lunedì 31 dicembre 2012

Comune di Roma - SOSPESO il Servizio Atac pulmini a chiamata per il trasporto delle persone con disabilità.

di Roberta Sibaud
Questa mattina ho chiamato il call center della Centrale Operativa dell’ATAC, gestore del Servizio pulmini a chiamata per la mobilità delle persone con disabilità del Comune di Roma, per prenotare un trasporto per il 2 gennaio 2013 mattina, ma mi è stato chiesto come mai nn sapevo che oggi sarebbe stato l’ultimo giorno di operatività del servizio, per fine mandato alla ditta di pulmini vincitrice dell’appalto che scade il 31.12.2012.
Mi chiedo perché non giocare d'anticipo ed esperire una gara in tempo per non far rimanere 2.900 persone con disabilità a piedi da oggi? Senza considerare quanti sono ancora in lista d’attesa per essere accreditati al servizio mobilità!
Ora l'ATAC non avrà più la gestione di detto servizio, ma il rapporto sarà tra Comune di Roma e ditta appaltatrice. Dovranno creare una nuova centrale operativa, la ditta appaltatrice vincente dovrà avere i pulmini che l’ATAC già da stamattina ha prontamente ritirato, perché di sua proprietà.
Oltre a non avere noi il servizio utile per raggiungere il lavoro, gli istituti di fisioterapia, visite mediche negli ospedali o per socializzare, resteranno senza lavoro un centinaio di autisti uomini/donne che se ne staranno a casa sperando di essere poi assunti dalla nuova ditta vincitrice dell’appalto.
Per quest’ultimo motivo gli autisti il 2 o il 3 gennaio manifesteranno in V.le Manzoni, 16.
Nel frattempo (questa mattina ho telefonato al V° Dipartimento Mobility Card al n. 06.67105393 e mi è stato risposto di telefonare a PRONTO NONNO (800.147.741) per avere informazioni e forse per usufruire dei loro pulmini. PRONTO NONNO, dicono, che ha solo 9 pulmini... la vedo dura, il 2013 inizierà a piedi.... ops... rimarremo al palo!!!
TEMPESTIVI COME SEMPRE AL COMUNE E UN GRAZIE PARTICOLARE A CHI DOVREBBE PREOCCUPARSI E TUTELARE LE ESIGENZE DELLE PERSONE CON DISABILITA’ DEL COMUNE DI ROMA!!! 

Roberta Sibaud 
NOTA https://www.facebook.com/notes/roberta-sibaud/comune-di-roma-sospeso-il-servizio-atac-pulmini-a-chiamata-per-il-trasporto-dell/10151386840193245 con Antonella Sciocchetti e altre 34 persone presso Roma Capitale.
www.studiostampa.com

domenica 30 dicembre 2012

Addio al premio Nobel Rita Levi Montalcini, signora della scienza e dell'impegno civile

IL NOSTRO SALUTO AL PRESTIGIOSO NOBEL !
di Stefano Biolchini - Articolo completo da: Il Sole 24ORE
Con il suo sorriso lieve e lo sguardo intenso se ne è andata una delle donne che per rigore d'impegno civile e di dedizione alla ricerca e allo studio rendono grande il nostro paese: Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina, è morta a Roma. Aveva 103 anni ed è morta nella sua abitazione in via di Villa Massimo. La scienziata era stata nominata senatore a vita dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il 1 agosto del 2001. Come si legge sulle agenzie, il 118, intervenuto nella sua residenza, ha "soltanto potuto constatare il decesso".
Il Saluto di Rita Levi Montalcini
Rita Levi Montalcini era nata a Torino il 22 aprile 1909. Dopo aver studiato medicina all'universita' di Torino, all'eta' di 20 anni entra nella scuola medica dell'istologo Giuseppe Levi e inizia gli studi sul sistema nervoso che prosegue per tutta la sua vita, salvo alcune brevi interruzioni nel periodo della Seconda guerra mondiale. Si laurea nel 1936. Nel 1938, in quanto ebrea sefardita, fu costretta dalle leggi razziali del regime fascista a emigrare in Belgio con Levi, dove continua le sue ricerche in un laboratorio casalingo.

www.studiostampa.com

sabato 29 dicembre 2012

ROMA - METRO, SCHIUMA-FIORETTI: "APPROVATO ODG PER MIGLIORARE LINEA B"

(OMNIROMA) Roma, 29 DIC - "Realizzare un tronchino di scambio (500 mt) in corrispondenza della stazione di Bologna e progettare un nuovo ed efficace collegamento tra la nuova banchina della B1 e la vecchia banchina della B in modo da agevolare le operazioni di scambio dei passeggeri da un treno della B1 ad un treno della B e viceversa. E ancora, alla stazione Laurentina, riprendere e portare avanti un vecchio progetto di ampliamento dell’attuale tronchino di scambio esistente in modo da garantire una maggiore capacità di 'accumulare' i treni, permettendo in tal modo migliori frequenze ed elevare il numero di passaggi dei convogli". Lo dichiarano in una nota i consiglieri comunali Fabio Sabbatani Schiuma, presidente del gruppo 'Popolo della Vita - Trifoglio' e Pierluigi Fioretti, segretario romano de 'La Destra', "primi firmatari dell'ordine del giorno approvato ieri, sottoscritto anche dai consiglieri Marroni (Pd), Santori e Cantiani (Pdl) allegato alla proposta 125/2012, sul piano industriale della società ATAC S.p.A..
"Purtroppo - proseguono Schiuma e Fioretti - la metro linea B, a seguito dell'apertura della B1, non tornerà mai più come prima, cioè non potrà mai più raggiungere le stesse prestazioni di prima della nascita della B1. Con queste opere la situazione può migliorare".
red 291649 DIC 12
www.studiostampa.com

Riuscitissima Festa per il Compleanno di Fabio Sabbatani Schiuma

Guglielmo Giovannelli Marconi e Fabio Sabbatani Schiuma
Michele e ... ... ...
Fabio e ... ... ...

Debora con un'amica
Giuseppina


Alfredo Iorio con Fabio
Paola Ghedini
Fabio - il Festeggiato


Julia con due amiche 
www.studiostampa.com

venerdì 28 dicembre 2012

SANTORI-SCHIUMA: DA CAMPO DE’ FIORI SUBITO NUOVO MODELLO PER CITTÀ

Campo de' Fiori
(OMNIROMA) Roma, 28 DIC - "Sulla movida non si perda ulteriore tempo e si accolgano progetti seri ed efficaci a tutela dei residenti e di un divertimento sicuro e sano". Questo l'appello lanciato oggi in una conferenza stampa tenutasi a Campo de’ Fiori dai consiglieri capitolini Fabrizio Santori e Fabio Sabbatani Schiuma, rispettivamente presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, e presidente del gruppo del Trifoglio. Alla conferenza hanno partecipato, oltre all'Associazione dei residenti, anche Toni Palombi, segretario nazionale del Feasc, sindacato addetti al controllo, a norma del decreto Maroni, Riccardo Corsetto, dell'Associazione movida sicura, e Manuel Delle Chiaie, dell'Associazione nazionale degli stewards, i quali hanno ribadito "la disponibilità ad intervenire in modo congiunto su Campo de’ Fiori e su altri luoghi caldi della movida romana con un'opera prevenzione e controllo che non si sostituirebbe certo alle forze dell'ordine, ma sarebbe da ausilio coadiuvando nel garantire la sicurezza”.
"Basta palliativi - ha dichiarato Santori - che tutelano l'interesse di pochi. Serve al contrario la presenza delle forze dell'ordine, e controlli all'interno dei locali, ma allo stesso tempo sono necessari esperti del settore che possano servire a realizzare un sistema integrato di prevenzione, così come in altre grandi città europee. La delibera di iniziativa consiliare presentata dalla Commissione Sicurezza - ha concluso Santori - è pronta per essere votata in assemblea capitolina per una svolta alla gestione della movida romana, che continua a rimanere un problema irrisolto di questa città. Siamo certi che il sindaco Alemanno quest'anno non si affiderà ad iniziative spot, che nel tempo hanno deluso tutti i residenti e gli stessi frequentatori della movida che desiderano divertirsi in serenità".
"Campo de Fiori - ha dichiarato Schiuma - è il simbolo di come la movida romana sia indegna di una capitale europea: cambiano le giunte ma restano i problemi. Serve un piano regolatore del divertimento notturno, per concentrare le licenze in zone a minor impatto con i residenti, ma, soprattutto, una pianificazione artistica degli eventi, che non sia solamente somministrazione di alcool e riproduzione musicale. A Berlino e a Parigi - conclude - movida significa divertimento sicuro e indotto per il turismo, a Roma solo risse e alcool".
red281406 DIC 12
www.studiostampa.com

Le Vostre Telecomunicazioni !

