giovedì 25 febbraio 2010

Attenzione, il Marco Travaglio è diventato furioso.

ItaliaOggiNumero 047 pag. 7 del 25/2/2010

PRIMO PIANO
Di Diego Gabutti
Il cocco dei magistrati democratici strilla e pesta i piedi perché sarebbe stato infangato.
Questo tifoso della giustizia sommaria chiede provvedimenti contro chi lo contraddice
Marco Travaglio è offeso. Dategli torto: qualche sera fa, ad Annozero, Maurizio Belpietro, direttore di Libero, e Nicola Porro, del Giornale, l'hanno svillaneggiato e diffamato. Passi ancora la diffamazione: Travaglio, col mestiere che fa, deve considerare la diffamazione un reato minore, uno di quei peccati veniali di cui siamo tutti un po' colpevoli (chi più, beninteso, e chi meno). Ma lo svillaneggiamento_ ah no, Travaglio non sopporta che lo si ferisca nell'onore, anzi che lo si infanghi. Non lo sopportano neppure i mafiosi, a pensarci. Tanto che se fossero, non so, Marcello Dell'Utri e Silvio Berlusconi a lamentarsi perché si sentono infangati, anzi disonorati, per Travaglio questa sarebbe un'ulteriore prova di concorso esterno. Nel caso di Travaglio, invece, che come la moglie di Cesare è per definizione al di sopra d'ogni sospetto, è una prova d'innocenza. Offesissimo, in ogni modo, il principe dei gazzettieri che amano la legalità, amico degli amici delle procure, cocco dei magistrati democratici, strilla e pesta i piedi. Con una lettera a Michele Santoro, un altro che s'offende facilmente e che altrettanto facilmente offende il prossimo suo, il maestro opinionista del Fatto quotidiano ha chiesto che Annozero prenda immediatamente dei provvedimenti contro simili farabutti. Provvedimenti, deve pensare questo tifoso della giustizia sommaria, anche drastici. Tipo mettere non diciamo al muro, come forse meriterebbero, ma almeno in ginocchio sui fagioli, in diretta televisiva, davanti a tutti, chi non porta rispetto ai giornalisti in odore di santità, cari a Beppe Grillo, onorati dai comici televisivi, culo e camicia con Tonino Di Pietro. In un paese civile, per bene, dove a Marco Travaglio sarebbero eretti monumenti e s'intitolerebbero le scuole, Maurizio Belpietro e Nicola Porro non avrebbero osato infangare la reputazione di questo inesausto cercatore delle supreme verità, quelle processuali, dandogli del frequentatore di poliziotti mafiosi, nonché del cretino! Belpietro e Porro hanno fatto a Travaglio ciò che Travaglio non si stanca (ma lui ne ha il diritto, gli viene da dio) di fare agli altri? È una vergogna! Uno scandalo! Santoro, che sopporta una sola primadonna, se stesso, ha letto la sua lettera aperta, si è preso un paio di giorni per pensarci sopra e alla fine, senza fretta, gli ha risposto con soavità che, se il caro amico Travaglio decidesse di lasciare la trasmissione, come ha minacciato, be', questa «non sarebbe una catastrofe irreparabile». Rimango, Annozero e Michele Santoro possono sempre contare su di me, ha subito fatto sapere Marco Travaglio. Ma l'affronto rimane, e continua a bruciare. Maledetto Berlusconi, che dei due gazzettieri antipatici e irrispettosi, Belpietro e Porro, è il padrone, o meglio il puparo, anzi il signore feudale! Una riforma della giustizia onesta, ci vorrebbe. Non la riforma del centrodestra, ma una riforma seria, rigorosa, sabauda, che tra i reati puniti con la massima severità, col sequestro dei beni e l'esilio perpetuo, contempli in primis lo svillaneggiamento di Marco Travaglio. Invece niente. A lui, Travaglio, non pensa nessuno, nemmeno Santoro, che un po', diciamolo, ha ingiuriato e infangato anche lui. Ultras delle manette, amico degli amici dei giudici d'assalto, cocco delle meglio procure, l'Integerrimo è furioso e sta facendo il broncio. A differenza del proletariato, che secondo Stalin non era una signorina capricciosa, Marco Travaglio è una signorina capricciosissima.

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.