venerdì 13 settembre 2013

CCIAA Rieti: Grande partecipazione al seminario sulla Tutela e valorizzazione dei diritti di proprietà intellettuale

Grande partecipazione al seminario odierno dal titolo “Tutela e valorizzazione dei diritti di proprietà intellettuale” organizzato dalla Camera di Commercio di Rieti in collaborazione con la sua Azienda Speciale, nell’ambito del progetto “Potenziamento degli Uffici Brevetti e Marchi delle Camere di Commercio”.
L’incontro, accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Rieti e dall’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti contabili di Rieti,  ha affrontato dopo l’introduzione a cura del Segretario generale della CCIAA di Rieti, Giancarlo Cipriano, il tema dei brevetti, dei marchi e della loro tutela. L’iniziativa fa parte di una tre giorni avviata lo scorso 12 luglio e che si concluderà il prossimo 24 settembre con un convegno che affronterà anche il tema delle denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari ed al quale prenderanno parte, tra gli altri, il Prefetto di Rieti, il Segretario Generale dell'AICIG, il dirigente della Direzione Generale dello Sviluppo agroalimentare e della Qualità del Mipaaf.
Particolare attenzione è stata riservata oggi - come illustrato nelle relazioni tenute dagli avvocati Alessandro Masetti, Roberto Cartella, Laura Viti, e dall’ingegner Andrea Tiburzi - al tema della proprietà industriale e del valore d’impresa, in una prospettiva imprenditoriale, con una panoramica generale sui diritti d’autore e sulla tutela giurisdizionale della proprietà industriale ed intellettuale.
Al termine del seminario è stato dato spazio a colloqui individuali con gli esperti relatori del seminario per approfondimenti sulle tematiche trattate.
Per qualsiasi chiarimento e/o informazione è possibile contattare l’Azienda speciale della CCIAA di Rieti, chiedendo di Angelica Longarini (tel. 0746/201364, e-mail angelica.longarini@ri.camcom.it)
L’Ufficio Comunicazione

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.