martedì 20 agosto 2013

I requisiti strutturali per mettersi in proprio

Dott. Tommaso Licchetta e Dott.ssa Roberta di Chiara

Per mettersi in proprio è necessario anche scegliere il luogo fisico per lo svolgimento dell'attività. Oltre alla scelta dislocativa sarà bene tener conto dei requisiti strutturali previsti entro le norme vigenti.

Immagine FiscoeTasse
I principali requisiti che un locale deve possedere affinché tutto si possa svolgere in conformità con le disposizioni che la legge impone sono:
- Impianto elettrico;
- Sicurezza degli impianti;
- Norme di sicurezza;
- Contratto di locazione.

Impianto elettrico

Uno dei requisiti fondamentali del nostro locale può essere di sicuro quello relativo all’impianto elettrico. Una volta progettato quest’ultimo, si procederà con l’installazione e con la prescritta certificazione.
 
La dichiarazione di conformità contiene informazioni sulla procedura di installazione, sulla tipologia di materiali utilizzati, sulle norme seguite e sull’ubicazione dell’impianto.
 
A corredo, saranno acclusi una serie di allegati (alcuni dei quali obbligatori, pena la nullità della dichiarazione):
  • il progetto o lo schema d’impianto;
  • la relazione tipologica (o l’elenco dei materiali);
  • il certificato d’iscrizione alla Camera di commercio.

Sicurezza degli impianti

In base all’art. 28 d.lgs. n. 81/2008, l’azienda è tenuta a redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR).
Dal 1° giugno 2013 tutte le aziende, indipendentemente dal numero degli addetti, devono possedere il documento cartaceo da cui risulta la procedura eseguita per rilevare i rischi presenti in azienda.
 

Contratto di locazione

Una volta valutato che il locale risponde alle caratteristiche richieste per l’apertura, si procede- rà alla predisposizione del contratto di locazione.
 
Il contratto di locazione deve essere registrato entro 30 giorni dalla data della stipula presso l’Agenzia delle entrate:
  • con modalità telematica (online): obbligatoria per i possessori di oltre 10 immobili e facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici;
  • con modalità tradizionale (cartacea): è necessario recarsi presso un ufficio dell’Agenzia delle entrate per compilare il modello 69 dopo avere effettuato il pagamento dell’imposta di registro. Le parti contraenti devono calcolare il tributo e versarlo presso qualsiasi agente della riscossione, banca o ufficio postale;
  • incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.).
Se la durata del contratto non supera i 30 giorni complessivi nell’anno, non si è obbligati alla registrazione del contratto. Il canone annuale è soggetto all’imposta di registro (1%, se è prevista anche l’applicazione dell’Iva – 2% negli altri casi). Il versamento dell’imposta va effettuato con modello F23 e va ripartito equamente tra conduttore e locatore, salvo accordi diversi. Una volta eseguito il versamento ed apposte marche da bollo per € 16 andrà presentato presso gli uffici dell’Agenzia delle entrate per la registrazione. Il limite di deposito cauzionale richiedibile dal locatore è pari a 3 mensilità. 


Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.