venerdì 14 gennaio 2011

Influenza: niente panico.

13-01-2011 (Ultime da Altroconsumo).
La stagione dei malanni è appena cominciata e i giornali lanciano l’allarme influenza con il bollettino delle morti legate ai virus stagionali. Ma non siamo di fronte né a una pandemia né a una situazione di pericolo. Alcuni casi di decessi per influenza, soprattutto in persone di età avanzata, debilitate o con malattie croniche, sono purtroppo nella norma.
Il ritorno dell’influenza A H1N1.
Lo avevano annunciato già la scorsa primavera: con il ritorno del freddo il virus della suina (A H1N1) sarebbe tornato insieme ad altri due virus (un nuovo ceppo influenzale di tipo A H3N2 e un ceppo di tipo B, già noto e incluso nel vaccino anti-influenzale dell’anno scorso).
Il picco di casi è previsto per la fine del mese di gennaio, come per le passate stagioni influenzali.

Difficile, però, dire con precisione quanti si ammaleranno: si prevede che i casi saranno milioni, ma l’evoluzione della situazione dipenderà da vari fattori, in primo luogo da quante persone sono ancora suscettibili al virus AH1N1.

Normale l’aumento dei casi di sindrome influenzale.
I più colpiti sono per ora i bambini (tra 0 e 14 anni), mentre gli over 65 mostrano un tasso di contagio dieci volte più basso. L’andamento generale segue per ora quello delle passate stagioni influenzali, nonostante si noti un aumento generale dei casi.
Non sempre però i sintomi da raffreddamento (raffreddore, tosse, qualche linea di febbre, malessere diffuso e dolori articolari) sono imputabili a virus influenzali. Ricordiamo infatti che durante la stagione influenzale sono molti i virus in grado di dare sintomi sovrapponibili, di solito responsabili della maggioranza dei casi di malattia.
Le morti sono inevitabili.
Durante la stagione influenzale è inevitabile che si osservino delle morti, soprattutto in persone di età avanzata o con malattie croniche. Purtroppo altre morti sono attese oltre a quella registrate in questi giorni.
L’anno scorso la tanto temuta pandemia ha causato nel nostro paese circa 260 morti a fronte di un numero elevatissimo di casi di malattia, molto più elevato che nelle normali stagioni influenzali.
Ecco alcuni consigli per gestire l’influenza.
L’unico modo di evitare l’influenza è evitare il contagio: lavarsi le mani è la strategia più efficace. Lavati le mani non appena arrivi a casa o al lavoro.
Il sapone classico è l’arma migliore. Non c’è alcun bisogno di ricorrere a disinfettanti a base di cloro o saponi antibatterici: non sono utili contro i virus.
Se invece i sintomi si sono già manifestati: resta a casa, contatta il medico di famiglia e segui le sue indicazioni.
Tanta acqua, riposo e un'alimentazione leggera ricca di frutta e verdura sono le armi più efficaci per combattere il malanno stagionale. Eventualmente puoi ricorrere a un antipiretico o a un antidolorifico/antinfiammatorio se la febbre e i dolori sono forti, sempre seguendo le indicazioni del medico.

IL VOSTRO UFFICIO STAMPA

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.