venerdì 21 maggio 2010

L'Italia potrà spiccare il volo ?

Oggi alle 15.33
Dopo la manovra l'Italia potrà spiccare il volo. Lo confermano i dati già disponibili sulla ripresa economica, che dunque fotografano l'esistente.
A marzo gli ordini dell'industria hanno fatto registrare una crescita del 13,1 per cento su base annua, la più alta dal giugno 2007.
Il mercato immobiliare ha invertito la tendenza, sempre nel primo trimestre, ed è tornato a salire con un tasso tendenziale del 3,4 per cento, tasso ancora più elevato per gli appartamenti e le pertinenze (box e garage).
A marzo le esportazioni sono cresciute del 17,7 %, il tasso tendenziale annuo più alto dall'aprile 2008. Anche l'import, che segnala la vitalità del sistema produttivo e dei consumi, ha segnato un più 22,6 %. Ciò significa in apparenza che la bilancia commerciale è in passivo; in realtà la gran parte delle importazioni è data dal costo dell'energia. Senza questa passeremmo, sempre nei primi tre mesi 2010, da un rosso di 1,3 miliardi ad un avanzo di 5,2.
L'euro debole frutto della speculazione potrebbe costituire un'opportunità per la nostra economia. In teoria è così per l'intera Eurolandia ma va segnalato che l'Italia in particolare sta beneficiando delle esportazioni verso gli Usa ed i paesi emergenti che pagano in dollari. Lo scrive il Financial Times, mentre il Los Angeles Times segnala particolarmente "il buon lavoro fatto da Berlusconi".
Con queste premesse il Pil a fine anno potrebbe salire oltre all'1 % previsto dal governo, e la disoccupazione (che segue dinamiche diverse e sconta dopo gli effetti della crisi) iniziare a ridursi per poi riprendere nel 2011.
Ma soprattutto sono le scelte economiche interne a creare le premesse per un decollo. La manovra di cui si discute oscillerà tra i 25 ed i 30 miliardi: molto più lieve di quanto previsto non solo dai paesi a rischio come Spagna e Portogallo, o già in mezzo default come la Grecia, ma anche da Francia (manovra che punta a 100 miliardi) e dalla Germania.
Il motivo è semplice: in questi due anni il disavanzo dell'Italia è stato più contenuto rispetto a tutti i big europei, perché il nostro governo non ha impiegato soldi pubblici per entrare direttamente nel capitale di banche e industrie, ma li ha messi a disposizione come paracadute per il lavoro e gli ammortizzatori sociali. Dobbiamo dunque correggere un deficit del 5%, due punti sopra l'obiettivo Ue del 3%, molto meno di quanto debba fare la Francia.
La manovra, come garantito più volte da Silvio Berlusconi, non aumenterà le tasse e non inciderà sul potere d'acquisto della gente, non toccherà diritti acquisiti e non modificherà il nostro sistema di Welfare. Eliminerà invece in maniera strutturale alcune storture, come la dinamica delle retribuzioni che nel settore pubblico costa il doppio di quello privato, introdurrà equità tagliando alcuni costi della politica, e intensificherà la guerra all'evasione fiscale che ha già ottenuto ottimi risultati.
Come è stato detto, chi è onesto non avrà nulla di cui preoccuparsi. Ma soprattutto il clima di pace e coesione sociale è intatto, i sindacati sono consultati su ogni passo della manovra e larghi settori dell'opposizione più responsabile vorrebbero votarla.
Tutto ciò è molto importante soprattutto se paragonato a quanto sta accadendo in Francia e Germania, dove i governi sono in calo di consensi e devono rivolgere continui appelli all'opinione pubblica, come quello di Angela Merkel al Bundestag.
La sinistra ha ora trovato un nuovo bizzarro argomento: "Berlusconi metta la faccia accanto alla parola ‘sacrifici'". Ma se c'è qualcuno che la faccia ce l'ha sempre messa è proprio il capo del governo! Chi era stato a predicare prudenza già nel 2008, quando gli eredi dell'Unione vantavano il loro "tesoretto"? E chi si era presentato in Parlamento ed in tv ad invitare gli italiani ad avere fiducia nella tutela dei risparmi e nei nostri titoli pubblici? Chi in questi due anni si è adoperato con Russia, Francia e Usa per garantire sbocchi alla nostra economia e al nostro fabbisogno energetico? Forse Veltroni, Franceschini e Bersani? Via, siamo seri.

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.