    

lunedì 24 dicembre 2012

Fondo Centrale di Garanzia per le PMI

Istituite le prime sezioni
speciali del Fondo Centrale
di Garanzia per le PMI

Firmato l'accordo tra il Ministero dello Sviluppo Economico e 19 Camere di Commercio italiane che istituisce le prime sezioni speciali del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI: i dettagli dell'iniziativa per l'accesso al credito e l'internazionalizzazione delle PMI.
Noemi Ricci - dicembre 2012 - Fonte PMI
Istituite le prime sezioni speciali del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI
Alimenterà il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese con oltre 17 milioni di euro il nuovo accordo promosso dal Consorzio Camerale per il Credito e la Finanza e siglato con il Ministero dello Sviluppo Economico.

=> Consulta i requisiti di accesso al Fondo

A firmare l’accordo che istituisce le prime sezioni speciali del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI in 19 Province italiane – Bari, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Firenze, Genova, Lecco, Mantova, Milano, Modena, Monza-Brianza, Napoli, Palermo, Pavia, Salerno, Trieste, Udine e Varese – oltre al ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, c’erano i Presidenti delle relative Camere di Commercio. Successivamente sarà possibile anche per altre Camere di Commercio aderire all'iniziativa.
Qui l'articolo completo.

www.studiostampa.com

sabato 22 dicembre 2012

L’associazione Musicale ALFA Musicorum Convivium

In occasione della produzione della Messa da Requiem, di Giuseppe Verdi nel periodo che va dal 19 al 23 marzo 2013, l’ALFA MC apre un corso di alta formazione per artisti del coro o aspiranti tali, con Direttori d’Orchestra e di Coro e tecnici della voce. Il corso di formazione sarà interamente dedicato al Requiem e avrà decorso da gennaio 2013 a marzo 2013, con cadenza settimanale il sabato dalle 10,00 alle 12,30.
Gli elementi ritenuti idonei saranno integrati nel coro esecutore della stessa.
La fine del corso coinciderà con l’esecuzione con soli, coro e orchestra in Teatro della Messa.
Il corso è gratuito.
Si terrà a Ciampino presso la scuola Bachelet sita in via due giugno 63, info: 334.9516.109 oppure: info@alfamc.it, referente del progetto Alessio Magnaguagno. 

Una ricerca maniacale per il risveglio delle coscienze!

Enzo Raisi, deputato di Fli,  ha presentato il suo libro “Bomba o non bomba. 2 agosto 1980. Alla ricerca ossessiva della verità” (Minerva ed. 2012), a Roma, in Campidoglio, nella Sala del Carroccio particolarmente gremita; ha presieduto l'On. Fabio Sabbatani Schiuma Presidente del Gruppo "Il Trifoglio", con gli autorevoli interventi di Arturo Diaconale (Direttore de: L'Opinione) ed Alfredo Iorio del Popolo della Vita.
TRAMA. Il 2 agosto 1980 una bomba esplode alla stazione di Bologna, provocando una vera e propria strage e Enzo Raisi (allora giovane del Msi) in partenza per le vacanze, si salva per pochi attimi.
2005. Enzo Raisi, divenuto nel frattempo deputato della Repubblica e membro della commissione Mitrokhin, indaga sui documenti provenienti dagli archivi degli ex paesi dell’Est e scopre nuovi elementi che raccontano una versione molto diversa da quella conosciuta fino ad oggi.
Un libro-inchiesta in cui vicende pubbliche e private si intrecciano alla ricerca della verità fino ad oggi non emersa, che contiene in allegato un cd con 1000 pagine di documenti tra cui quelli della commissione Mitrokhin, la maggior parte inediti,  legati alla strage del 2 Agosto 1980.
Enzo Raisi, politico e deputato della Repubblica, è coordinatore regionale per l’Emilia Romagna di Futuro e Libertà e di Generazione Italia. È responsabile nazionale della propaganda di Fli, è stato amministratore del Secolo d’Italia.
www.studiostampa.com

L'AVVOCATO PUO' SVOLGERE ATTIVITA' DI ACQUISIZIONE DELLA CLIENTELA CON MODALITA' CONFORMI ALLA CORRETTEZZA E AL DECORO - In base al codice deontologico (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 19705 del 13 novembre 2012, Pres. Preden, Rel. Segreto).

Fonte: Legge e Giustizia
L'art. 17 del regolamento deontologico forense dispone che sussiste la libertà di informazione da parte dell'avvocato sulla propria attività professionale, ma che tale informazione, quanto alla forma ed alle modalità deve "rispettare la dignità ed il decoro della professione" e non deve assumere i connotati della "pubblicità ingannevole, elogiativa, comparativa". L'art. 17 bis del cod. deontologico stabilisce le modalità specifiche dell'informazione e l'art. 19 fa divieto di acquisizione della clientela con "modi non conformi alla correttezza e al decoro". Non è illegittimo per l'organo professionale procedente individuare una forma di illecito disciplinare (non certamente nella pubblicità in sé perfettamente legittima nel suo aspetto informativo ma) nelle modalità e nel contenuto della pubblicità stessa, in quanto lesivi del decoro e della dignità della professione, e non nell'attività di acquisizione di clientela in sé, ma negli strumenti usati, allorché essi siano non conformi alla correttezza ed al decoro professionale.
www.studiostampa.com

giovedì 20 dicembre 2012

URBANISTICA, SCHIUMA: "NON PARTECIPO A BANCHETTO DI NATALE"

Roma da Salvare !
(OMNIROMA) Roma, 20 DIC - "Prima di dar corso a quello che si prospetta essere un vero e proprio banchetto di Natale. o meglio un nuovo sacco della capitale, il sindaco Alemanno farebbe bene ad approntare un piano straordinario per il recupero e la fruizione delle aree dismesse e di tutte quelle migliaia di metri cubi inutilizzati (strutture, edifici sfitti, vuoti e inutilizzati, ecc), che sono ormai veri e propri simboli di degrado che una capitale europea come Roma non merita. Invece di cincischiare, e magari favorire i soliti noti con piogge di cemento, il sindaco si attivi per rispondere a questa che è ormai una necessità. E non ci si nasconda dietro problemi di bilancio. Così come per il Colosseo, i soldi si trovano". E' quanto dichiarato in una nota dal consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, presidente del gruppo Il Trifoglio.
red

www.studiostampa.com

Non smettiamo mai di lottare per un futuro migliore !

www.studiostampa.com

domenica 16 dicembre 2012

RIVOGLIAMO I NOSTRI MARO' - CON LE BUONE O CON LE CATTIVE !

Mio Nipote, ha risposto alla solita pacifista che dava degli Assassini ai nostri Marò e mi sembra giusto copiare la risposta che ritengo esemplare:
"Allora la sentenza c'è stata e non l'hai fatto sapere a nessuno?! Hai passato in giudicato la vicenda e non hai avvertito nessuna autorità giudiziaria indiana del compito che ti sei sobbarcata. Gli saresti stata d'aiuto perché pensa, le autorità indiane, che sanno di aver rapito con l'inganno e di detenere illegalmente due cittadini stranieri, hanno deciso di non decidere, consapevoli di non averne l'autorità, che invece tu hai. Due "colpevoli" senza bisogno di giudizio, come nella migliore tradizione delle democrazie di stampo comunista/fascista. Io non avrei dato un giudizio sommario come il tuo nemmeno del peggior attentatore blackblock figlio di papà. Posso avere un'opinione, ma il giudizio pensa un pò, lo lascio ai giudici, competenti in materia, che ovviamente non sono quelli indiani. Ma io non sono un pacifista. Che vuoi che capisca di democrazia e di diritto...". Un abbraccio a tutti.
www.studiostampa.com

sabato 15 dicembre 2012

Roma: Manifestazione alla Camera

Numerosi presidenti di Movimenti che convergono verso la lista elettorale di “IO AMO L’ITALIA” oggi con Magdi Cristiano Allam che ha rivolto il suo accorato appello al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio dei Ministri perché intervengano tempestivamente per garantire il diritto di partecipazione al voto dei cittadini, anche attraverso partiti e movimenti nuovi, sancito dalla Costituzione. Un diritto che dovrebbe essere esercitato per legge in 180 giorni di tempo prima delle elezioni, oggi umiliato con la pretesa di raccogliere subito 60.000 firme di sottoscrizione autenticate da un pubblico ufficiale.
La democrazia in Italia è sul letto di morte, grazie alla congiura di uomini senza onore.
www.studiostampa.com

mercoledì 12 dicembre 2012

Carta Roma !

