giovedì 7 luglio 2011

Upa. Pubblicità al palo, si salva solo il Web.

La pubblicità specchio dell'economia. La crisi non risparmia gli investimenti pubblicitari che nei primi sei mesi del 2011 sono fermi. Lo ha dichiarato il presidente dell'Upa, utenti pubblicità associati, Lorenzo Sassoli de Bianchi, nel corso della conferenza stampa che ha preceduto l'assemblea 2011. Gli investimenti, ha detto Sassoli, “sono al palo” tanto che “una crescita zero a fine anno sarebbe un successo”. “Il mercato è piatto - ha spiegato il presidente dell’Upa - anzi, a fine aprile è addirittura in calo”. A frenare la pubblicità, secondo il presidente Upa è “la stagnazione dell'economia, che sta frenando i consumi”. L'unico settore che a tenere in quanto ad investimenti pubblicitari è quello di internet, su cui per la fine dell'anno gli investimenti dovrebbero salire del 18%, compensando in buona parte il calo degli altri comparti. Ma internet si può definire a tutti gli effetti una mosca bianca viste le previsioni negative praticamente in tutti i media. Flessione prevista per fine anno per radio, cinema e affissioni che calano del 7%, ma anche per quotidiani (-3%) e periodici (-2,5%) e per le televisioni che, comunque, nonostante un calo stimato dell' 1,5% mantiene saldamente il primato degli investimenti pubblicitari. Infatti sempre secondo le stime di Upa, complessivamente gli investimenti pubblicitari nel 2011 dovrebbero ammontare a poco meno di 9,3 miliardi di euro. La televisione dovrebbe raccogliere poco più di 4,8 miliardi di euro, seguita dai quotidiani con 1,2 miliardi e subito dopo da Internet, con 1,1 miliardi. Seguono i periodici, con 875 milioni e poi l'outdoor e la radio, rispettivamente con 588 e 554 milioni. Fanalino di coda il cinema , con 58 milioni. “Sul fronte internet - ha spiegato il numero uno di Upa - ci stiamo allineando all’Europa, quest’anno è in flessione il settore delle tlc con rallentamenti per Vodafone, Telecom e Wind”. Per quanto i settori merceologici, “tiene l’alimentare, molto bene la cura e il benessere, è stabile il settore auto - ha aggiunto Sassoli de Bianchi - perché le aziende investono solo una piccola parte del fatturato. Banche, assicurazioni e servizi finanziari sono da anni in calo e confermano il trend”.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.