul viso sintomi allergici e/o lesioni simili alle ustioni da sole.
La protezione supplementare del doppio guscio sulle LFC può circoscrivere il problema delle radiazioni UV, ma fintantoché saranno vendute LFC senza doppia protezione, le razioni UV continueranno ad essere un alto fattore di rischio.
Ulteriori problemi.
Altri problemi correlati all’uso delle LFC comprendono il tremolio della luce - che può provocare mal di testa, affaticamento della vista e problemi di concentrazione - e l’alta percentuale della componente blu della luce che, come è risaputo, diminuisce la produzione di melatonina, che a sua volta può causare disturbi del sonno, tumori, attacchi di cuore.
Cosa fare?
Ricordiamo altresì che si stanno diffondendo altre tecnologie, sicuramente più efficienti, come l'illuminazione a led, che risolvono in parte tutti questi problemi. Dobbiamo anche ricordare che la luce migliore rimane la luce naturale, che potremmo sfruttare al massimo anche all'interno delle nostre abitazioni. Per il resto potremmo continuare ad usare le lampadine fluorescenti con maggiore coscienza e parsimonia, ricordandoci di smaltirle in modo corretto. Una vecchia lampada ad incandescenza se accesa con moderazione potrà darci sicuramente una luce più calda e gradevole. Se poi volete seriamente risparmiare energia cominciamo dall'isolare bene le abitazioni, l'illuminazione per le nostre case assorbe appena il 15 per cento dei consumi energetici. Per ridurre le emissioni è sicuramente prioritario risparmiare sull'energia necessaria al riscaldamento e raffrescamento degli edifici.
www.studiostampa.com

lunedì 8 aprile 2013

E' scomparsa Irma Ravinale, insigne compositrice e musicista italiana.

Irma Ravinale col Presidente
di Stefano Cucci
Da ex allievo, con profondo dolore partecipo la notizia per ricordarne l'alto profilo artistico, il rigore e l'onestà intellettuale che hanno caratterizzato tutta la sua vita spesa per la musica e per la didattica.
Le sue battaglie per il riconoscimento del valore delle donne compositrici ne hanno fatto un punto di riferimento così come la tenacia nel voler salvaguardare la dignità ed il prestigio dei Conservatori italiani, in particolare quello di Santa Cecilia in cui insegnò formando generazioni di compositori e che diresse per dieci anni portandolo ad indiscutibili livelli di qualità.
Le sue idee, spesso aspramente contrastate, le causarono sofferenza ma sono oggi quanto di più profetico nel momento attuale di declino delle nostre istituzioni musicali gravemente danneggiate da riforme maldestre e mal attuate nel totale disinteresse della classe politica per la cultura ed il suo valore sociale.
Di Irma Ravinale rimane a noi tutti allievi il ricordo affettuoso della sua serietà professionale, del rigore nel metodo didattico finalizzato al massimo risultato, della cura quasi materna con cui ha sempre seguito il nostro percorso artistico durante e dopo i lunghi e faticosi anni di studio.
Per me personalmente, che per oltre trent'anni ho avuto il privilegio di frequentarla spesso e di seguirne gli ultimi, dolorosi, giorni terreni, il distacco è triste ma resta la consolazione di poter, forse, testimoniare, con il mio lavoro di musicista quell'amore che lei ha sempre avuto per la musica, sperando che possa aver trovato, nell'armonia celeste, quella pace e quella gioia che ha pienamente meritato. 

Mercoledì 10 ore 11 alla Chiesa degli Artisti 
(S. Maria in Montesanto) P.zza del Popolo - Roma.

www.studiostampa.com