Mi piace perché sono un ammiratore della tenacia politica del nostro vice sindaco Sveva Belviso ma, come al solito, bisognerebbe parlare della Burocrazia e dei gradini e dei documenti per certificare i gradini e dei cittadini che per capire debbono rivolgersi al CAF o al Patronato ma quale e quale sarà quello giusto? oddio non conosco nessuno, come faccio? e se poi mi dicono che non avevo diritto? e se poi arriva un'assistente sociale che mi fa arrestare e mi toglie il figlio ? beh...meglio non rischiare, mi nascondo e non chiedo nulla, tanto le avranno già assegnate agli amici !  :-(
www.studiostampa.com

lunedì 10 dicembre 2012

SICUREZZA, SCHIUMA: SU CAMPO DE' FIORI GRAVI RESPONSABILITÀ CAMPIDOGLIO

(OMNIROMA) Roma, 10 DIC - "Come si stanno spendendo i fondi, circa 70.000 euro, stanziati per la sicurezza a Campo de' Fiori? La settimana scorsa si è riunita la commissione Sicurezza del Campidoglio, presieduta dal collega Fabrizio Santori, ed è stata evidenziata dal sottoscritto e dalla Feasc, sindacato di 'addetti alla sicurezza', riconosciuti dal decreto Maroni e preparati con corsi di formazione appositi, l'inadeguatezza­ della sola presenza di hostess e steward. La Feasc, tramite il suo segretario generale, Toni Palombi, ha presentato un progetto a costo zero per l'amministrazio­ne, affinché la piazza venga dotata di operatori all'altezza che possano fungere da deterrente ai continui episodi criminosi, ai vandalismi e agli schiamazzi, senza sostituirsi certamente alle forze dell'ordine, bensì avvisandole per tempo. L'assenza del delegato alla sicurezza, Giorgio Ciardi, la dice lunga su come stiano mal affrontando il problema movida, sia su Campo de' Fiori, sia in generale, il Sindaco Alemanno e il suo delegato". Lo dice in una nota il consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, presidente del gruppo 'Il Trifoglio - Popolo della Vita'.
red101650 DIC 12
www.studiostampa.com

Sportello Unico e Agenzie per le imprese, al decollo le novità telematiche

Ad avere lo Sportello Unico per le Attività Produttive sono il 92,3 per cento dei Comuni italiani. Sviluppo economico procede per completare questo percorso e ad affiancarvi altri strumenti, con l'aiuto delle Regioni
di Giuseppe Tripoli, Ministero allo Sviluppo Economico.
Giuseppe Tripoli
Sono solo 621 i Comuni privi di Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP). Ad averlo è quindi il 92,3 per cento del totale. Risulta dalle prime stime (vedi tabella in fondo all'articolo) che possiamo fare su questo nuovo strumento. Non solo: il Ministero allo Sviluppo Economico sta per provvedere con un Commissario ad Acta per colmare questa piccola lacuna.
Sta lavorando anche per completare - in raccordo con le Regioni - l’iter autorizzatorio necessario all'avvio delle Agenzie per le imprese, organismi privati che, accreditati dal Ministero in base ai requisiti prescritti, saranno autorizzati ad accettare le SCIA e a rilasciare la dichiarazione che consente l’avvio immediato dell’attività e, nel caso  di procedimenti più complessi, svolgere le funzioni di supporto ai SUAP.
L’intento è quello di chiudere quanto prima questa fase, per arrivare alla concreta operatività delle prime Agenzie per le Imprese per l’inizio del 2013. Peraltro, l’avvio delle Agenzie non condizionerà in alcun modo l’operatività dei SUAP telematici rappresentando le medesime uno strumento aggiuntivo e non sostitutivo.
www.studiostampa.com

venerdì 7 dicembre 2012

PMI/brevetti: al via i finanziamenti, risorse fino a 300 mln

È operativa la linea di credito riservata ai brevetti del Fondo Nazionale per l'Innovazione (FNI), strumento creato dal Ministero dello Sviluppo Economico per agevolare il finanziamento di progetti innovativi basati sullo sfruttamento industriale di titoli della proprietà industriale (brevetti, disegni e modelli).
Fonte PMI - Qui l'articolo completo.
www.studiostampa.com

mercoledì 5 dicembre 2012

Italia addio. Le multinazionali se ne vanno

E' un esodo senza sosta. Euro o non euro, la tombola degli Eurogruppi a Bruxelles non convince più le corporation americane, francesi e tedesche, che chiudono attività nel Sud Europa. Prima che sia troppo tardi.
Fonte WALL STREET ITALIA - Qui l'articolo completo.

martedì 4 dicembre 2012

Novità sulla dismissione ENASARCO !


Una Disamina Chiarissima !



Qualche mese fa, in occasione delle dimissioni del Colonnello Rapetto, ho scritto:

Un governo che fa perdere allo Stato i suoi uomini migliori, che inizia senza dare per primo un esempio, senza tagliare i propri stipendi, senza ridurre il numero dei parassiti, senza eliminare gli sprechi, un governo che punta tutto sull'aumento delle entrate e non sulla riduzione delle uscite, senza tener conto che gli F24 si sono DRASTICAMENTE ridotti e che la situazione, se possibile, è addirittura peggio di prima, beh... meglio un non governo che questa tragedia ! CONFERMO !!! 

Euro, Unione Europea e Stati Uniti d'Europa. 
http://www.studiostampa.com/2012/07/euro-unione-europea-e-stati-uniti.html
http://www.studiostampa.com/2010/03/unione-europea-e-stati-uniti-deuropa.html#comment-form

www.studiostampa.com

lunedì 3 dicembre 2012

WhatsApp Messenger a pagamento o gratuito ?

WhatsApp Messenger è un'app di messaggistica mobile multi-piattaforma che consente di scambiarsi messaggi coi propri contatti senza dover pagare gli SMS. WhatsApp Messenger è disponibile per iPhone, BlackBerry, Android, Windows Phone e Nokia. 

Quello che non è chiaro è se il servizio offerto sia o meno gratuito. Sul web circolano molte bufale a riguardo, ma la verità è scritta nero su bianco sul sito ufficiale. Di seguito riportiamo i costi, attuali, per i vari sistemi operativi: 

IPHONE: l'applicazione è a pagamento. Scaricarla costa 0,79 centesimi, una tantum. Potete verificarlo qui.

ANDROID: l'applicazione è gratuita. Potete scaricarla. Il servizio è free per un anno. Dopo vi verrà chiesto di pagare 0,79 centesimi all'anno per mantenere attiva l'applicazione (potete verificarlo qui). Per conoscere lo stato del vostro account andate nelle impostazioni, "informazioni account" e "informazioni sul pagamento". Troverete la data di scadenza e il link all'acquisto. 

BlackBerry, Windows Phone e Nokia: vale quanto detto sopra per Android. 

Quanto abbiamo scritto è valido ad oggi (30 novembre 2012). Al momento non esistono altri costi aggiuntivi: non si paga nulla per gli sms, e sul sito ufficiale non vi è alcuna menzione circa promozioni attivate. 

In futuro, ci stanno già pensando, l'applicazione potrebbe avere dei costi annuali di abbonamento più elevati. Vedremo. 

www.studiostampa.com

domenica 2 dicembre 2012

A ROMA LA POLITICA SERIA NON E' MORTA!


www.energiaplurale.com
www.studiostampa.com

Assistenti Sociali !

