sabato 18 settembre 2010

Roma è Capitale: da Comune a "ente speciale". Le celebrazioni per i 140 anni

Roma, 18 settembre - Firmato dal Presidente del Consiglio, dopo il via libera unanime del Consiglio dei Ministri, il decreto che trasforma in modo sostanziale lo status giuridico della città: non più Comune ma "ente speciale Roma Capitale", con più autonomia e più funzioni (leggi il manifesto del Comitato d'Indirizzo per le celebrazioni del "Centoquarantennale", documento che aprirà il convegno del 18 settembre,  vedi qui appresso). Il decreto prevede che il nuovo ordinamento scatti lunedì 20 settembre, in coincidenza con il 140°anniversario della breccia di Porta Pia, 20 settembre 1870, quando l'esercito italiano passò le Mura Aureliane.

venerdì 17 settembre 2010

La presenza di allergeni alimentari.

Circolare MSE, in etichetta indicare chiaramente gli allergeni Fonte:
Ministero dello Sviluppo Economico - www.sviluppoeconomico.gov.it

La presenza di allergeni alimentari, che sono classificati in 14 categorie, deve essere riportata sull’etichetta dei prodotti indicando in modo chiaro il nome dell’ingrediente.
Lo ha ribadito una circolare esplicativa emanata dal Ministero dello Sviluppo Economico (del 22 luglio n.d.r.) e già pubblicata in Gazzetta Ufficiale, che meglio precisa le disposizioni relative all’indicazione degli allergeni alimentari in etichetta per evitare, da parte degli operatori interessati, difficoltà interpretative ed applicazioni non conformi alla legislazione comunitaria vigente. Un intervento che va in soccorso alle diverse migliaia di persone che, anche nel nostro Paese, sono intolleranti (un caso ogni 250 circa in Italia, secondo le stime più autorevoli) e, in particolare, ai celiaci, stimati in 400 mila, con 2.800 nuovi celiaci nati annualmente (+9%).
L’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito della disposizione UE, mira pertanto a difendere e tutelare i consumatori e, contestualmente, a tenere conto delle esigenze delle imprese, imponendo non solo una costante trasparenza delle informazioni presenti nelle etichette alimentari, ma anche ad elevare la qualità e la sicurezza dei prodotti.
Unica eccezione alla riconfermata regola generale europea, è data quando la denominazione di vendita del prodotto indichi essa stessa l’allergene (ad esempio, la presenza della parola “latte” è sufficiente a superare tale obbligo). In tale caso, infatti, l’informazione al consumatore si è già per realizzata e non è pertanto necessario ripetere l’indicazione dell’allergene in etichetta.

Le norme UE individuano tra gli allergeni alimentari 14 categorie tra cui rientrano i cereali contenenti glutine (grano, segale, orzo, avena, farro, ecc.); crostacei, uova, pesce, arachidi, soia, latte, frutta a guscio (mandorle, nocciole, noci comuni, noci di anacardi, noci di pecan, noci del Brasile, pistacchi, noci del Queensland), sedano, senape, semi di sesamo, lupini, molluschi con i derivati di tutti questi prodotti, nonché anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 1° mg/kg o 10 mg/l espressi come SO2.
La circolare del Ministero dello Sviluppo Economico è condivisa dal Ministero della Salute e dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, sotto il coordinamento del Dipartimento delle Politiche Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ufficio Stampa - Studio Bertollini

giovedì 16 settembre 2010

Dati tutti in positivo per la pubblicità.

Giovedì 16 settembre 2010 
Quasi solo buone notizie dal mercato pubblicitario. Gli investimenti sono in crescita e luglio 2010, secondo le rilevazioni diffuse da Nielsen, ha fatto registrare un aumento dell’8,4% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il fatturato complessivo da gennaio è di oltre 5miliardi di Euro con un incremento nei mesi che tocca il 4,9%. Certamente gli investimenti di luglio sono collegati con l’evento sportivo dei mondiali di calcio in Sudafrica, ma i risultati confermano comunque un trend in ripresa dell’intero mercato. Valori positivi per tutti i media, eccetto la carta stampata. Faticano infatti le pubblicazioni, specialmente la free press (meno 10,9%) e i periodici (meno 9,3%), dove calano sia l’entità complessiva degli investimenti sia il numero degli inserzionisti. Per la carta stampata, solamente i quotidiani infatti fanno registrare un aumento del 3,8%. Crescite a due cifre, invece, per Internet (17,8%) e radio (13,3%), che si confermano i media più brillanti dei primi sette mesi del 2010. La televisione è però la protagonista indiscussa del mercato pubblicitario, posizionandosi ancora in vetta alla classifica per investimenti, facendo registrare un incremento del 7,7% e raccogliendo così da sola 2,8 miliardi di Euro. Infine, non solo si è speso di più, ma in generale anche il numero degli inserzionisti è aumentato: 100 in più sul 2009.

Regata Sponsor Evento

martedì 14 settembre 2010

Contributi alle imprese !

