giovedì 1 dicembre 2011

LAVORO, SCILIPOTI (MRN): DEMOCRAZIA SOSPESA "I SINDACATI VOGLIONO FARE POLITICA".

QUANDO I SINDACATI VOGLIONO FARE POLITICA DIRETTA, LA POLITICA HA FALLITO. Crisi della politica, ma di quale politica, di quella fatta da vecchi concetti e vecchi uomini ?
Quando i lavoratori non si sentono più rappresentati in Parlamemto da quei partiti che tradizionalmente dovevano farlo, è giusto che le associazioni di categoria scendano in campo in prima persona a tutela degli interessi rappresentati. Questo è quanto ritiene l'On. Domenico Scilipoti, Segretario Nazionale del Movimento Responsabilità Nazionale. Oggi, in Parlamento, a questo governo delle banche e dei vecchi poteri, che per definizione e principio non possono fare gli interessi dei lavoratori, bensi delle aziende che muovono grossi capitali, vi è una sola opposizione; quella che al voto di fiducia si è schierata contro.
A questo punto ritengo che la FIOM, scendendo in campo in prima persona, possa direttamente cambiare gli equilibri alle prossime elezioni politiche, l'unica perplessità, che da anni mi attanaglia, è quella di vedere la stessa gente rimescolata all'interno delle stesse organizzazoni. Quindi mi chiedo, continua ancora l'On.Scilipoti, "se non ha funzionato prima come può con le stesse persone e per di più con aggiunta dei vecchi della politica, funzionare ora ?" E' necessario un rinnovamento, va dato spazio ai giovani, così come stiamo attuando, con particolare rilievo ai lavoratori, nel nostro Movimento Responsabilità Nazionale.
E' vero che oggi, in Parlamento, i partiti che dovevano tutelare gli interessi dei lavoratori, in particolar modo in quelle aree del sud dove il lavoro scarseggia, si sono coesi con i vecchi poteri accanto alle banche e sulle geometrie del potere partitico. Come si può elevare il pil di una nazione se proprio la parte più importante, ovvero i lavoratori, non sono tutelati ed incentivati ?
L'On. Scilipoti aggiunge, inoltre, di aver sempre sostenuto e tutelato i diritti dei lavoratori sin dalla sua nascita politica, a prescindere dal colore politico di appartenenza e condivide pienamente la scelta fatta dalla FIOM di scendere in campo a difesa dei lavoratori, essendo questo non un tema di destra o di sinistra, ma un tema sociale e di sviluppo del Paese.
"Ho votato No a questo governo delle banche e dei vecchi poteri e rimango da sempre a fianco del popolo e dei lavoratori, oggi ancor di più all'interno del Parlamento con la forza dell'opposizione".
Il lavoro è un valore e va tutelato con ogni mezzo!

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.