La Giustizia !
Credo che il pericoloso squallore della maggioranza delle Assistenti Sociali, sia secondo solo alla noncuranza con la quale molti Giudici confermano le relazioni delle suddette assistenti. 
Nessuno legge, nessuno entra nel merito, nessuno valuta seriamente; tutti aggiustano, passano le carte e si sfilano dalla responsabilità. :-( 
http://www.giustizianews.com  
www.studiostampa.com

Io ho molte ragioni per indignarmi e chiedo agli Italiani di far diventare questa lista chilometrica…

  • IO M’INDIGNO perché il costo della costo della politica è eccessivo per i sacrifici che sta affrontando il Paese. 
  • IO M’INDIGNO perché i dirigenti delle aziende pubbliche italiane hanno un stipendio più alto del Presidente degli Stati Uniti. 
  • IO M’INDIGNO quando un Capo dello Stato dice “ non vedo esasperazione” e non vede quanti imprenditori si suicidano e quante aziende chiudono. 
  • IO M’INDIGNO quando Monti dichiara “ la manovra sarà di rigore, equa e di sviluppo” e poi si colpiscono i cittadini comuni tralasciando le lobby di potere. 
  • IO M’INDIGNO quando cancellano la norma sul costo del RCA auto che dovrebbe essere uguale in tutta Italia ed io del SUD la pago 5 volte più cara mentre il Presidente Napolitano “Uomo del SUD” non interviene. 
  • IO M’INDIGNO quando parlano di populismo e di antipolitica, mentre i partiti sono arroccati sulle loro poltrone come in un Fort Apache facendoci passare per gli Indiani cattivi. 
  • IO M’INDIGNO quando chiedono ad un lavoratore di prestare servizio fino a 70 anni e di avere oltre 40 anni di contributi, quando alla nostra classe politica gli basta lavorare un anno per avere un vitalizio. 
  • IO M’INDIGNO quando la LEGA grida “ROMA LADRONA” e una volta presi in flagranza di reato negano tutto e la loro base elettorale “NON S’INDIGNA”. 
  • IO M’INDIGNO quando i Partiti non vedono il brulicare delle liste civiche e non ammettono la loro sconfitta. 
  • IO M’INDIGNO quando vedo che la libertà d’informazione in Italia è agli ultimi posti del mondo. 
  • IO M’INDIGNO quando vedo il numero spropositato di parlamentari in Italia rispetto al resto del Mondo. 
  • IO M’INDIGNO quando vedo BERSANI CASINI E ALFA:::SCONI sostenere questo governo. 
  • IO M’INDIGNO nel vedere tutte queste accise sulla benzina come quella della “Guerra in Abissinia” e nessuno dice o fa niente. 
  • IO M’INDIGNO quando un GOVERNO considerato tecnico fa una manovra economica aumentando l’Iva, la benzina e la tassa sulla casa e penso…ma bastava un Ragioniere non un professore della Bocconi. 
  • IO M’INDIGNO quando vedo gli ITALIANI non essere orgogliosi di esserlo e lasciare il che il Paese venga distrutto da un manipolo di gente...
Qualche mese fa, in occasione delle dimissioni del Colonnello Rapetto, ho scritto: 

Un governo che fa perdere allo Stato i suoi uomini migliori, che inizia senza dare per primo un esempio, senza tagliare i propri stipendi, senza ridurre il numero dei parassiti, senza eliminare gli sprechi, un governo che punta tutto sull'aumento delle entrate e non sulla riduzione delle uscite, senza tener conto che gli F24 si sono DRASTICAMENTE ridotti e che la situazione, se possibile, è addirittura peggio di prima, beh... meglio un non governo che questa tragedia ! CONFERMO !!! 
Euro, Unione Europea e Stati Uniti d'Europa. 

I NOSTRI MARO'

Un pensiero di risposta sui Marò al Sig. Ministro. Mi complimento per l'eccellente lavoro diplomatico delle nostre istituzioni ma ritengo doveroso ricordare che la risposta da dare a chi, col sotterfugio, sequestra due nostri ragazzi, non può essere quella di esprimere il nostro rammarico e la nostra ferma opposizione ma quella di una immediata azione militare di recupero e sottolineare ai signori indiani che il RISPETTO non può essere a senso unico. Sono queste le cose che minano la credibilità delle nostre istituzioni. Nessuno si dovrebbe permettere di farla franca dopo aver adottato un comportamento piratesco nei nostri confronti.
www.studiostampa.com

LA LOCANDA DEI GIRASOLI RISCHIA LA CHIUSURA

Comunicato stampa
A Roma c’è un ristorante la Locanda dei Girasoli. E’ nato dalla volontà di alcuni genitori di ragazzi con la sindrome di Down per dare una prospettiva lavorativa ai loro figli Claudio,Valerio, Emanuela e Viviana che già oggi ci lavorano come camerieri. Purtroppo non è in una via molto frequentata di Roma (in zona Quadraro) ed è molto difficile farlo conoscere. Però se non riusciamo a farlo in fretta, le prospettive non sono molto allegre. La pizza è buona, il locale è carino ed economico e vale la pena di dar loro una mano, non vi pare? Un primo aiuto può essere far girare questo messaggio al maggior numero di amici possibile; se poi conoscete persone o uffici nella zona Appio-Tuscolano è ancora meglio o se avete un amico giornalista che può pubblicizzare la loro esperienza, ancora meglio.

Via dei Sulpici 117/h - 00174 Roma
Tel - Fax 06.76.10.194
info@lalocandadeigirasoli.it

Foto: http://www.romatoday.it/foto/zone/tuscolano/locanda-dei-girasoli-quadaro-novembre-2012/locanda_dei_girasoli_2.html

Fonte: http://www.romanotizie.it/la-locanda-dei-girasoli-rischia-la-chiusura.html
di: INFORMAZIONE LIBERA
www.studiostampa.com

venerdì 30 novembre 2012

Professionisti con ufficio in casa: come detrarre i costi

Le norme sulla deducibilità dei costi nel caso di uso promiscuo di un immobile, come abitazione e come sede per le attività professionali. di Francesca Vinciarelli
Lavoro da libero professionista, lavoro in mobilità, consulenze: sono diverse le situazioni in cui i lavoratori possono avere la necessità di avere l’ufficio nella propria abitazione.
Ufficio in casa:
detrazione del 50%
dei costi di gestione
Le spese sostenute per lo studio professionale in casa possono essere portate in deduzione ma solo dai titolari di partita IVA in fase di dichiarazione dei redditi. (Fonte PMI)
www.studiostampa.com

ASSESTAMENTO, SCHIUMA: OTTENUTO +40% FONDI PER CASE AGLI ITALIANI

(OMNIROMA) Roma, 30 NOV - "Sono soddisfatto e orgoglioso di aver ottenuto un incremento quasi del 50% dei fondi destinati all'emergenza alloggiativa e sarà dato entro Natale un tetto a diverse famiglie italiane a cui una casa spetterebbe per requisiti e graduatoria: ho deciso così, nella nottata, di ritirare in blocco tutti i miei 2135 ordini del giorno, peraltro sottoscritti anche dal mio e collega Pierluigi Fioretti, segretario romano de 'La Destra' e di astenermi poi nella votazione dell'assestamento di bilancio".
Lo dichiara il consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, capogruppo de 'll Trifoglio - Popolo della Vita'.
"Voglio ringraziare - continua Schiuma - per aver costruito una mediazione a fronte di circa 40 ore di votazione che sarebbero servite per i miei o.d.g., andando certamente oltre la scadenza prevista per legge, i colleghi Gramazio, capogruppo PdL, Pomarici, presidente dell'Assemblea capitolina, Guidi, presidente della commissione bilancio e l'assessore Lamanna: tutti abbiamo mantenuto la parola data e permetteremo a diverse famiglia italiane di passare il Natale sotto un tetto.
Voglio altresì - conclude Schiuma - permettermi un consiglio al sindaco Alemanno a fronte dei 15 milioni di euro dedicati invece a stranieri e nomadi: una giunta di destra non dovrebbe considerare uno sforzo quello che ho chiesto, ma un atto dovuto, come chiede da tempo il 'Movimento sociale per la Casa (MSE)".
red301227 NOV 12
Fabio Sabbatani Schiuma
www.studiostampa.com

mercoledì 28 novembre 2012

ASSESTAMENTO BILANCIO, SCHIUMA: "NUMERI INSPIEGABILI, ITALIANI DISCRIMINATI"

