domenica 20 ottobre 2013

La Massoneria tra leggenda, falsi miti e realtà

Laura Della Pasqua Sin dalle sue origini, la Massoneria è stata circondata da un alone di mistero e di superstizione. Sulla Libera Muratorìa si sono sviluppate leggende e miti e spesso è stata vista...

F1A__WEB
Sin dalle sue origini, la Massoneria è stata circondata da un alone di mistero e di superstizione. Sulla Libera Muratorìa si sono sviluppate leggende e miti e spesso è stata vista come la cabina di regia di oscuri complotti e di eventi storici di difficile interpretazione. Il libro «La Massoneria rivelata. Storie, leggende e segreti» (ed.Mondadori) smonta questa tesi, ripercorrendo tre secoli di storia e rivelando aspetti poco noti di alcuni suoi protagonisti e la parte che ebbero in alcune vicende. Gli autori, Luigi Pruneti e Marco Dolcetta, sono delle autorità nella materia. Il primo è Gran Maestro della Gran Loggia d'Italia, il secondo è produttore e regista di cinema e tv. Il saggio parte dalle origini, ripercorre il 700 fino alla rivoluzione francese che alcuni pubblicisti interpretarono come un complotto organizzato dalla Massoneria e arriva alla storia recente. Pruneti, spiega i motivi dell'astio verso la confraternita e passa in rassegna i suoi più feroci nemici. Delinea i ritratti di grandi personaggi come Barruel, Garibaldi, Carducci, il generalissimo Franco e Lenin. Rivela che numerosi storici attribuirono a Garibaldi la scomparsa del marito di Anita perché in questo modo volevano colpire la Massoneria di cui il condottiero faceva parte. Pruneti passa in rassegna famosi testi antimassonici, presentati dagli storici come documenti reali per dimostrare l'esistenza di complotti internazionali. «La storia è piena di omicidi che vengono imputati alla Massoneria» spiega Pruneti. Alcuni esempi di come la Massoneria sia tirata in ballo per spiegare eventi importanti, si trovano anche nella storia più recente. Dice Pruneti: «Quando a novembre 2011 il presidente Napolitano diede l’incarico a Monti si disse che dietro c'era la Massoneria e che il premier ne facesse parte. Alcuni si spinsero addirittura ad attribuire valore simbolico alla data dell’evento: 11-11-11, dicendo che 33 è un simbolo massonico». Altro esempio. «Quando esplose il fenomeno del 5Stelle, si disse che Casaleggio era massone». Ma cosa è davvero la Massoneria? «Non è una setta segreta ma è stata costretta alla riservatezza quando fu perseguitata» spiega Pruneti. «È un modo di porsi di fronte alla vita, ha un’impostazione laica molto forte e impone agli aderenti uno stretto vincolo di appartenenza. L’adesione avviene alla luce del sole. Chi vuole aderire può farlo tramite Internet».

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.