Con il programma AR.CO, le micro e piccole imprese dell'artigianato e del commercio/turismo possono richiedere contributi finalizzati all’inserimento occupazionale e/o per la trasformazione di contratti a termine in rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Il Ministero ha prorogato il bando al 30 luglio 2011. Per informazioni chiama l'800.016213. Il Ministero ha prorogato il Programma AR.CO. fino al 30 luglio 2011 e ha rifinanziato l'avviso pubblico per le sole assunzioni con ulteriori 10 milioni di euro, pertanto l'avviso rimarrà aperto fino al 31 marzo 2011 secondo le specifiche dell'avviso pubblicato il 30.12.2009 - salvo esaurimento delle risorse disponibili - con il meccanismo attualmente in essere (ex graduatoria nazionale a scorrimento senza priorità regionale).
Si fa presente che le domande presentate dopo il 31 Agosto 2010 saranno valutate solo a seguito e subordinatamente alla completa definizione dell’iter amministrativo del Decreto Direttoriale di integrazione delle risorse e ai relativi controlli da parte degli Enti preposti (anche Corte dei Conti).
A tal proposito sul portale di Italia Lavoro, nella sezione "Notizie" del portale aziendale, è stata pubblicata una news sulle nuove risorse disponibili per l'erogazione di contributi finalizzati all'inserimento occupazionale, mentre nell'area programmi trovate le necessarie informazioni e specifiche di programma.
Ecco le specifiche del programma:
l'iniziativa AR.CO. è promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e realizzato da Italia Lavoro con il coinvolgimento delle principali associazioni dell’artigianato (Confartigianato, CNA, Casartigiani, CLAAI) e del Commercio/Turismo (Confcommercio e Confesercenti).
Obiettivo del Programma è quello di favorire lo sviluppo territoriale sostenibile e determinare un reale aumento dei livelli di occupazione attraverso azioni specifiche rivolte alle micro e piccole imprese dei settori coinvolti: Artigianato (obiettivo: 1.700 nuovi assunti) e Commercio/Turismo (obiettivo: 1.700 nuovi assunti).
Il Ministero tramite il Programma AR.CO., rende disponibili due tipologie di incentivi mediante un sistema di avvisi pubblici a sportello pubblicati in data 30 dicembre 09 su GU:
contributi a favore di micro e piccole imprese dell’artigianato e del commercio/turismo finalizzati all’inserimento occupazionale (tempo indeterminato, pieno o parziale, o apprendistato) e/o alla trasformazione di contratti a termine in rapporti di lavoro a tempo indeterminato pieno (importo max erogabile per ciascuna assunzione a tempo pieno e indeterminato: € 5.000,00; importo max erogabile per impresa richiedente: € 25.000,00). Il bonus occupazionale potrà essere richiesto per assunzioni a tempo indeterminato, pieno o parziale, o assunzioni con contratto di apprendistato. Tra le finalità del contributo occupazione vi è anche la trasformazione dei contratti a termine e/o di apprendistato in rapporti di lavoro a tempo indeterminato, pieno o parziale come da legenda:
5.000,00 € per ogni assunzione a tempo indeterminato pieno;
3.750,00 € per ogni assunzione a tempo indeterminato parziale (30 h/sett);
3.000,00 € per ogni assunzione a tempo indeterminato parziale (24 h/sett);
3.500,00 € per ogni assunzione con contratto di apprendistato.
contributi finalizzati a promuovere la competitività delle Pmi del settore artigianato e commercio/Turismo, attraverso servizi di assistenza tecnica/consulenza specialistica della durata massima di tre mesi (importo max erogabile per azienda: € 5.000,00). Per i contributi relativi a servizi di assistenza tecnica/consulenza specialistica è prevista una fase di valutazione delle richieste presentate da parte degli esperti di Italia Lavoro).
Soggetti Ammissibili
Possono presentare candidature per i contributi per assunzione e assistenza tecnica e/o consulenza specialistica le seguenti tipologie di micro e piccole imprese:
le imprese iscritte all’Albo delle imprese artigiane (art. 5 L. 443/85), in forma singola o associata (consorzi) come definite dalla legge 443/85, la cui attività sia riferita ai codici ATECO riportati nella tabella allegata all’avviso (Tab. 1);
le imprese del settore Commercio (turismo) iscritte al registro imprese della CCIAA la cui attività sia riferita ai codici ATECO riportati negli Avvisi;
I contributi in oggetto:sono cumulabili con ulteriori aiuti statali secondo termini e modalità indicate nell’articolo 8 del D.P.C.M. 3 giugno 20095. Non sono in ogni caso cumulabili con altri contributi relativi a servizi di assistenza tecnica e/o consulenza specialistica erogati a partire dal 01/01/2006 da Italia Lavoro S.p.A. per conto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a favore della stessa impresa e per la medesima tipologia di consulenza.
Le imprese interessate a richiedere i contributi possono presentare le domande esclusivamente on line, attraverso il sito di Programma www.arco.italialavoro.it.
Leggi l'avviso pubblico allegato.
--------------------------------------------------------------------------------
ar.co._avviso_pubblico_assunzioni_29122009