Ferma opposizione alle spese pazze !
Fabio Sabbatani Schiuma
(OMNIROMA) Roma, 27 NOV - "Dalla commissione che si è tenuta questa mattina, alla presenza dell'assessore Carmine Lamanda, i numeri che emergono da questo assestamento di bilancio sono inspiegabili: o qualcuno li modifica, oppure sarò costretto a ricorrere a qualsiasi strumento, compresi quelli di ostruzionismo, e si rischia di andare tutti a casa dopo il 30 novembre".
Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino Fabio Sabbatani Schiuma, presidente del gruppo 'Il Popolo della Vita - Trifoglio'.
"Leggo - continua la nota - di 3.288.185 milioni di euro spesi per l'emergenza minori provenienti solo dal nord Africa, per un totale di 10.000.000 milioni di euro, di altri 5.000.000 di euro per l'assistenza nei campi nomadi, ma poi per le famiglie in emergenza alloggiativa risultano disponibili solo 955.000 mila euro, in ordine alle politiche abitative. Nulla contro - conclude la nota - i minori stranieri e contro i nomadi ma alle famiglie di italiani, che sono senza un tetto e alle quali spetta un alloggio perché in graduatoria, viene continuamente risposto che non ci sono case e che non ci sono soldi neanche per mandarli nei residence. Tutto ciò è vergognoso".
red 271515 NOV 12
www.studiostampa.com

lunedì 26 novembre 2012

Dibattito sul futuro dell'Europa

Il 2013 sarà l'Anno europeo dei cittadini. A vent'anni dall'introduzione della cittadinanza europea, l’evento ha un duplice intento: illustrare quanto finora realizzato e rispondere alle aspettative future dei cittadini. L’anno europeo è stato istituito con la decisione del Parlamento europeo e del Consiglio, su proposta dalla Commissione. Gli eventi previsti punteranno a illustrare le politiche e i programmi esistenti e spiegheranno ai cittadini come beneficiare direttamente dei diritti dell’Unione. Inoltre, verrà lanciato un ampio dibattito pubblico sull’Unione europea del futuro e sulle riforme necessarie per migliorare la vita quotidiana dei cittadini europei.
Il 2013 coincide con il ventesimo anniversario della cittadinanza dell’Unione, introdotta con l’entrata in vigore del trattato di Maastricht nel 1993. Sempre nel 2013 verrà pubblicata la seconda relazione sulla cittadinanza dell’Unione, con la quale la Commissione presenterà altre iniziative per eliminare gli ultimi ostacoli al pieno godimento dei diritti legati alla cittadinanza. Mancherà solo un anno alle elezioni europee del 2014: un occasione ideale, dunque, per lanciare un grande dibattito sul futuro dell’Europa.

In preparazione dell’anno europeo la Commissione ha condotto, tra il 9 maggio e il 9 settembre 2012, un’ampia consultazione pubblica per rilevare i problemi incontrati dai cittadini nell’esercizio dei diritti legati alla cittadinanza europea. I contributi ricevuti, attualmente in fase di esame, contribuiranno alla relazione sulla cittadinanza europea, che sarà pubblicata il 9 maggio 2013.

L’anno europeo sarà ufficialmente inaugurato il 10 gennaio 2013 a Dublino con un dibattito pubblico, in concomitanza con l’inizio della presidenza irlandese del Consiglio. Sono previsti dibattiti pubblici aperti a tutti i cittadini, che si terranno dovunque nell’Unione. I primi dibattiti si sono già tenuti in Spagna, Austria e Germania e altri seguiranno nel 2013.

Sfruttando al massimo gli strumenti e il materiale disponibili (siti internet, portali, video, opuscoli, eventi ecc.), l’anno europeo lancerà una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione che intende far conoscere gli strumenti partecipativi e informativi esistenti nelle diverse lingue (Europe Direct, La tua Europa, SOLVIT, Interactive Policy Making, diritto d’iniziativa dei cittadini europei, petizioni) in grado di rispondere alle preoccupazioni dei cittadini e di incidere sulla vita di tutti i giorni. La Commissione opererà in stretta collaborazione con le altre istituzioni dell’Ue, con le autorità degli Stati membri (nazionali, regionali e locali) e con le organizzazioni della società civile.

Per l’occasione le principali organizzazioni della società civile europee hanno stretto un’alleanza, la European Year of Citizens 2013 Alliance, che collabora con la Commissione quale partner strategico in rappresentanza della società civile.

In Italia sono previsti quattro appuntamenti. Un primo evento avrà luogo a Napoli il 30 novembre alla presenza del Commissario per l'occupazione, gli affari sociali e l'integrazione Lazslo Andor. Il pubblico presente verrà invitato a formulare osservazioni e domande riguardo alle politiche Ue per l'occupazione.

Il secondo appuntamento, incentrato sul tema della protezione dei valori del modello sociale europeo e della sicurezza dei cittadini, avrà luogo a Torino il 21 febbraio 2013 alla presenza della commissaria agli Affari interni Cecilia Malmstroem. Sarà Pisa ad ospitare il terzo e ultimo incontro, dedicato all'uso sostenibile delle risorse, che si svolgerà il 5 aprile 2013 alla presenza del commissario responsabile per l'Ambiente Janez Potocnik. In occasione della festa dell'Europa, il 7 maggio 2013, si svolgerà infine a Trieste un grande evento finale con la vicepresidente Viviane Reding.

Fino a mercoledì 28 novembre i cittadini italiani potranno trasmettere le proprie domande su Twitter (@europainitalia; #dialogocittadini), nonché commenti e osservazioni al commissario Andor, responsabile per l'occupazione.  Le domande più frequenti o quelle retwittate verranno rivolte direttamente al Commissario durante l'evento del 30 novembre a Napoli, e il Commissario risponderà in diretta.

www.studiostampa.com

domenica 25 novembre 2012

Schiuma dice NO all'ATAC !

Nell'Assemblea Capitolina c'è una voce "Fuori dal Coro" !
di Fabio Sabbatani Schiuma
ORGOGLIOSO di essere stato l'UNICO CONSIGLIERE CONTRARIO all'affidamento 'in house' all'ATAC del trasporto romano. LEGGETE cosa scrive FERPRESS nell'editoriale: "Maggioranza e opposizione dell’assemblea capitolina votano per l’in house di ATAC. E’ la scelta giusta?
Maggioranza e opposizione a braccetto per votare nel Consiglio comunale di Roma la delibera che affida alla propria municipalizzata ATAC (il cosiddetto affidamento “in house”) i servizi di trasporto pubblico locale per un periodo di sette anni.
Il Partito Democratico Romano ha convocato una conferenza stampa per spiegare i motivi della decisione di votare insieme alla maggioranza la delibera, anche se con “molte riserve” per i ripetuti fallimenti della gestione Alemanno nei riguardi dell’azienda cittadina. E quindi giù il solito elenco dei continui disservizi subiti dai cittadini (una verità che nessuna persona che utilizza i mezzi pubblici potrebbe mai sognarsi di mettere in discussione, perché è esperienza comune che ogni giorno è – se possibile – peggio), delle scelte sbagliate sul bilancio e sui vertici dell’azienda, del prezzo pagato a causa delle assunzioni clientelari e via via dicendo, inanellando qualche ulteriore cifra sulle voragini di bilancio che si aprono nel già deficitario fronte finanziario dell’azienda, gravata da un debito record a livello nazionale.
La giustificazione non detta è che probabilmente l’alternativa sarebbe un fallimento dell’azienda; ma un affidamento “in house” per un periodo di sette anni (approfittando, oltretutto, di una “finestra” aperta dalla sentenza della Corte Costituzionale sulla disciplina dei servizi pubblici), costituisce una decisione che va contro tutto quanto si va dicendo nei convegni a proposito di concorrenza e liberalizzazioni e che è in aperta e palese contraddizione con quanto previsto (con la pomposa giustificazione che dovevano servire a far “crescere l’Italia”) dai decreti del Governo Monti (che ha l’appoggio anche del PD) nel settore del trasporto pubblico locale. Una tale scelta (presa oltretutto all'unanimità per paura o per reciproca convenienza) non può non fare impressione e induce a chiedersi se per i partiti non valga di più il voto delle corporazioni (qualsiasi esse siano) rispetto ai “sacri principi” affermati nelle tavole rotonde e nei consessi dove occorre farsi belli con le parole.
Al di là delle questioni di merito (che pure esistono e sono importanti), la scelta appare miope perché si rivolge ancora una volta alla salvaguardia di presunte riserve di voti, laddove invece la partita delle forze politiche si svolge oramai nel rapporto con i cittadini e con ciò che si riesce a dare ai cittadini in termini di servizi, di qualità dei servizi stessi eccetera eccetera. Ed è naturale chiedersi, a questo punto, quale sarà l’opinione dei cittadini (ma anche – giusto per aggiungere una provocazione – di un sincero liberalizzatore come il segretario dello stesso PD Bersani) dopo aver appreso che, per sette anni, avranno a che fare ancora con “questa” ATAC (perché, se il buongiorno si vede dal mattino, ovviamente nulla cambierà, nonostante le promesse).
www.energiaplurale.com
www.studiostampa.com

venerdì 23 novembre 2012

CAMPO DE' FIORI, SCHIUMA: NO SQUADRISMO ANTISEMITA, MOVIDA VIOLENTA

(OMNIROMA) Roma, 23 NOV - "Farei molta attenzione prima di 'titolare a effetto' ed etichettare la rissa dell'altra notte a Campo de' Fiori 'squadrismo antisemita', sentimento ripugnante e unanimemente condannato, ma penserei più al solito episodio delinquenziale della violenta movida romana, riconducibile al limite alla trasversale alleanza tra 'pseudo' laziali e romanisti, contro i tifosi inglesi, con i quali non corre buon sangue dagli episodi di Londra. Certi giornali potrebbero invece evidenziare le politiche 'all'aspirina' messe in campo sul problema della movida notturna, ove manca professionalita' e pianificazione: Roma 'by night' non e' solo pericolosa, ma soprattutto fuori controllo e triste. Di certo non all'altezza delle altre metropoli europee". Lo dichiara in una nota il consigliere comunale Fabio Sabbatani Schiuma, Presidente del gruppo 'Il Popolo della Vita - Trifoglio'.
red231036 NOV 12
www.studiostampa.com

mercoledì 21 novembre 2012

Non autosufficienza e fondi


L’Associazione Donne per la Sicurezza onlus, ha tra i suoi obiettivi e finalità statutarie di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi sociali, barriere architettoniche, urbanistiche, archeologiche, culturali, storiche, politiche ed intende fungere da stimolo nei confronti delle amministrazioni pubbliche locali tessendo un filo diretto fra utente e gestori della cosa pubblica, proponendo, ove possibile, risoluzioni anche tecniche e operative. Si batte per una società basata sulla sicurezza della donna e dei soggetti più deboli: minori, disabili, anziani, SOSTIENE E PARTECIPERÀ alla manifestazione del Comitato 16 Novembre di questa mattina Mercoledì 21 novembre 2012 alle ore 10.30 in Roma Via XX Settembre 97, al fine di sollecitare la risposta del Governo Italiano sul rifinanziamento del Fondo per la non autosufficienza adeguato ai bisogni delle persone disabili, per l’assistenza domiciliare ai non autosufficienti gravi e gravissimi e per il riconoscimento del caregiver familiare.
L’attuale legislazione di settore (L.104/1992 e L. quadro 328/2000) stabilisce che i servizi socio assistenziali alle persone con disabilità non autosufficienti gravi e gravissimi sono da erogarsi compatibilmente con le risorse di bilancio, cioè sono discrezionali e non obbligatorie, ignorando consapevolmente che detti servizi o sono GARANTITI o la loro efficacia è irrisoria e li si lascia in una situazione di abbandono e una persona non autosufficiente grave e gravissima, non gli si può chiedere di attendere o di sperare nella provvidenza.
Roberta Sibaud
Vicepresidente Associazione Donne per la Sicurezza onlus
www.donneperlasicurezzaonlus.it

www.studiostampa.com

martedì 20 novembre 2012

RADIOCOR: SELEZIONE NOTIZIE QUOTIDIANE

(Aggiornamento alle ore 20,00 di Martedì 20 novembre) -- (bex) wall street: ieri chiusura in rally, dj (+1,6%) su di oltre 200 punti (bex) borsa tokyo: nikkei chiude con un -0,12% su prese di beneficio (bim) borsa: moody's boccia la francia, parigi -0,5% e listini in rosso (eco) francia: perde tripla a, moody's taglia rating e outlook resta negativo (eco) banche: moody's, outlook sistema italiano resta negativo (eco) francia: moscovici, taglio moody's boccia gestione del passato (eco) giappone: boj lascia tassi invariati malgrado pressioni politiche (eco) germania: invariati prezzi alla produzione ottobre, +1,5% annuo (eco) cina:usa supera ue come prima destinazione dell' export di pechino (eco) cina: +25,4% a 58,2 mld $ investimenti all'estero primi 10 mesi (eco) francia: in lieve rialzo in avvio i bond decennali dopo moody's (eco) francia: moscovici, target deficit/pil 2013 resta al 3% (eco) francia: governo, paese resta 'un valore sicurò malgrado moody's (eco) giappone: boj, effetti negativi su economia da tassi sotto lo zero (eco) francia: moscovici conferma stime pil 2013 a +0,8% dopo moody's (eco) spagna: collocati bond per 4,93 mld, in calo tassi a 12 mesi (eco) bce: assegna 75,43 mld asta p/t, tasso fisso 0,75% (eco) grecia: respinge richiesta fmi di raddoppio tagli nel pubblico al 2014 (eco) ddl stabilità: il governo ha posto le tre fiducie alla camera (eco) efsf: collocati bond a 6 mesi per 1,96 mld, tassi ancora in calo (eco) clima: omm, nuovo record concentrazione gas ad effetto serra (eco) francia: -1,1% gli ordini all'industria a settembre (eco) ilva: depositata istanza per dissequestro degli impianti (eco) usa: rialzo a sorpresa dei nuovi cantieri, +3,6% a ottobre (eco) immobili: ok definitivo senato ddl riforma condominio (eco) efsf: rimandata emissione dopo downgrade della francia (eco) francia: hollande su moody's, «dobbiamo mantenere nostra rotta» (fin) panasonic: moody's taglia rating di due gradini, outlook negativo (fin) borsa: hedge fund battono azioni, recuperate le perdite del 2008 (fin) camfin: v.Malacalza, «sono socio industriale e continuerò a farlo» (fin) grecia: juncker, «buone possibilità» successo accordo in serata (fin) banca sistema: oggi inaugura nuova filiale a milano (fin) xstrata: azionisti approvano fusione glencore e respingono bonus (fin) sea: bonomi, fortissimo interesse da investitori istituzionali per ipo (fin) intesa: roversi-monaco, fondazioni mai parlato fusione con unicredit (fin) borse: le agenzie di rating non fanno più paura ai mercati - focus (fin) mediobanca: in cda piano strategico, focus su attività bancaria.
www.studiostampa.com

CONDOMINIO: "svolta" storica, la riforma è Legge


Fonte: Il Sole 24 ORE

La riforma del condominio è legge. La commissione Giustizia del Senato ha approvato oggi la nuova disciplina del condominio. Il provvedimento, varato in sede deliberante, attende la firma del Capo dello Stato e la pubblicazione in "Gazzetta Ufficiale". Vediamo in sintesi le principali innovazioni.

  • La figura dell'amministratore - Molte le novità, a cominciare dalla figura dell'amministratore, che resterà in carica due anni e che dovrà rispondere a secondo  precisi requisiti "di formazione e onorabilità". L'amministratore, inoltre, su richiesta dell'assemblea, dovrà stipulare una speciale polizza assicurativa a tutela dai rischi derivanti dalla professione svolta. A sostenerne le spese sarà il condominio. 
  • Articolo Completo

CASA, MSE INCONTRO IN CAMPIDOGLIO, SOSPESA OCCUPAZIONE

(OMNIROMA) Roma, 20 NOV - «Dopo l'occupazione di questa mattina in via Poggio Fidoni, abbiamo aperto un tavolo di trattative col Comune di Roma. Alle 16, con tutte le settanta famiglie in emergenza alloggiativa, il 'Movimento Sociale per la Casà sarà in Campidoglio per trovare un tetto per tutte le famiglie occupanti, entro Natale». Lo dichiara in una nota Giuliano Castellino, segretario Romano del Movimento Sociale Europeo. «Siamo giunti sul posto - dichiarano gli esponenti del Trifoglio Alfredo Iorio e Fabio Sabbatani Schiuma, consigliere comunale - per ascoltare le ragioni degli occupanti e per verificare chi avesse per davvero diritto ad un alloggio: apprezziamo la disponibilità mostrata dal Sindaco Alemanno a risolvere il problema di quelle famiglie alle quali spetta una casa ma si ritrovano a vivere per strada, dentro le macchine o presso parenti e amici». Per Iorio e Schiuma, «le case di via Poggio Fidone sono una vergogna: la Regione e l'ATER non avrebbero più effettuato i pagamenti nei confronti dell'impresa di costruzione, la quale da due anni e mezzo ha sospeso i lavori e l'immobile rischia lo stato di abbandono con conseguente sperpero di denaro pubblico».
www.studiostampa.com

martedì 13 novembre 2012

Denaro Pubblico !

Denario di Cesare
Abolire le erogazioni anticipate a tutti. Il Denaro dovrebbe essere gestito dal solo Presidente, Governatore o come vogliamo chiamare il Vertice della Regione e dal Tesoriere che, ad ogni pagamento, dovrebbero relazionare pubblicamente, con le dovute e "controllabili" pezze d'appoggio, le motivazioni delle spese autorizzate. Qui di seguito riporto i miei pensieri vecchi di alcuni mesi ma non superati. Sono veramente amareggiato per non dire di peggio; siamo gestiti da: Giornalisti, Magistrati, Politicanti e Banchieri, ma ai Dirigenti d'Azienda qualificati (compresi quelli militari e ne abbiamo tanti) che sarebbero in grado di organizzare il Paese non vengono MAI dati incarichi e nemmeno interpellati. 
Qualche mese fa, in occasione delle dimissioni del Colonnello Rapetto, ho scritto: Un governo che fa perdere allo Stato i suoi uomini migliori, che inizia senza dare per primo un esempio, senza tagliare i propri stipendi, senza ridurre il numero dei parassiti, senza eliminare gli sprechi, un governo che punta tutto sull'aumento delle entrate e non sulla riduzione delle uscite, senza tener conto che gli F24 si sono DRASTICAMENTE ridotti e che la situazione, se possibile, è addirittura peggio di prima, beh... meglio un non governo che questa tragedia ! CONFERMO !!! 
(Sperando di non finire in mano ai "sinistri"). 

www.studiostampa.com

lunedì 12 novembre 2012

e-Book e Sciocchezze Informatiche !

In primo piano
di Mario Cammarata
Lo schermo "retroilluminato", l'ePub per riprodurre l'originale...
Quale ebook reader, se l'informazione è disinformata?
Sugli ebook e sugli ebook reader si leggono tante sciocchezze, come accade spesso quando la stampa non specializzata si occupa di tecnologie. Il servizio su Repubblica del 2 novembre scorso è un capolavoro del genere.
L'ebook è una novità che interessa tutti quelli che leggono libri. Non occorre essere esperti di tecnologie: l'uso di un ebook reader è facile come quello del telecomando del televisore. Forse ancora più facile. Anche per questo gli apparecchi per leggere i libri elettronici si stanno diffondendo rapidamente e gli editori si muovono per non farsi sfuggire di mano il mercato.
E' un argomento di attualità, che l'informazione "generalista" non può ignorare. Infatti di ebook e di e-reader si parla e si scrive dovunque. Spesso a sproposito.
Ora lo sciocchezzaio sta raggiungendo dimensioni preoccupanti, perché può generare confusione nei lettori che cercano di capire qualcosa di questa e altre novità.
E' una vecchia storia: i giornalisti specializzati, o solo competenti, sono malvisti nelle redazioni. Insopportabili saccenti, rompiballe. Il "vero" giornalista è capace di trattare qualsiasi argomento, no? In ogni caso c'è sempre in giro qualche precario al quale affidare la vile materia delle tecnologie. Magari a due euro al pezzo.
Il risultato sono i "servizi" come quello pubblicato il 2 novembre scorso su Repubblica.it, intitolato Ebook reader per leggere digitale - Ecco come scegliere il più adatto. Un testo non firmato, che fa una confusione incredibile tra i modelli e ignora del tutto i due elementi decisivi per la scelta di un reader: lo standard del formato dei testi e i servizi on line per l'acquisto e la gestione dei libri (una caratteristica per tutte: la sincronizzazione della lettura tra diversi dispositivi).
Dall'articolo si può passare a quattro modelli "in esame", con altrettante fotografie e didascalie che contengono un'impressionante collezione di inesattezze.
Si incomincia con il Kindle:
Il classico dei classici è il Kindle di Amazon, disponibile in due versioni, una con schermo non touch e il Kindle Papwerwhite, che sostituisce ai comandi fisici un controllo a sfioramento su uno schermo retroilluminato per leggere al buio.
Bastano pochi secondi per verificare sul sito di Amazon che le versioni proposte in Italia sono quattro e che per il Paperwhite la consegna è prevista a febbraio 2013, se lo ordini ora. Ma il suo schermo non è "retroilluminato": la caratteristica essenziale dei nuovi reader è proprio l'illuminazione frontale della pagina.
Si passa al Kobo, lanciato in Italia pochi giorni fa da Mondadori:
Kobo è il reader di Mondadori, disponibile in tre versioni, Koboglo, Kobotouch e Kobomini... Lo schermo è di livello, basato sulla tecnologia a inchiostro elettronico Pearl. La versione base (Mini) è wifi (79 euro), la Glo è retroilluminata (129 euro) e la Touch riunisce tutte le caratteristiche nel prodotto top di gamma (99 euro), tranne la retroilluminazione. Da notare come il Kobo non sia legato a nessun negozio di libri elettronici e possa accedere a un catalogo di un milione di libri gratis, e la compatibilità con molteplici formati di documento.
Tutto sbagliato. Il Kobo Mini non è la versione base, non ha lo schermo in tecnologia Pearl e non è il solo wi-fi. E' semplicemente un lettore più piccolo degli altri, poiché ha lo schermo da 5". Per completezza di informazione, si dovrebbe dire che costa come il Kindle base, che però ha lo schermo da 6". Che il Kobo non sia legato a nessun negozio di libri è inesatto: come tutti i reader per lo standard ePub ha un negozio "preferenziale" e in più un sistema di protezione particolare (kepub). I libri gratis sono a disposizione di qualsiasi reader, non costituiscono una particolarità del Kobo. Infine anche il Glo non è "retroilluminato", come il Kindle Paperwhite.
Terza foto, terza didascalia. Ora tocca al Biblet di IBS:
Biblet è il reader di Telecom Italia, che può accedere al negozio Cubostore ma anche ad altri. Costa 99 euro, è più ingombrante del Kindle base ma ha il touchscreen e la tastiera, e può essere utilizzato per la lettura degli audiolibri grazie a un dispositivo sonoro integrato. Per le caratteristiche, il prezzo è proporzionato. Peccato che il negozio a cui è collegato il Biblet si chiami Cubolibri, che anche altri reader possano (in teoria, come il Biblet) accedere a negozi diversi e che il "dispositivo sonoro" sia un lettore di musica in formato MP3 e altri.
La carrellata si conclude con il Leggo di IBS:
Tre versioni anche per il Leggo di IBS, da 99, 149 e 199 euro. L'offerta è simile a quella di Amazon per il modello che incorpora la connettività 3G, gratis su rete Tim. Il display offre 16 livelli di grigio ed è disponibile anche una versione touch, esiste una funzione per la lettura in vivavoce dei libri e la riproduzione di MP3 integrato. La memoria può essere espansa con schede Micro SD, e il lettore dispone di collegamenti USB e Bluetooth. Anche qui apertura a tutti i formati e supporto della tecnologia Epub, per mantenere lo stile delle pubblicazioni originali.
Prima lacuna: non si dice che il modello da 199 euro ha lo schermo da 9", importante motivo per la scelta, dal momento che il Kindle DX non è più in vendita. Poi non c'è un solo modello touch, ma tutti e tre funzionano con l'apposito stilo. Che è anche la caratteristica più importante del Leggo, perché consente di scrivere a mano e prendere appunti sullo schermo. Insomma, mancano proprio le informazioni che possono orientare la scelta su questo apparecchio.
Formidabile la descrizione della "tecnologia Epub, per mantenere lo stile delle pubblicazioni originali". Si tratta invece del formato di rappresentazione dei testi digitali ed è comune a tutti gli ebook reader attuali, con l'eccezione del Kindle.
A questo punto mettiamoci nei panni di una persona che non sa nulla di ebook e legge l'articolo sull'autorevole quotidiano. Che cosa capisce?
www.studiostampa.com

venerdì 9 novembre 2012

“LA NUOVA ITALIA” si proietta in avanti per una nuova stagione politica. Il vento del vero cambiamento.

L’incontro e conferenza stampa del Movimento Politico Indipendente La Nuova Italia,  a cui ha partecipato Magdi Cristiano Allam, Presidente del Movimento alleato Io Amo l’Italia, ha riscosso un grande successo ed un’ampia  partecipazione di pubblico.
Il Coordinatore nazionale del Movimento, Francesco Venerando Mantegna, ha introdotto i lavori illustrando le motivazioni di base che hanno ispirato la nascita deLa Nuova Italia, il suo assetto organizzativo di tipo orizzontale, caratterizzato da un Coordinamento politico e programmatico nazionale composto da 40 membri rappresentativi della società civile, soffermandosi poi ampiamente sugli obiettivi del Movimento. “Vogliamo dar voce a tutti quegli Italiani che intendono reagire alla devastante azione di un governo che ha condotto l’Italia sulla soglia della povertà nel volgere di un anno”, ha affermato Venerando Mantegna; “Gli effetti recessivi del governo tecnico sull’assetto socioeconomico, in quanto governo privo dell’indispensabile capacità di mediazione ed equilibrio nel quadro dei complessi problemi e delle legittime aspirazioni della società civile; gli indicatori macroeconomici allarmanti sulla disoccupazione, specie quella giovanile, sul mondo del lavoro, la pressione fiscale ed il sistema vessatorio di Equitalia; la crisi del tessuto produttivo e la fuga di imprese e capitali - ha detto Venerando Mantegna - hanno piegato il Paese”.
Tra i principali obiettivi politici de La Nuova Italia, la sospensione dei Trattati europei, la riappropriazione della sovranità monetaria e la rinazionalizzazione della Banca d’Italia, l’azzeramento programmato del debito pubblico, la soppressione di Equitalia passando all'amministrazione periferica la funzione esattoriale. “La questione non è di uscire soltanto noi dall'euro  bensì la dismissione totale dell’euro in Europa, in quanto moneta priva di sovranità e stampata direttamente dalla BCE senza un reale controllo pubblico. Va compiuto un ribaltamento dell’economia speculativa esercitata dal sistema bancario che ha occupato la politica e i governi; il denaro è proprietà del popolo che lo produce con il lavoro, quindi appartiene allo Stato, non alle banche…” ha proseguito il coordinatore nazionale del Movimento, che ha introdotto nuovi scenari, come l’istituzione di una “Banca nazionale di garanzia” rivolta all'impresa con la funzione di promuovere il lavoro, la produzione e la crescita competitiva del sistema-paese. La scuola, l’Università, la ricerca scientifica e tecnologica, il sostegno all'impresa il forte impulso alla valorizzazione del patrimonio culturale e artistico in tutto il territorio nazionale, la riorganizzazione del sistema Difesa e delle Forze dell’ordine, la riforma del sistema giudiziario, la Sanità e la Salute, la questione della Terza età e puntuali proposte in materia di economia nella spesa pubblica, gli altri argomenti sviluppati nella presentazione del Movimento, in un quadro di strategia complessiva mirata al profondo rinnovamento della politica e delle Istituzioni.
La parola è passata a Magdi Cristiano Allam, presidente del Movimento alleato Io Amo l’Italia, il quale ha detto: “Per me è un onore partecipare a questo incontro di presentazione di La Nuova Italia agli italiani come espressione di chi vuole contribuire al cambiamento autentico per uscire dalla crisi strutturale della finanza, dal dissesto economico e dalla profonda crisi dei valori e della società. Siete degli italiani perbene e di buona volontà, italiani veri che amano l’Italia!
Tra Io amo l’Italia e La Nuova Italia, come ha evidenziato l’amico Francesco Venerando Mantegna, “c’è una convergenza sul 95% della proposta programmatica”. Su questa base si è pervenuti ad un accordo per condividere la missione di cambiare l’Italia partecipando insieme alle prossime Elezioni legislative del 2013. La Nuova Italia aderirà al Programma e al simbolo di Io amo l’Italia, sosterrà la candidatura di Magdi Cristiano Allam alla Presidenza del Governo, entrando a far parte del Comitato di Presidenza di Io amo l’Italia, salvaguardando la propria autonomia associativa, il simbolo, lo statuto e l’organizzazione. Questa scelta si rende possibile considerando che Io Amo l’Italia si concepisce come il soggetto politico che aggrega su base federativa tutti gli italiani che condividono i medesimi valori e perseguono gli stessi obiettivi.
La nostra missione si fonda sul riscatto della sovranità monetaria, legislativa, giudiziaria e nazionale, che di fatto si traduce nell’uscita dell’Italia dall’euro e da questa Unione Europea che è un’anomalia sul piano del diritto internazionale e sul piano della democrazia sostanziale, violando la sovranità dei singoli Stati membri come se essa stessa fosse uno Stato unitario e attribuendo alla Commissione Europea sia il potere esecutivo sia il potere legislativo. Io amo l’Italia e La Nuova Italia condividono la riforma dello Stato, un nuovo modello di Sviluppo e di Società che mettono al centro la persona e i valori.
Per il successo della nostra missione dobbiamo affrontare e superare tre sfide: avviare l’organizzazione della Campagna elettorale, avere maggiore visibilità pubblica e mediatica, trovare le risorse finanziarie necessarie. Giorno dopo giorno sono fiducioso che ce la faremo! L’incontro con gli amici di La Nuova Italia mi conforta e mi incoraggia ad andare avanti! Sì ce la faremo!”
Numerosi gli interventi, tra cui quelli particolarmente significativi di Nino Galloni, economista e Sindaco dell’INPS, già direttore generale del Ministero del Lavoro; dell’economista sociologo Paolo Majolino che ha annunciato la preparazione di un ricorso in via amministrativa contro la ratifica del MES da parte italiana, a cui sta lavorando “La Nuova Italia”; dell’attrice Annalisa Insardà, della prof.ssa Annalisa Frigenti, del prof. Carlo Messina in materia di Sanità, del docente Giancarlo Bertollini, del dr.Massimo Mastrangelo, del dr. Fabio Giovanni Di Marco, dell’ing. Ciro Scognamiglio, nell’area tematica dell’impresa e dello sviluppo. 
Ha quindi fatto la sintesi dei lavori il prof. Francesco Petrino, docente di diritto bancario e sovranità monetaria, nonché presidente del CdA de “La Nuova Italia”, il quale ha fatto un magistrale compendio dei contributi di idee degli intervenuti, ponendo l’accento sugli aspetti economici, sui rapporti con la UE, sul sistema bancario speculativo e sull’inaccettabile vessazione esercitata da Equitalia, che  sta portando alla disperazione diversi milioni di famiglie italiane. La Nuova Italia, ha affermato Francesco Petrino, è la via maestra per innescare il profondo cambiamento del sistema politico e per avviare una nuova stagione di democrazia partecipata, coinvolgendo le forze più responsabili e attente della nostra società civile.
Numerosi gli applausi che hanno accompagnato l’intero svolgimento dei lavori, con una partecipazione corale del folto pubblico in sala.
IL VOSTRO UFFICIO STAMPA